Il mondo dopo il coronavirus.
Netflix apre le danze dei FANG: tutte le date dei conti trimestrali e attese analisti
L?earnings season americana è cominciata la scorsa settimana con i colossi del comparto bancario come Jp Morgan, Citi Group e Wells Fargo. Nel complesso, le prime trimestrali che, racchiudono i …
Intesa SanPaolo ha dato il via, febbre M&A banche continuerà nel 2021: si avvicina l’ora delle nozze cross-border, verso una JP Morgan made in Europe
Tra le banche europee la febbre per le operazioni di M&A (mergers and acquisitions, fusioni e acquisizioni) è tutta fuorché passata, tanto che il 2021 potrebbe essere l'anno delle nozze …
Intesa Sanpaolo quota sul SeDeX 30 nuovi Cash Collect su azioni italiane, europee e americane
Debuttano oggi sul SeDeX di Borsa Italiana 30 nuovi Cash Collect Certificate emessi da Intesa Sanpaolo tramite la Divisione IMI Corporate & Investment. I nuovi strumenti offrono la possibilità di …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    320
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    188 Post(s)
    Potenza rep
    7856944

    Il mondo dopo il coronavirus.

    Apro questa discussione (come quella sul supermarket per stranieri) per cercare di fare una discussione costruttiva su come sarà il mondo dopo la pandemia di coronavirus. Credo infatti che qualunque imprenditore, grande o piccolo che sia, debba farsi questa domanda.
    Ho seguito molte trasmissioni tv, ho visto innumerevoli video sul web e letto decine di discussioni su svariati forum (compreso il FOL) e vedo, con tutto il rispetto, che molti hanno opinioni a mio avviso irrealistiche e spesso confuse: chi dice che entro 10 anni guideremo solo auto elettriche, chi dice che tutti i ristoranti chiuderanno e ordineremo solo il cibo da app, chi ancora pensa che lavoreranno solo pochissime persone specializzate e il resto della popolazione avrà il reddito universale e così via.
    Molti dicono che lo smartworking rivoluzionerà il mondo del lavoro (e in parte ha ragione) ma dimenticano che tanti lavori non possono essere svolti da casa (penso ai lavori pratici, alle forze dell'ordine, ai vigili del fuoco, agli operai di produzione, agli addetti del settore funebre, al personale sanitario, agli autisti di mezzi pubblici, ai piloti di aerei e macchinisti di treni, agli autisti dei corrieri e pure a chi lavora nei magazzini di Amazon) e quindi ci sarà si un cambiamento ma forse non così drastico ed epocale.
    Un discorso a parte secondo me invece merita il settore turistico e della ristorazione: alla fine della pandemia ci sarà una selezione fra chi è riuscito a resistere e chi no ma comunque le persone torneranno a viaggiare, a uscire e andare la sera per locali, a mangiare una pizza e a prendersi un caffè al bar.
    Questo in un certo modo permetterebbe a chi è riuscito a tenere aperto magari ad avere meno concorrenti e quindi ad aumentare il proprio giro d'affari.
    Mi rendo conto che ho fatto un discorso forse troppo semplice e conciso ma non sono un imprenditore o un esperto di economia quindi vi chiedo: secondo voi come sarà il mondo (o se preferite limitarvi all'Italia) dopo il coronavirus?

