business dei rifiuti - Pagina 3
Arriva l’inverno e prezzo gas crolla negli Usa, non in Europa. Perchè?
Fa specie in questo periodo l?andamento divergente dei prezzi del gas sulle due sponde dell?Atlantico. Ieri ad esempio il gas naturale USA è crollato (-11,5%) mentre quello europeo si è …
Risk-on sui mercati riaccende appetito verso il bitcoin, cripto ha già recuperato il 25% dai minimi toccati nel flash crash di sabato
Il ritorno nelle ultime due sedute dell'ottimismo sui mercati, in scia ai primi riscontri sulla variante Omicron che mostrano sintomi abbastanza lievi, ha ridato sprint anche al bitcoin protagonista in …
Zegna pronta a sfilare a Wall Street, prima dell’IPO salgono a bordo nuovi investitori (tra cui Bertelli)
 Sempre più investitori credono nel progetto di quotazione a Wall street, annunciato lo scorso 19 luglio, del gruppo italiano di moda Ermenegildo Zegna il cui primo giorno di contrattazione è …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #21
    L'avatar di allevamento
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    2,273
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    158 Post(s)
    Potenza rep
    22114340
    cmq vi spiego come guadagna l'azienda in cui lavoro io senza contratto :-)




    allora l'azienda è abilitata a ritirare (anche altra roba ma semplifichiamo)


    -ferro,

    -metalli(ottone, piombo, alluminio, rame, acciaio, cavo elettrico).

    -legno

    -plastica

    -rifiuti

    -carta/ cartone

    -cartongesso




    Allora iniziamo con il ferro, il ferro e i metalli vengono portati e venduti, dalle imprese edili, dagli idraulici, elettricisti ecc ecc, purtroppo anche privati, anche se non si potrebbe, perchè anch'essi rifiuti e ci vorrebbe un relativo formulario.....e quindi partita iva, per la tracciabilità....

    questi metalli vengono comprati in base al peso e al prezzo unitario dall'azienda, per farti un esempio dei prezzi che paga il mio titolare da cui lavoro paga così:

    -ferro 100€ a Tonnellata

    -ottone 2500€ a Ton

    -rame 3500€ a Ton

    -alluminio 500€ a Ton

    -piombo 500€ a Ton

    -cavo 1000€ a ton

    -acciaio 800€ a ton


    questi materiali, vengono accatastati in cassoni di ferro tipo questo

    https://www.google.it/search?q=casso...ml%3B544%3B544


    raggiunta una quantità interessante almeno 40 tonnellate, queste vengono vendute a commercianti, che a loro volta vengono rivendute a fonderie.

    ogni materiale, per dire il rame, non ha un unico prezzo ma esistono 3 tipologie di rame.... rame di 1° categoria, rame di 2°categoria, 3 categoria, tornitura di rame, ognuna di queste avrà un prezzo di vendita diverso, per dire la tornitura vale di meno del rame in pezzi, perchè quando entra nel forno della fonderia, essa subirà un calo, è come quando vedi che nel camino con la legna accesa, le scentille che pssano su per la canna del camino... perchè si volatilizzano, e se per dire entrano 10000kg di rame ne usciranno il il 5% in meno.....



    in ogni caso per farti capire quanto guadagnano i prezzi di vendita unitari, perchè cambiano di poco sono

    -ferro 270€ a Tonnellata


    -ottone 3600€ a Ton

    -rame 1°cat 4600€ a Ton

    -rame 2° cat 4900€ a Ton

    -rame 3° cat 5100 a Ton

    -alluminio 1000€ a Ton

    -piombo 1100€ a Ton

    -cavo 1900€ a ton

    -acciaio 1500€ a ton


    ora capirete perchè un rottamaio che tratta questi rifiuti, guadagna bene....

    i rottamai piccoli con 1 al massimo 2 dipendenti, vendono e comprano, tutto senza fatt..........................

    tranne per il ferro....perchè è troppo ed esistono solo fonderie enormi, tipo appunto l'ilva che c'è pure al nord.....

    come quantitativi mensili, quello da cui lavoro, ogni mese, vende vende 8000kg di alluminio, 6000kg di rame, 6000kg di ottone, 7000kg di acciaio, 6000 kg di piombo.


    per il ferro invece vende circa 700 tonnellate al mese di ferro, 700 000kg....




    domani i scrivo come funziona per la carta... ma penso che ormai avrete capito.....

