Cir spa - Pagina 111
Space X l’arma il più di Musk per diventare il primo trilionario. Intanto Tesla si gode i frutti dell’operazione bitcoin
Elon Musk, il patron di Tesla, diventerà trilionario grazie alla sua altra creatura, SpaceX. Lo afferma la banca d’affari Morgan Stanley. Anche se Elon Musk è diventato la persona più …
Bitcoin da record, JP Morgan spiega rally con inflazione e fuga dall’oro. Euforia per debutto ETF, ma Cathie Wood grande assente
Il primo ETF sul Bitcoin debutta sul Nyse facendo la storia della criptovaluta numero uno al mondo, che ringrazia volando al nuovo record di sempre. L’euforia per il cripto-universo alimentata …
Mps-UniCredit e risiko banche: tesoretto di Stato prorogato di altri sei mesi, ma Orcel vorrebbe chiudere ora. Buona notizia anche per Carige
Buona notizia per Mps, così come per Carige. La legge di bilancio 2022, la prima del governo Draghi, si appresta a fare quel regalo alle banche italiane che il Decreto …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1101
    L'avatar di Bubs
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Messaggi
    212
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    80 Post(s)
    Potenza rep
    858995
    Citazione Originariamente Scritto da debe2000 Visualizza Messaggio
    Eus ma la quota Kos detenuta da Cir quanto vale?
    provo a rispondere io…multipli del settore sono oltre 9 volte ebitda

  2. #1102
    L'avatar di Eus
    Data Registrazione
    Aug 2002
    Messaggi
    7,940
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    1488 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Citazione Originariamente Scritto da debe2000 Visualizza Messaggio
    Eus ma la quota Kos detenuta da Cir quanto vale?
    Lo sapremo lunedì, anche perchè hanno venduto Medipass lo scorso anno e la trimestrale non è stata pubblicata.

  3. #1103
    L'avatar di debe2000
    Data Registrazione
    Aug 2001
    Messaggi
    53,574
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    4372 Post(s)
    Potenza rep
    42949693
    CAP 640M

    liquidità 440M
    Sogefi 100M
    Kos 300M Ipotesi

    Fosse così non vedo margini di risalita

  4. #1104

    Data Registrazione
    May 2020
    Messaggi
    74
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    43 Post(s)
    Potenza rep
    850405
    Se fosse stata scarsa il comunciato sarebbe già stato fuori

  5. #1105
    L'avatar di debe2000
    Data Registrazione
    Aug 2001
    Messaggi
    53,574
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    4372 Post(s)
    Potenza rep
    42949693
    il bilancio non può essere scarso

  6. #1106
    L'avatar di lotarone
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    1,423
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    135 Post(s)
    Potenza rep
    31503706

  7. #1107
    L'avatar di lotarone
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    1,423
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    135 Post(s)
    Potenza rep
    31503706
    CIR: risultati primo semestre 2021
    • Ricavi a € 1.007,9 milioni, in aumento del 23,5% rispetto al primo semestre 2020; EBITDA pari a € 172,3 milioni (€ 100,1 milioni nel primo semestre 2020).
    • Risultato netto positivo per € 21,6 milioni (€ -30,4 milioni nel primo semestre 2020); riduzione dell’indebitamento netto consolidato ante IFRS 16 a € 41,4 milioni (€ 100,0 milioni al 31 dicembre 2020).
    • Posizione finanziaria netta della capogruppo positiva per € 405,0 milioni, in aumento rispetto al 31 dicembre 2020 (€ 391,7 milioni).
    Milano, 26 luglio 2021 – Il Consiglio di Amministraz

  8. #1108
    L'avatar di il Mele del CED
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Messaggi
    16,654
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    3298 Post(s)
    Potenza rep
    42520185
    Dati ottimi

    Cosa dite

  9. #1109
    L'avatar di debe2000
    Data Registrazione
    Aug 2001
    Messaggi
    53,574
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    4372 Post(s)
    Potenza rep
    42949693
    Kos per tornare al pre-covid servirà tutto il prossimo esercizio