  2. #2
    L'avatar di jurassic88
    Data Registrazione
    Jan 2017
    Messaggi
    3,140
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2172 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da svartsjel Visualizza Messaggio
    Apro questa discussione (come quella sul supermarket per stranieri) per cercare di fare una discussione costruttiva su come sarà il mondo dopo la pandemia di coronavirus. Credo infatti che qualunque imprenditore, grande o piccolo che sia, debba farsi questa domanda.
    Ho seguito molte trasmissioni tv, ho visto innumerevoli video sul web e letto decine di discussioni su svariati forum (compreso il FOL) e vedo, con tutto il rispetto, che molti hanno opinioni a mio avviso irrealistiche e spesso confuse: chi dice che entro 10 anni guideremo solo auto elettriche, chi dice che tutti i ristoranti chiuderanno e ordineremo solo il cibo da app, chi ancora pensa che lavoreranno solo pochissime persone specializzate e il resto della popolazione avrà il reddito universale e così via.
    Molti dicono che lo smartworking rivoluzionerà il mondo del lavoro (e in parte ha ragione) ma dimenticano che tanti lavori non possono essere svolti da casa (penso ai lavori pratici, alle forze dell'ordine, ai vigili del fuoco, agli operai di produzione, agli addetti del settore funebre, al personale sanitario, agli autisti di mezzi pubblici, ai piloti di aerei e macchinisti di treni, agli autisti dei corrieri e pure a chi lavora nei magazzini di Amazon) e quindi ci sarà si un cambiamento ma forse non così drastico ed epocale.
    Un discorso a parte secondo me invece merita il settore turistico e della ristorazione: alla fine della pandemia ci sarà una selezione fra chi è riuscito a resistere e chi no ma comunque le persone torneranno a viaggiare, a uscire e andare la sera per locali, a mangiare una pizza e a prendersi un caffè al bar.
    Questo in un certo modo permetterebbe a chi è riuscito a tenere aperto magari ad avere meno concorrenti e quindi ad aumentare il proprio giro d'affari.
    Mi rendo conto che ho fatto un discorso forse troppo semplice e conciso ma non sono un imprenditore o un esperto di economia quindi vi chiedo: secondo voi come sarà il mondo (o se preferite limitarvi all'Italia) dopo il coronavirus?
    Io vedo un altro decennio avvitato in se stesso nel nome della deflazione e della meccanizzazione spinta. Il trend è quello di tagliare i costi di produzione, tagliare la qualità, aumentare la quantità, e usare meno personale possibile, stipendi piu bassi a fronte di piu ore lavorate.
    Sarà decrescita forzata. Viviamo in un epoca che non da opportunità, le banche non danno credito, di conseguenza nuove aziende non possono nascere, chi ha soldi se li terrà stretti, perchè in giro non ci sono margini.
    Per fare l'imprenditore oggi servono x10 capitale rispetto a 30 anni fa, cosa per pochi eletti. Siamo arrivati a un punto morto perchè non abbiamo salti tecnologici importanti in vista (la fusione nucleare può esserlo, ma tutta quella energia a cosa ci può servire? Produrre sempre di piu?), stiamo forzando l'elettrico per creare un indotto, quando la cosa piu sensata sarebbe quella di disincentivare l'utilizzo dell'automobile.
    Il problema della disoccupazione di massa è e sarà reale, o si rifiuta la tecnologia e si ritorna a vivere come 50 anni fa per stare bene tutti, o si dovrà sostenere la massa povera con un reddito di sopravvivenza, non vedo altre alternative

  3. #3

    Data Registrazione
    Jun 2020
    Messaggi
    94
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    52 Post(s)
    Potenza rep
    1598239
    difficile fare previsioni a 10 anni, vediamo come va a finire questa seconda ondata Covid perchè se poco poco ci aspettano altri 3-4 mesi o più di lockdown ne vedremo veramente delle belle....

  4. #4
    L'avatar di goodseeds
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    26,022
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    4368 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da Greenwheat Visualizza Messaggio
    difficile fare previsioni a 10 anni, vediamo come va a finire questa seconda ondata Covid perchè se poco poco ci aspettano altri 3-4 mesi o più di lockdown ne vedremo veramente delle belle....
    voglio credere e sperare che non si arrivi a lockdown generalizzati e prolingati come quello che abbiamo vissuto in primavera passata,nel caso malaugurato che il contagio si estendesse mi apstterei chiusure localizzate e di breve periodo mi immaggino 7-8 giorni la max.diversamente non reggiamo ne noi ne l'europa ne il mondo.

  5. #5
    L'avatar di jurassic88
    Data Registrazione
    Jan 2017
    Messaggi
    3,140
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2172 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da goodseeds Visualizza Messaggio
    voglio credere e sperare che non si arrivi a lockdown generalizzati e prolingati come quello che abbiamo vissuto in primavera passata,nel caso malaugurato che il contagio si estendesse mi apstterei chiusure localizzate e di breve periodo mi immaggino 7-8 giorni la max.diversamente non reggiamo ne noi ne l'europa ne il mondo.
    La strategia è sbagliata. Come fai a fare i lockdown localizzati se non hai i militari con i mitra per strada? Al primo accenno di chiusura ci sarà la fuga dei sudisti verso il nord, com è successo a inizio anno.
    Stiamo ripetendo gli stessi errori e con la stessa scaletta, inseguiamo il virus che è in vantaggio di due settimane rispetto a noi e illudiamo la gente che abbiamo chiuso nel picco, una settimana di chiusura è niente.
    Questa è una guerra che non si può vincere, ne possiamo limitare i danni perchè i costi sociali sono troppo elevati.
    L'unica cosa da fare era lasciare fare alla natura il suo corso, ma noi uomini forti del 21 secolo vogliamo battere la morte

  6. #6

    Data Registrazione
    Aug 2020
    Messaggi
    354
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    144 Post(s)
    Potenza rep
    9038780
    Non potranno mai attuare un secondo Lockdown come e' accaduto in primavera, sarebbe una folle ecatombe. Chissa' com'e' che parecchi commercianti anche se con tanta difficolta' si stanno rialzando. Poi se il governo vuole una guerra civile non ci posso fare nulla...