  2. #22
    L'avatar di allevamento
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    2,273
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    158 Post(s)
    Potenza rep
    22114340
    Citazione Originariamente Scritto da allevamento Visualizza Messaggio
    cmq vi spiego come guadagna l'azienda in cui lavoro io senza contratto :-)




    allora l'azienda è abilitata a ritirare (anche altra roba ma semplifichiamo)


    -ferro,

    -metalli(ottone, piombo, alluminio, rame, acciaio, cavo elettrico).

    -legno

    -plastica

    -rifiuti

    -carta/ cartone

    -cartongesso




    Allora iniziamo con il ferro, il ferro e i metalli vengono portati e venduti, dalle imprese edili, dagli idraulici, elettricisti ecc ecc, purtroppo anche privati, anche se non si potrebbe, perchè anch'essi rifiuti e ci vorrebbe un relativo formulario.....e quindi partita iva, per la tracciabilità....

    questi metalli vengono comprati in base al peso e al prezzo unitario dall'azienda, per farti un esempio dei prezzi che paga il mio titolare da cui lavoro paga così:

    -ferro 100€ a Tonnellata

    -ottone 2500€ a Ton

    -rame 3500€ a Ton

    -alluminio 500€ a Ton

    -piombo 500€ a Ton

    -cavo 1000€ a ton

    -acciaio 800€ a ton


    questi materiali, vengono accatastati in cassoni di ferro tipo questo

    https://www.google.it/search?q=casso...ml%3B544%3B544


    raggiunta una quantità interessante almeno 40 tonnellate, queste vengono vendute a commercianti, che a loro volta vengono rivendute a fonderie.

    ogni materiale, per dire il rame, non ha un unico prezzo ma esistono 3 tipologie di rame.... rame di 1° categoria, rame di 2°categoria, 3 categoria, tornitura di rame, ognuna di queste avrà un prezzo di vendita diverso, per dire la tornitura vale di meno del rame in pezzi, perchè quando entra nel forno della fonderia, essa subirà un calo, è come quando vedi che nel camino con la legna accesa, le scentille che pssano su per la canna del camino... perchè si volatilizzano, e se per dire entrano 10000kg di rame ne usciranno il il 5% in meno.....



    in ogni caso per farti capire quanto guadagnano i prezzi di vendita unitari, perchè cambiano di poco sono

    -ferro 270€ a Tonnellata


    -ottone 3600€ a Ton

    -rame 1°cat 4600€ a Ton

    -rame 2° cat 4900€ a Ton

    -rame 3° cat 5100 a Ton

    -alluminio 1000€ a Ton

    -piombo 1100€ a Ton

    -cavo 1900€ a ton

    -acciaio 1500€ a ton


    ora capirete perchè un rottamaio che tratta questi rifiuti, guadagna bene....

    i rottamai piccoli con 1 al massimo 2 dipendenti, vendono e comprano, tutto senza fatt..........................

    tranne per il ferro....perchè è troppo ed esistono solo fonderie enormi, tipo appunto l'ilva che c'è pure al nord.....

    come quantitativi mensili, quello da cui lavoro, ogni mese, vende vende 8000kg di alluminio, 6000kg di rame, 6000kg di ottone, 7000kg di acciaio, 6000 kg di piombo.


    per il ferro invece vende circa 700 tonnellate al mese di ferro, 700 000kg....




    domani i scrivo come funziona per la carta... ma penso che ormai avrete capito.....

    anche questa è una bella idea.. in germania fanno già così

    vademeco - YouTube

  3. #23
    L'avatar di allevamento
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    2,273
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    158 Post(s)
    Potenza rep
    22114340
    il problema di aprire un attività, è che se non si hanno un minimo di conoscenze, è difficile partire....da zero.....

  4. #24
    L'avatar di InZzane
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    1,647
    Mentioned
    22 Post(s)
    Quoted
    642 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da MvArrow Visualizza Messaggio
    Interesserebbe anche a me.. Ho un paio di amici i cui padri hanno fatto milioni qua in Veneto con aziende di questo tipo, anche se bisogna dire che la loro fedina penale non è immacolata.
    ma che business vuoi fare... queste aziende sono tutte fallimentari...

    se non raggiungono una mole di lavoro e una produzione tale che le garantisce una diminuzione dei costi fissi in maniera Pesante, sono automaticamente fallimentare per i troppi costi variabili.

    a questo ci devi aggiungere delle tasse e delle imposte che devono pagare in maniera superiore alle loro concorrenti estere, una delle tante è l'iva ma anche i vari bolli le accise sulla benzina e le cazzatine come costi energetici + alti, o l'enorme costo del lavoro, sono spese che si sostengono qui fanno lievitare i costi variabili e di conseguenza anche aumentando la produzione non risolvi il problema, in oltre la rete di trasporti non è fitta come in altri posti e tutto su gomma e quindi il Gasolio la fa da padrone il tuo Partner non ha interesse a esportare rifiuti tossici e speciali, in oltre per l'impianto c'e bisogno di una Esagerata Burocrazia composta di autorizzazioni e attestati al Maneggio di ste Robe....