  10. #1110
    L'avatar di debe2000
    Data Registrazione
    Aug 2001
    Messaggi
    53,574
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    4372 Post(s)
    Potenza rep
    42949693
    CIR: risultati primo semestre 2021
    • Ricavi a € 1.007,9 milioni, in aumento del 23,5% rispetto al primo semestre 2020; EBITDA pari a € 172,3 milioni (€ 100,1 milioni nel primo semestre 2020).
    • Risultato netto positivo per € 21,6 milioni (€ -30,4 milioni nel primo semestre 2020); riduzione dell’indebitamento netto consolidato ante IFRS 16 a € 41,4 milioni (€ 100,0 milioni al 31 dicembre 2020).
    • Posizione finanziaria netta della capogruppo positiva per € 405,0 milioni, in aumento rispetto al 31 dicembre 2020 (€ 391,7 milioni).
    Milano, 26 luglio 2021 – Il Consiglio di Amministrazione di CIR S.p.A., riunitosi oggi sotto la presidenza di Rodolfo De Benedetti, ha approvato la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2021 presentata dall’amministratore delegato Monica Mondardini.
    Risultati consolidati
    Nel primo semestre del 2021 l’attività ha registrato una netta ripresa rispetto al primo semestre 2020, ma non sono ancora stati recuperati i livelli antecedenti la diffusione della pandemia.
    I ricavi consolidati del Gruppo sono ammontati a € 1.007,9 milioni, in aumento del 23,5% rispetto al primo semestre del 2020, nel corso del quale gli effetti della pandemia da Covid-19 erano stati particolarmente significativi per tutte le attività del gruppo. I ricavi sono in linea con quelli del primo semestre 2019 (+0,4%) e in riduzione dell’8,3% a perimetro equivalente.
    Il margine operativo lordo (EBITDA) consolidato è ammontato a € 172,3 milioni (€ 100,1 milioni nel primo semestre del 2020) e rappresenta il 17,1% del fatturato, a fronte del 12,3% nel 2020.
    Il risultato netto è stato positivo per € 21,6 milioni (a fronte di una perdita di € 30,4 milioni nel primo semestre 2020).

    L’indebitamento finanziario netto consolidato al 30 giugno 2021, ante IFRS 16, ammonta a € 41,4 milioni, in riduzione rispetto al 31 dicembre 2020 (€ 100,0 milioni) e al 30 giugno 2020 (€ 285,6 milioni). I debiti finanziari per diritti d’uso, secondo il principio IFRS 16, ammontano a € 802,3 milioni e pertanto l’indebitamento finanziario netto consolidato complessivo ammonta a € 843,7 milioni. I debiti ex IFRS16 riguardano principalmente la controllata KOS (€ 736,4 milioni), che opera avvalendosi di immobili prevalentemente in locazione.
    L’indebitamento netto delle controllate, ante IFRS 16, è diminuito a € 446,4 milioni (€ 491,7 milioni al 31 dicembre 2020 e € 682,8 milioni al 30 giugno 2020).
    La posizione finanziaria netta della Capogruppo (incluse le controllate dedite alla gestione finanziaria), al 30 giugno 2021, è positiva per € 405,0 milioni, in aumento rispetto al 31 dicembre 2020 (€ 391,7 milioni) e al 30 giugno 2020 (€ 397,2 milioni).
    Il patrimonio netto di Gruppo al 30 giugno 2021 era pari a € 801,4 milioni (€ 771,0 milioni al 31 dicembre 2020) e l’incremento è principalmente dovuto all’utile del periodo.
    KOS
    L’attività di KOS è stata fortemente colpita dalle conseguenze della pandemia. Nel corso del primo semestre 2021, la campagna di vaccinazione ha permesso di contrastare i contagi che oggi sono di fatto azzerati nelle strutture per anziani, e di ripristinare le visite dei parenti degli ospiti, nel rispetto dei protocolli di sicurezza. Il clima di maggiore fiducia ha consentito la ripresa degli ingressi e, da maggio, l’incremento del numero totale delle presenze.
    Nel primo semestre 2021, i ricavi sono ammontati a € 325,5 milioni, in crescita del 4,9% rispetto all’analogo periodo del 2020.
    Nelle RSA in Italia i ricavi sono stati significativamente inferiori a quelli registrati nel primo semestre del 2020 e del 2019, in quanto il numero di ospiti del periodo è risultato sensibilmente inferiore a quello registrato negli anni precedenti a causa delle circostanze determinate dalla pandemia nel corso degli ultimi 18 mesi, ovvero il blocco dei nuovi ingressi o il loro forte rallentamento.
    Nelle RSA in Germania l’impatto della pandemia è stato decisamente minore dal punto di vista sanitario e pertanto anche la riduzione del numero degli ospiti è stata meno pronunciata rispetto all’Italia; inoltre, il sostegno pubblico prestato alle RSA ha permesso di contenere l’impatto economico. Il fatturato del semestre è in leggero incremento rispetto a quello del primo semestre 2020.
    Nelle strutture di riabilitazione e per acuti in Italia, ove nel corso del primo semestre del 2020 si era registrata una diminuzione dei pazienti a seguito del rallentamento della normale attività ospedaliera, vi è stato un buon recupero, pur rimanendo al di sotto dei livelli di
    2

