[Terreno agricolo] Come sfruttarlo? - Pagina 4
Crisi liquidità del Libano mette in ginocchio anche la Siria, svalutazione record della valuta locale
Il collasso finanziario del Libano, che ha chiesto anche aiuti ai paesi amici, si ripercuote anche sulla vicina Siria. I trasferimenti di dollari in Siria sono diminuiti quasi a zero, ha …
Smartphone etici e sostenibili, Fairphone tenta la svolta dopo anni di flop. L’assist arriva da Vodafone
Eva Gouwens fa il conto alla rovescia per l’arrivo tra poche ore sugli store online di Vodafone dei suoi smartphone etici. Parliamo degli smartphone prodotti da Fairphone, azienda olandese che …
Gestire il rischio e generare più rendimenti a lungo termine, la carta ESG
Anche il 2020 sarà probabilmente caratterizzato da una crescita economica globale modesta. Gli analisti sono concordi nel ritenere che la continua incertezza sugli sviluppi monetari e politici genereranno ancora alta …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #31

    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    122
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    3604343
    Citazione Originariamente Scritto da roby584 Visualizza Messaggio
    Il probblema che tutto viene lasciato nelle mani del privato👍
    Sarebbe meglio non invocare lo Stato nella sezione "Startup e nuove iniziative imprenditoriali".

  2. #32

    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    122
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    3604343
    Citazione Originariamente Scritto da Zarbo Visualizza Messaggio
    io conosco bene il settore dei terreni seminativi e a foraggio.

    Sinteticamente: il lavoro in questo settore non esiste più e nel futuro sarà peggio.

    Non perché non è più redditizio, ma perché di fatto non si lavora più: Fanno tutto le macchine.

    io poi mi affido ad un terzista per fare tutti i lavori (lavorazione del terreno, semina e raccolta) e il mio lavoro ormai consiste nel trovare (al telefono) il grossista migliore e il magazzino (silos) più economico. E poi passare dal dottore agrario per la pratica della PAC (Politica Agricola Comunitaria) per i pagamenti dei titoli agrari. Stop!

    Gestisco 50 ettari di seminativo impiegando un paio di giorni all'anno.
    Fino a 20 anni fa era impossibile e impensabile una gestione aziendale del genere (a detta dei vicini più anziani di me).

    Nel futuro, anzi già nel presente, andrà peggio soprattutto per i terzisti perché per loro il lavoro diminuirà parecchio.

    Il motivo? Le macchine a guida autonoma oppure comandate da remoto.

    Già oggi il mio trattorista (non è mio dipendente ma lavora per conto terzi) con il suo trattore a guida autonoma/satellitare sta in cabina a dormire, scrivere su whatsapp o a fumare e ascoltare la radio a tutto volume mentre il trattore lavora da solo.

    Nel futuro, invece, se ne starà direttamente a casa perché con i trattori a guida remota (via internet) e autonoma basterà un solo operatore da una postazione fissa (ad esempio in una spiaggia alle Maldive) per comandare 10 o più trattori contemporaneamente.
    La resa sul capitale investito nel seminativo è bassissima. Poco impegno, poca resa.
    Sul frutteto le cose cambiano, più investimenti, più lavoro, più rischio e quindi maggior possibilità di guadagno, ma rimane un'attività imprenditoriale a tutti gli effetti, gli improvvisati non durano.

  3. #33

    Data Registrazione
    Mar 2016
    Messaggi
    233
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    120 Post(s)
    Potenza rep
    9402086
    Citazione Originariamente Scritto da f.statham Visualizza Messaggio
    La resa sul capitale investito nel seminativo è bassissima. Poco impegno, poca resa.
    Sul frutteto le cose cambiano, più investimenti, più lavoro, più rischio e quindi maggior possibilità di guadagno, ma rimane un'attività imprenditoriale a tutti gli effetti, gli improvvisati non durano.
    si, infatti i terreni che gestisco non sono miei ma li ho in affitto.
    Se li dovessi comprare, volerebbero come niente fra i 2 e i 3 milioni di euro, mentre d'affitto pago 20.000€ all'anno

    Poi tutto dipende dalle annate e dai prezzi di mercato (ovviamente).

    10 anni fa, con soli 30 ettari di terreni a foraggio (quindi 20 ettari in meno rispetto ad oggi), ero riuscito a guadagnare 30.000€ al netto dei costi di affitto e terzista.

    Quest'anno con 50 ettari (3 colture diverse, obbligatorie per legge comunitaria) sono riuscito a guadagnare 10.000€ al netto dei costi di affitto e terzista.

    Nel biennio 2012-2013, a causa del caro gasolio e bassi prezzi internazionali dei prodotti agricoli, non ho guadagnato nulla (anzi avrò perso 10.000€ in 2 anni)

  4. #34

    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    2,595
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    643 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Come immaginavo e Zarbo che e' anche lui del settore me lo conferma ,
    in agricoltura sono necessari investimenti ingenti per ottenere dei profitti esigui . Quindi quando leggo sui soliti giornali
    " i giovani tornano alla terra " mi domando sempre , si ma con quali soldi ??