    allora ti consiglio una cosa.. Compra solo i camion buttati sopra caricali di Scorie nucleare... e li atterri a Giugliano o a Nola... i costi sono più bassi... come hanno fatto i tuoi amici veneti... alla fine li hanno venduti alle aziende del sud... Schiavone è il Re di sto business...

    una volta li caricavano sui cargo destinati agli aiuti umanitari che poi venivano scaricati di alimentari e ricaricati giù in sicilia e calabria di Ak 47 e Fusti Tossici e Nucleari...

    poi dopo l'assassinio di quella Rin********ta che ha sollevato tutta quella *****... hanno fatto bene a buttarla a 5 kilometri da casa mia quella ***** tossica...

  5. #25
    L'avatar di allevamento
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    2,273
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    158 Post(s)
    Potenza rep
    22114340
    Citazione Originariamente Scritto da InZzane Visualizza Messaggio
    ma che business vuoi fare... queste aziende sono tutte fallimentari...

    se non raggiungono una mole di lavoro e una produzione tale che le garantisce una diminuzione dei costi fissi in maniera Pesante, sono automaticamente fallimentare per i troppi costi variabili.

    a questo ci devi aggiungere delle tasse e delle imposte che devono pagare in maniera superiore alle loro concorrenti estere, una delle tante è l'iva ma anche i vari bolli le accise sulla benzina e le cazzatine come costi energetici + alti, o l'enorme costo del lavoro, sono spese che si sostengono qui fanno lievitare i costi variabili e di conseguenza anche aumentando la produzione non risolvi il problema, in oltre la rete di trasporti non è fitta come in altri posti e tutto su gomma e quindi il Gasolio la fa da padrone il tuo Partner non ha interesse a esportare rifiuti tossici e speciali, in oltre per l'impianto c'e bisogno di una Esagerata Burocrazia composta di autorizzazioni e attestati al Maneggio di ste Robe....


    allora ti consiglio una cosa.. Compra solo i camion buttati sopra caricali di Scorie nucleare... e li atterri a Giugliano o a Nola... i costi sono più bassi... come hanno fatto i tuoi amici veneti... alla fine li hanno venduti alle aziende del sud... Schiavone è il Re di sto business...

    una volta li caricavano sui cargo destinati agli aiuti umanitari che poi venivano scaricati di alimentari e ricaricati giù in sicilia e calabria di Ak 47 e Fusti Tossici e Nucleari...

    poi dopo l'assassinio di quella Rin********ta che ha sollevato tutta quella *****... hanno fatto bene a buttarla a 5 kilometri da casa mia quella ***** tossica...
    ti sbagli...... le aziende serie ci sono anche in italia..... non facciamo di tutta l'erba un fascio......

    non poi entrare in un thread e dire che non si guadagna in questo settore.....

    quali sono i costi variabili di cui parli.... e quelli fissi... .fammi degli esempi concreti.....

    grazie

  6. #26
    L'avatar di allevamento
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    2,273
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    158 Post(s)
    Potenza rep
    22114340
    aggiungo questo...

    in italia si lavora a norma di legge come si vede qui

    Chimet S.p.A. - YouTube
    Impianto recupero metalli da componenti elettronici diversi - YouTube



    in cina si fa questo:
    guardate dal minuto 1.00 com e trattano i rifiuti elettrici.....

    Report: "Rifiuti italiani non trattati riciclati in Cina come giocattoli'' - YouTube

  7. #27

    Data Registrazione
    Sep 2013
    Messaggi
    12
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    in un' ecopiazzola generalmente si trovano i contenitori per:

    -"ferro"
    -rifiuti domestici ingombranti
    -plastica
    -carta
    -sfalci
    -legno
    -vetro
    -inerte (edilizia)
    -batterie
    -elettrodomestici
    -olio esausto


    abbiamo capito che in teoria sui metalli qualcosa si guadagna.ma tutte le altre categorie producono reddito? es. olio esausto e materiale inerte

  8. #28
    L'avatar di InZzane
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    1,647
    Mentioned
    22 Post(s)
    Quoted
    642 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da allevamento Visualizza Messaggio
    ti sbagli...... le aziende serie ci sono anche in italia..... non facciamo di tutta l'erba un fascio......

    non poi entrare in un thread e dire che non si guadagna in questo settore.....