    attività del 2019; sono inoltre aumentate le prestazioni di laboratorio e analisi, in particolare KOS ha prodotto il massimo sforzo nelle attività di screening legate al controllo della diffusione della pandemia. I ricavi sono stati superiori a quelli del corrispondente periodo del 2020 e del 2019, grazie anche al contributo delle nuove strutture acquisite nel 2020.
    L’EBIT è stato pari a € 20,9 milioni rispetto a € 13,7 milioni nel 2020. Il risultato del 2021 beneficia di un provento non ricorrente (circa € 12 milioni), corrispondente alla plusvalenza realizzata cedendo alcuni immobili; la redditività ricorrente rimane depressa per le conseguenze della pandemia, in particolare il calo del numero di ospiti nelle RSA, il diverso mix di prestazioni erogate nei centri di riabilitazione e i maggiori costi sostenuti in personale e misure di protezione. Nel corso del primo semestre dell’anno KOS, in collaborazione con i Servizi Sanitari Regionali, ha dedicato sei strutture alla cura dei malati Covid-19, sospendendo l’erogazione delle prestazioni core e sostenendo i costi di adeguamento e riconversione del personale e degli spazi.
    KOS ha registrato un risultato netto del periodo a pareggio (€ 0,4 milioni), a fronte di una perdita di € 2,1 milioni nel primo semestre 2020.
    Il free cash flow è stato positivo per € 15,3 milioni, con un incasso di € 33,2 milioni per la cessione di immobili e investimenti nello sviluppo di nuove strutture per circa € 9,0 milioni.
    L’indebitamento netto, esclusi i debiti derivanti dall’applicazione del principio IFRS 16, ammonta, a fine giugno 2021, a € 185,5 milioni, rispetto a € 200,7 milioni al 31 dicembre 2020 e a € 356,2 milioni a fine giugno 2020, prima della cessione di Medipass. L’indebitamento netto complessivo, inclusi i debiti ex IFRS 16, ammonta a € 921,8 milioni.
    Sogefi
    Nel primo semestre 2021 la produzione mondiale di automobili ha registrato una crescita del 29,2% (+15,5% nel primo trimestre e +48,6% nel secondo trimestre) rispetto al primo semestre 2020, nel corso del quale, come noto, si era verificato un crollo senza precedenti della produzione per effetto della pandemia da Covid-19. Tuttavia, la crescita ha consentito di recuperare solo parzialmente il calo del 2020 e i volumi di produzione rimangono inferiori a quelli precedenti la diffusione della pandemia (-12,6% rispetto al primo semestre del 2019).
    Sogefi ha riportato ricavi in crescita del 34,9% rispetto al primo semestre del 2020; rispetto al primo semestre del 2019, il fatturato si colloca a -9%, a fronte di un -12,6% della produzione di automobili a livello mondiale.
    La ripresa dell’attività e gli interventi attuati per contrastare l’impatto della crisi hanno consentito di chiudere il semestre con un EBIT pari a € 48,9 milioni (€ -12,0 milioni nello stesso periodo del 2020), un utile netto di € 21,4 milioni (a fronte della perdita di € 28,8 milioni del primo semestre 2020), un free cash flow positivo per € 33,1 milioni (negativo per
    3