  7. #7

    Data Registrazione
    Jun 2018
    Messaggi
    64
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    25 Post(s)
    Potenza rep
    3
    Io dal lockdown non ho più riaperto e con mio padre stiamo per cedere l'attività. Per noi è stato tutto un disastro. Per problemi burocratici, di errori di commercialisti e banche non abbiamo preso nè 600€ e nè prestiti, dai 5000 ai 30000€. Adesso a parte i soldi che servono per riaprire, con le restrizioni non ci conviene in ogni caso. Un locale di 70 posti diventerà di 30-40, ma affitti e utenze resteranno uguali, e sono abbastanza alti i costi. Ci sono parti del locale, come per esempio la birreria, che era frequentata da gente che si metteva lì a fare salotto. E quel punto ti portava incassi quasi quanto la panineria. Il locale è grande ed espansivo, quindi ci vuole sempre un tot di personale. Insomma se riaprissimo in questo momento, andremmo solo in perdita.

  8. #8

    Data Registrazione
    Jun 2020
    Messaggi
    94
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    52 Post(s)
    Potenza rep
    1598239
    Citazione Originariamente Scritto da error404 Visualizza Messaggio
    Io dal lockdown non ho più riaperto e con mio padre stiamo per cedere l'attività. Per noi è stato tutto un disastro. Per problemi burocratici, di errori di commercialisti e banche non abbiamo preso nè 600€ e nè prestiti, dai 5000 ai 30000€. Adesso a parte i soldi che servono per riaprire, con le restrizioni non ci conviene in ogni caso. Un locale di 70 posti diventerà di 30-40, ma affitti e utenze resteranno uguali, e sono abbastanza alti i costi. Ci sono parti del locale, come per esempio la birreria, che era frequentata da gente che si metteva lì a fare salotto. E quel punto ti portava incassi quasi quanto la panineria. Il locale è grande ed espansivo, quindi ci vuole sempre un tot di personale. Insomma se riaprissimo in questo momento, andremmo solo in perdita.
    hai tutta la mia solidarietà....spero che tra sei mesi od un anno possiate riaprire un'altra attività in questo od altro settore.

  9. #9
    L'avatar di arte3000
    Data Registrazione
    Nov 2012
    Messaggi
    4,706
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    1156 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da error404 Visualizza Messaggio
    Io dal lockdown non ho più riaperto e con mio padre stiamo per cedere l'attività. Per noi è stato tutto un disastro. Per problemi burocratici, di errori di commercialisti e banche non abbiamo preso nè 600€ e nè prestiti, dai 5000 ai 30000€. Adesso a parte i soldi che servono per riaprire, con le restrizioni non ci conviene in ogni caso. Un locale di 70 posti diventerà di 30-40, ma affitti e utenze resteranno uguali, e sono abbastanza alti i costi. Ci sono parti del locale, come per esempio la birreria, che era frequentata da gente che si metteva lì a fare salotto. E quel punto ti portava incassi quasi quanto la panineria. Il locale è grande ed espansivo, quindi ci vuole sempre un tot di personale. Insomma se riaprissimo in questo momento, andremmo solo in perdita.




    Ti auguro,vi auguro,una pronta ripresa.

    Se posso,in quale parte d'Italia lavoravi?

  10. #10

    Data Registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    320
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    188 Post(s)
    Potenza rep
    7856944
    Alla fine credo che dei cambiamenti ci saranno, ma non radicali come molti prevedono. L'uomo è per natura un animale sociale e chi dice certe cose (intendo gli estremisti che dicono che non usciremo più di casa) lo ha dimenticato, certo è che per investire nel settore turistico/ristorazione bisognerebbe capire il punto più basso di questa crisi, essere ben coperti a livello finanziario e avere tantissimo coraggio.
    Nei settori che non usano in nessun modo lo smart working credo alla fine tutto tornerà come prima anche se in tempi non quantificabili, la grande incognita sarà proprio il lavoro da remoto, dove prevedo anche tensioni fra dipendenti, aziende e sindacati.
    Poi mi pare ovvio che Amazon, ebay e altri giganti del web faranno il bello e il cattivo tempo nell' e-commerce ma questo succedeva già prima della pandemia.

Accedi