    quali sono i costi variabili di cui parli.... e quelli fissi... .fammi degli esempi concreti.....

    grazie
    i costi variabili sono i costi che aumentano all'aumentare della produzione.
    vale a dire più lavoro hai più costi hai.

    i Costi fissi sono i costi che al variare della produzione Diminuscono per ogni unità di servizio fornito.

    il Costo di fitto del Capannone o il Costo d'acquisto di un macchinario o un Camion è un costo fisso quindi all'aumentare della mole di Lavoro viene ripartito per ogni unità di servizio PRodotto.

    a questo devi aggiungerci, i costi Variabili e le Tasse sui costi variabili (se l'azienda è in competizione europea)

    esempio il Gasolio, su cui gravano delle accise o il costo del lavoro, Dipendenti qualificati uguali costano meno in germania che in italia stesso discorso riguardo le accise sulla benzina.

    in oltre devi sviluppare un modello di business adatto alla logistica di alcuni di questi prodotti ovvero Devi ubicarti vicino a svincoli per diminuire i costi di strasporto o vicino a ferrovie e porti...

    a te sembra una stupidaggine ma qui si parla di investimenti di parecchi milioni.

    Business dei rifiuti industriali cosi detti speciali hanno una concorrenza su scala europea, di certo non è come il supermercato.

    l'attività commerciale è composta di alcuni Impieghi per avviare una attività di smaltimento di questo tipo di rifiuti.

    io parlo di quelli edilizi, In particolare Eternit, Gesso, Plastici non riciclabili.

    se poi ci aggiungi una concorrenza sleale... e ti fai 2 domande sul perchè le industrie di pittura del veneto vendevano rifiuti industriali ad imprese di casale... ci rendiamo conto...

    si potrebbe parlare all'infinito ma le opportunità di business in questo settore sono complicate io lavoravo in un impresa edile di proprietà di famiglia e abbiamo avuto un sacco di difficoltà sopratutto negli ultimi periodi..

    buttarli sotto la tangeziale o sul Vesuvio, Nola o a Giugliano... è Molto più Facile...

  9. #29
    L'avatar di allevamento
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    2,273
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    158 Post(s)
    Potenza rep
    22114340
    Citazione Originariamente Scritto da Jj1 Visualizza Messaggio
    in un' ecopiazzola generalmente si trovano i contenitori per:

    -"ferro"
    -rifiuti domestici ingombranti
    -plastica
    -carta
    -sfalci
    -legno
    -vetro
    -inerte (edilizia)
    -batterie
    -elettrodomestici
    -olio esausto


    abbiamo capito che in teoria sui metalli qualcosa si guadagna.ma tutte le altre categorie producono reddito? es. olio esausto e materiale inerte

    Certamente che producono o possono produrre reddito.....

    la carta normalmente non viene pagata da questi rottamai, e viene rivenduta a 50/70 euro a tonnellata, calcola che un carico è di 29000kg e viene bagnata :-)


    il legno le imprese che vengono a scaricarlo devono pagare dai 100 ai 160 euro a ton, e a loro volta il rottamaio, lo smaltisce gratuitamente presso questa azienda....Ecolegno - Raccolta Legno post-consumo, si paga qualcosina se si è un pò lontani dai centri di raccolta, diciamo un piccolo contributo per il viaggio 200euro circa



    le batterie, sono rifiuto speciale, e questo non mi compete, però so che se un impresa tipo un meccanico che deve smaltire le batterie negli appositi centri, deve pagare a smaltirle..... e chi le ritira a sua volta avrà un costo, per estrarne i l piombo, oppure può rivenderle.
    ecco un sito tedesco per farvi capire...

    Bleibatterie verkaufen bei Steeldeal. Ankaufspreise auf steeldeal.de


    x gli elettrodomestici questo è un rifiuto speciale raee, e a sua volta chi li smaltisce, deve pagare per smaltirli, e chi li ritira avrà un costo per smontarli....oppure può rivenderli così come sono.....

    è anche per questo che molte ditte invece che smaltire le lavatrici come si deve fare cioè nei centri autorizzati, li porta dai rottamai, che li mischiano macinandole al ferro..... così non pagano nulla, ed anzi prendono i soldi per il peso della lavatrice.....

    Ankaufspreis für Shredderschrott bei Steeldeal. steeldeal.de



    plastica stessa cosa del legno, chi la porta deve pagare dai 140 ai 200€ a ton, per scaricarla.... a sua volta il rottamaio, ha due possibilità:

    -1 può portarla in un altro centro per la plastica più attrezzato, in cui verrà cernita, e pagherà dai 50 ai 90 euro a ton per smmaltirla facendoci la cresta di circa 100 euro a ton.....

