Investire in una FARMACIA; pro e contro.
Minute Bce: rialzo dei tassi a luglio sempre più concreto, i falchi spingono per una stretta pesante stile Fed
Le prospettive di crescita dell’area euro per il terzo trimestre “sono ancora relativamente positive” grazie alla spinta del turismo e nonostante l’incertezza creata da fattori quali la guerra, il peggioramento …
Banche europee alle prese con ricadute di guerra e recessione. Scope indica le più resilienti e quelle più vulnerabili
Gli ostacoli di questo 2022 sono tanti, ma le banche europee sembrano essere solide abbastanza per superarli tutti. Il deterioramento del credito che potrà essere provocato dall?azione combinata di guerra e inflazione elevata, …
Circo Twitter e ‘disastro epico’ lockdown Shanghai spingono il più bullish su Tesla a maxi-taglio del target
Il titolo Tesla negli ultimi mesi non ha certo regalato soddisfazioni agli investitori, sottoperformando con decisione il mercato. Adesso anche uno dei più convinti sostenitori della creatura di Elon Musk …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Nov 2019
    Messaggi
    4,037
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    3306 Post(s)
    Potenza rep
    0

    Investire in una FARMACIA; pro e contro.

    Parlandone casualmente e leggendo saltuariamente online vari articoli si delineano 2 opinioni estreme e opposte.

    "La farmacia è un bengodi l'ho comprata per mio figlio che era un fannullone e ora vive bene e il payback è stato in 3 anni"

    "Le farmacie non sono più quelle di una volta, la competizione delle parafarmacie è sempre più alta, i costi si sono alzati, impossibile fare un profitto".

    La virtu' sta nel mezzo ma...

    Qualcuno ha conosciuto persone che hanno investito direttamente in farmacie?

  2. #2
    L'avatar di arte3000
    Data Registrazione
    Nov 2012
    Messaggi
    5,081
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    1347 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Secondo me,le farmacie,sono ancora delle isole felici.

    Le tanto annunciate liberalizzazioni sono state solo mezze misure.I farmacisti detengono ancora il monopolio.

    Sembrerebbe che alcuni grossi gruppi stiano lavorando per acquisire maggiori quote di mercato.


    Probabilmente il loro futuro sarà meno roseo.

    Di più non conosco.Ci vorrebbe qualche esperto.

  3. #3

    Data Registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    380
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    213 Post(s)
    Potenza rep
    8733118
    Avevo un amico che si è laureato in farmacia e ci lavorava come dipendente (penso che ci lavori ancora) e mi ha detto che per aprirne una ci vuole una licenza che viene assegnata tramite bando oppure può essere acquistata. Sul giro di affari mi ha detto che anche per la farmacia dipende molto dall'ubicazione della stessa visto che quelle delle zone buone vengono vendute a cifre a sei zeri, mi sembra di ricordare poi che il direttore debba essere laureato in farmacia e iscritto all'albo locale dei farmacisti. Queste cose me le ha dette lui qualche anno fa quindi possono essere cambiate nel frattempo, comunque ricordo di un annuncio di una farmacia in vendita in centro qui a firenze a 2.500.000 Euro.

  4. #4

    Data Registrazione
    Nov 2019
    Messaggi
    4,037
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    3306 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da arte3000 Visualizza Messaggio
    Secondo me,le farmacie,sono ancora delle isole felici.

    Le tanto annunciate liberalizzazioni sono state solo mezze misure.I farmacisti detengono ancora il monopolio.

    Sembrerebbe che alcuni grossi gruppi stiano lavorando per acquisire maggiori quote di mercato.


    Probabilmente il loro futuro sarà meno roseo.

    Di più non conosco.Ci vorrebbe qualche esperto.
    Perché dici che i grossi gruppi potrebbero rendere il futuro delle farmacie "meno roseo"?

  5. #5
    L'avatar di arte3000
    Data Registrazione
    Nov 2012
    Messaggi
    5,081
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    1347 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da asimpleplan Visualizza Messaggio
    Perché dici che i grossi gruppi potrebbero rendere il futuro delle farmacie "meno roseo"?


    E' inutile negarlo,questo mercato fa gola a tanti.Questione di tempo.


    Farmacie, liberalizzazioni al ralenti: il 2% e di proprieta delle catene - Il Sole 24 ORE

  6. #6

    Data Registrazione
    Aug 2011
    Messaggi
    1,193
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    804 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Non come investimento diretto, ma dopo aver letto alcuni articoli mi stavo interessando all'argomento.
    C'è stato infatti un club deal sulle farmacie messo in piedi da Banca Profilo, con l'obiettivo di rilevare una cinquantina di farmacie nel nord Italia.

    Volevo anche aprire una discussione su questi club deal, pensavo fosse un modo per investire con sufficiente diversificazione in attività di private equity che non fossero quelle quattro ciofeche proposte dai portali di equity crowdfunding dove quasi sempre gli unici che ci guadagnano sono i portali e gli imprenditori che vendono a noi crowd-fessi quote di società che non valgono niente.

    Non essendo cliente di questa banca e non trovando niente di dettagliato su internet mi sono fatto girare da un consulente alcuni documenti di altri club deal che sono stati presentati successivamente, ma visionandoli ho scartato l'idea per diversi motivi:

    1) Investimento minimo elevatissimo (400-500k per i retail, 100k per i professionali). Non capisco questa assurdità per i retail, probabilmente per scoraggiarci a investire.

    2) Commissioni assurde. Pensavo che con certe cifre in ballo evitassero di spennarti svariati punti percentuali l'anno più altrettanti di commissione di ingresso, robe da far impallidire i fondi comuni di Mediolanum. Anche se uno volesse investirci nonostante l'investimento minimo elevato, le commissioni ti fanno passare la voglia.