    € 64,0 milioni nel primo semestre 2020) e un indebitamento netto ante IFRS 16 di € 261,4 milioni, in riduzione rispetto a dicembre e giugno 2020 (€ 291,3 milioni e € 327,0 milioni, rispettivamente).
    Nel corso del semestre l’attività commerciale è stata positiva: la divisione Aria e Raffreddamento ha concluso importanti contratti in Europa, NAFTA e Cina per la fornitura di prodotti di Thermal Management per la mobilità elettrica e la Filtrazione si è aggiudicata un rilevante numero di contratti per la fornitura di Filtri di Purificazione dell'Aria e Filtri di Trasmissione, contribuendo alla diversificazione rispetto alle piattaforme per motori a combustione.
    Sono in corso negoziazioni per la cessione della filiale argentina della Filtrazione. Si prevede che la vendita determini una minusvalenza di € 2,8 milioni, già recepita al 30 giugno 2021 in base al principio IFRS 5, e al momento del perfezionamento della cessione, si registrerebbe un ulteriore effetto nel conto economico negativo per circa € 21,0 milioni, di natura puramente contabile, per la riclassifica delle differenze cambio relative alla controllata dal patrimonio netto al risultato di esercizio e pertanto senza conseguenze sul patrimonio netto di Sogefi.
    Gestione finanziaria
    Con riferimento alla gestione finanziaria, se nel primo semestre 2020 i mercati hanno risentito della pandemia Covid-19, nel corso del primo semestre 2021 è continuata invece la ripresa osservata già dalla metà dell’esercizio precedente per tutte le categorie di asset; sono stati registrati proventi finanziari netti complessivi pari a € 12,4 milioni, con un rendimento sul semestre del 2,6%. In particolare, il rendimento complessivo degli attivi “prontamente liquidabili” (azioni, obbligazioni, hedge funds) si è elevato al 2,5%, mentre la parte restante del portafoglio (Private Equity, Non Performing Loans e partecipazioni di minoranza) ha registrato un rendimento del 2,9%.
    Infine, a maggio 2021, il Consiglio di Amministrazione di CIR S.p.A. ha deliberato di promuovere un’offerta pubblica di acquisto volontaria parziale (di seguito l’“OPA”), ai sensi degli articoli 102 e seguenti del TUF, su massime n. 156.862.745 azioni della stessa CIR S.p.A., pari al 12,282% del capitale sociale, ad un prezzo di € 0,51 per azione, corrispondente ad un controvalore complessivo di € 80,0 milioni. Il periodo di adesione all’OPA si concluderà in data 29 luglio 2021, i risultati preliminari saranno comunicati il giorno seguente e il pagamento agli aderenti avverrà in data 6 agosto 2021.
    Prevedibile evoluzione della gestione
    Tenuto conto della persistente incertezza circa l’evoluzione della pandemia, la visibilità sull’andamento delle attività del Gruppo nei prossimi mesi rimane ridotta.
    4

    Per quanto concerne KOS, in assenza di ulteriori ondate di contagi e di vincoli di accoglienza dei nuovi ospiti (quali necessità di isolamento in struttura) e di gestione delle strutture (quali il blocco delle visite dei parenti), si prevede che l’attività aumenti progressivamente, confermando la tendenza osservata in maggio e giugno; allo stato si ritiene che il ritorno ai livelli di attività precedenti la pandemia richiederà comunque almeno il prossimo esercizio.
    Per quanto concerne il mercato automotive, IHS prevede che la produzione mondiale nel secondo semestre registri un calo contenuto (-3,4%) rispetto al 2020 e che quindi, tenuto conto dell’andamento del primo semestre, si registri una crescita sull’intero esercizio del 10%, attestandosi al -7,8% rispetto al 2019. Per la seconda parte del 2021, si prevede inoltre che continuino le tensioni sui prezzi delle materie prime (acciaio, plastica e carta).
    In tale scenario, Sogefi conferma quanto indicato in occasione della pubblicazione dei risultati del primo trimestre 2021, ossia la previsione di conseguire per l’intero esercizio una redditività operativa almeno pari a quella registrata nel 2019 e di tornare ad un risultato netto positivo, in assenza di circostanze o eventi straordinari allo stato non prevedibili e ante effetti contabili delle dismissioni.
    *****
    Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari Michele Cavigioli dichiara ai sensi del comma 2 articolo 154 bis del Testo Unico della Finanza che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.
    *****
    Indicatori alternativi di performance
    Di seguito viene riportato il significato e il contenuto degli “indicatori alternativi di performance”, non previsti dai principi contabili IFRS, utilizzati nel presente comunicato al fine di consentire una migliore valutazione dell’andamento della gestione economico-finanziaria del gruppo.
    • EBITDA (margine operativo lordo): indicatore della performance operativa calcolato sommando al “risultato operativo” gli “ammortamenti e svalutazioni”;
    • Indebitamento finanziario netto consolidato: indicatore della struttura finanziaria del gruppo; corrisponde alla somma algebrica di crediti finanziari, titoli, altre attività finanziarie e disponibilità liquide e mezzi equivalenti delle attività correnti, di prestiti obbligazionari, altri debiti finanziari e debiti finanziari per diritti d’uso delle passività non correnti, di debiti verso banche, prestiti obbligazionari, altri debiti finanziari e debiti finanziari per diritti d’uso delle passività correnti.
    Si allegano i prospetti di sintesi della situazione patrimoniale e finanziaria e del conto economico consolidati di CIR.

Accedi