    - oppure può cernirla e quindi dividerla se ne ha convenienza, per farvi capire meglio, se la plastica, è plastica bella nel senso, trasparente,con una colorazione chiara celophan che può essere utilizzato per altre colorazioni chiare, perchè la plastica che è nera non può essere utilizzata per fare un oggetto bianco capite?

    quindi se per dire nel cassone ci sono 20 ton di plastica chelopan, e 20 ton di paraurti di auto che sono neri, se sono insieme non hanno nessun valore e paga pure lui per smaltirli, se invece sono separati, la plastica bianca verrà rivenduta a 200€ am ton circa, mentre quella nera, a molto meno.......



    per l'olio esausto non lo so ,ma credo venga riutilizzato, dopo un trattamento.... particolare
    per il vetro vedi legno e plastica.....


    inerte (edilizia) certo che con l inerte si guadagna, ma non è il mio campo ,sicuramente chi scarica inerte pagherà qualcosa che va dai 100 ai 170€ a ton e poi chi lo ritira, ha dei mulini o frantoi che lo macinano, e lo utilizzano per fare il sottofondo delle strade.....

    qu quando senti in tv, che hanno sotterrato i rifiuti, come il fatto della brebemi a bergamo, molte volte in alcuni casi, cosa è successo....

    invece che far passare gli inerti da macinare, nel frantoio, venivano messi direttamente, sotto la strada per fare la massicciata stradale.... però alla fine se ci ragioni è la stessa cosa, anche se li macini rifiuto erano e rifiuto rimane....


    -"ferro"
    -rifiuti domestici ingombranti
    -plastica
    -carta
    -sfalci
    -legno
    -vetro
    -inerte (edilizia)
    -batterie
    -elettrodomestici
    -olio esausto
    sfalci cosa significa?
    Ultima modifica di allevamento; 04-11-13 alle 20:03

  10. #30
    L'avatar di allevamento
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    2,273
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    158 Post(s)
    Potenza rep
    22114340
    i costi variabili sono i costi che aumentano all'aumentare della produzione.
    vale a dire più lavoro hai più costi hai.

    i Costi fissi sono i costi che al variare della produzione Diminuscono per ogni unità di servizio fornito.

    il Costo di fitto del Capannone o il Costo d'acquisto di un macchinario o un Camion è un costo fisso quindi all'aumentare della mole di Lavoro viene ripartito per ogni unità di servizio PRodotto.
    ma scusami, i costi fissi e costi variabili non li hai pure tu con l'impresa edile? o sbaglio? perchè ragioni così?

    anche tu non paghi il gasolio, e l'affitto del capannone?



    se poi ci aggiungi una concorrenza sleale... e ti fai 2 domande sul perchè le industrie di pittura del veneto vendevano rifiuti industriali ad imprese di casale... ci rendiamo conto...


    Guarda io non ragiono così..... invece che buttarli sotto il cavalcavia ti inviterei a pensare al futuro dei tuoi famigliari non solo tuo..... perchè la tua azienda non vuole spendere i soldi per smaltirli?, te lo dico io perchè, perchè da voi i rifiuti vengono sotterrati con una% maggiore della nostra, oerchpè anche qui succede.... ma almeno qui ci sono più ditte che sono autorizzate a smaltirli e li smaltiscono secondo la legge italiana......



    si potrebbe parlare all'infinito ma le opportunità di business in questo settore sono complicate io lavoravo in un impresa edile di proprietà di famiglia e abbiamo avuto un sacco di difficoltà sopratutto negli ultimi periodi..

    avete avuto un casino di difficoltà, perchè dovete capire che per smaltire i rifiuti di un impresa si deve pagare... sono i tuoi costi variabili, più lavoro e più li hai..... è normale per tutti, scusami la franchezza.....

    ***** l'eternit provoca tumori, come credi che ci guadagni chi lo ritira? deve pagare oppure lui a smaltirlo e sai quanto costa?
    allora ragioniamo coe quelli che affittano un capannone di 2000mq alto 10 metri e lo riempiono di eternit, e poi scompaiono con il malloppo, e sono ***** del proprietario....

    io sto parlando di legalità, tu vedi il mondo dei rifiuti da fuori senza averci lavorato....


    a te sembra una stupidaggine ma qui si parla di investimenti di parecchi milioni.
    certo servono parecchi milioni ,se si vuole partire con un magazzino di 10000mq e una decina di camion nuovi di zecca, magari mercedes.... costano 140000€ l'uno, io parlo di cose reali..... piccole medie imprese.....

Accedi