    3) Probabilmente per partecipare a questi club deal devi essere già un buon cliente di questa o quella banca proponente, quindi ogni volta devi spostare tutto nella banca che propone il club deal di turno che ti interessa per non farti trattare con sufficienza.

  7. #7

    Data Registrazione
    Nov 2019
    Messaggi
    4,037
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    3306 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da arte3000 Visualizza Messaggio
    E' inutile negarlo,questo mercato fa gola a tanti.Questione di tempo.


    Farmacie, liberalizzazioni al ralenti: il 2% e di proprieta delle catene - Il Sole 24 ORE
    Ritieni che possa esserci un fenomeno di Uberificazione, dove il valore delle licenze di taxi è in costante calo anno su anno?

  8. #8

    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    8,395
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    3322 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Non è più la pacchia di una volta.
    Sui farmaci margini il 30% lordo e le ASL pagano quando possono (60 giorni ormai è lo standard); sul parafarmaco inizi a sentire la concorrenza dell'online dove il 20/30% di sconto è la norma (margini dal 40 al 55% in base agli acquisti)
    Costi di gestione in netto aumento
    Visto che si scambiano ancora a 0.9/1 volta il fatturato direi che ci sono investimenti migliori

    Una farmacia che fattura 1 milione ha un utile lordo oggi di 100.000. Ci metti una vita a recuperare l'investimento, sempre ammesso che non le liberalizzano e allora valgono come le altre attività 2 volte l'utile

    Poi se volete continuare a recitare il mantra che i farmacisti sono ricchi, accomodatevi. Magari prima parlate con un farmacista giovane che ha dovuto acquistare la farmacia e non l'ha ricevuta in eredità

    PS: la concorrenza delle parafarmacie è tendente a zero, molto maggiore conocorrenza la fanno i supermercati sul parafarmaco, dove un tempo c'era il VERO GUADAGNO

  9. #9

    Data Registrazione
    Nov 2019
    Messaggi
    4,037
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    3306 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Sirswatch Visualizza Messaggio
    Non è più la pacchia di una volta.
    Sui farmaci margini il 30% lordo e le ASL pagano quando possono (60 giorni ormai è lo standard); sul parafarmaco inizi a sentire la concorrenza dell'online dove il 20/30% di sconto è la norma (margini dal 40 al 55% in base agli acquisti)
    Costi di gestione in netto aumento
    Visto che si scambiano ancora a 0.9/1 volta il fatturato direi che ci sono investimenti migliori

    Una farmacia che fattura 1 milione ha un utile lordo oggi di 100.000. Ci metti una vita a recuperare l'investimento, sempre ammesso che non le liberalizzano e allora valgono come le altre attività 2 volte l'utile

    Poi se volete continuare a recitare il mantra che i farmacisti sono ricchi, accomodatevi. Magari prima parlate con un farmacista giovane che ha dovuto acquistare la farmacia e non l'ha ricevuta in eredità

    PS: la concorrenza delle parafarmacie è tendente a zero, molto maggiore conocorrenza la fanno i supermercati sul parafarmaco, dove un tempo c'era il VERO GUADAGNO
    Sempre ipoteticamente, quale futuro potrebbe delinearsi nel sistema delle farmacie in Italia (intendo a livello di business); ritieni che l'online possa essere una potenziale minaccia "seria" oppure facilmente arginabile; la farmacia del paese crea il suo e-commerce per esempio.


    Citazione Originariamente Scritto da Sirswatch Visualizza Messaggio

    Una farmacia che fattura 1 milione ha un utile lordo oggi di 100.000. Ci metti una vita a recuperare l'investimento, sempre ammesso che non le liberalizzano e allora valgono come le altre attività 2 volte l'utile

    Ciao la fonte di questa interessante informazione \ stima?

    Infatti sono abituato a sentire costantemente il mantra anch'io.....

  10. #10

    Data Registrazione
    Nov 2019
    Messaggi
    4,037
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    3306 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da ancet Visualizza Messaggio
    Non come investimento diretto, ma dopo aver letto alcuni articoli mi stavo interessando all'argomento.
    C'è stato infatti un club deal sulle farmacie messo in piedi da Banca Profilo, con l'obiettivo di rilevare una cinquantina di farmacie nel nord Italia.

    Volevo anche aprire una discussione su questi club deal, pensavo fosse un modo per investire con sufficiente diversificazione in attività di private equity che non fossero quelle quattro ciofeche proposte dai portali di equity crowdfunding dove quasi sempre gli unici che ci guadagnano sono i portali e gli imprenditori che vendono a noi crowd-fessi quote di società che non valgono niente.

    Non essendo cliente di questa banca e non trovando niente di dettagliato su internet mi sono fatto girare da un consulente alcuni documenti di altri club deal che sono stati presentati successivamente, ma visionandoli ho scartato l'idea per diversi motivi:

    1) Investimento minimo elevatissimo (400-500k per i retail, 100k per i professionali). Non capisco questa assurdità per i retail, probabilmente per scoraggiarci a investire.

    2) Commissioni assurde. Pensavo che con certe cifre in ballo evitassero di spennarti svariati punti percentuali l'anno più altrettanti di commissione di ingresso, robe da far impallidire i fondi comuni di Mediolanum. Anche se uno volesse investirci nonostante l'investimento minimo elevato, le commissioni ti fanno passare la voglia.

    3) Probabilmente per partecipare a questi club deal devi essere già un buon cliente di questa o quella banca proponente, quindi ogni volta devi spostare tutto nella banca che propone il club deal di turno che ti interessa per non farti trattare con sufficienza.
    A fronte delle commissioni (su quanto si aggirerebbero annualmente) quale potrebbe essere il guadagno per anno per il cliente?

Accedi