  5. #35

    Data Registrazione
    May 2017
    Messaggi
    93
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    56 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da tora64 Visualizza Messaggio
    Come immaginavo e Zarbo che e' anche lui del settore me lo conferma ,
    in agricoltura sono necessari investimenti ingenti per ottenere dei profitti esigui . Quindi quando leggo sui soliti giornali
    " i giovani tornano alla terra " mi domando sempre , si ma con quali soldi ??
    Condivido tutto ! E in più aggiungo che lavorare in campagna non è come lavorare in ufficio , sia come "intensità" che come tempistiche.
    Diciamo che è un attimino più "ruscoso" e bisogna avere moooooolta voglia di darsi da fare.
    Come diceva Pavese (che era tra l'altro delle Langhe) : ".....la terra è bassa"

  6. #36

    Data Registrazione
    Mar 2016
    Messaggi
    233
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    120 Post(s)
    Potenza rep
    9402086
    Esatto, ma voglio ricordare che nel mio caso specifico, io pago affitto e terzista.

    Se i terreni fossero i miei, guadagnerei 20.000€ in più dell' affitto e altri 10.000€ in più della PAC.

    Se poi i terreni li lavorassi pure io, guadagnerei ancora qualcosa in più (ma non saprei dire quanto perché col mio trattorista non parliamo mai di quanto guadagna lui)

    A me comunque, va bene così.
    Non mi lamento perché alla fine guadagno sempre qualcosina senza aver investito milioni e milioni di euro fra terreni, trattori, mieti-trebbiatrici, capannoni, ecc...
    E soprattutto dedicando a questa attività solo 2-3 giorni l'anno.

    Nei restanti 362 giorni all'anno mi occupo di imprese in altri settori (turismo, energie rinnovabili, commercio ingrosso, logistica)
    Ultima modifica di Zarbo; 11-12-17 alle 11:28

  7. #37

    Data Registrazione
    Mar 2016
    Messaggi
    233
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    120 Post(s)
    Potenza rep
    9402086
    Rispondo pubblicamente a chi mi chiedeva in privato altre informazioni.

    I terreni si trovano fra Mantova e Verona, quindi pianura Padana.

    I terreni in queste zone possono costare anche 100.000€/ettaro ma nella mia zona specifica, le vendite si chiudono fra i 40.000€/ettaro e i 60.000€/ettaro dopo estenuanti trattative (ovvio).

    50 ettari costano quindi fra i 2 e i 3 milioni di euro ma potrebbero costare anche 5 milioni di euro. Dipende da caso a caso.

    Di affitto, all'anno pago fra i 350€ e i 500€ all'ettaro (in base alle trattative con i rispettivi proprietari) con contratti decennali a prezzi bloccati e tacito rinnovo.

    Se non tratti, i proprietari ti chiederanno d'affitto 1.000€-2.000€ ad ettaro e con questi costi, è sicuro che andrai in perdita.

    Quest'anno ho coltivato 3 colture perché è obbligatorio per legge se l'azienda agricola supera i 20 ettari di estensione.

    Ho coltivato mais (in perdita), soia (tanta spesa, poca resa) e un mix di erbe da foraggio per farne fieno (ci guadagni solo se hai aziende zootecniche vicine a te che sono interessate al prodotto. Meglio mettersi d'accordo prima con dei contratti)
    Ultima modifica di Zarbo; 11-12-17 alle 11:57

  8. #38
    L'avatar di Kemperi
    Data Registrazione
    Sep 2014
    Messaggi
    628
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    287 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Per i tartufi dovresti comprare delle piantine micorrizate.Costi abbastanza alti oltre a supervisioni di esperti/tecnici.
    Raccolta incerta..
    inoltre le piante micorrizate possono essere solo due tipi.
    Per il tartufo aestivum(scorsone) o il melanosporum(nero pregiato),il primo di scarso valore,il secondo invece no..

    Per i funghi pregiati non c è nulla da fare!!

    Saluti




    Citazione Originariamente Scritto da sandalio Visualizza Messaggio
    Non sono coltivabili, ma si può forzare la presenza portando altri porcini sul posto così cadono le spore. Però bisogna avere la zona giusta, il terreno giusto e le piante giuste. Diciamo che se ci sono porcini nelle vicinanze, la cosa potrebbe essere fattibile.
    Per i tartufi non conosco , ma per i porcini direi che non mi risulta.


    I funghi vengono dove vogliono , purtroppo , forse si puo' fare qualcosa a livello di acqua , ma per la mia esperienza pensare ad un investimento e' improbabile.
    Il fondo se lo chiudi ti si piena di rovi e piante che gli animali non possono piu' entrare.
    Ultima modifica di Kemperi; 11-12-17 alle 15:20

  9. #39
    L'avatar di edoardofilippo
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    1,678
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    540 Post(s)
    Potenza rep
    39285569
    Citazione Originariamente Scritto da edoardofilippo Visualizza Messaggio
    dividerlo in appezzamenti e affittarli a privati orticoltori oppure
    piantumare pioppi a veloce accrescimento,poche cure,venderne la legna ed i funghi
    pei funghi nel pioppeto:
    Piopparello oppure Pioppino, è uno dei più gustosi, profumati ed apprezzati funghi commestibili. Trattasi di una specie saprofita piuttosto adattabile che si presta molto bene alla coltivazione artificiale, su ceppi di latifoglie (es. pioppo o sambuco) parzialmente interrati ed umidi
    Cyclocybe aegerita - Wikipedia

  10. #40

    Data Registrazione
    Feb 2006
    Messaggi
    2,727
    Mentioned
    10 Post(s)
    Quoted
    910 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    buonasera, scusare se sono OT. i valori medi agricoli pubblicati sul sito dell'Agenzia dell'Entrate sono attendibili? come li calcolano?

Accedi