Tesmec
Mps, dopo addio UniCredit il piano Mef: aumento capitale, no burden sharing, tagli e ancora M&A. Mentre è rischio stangata da 11 miliardi
Mps, ora che la speranza che venisse salvata dal cavaliere bianco UniCredit si è frantumata in mille pezzi, quale sarà il suo destino? Diverse le indiscrezioni che spuntano dalla rassegna …
Borsa Milano euforica: raffica di titoli del Ftse Mib aggiorna massimi storici, Ferrari e Poste tra questi
Nuovo allungo per Piazza Affari che aggiorna i massimi dal 2008 in scia ai nuovi record toccati ieri da Wall Street. L’indice Ftse Mib si muove in rialzo dello 0,7% …
Tesla fa la storia: +12% e traguardo $1T grazie a scossa Hertz. La rivoluzione auto elettriche sale di livello
Tesla ha superato il valore di mercato di 1 trilione di dollari lunedì dopo aver ottenuto il suo ordine più grande di sempre dalla società di autonoleggio Hertz, un accordo …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Mar 2005
    Messaggi
    11,605
    Blog Entries
    3
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    562 Post(s)
    Potenza rep
    42949689

    Tesmec

    parliameno qui,mi sembra più giusto(non è titolo da sezione mercato italiano visti gli scambi).
    Per adesso mantiene,con fatica la soglia di 0,58-59......sembrerebbe aver trovato un pavimento dopo lo scivolone in fase di debutto con il tragico -20.
    Vediamo se ha la forza per riprendere un po del terreno perduto,per adesso lascia sul campo un altro -2% a 0,58...potrebbe recuperare,come spesso fa,in close......vediamo

  2. #2

    Data Registrazione
    Mar 2005
    Messaggi
    11,605
    Blog Entries
    3
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    562 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    oggi c'è fermento nel book........i volumi non sono malaccio,anche se purtroppo la quotazione scende)......vediamo se gli indici danno una mano.....intanto posto questa preso da un altro 3d.
    Ai prezzi del collocamento Tesmec viene valutata tra le 8,6 volte e le 12,2 volte gli utili realizzati nel 2009. “Stiamo parlando del 2009, l’anno peggiore dell’ultimo periodo”, spiega un analista. Nel primo trimestre di quest’anno il fatturato è salito del 33% rispetto allo stesso periodo del 2009, a 29,3 milioni di euro da 21,3 milioni.

    L’Ebitda è salito a 5,5 milioni da 3,5 milioni (+55%) dello stesso periodo dell’anno scorso e l’utile si è attestato a 2,5 milioni, dagli 1,18 milioni (+114%). Tutti i dati sono in netto miglioramento, dunque valutare il gruppo sui multipli 2009 significa sottovalutarne le aspettative di crescita.



    “Nel primo trimestre gli ordini sono saliti del 50% rispetto allo stesso periodo del 2009”

  3. #3

    Data Registrazione
    Mar 2005
    Messaggi
    11,605
    Blog Entries
    3
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    562 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    oggi ha voglia di salire......+3,5%.

  4. #4
    L'avatar di Scalping Apple
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Messaggi
    221
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    -554833

    Mi fai quasi pena tu ed il titolo....

    quindi ti ammollo sta news che m'è giunta nelle news e di cui non me ne frega nulla:




    ROBERTA PAOLINI
    19 Luglio 2010

    A due settimane dal collocamento non è ancora chiaro perché Piazza Affari stia sottovalutando Tesmec, uno dei leader mondiali nella tesatura (17 per cento quota di mercato) e lo scavo di pipeline (16 per cento di quota di mercato).



    L’unica evidenza è che il mercato finora ha bocciato clamorosamente l’unica Ipo di Piazza Affari. Tesmec è una small cap del settore servizi industriali, quotandola a sconto del 15% dal prezzo di offerta. L’azienda, che fa capo alla famiglia Caccia Dominioni, ha un business spaccato in due divisioni: una progetta, produce e commercializza macchine e sistemi integrati per la tesatura di reti elettriche, cavi in fibra ottica; l’altra realizza macchine trencher cingolate ad alta potenza per lo scavo di pipeline interrati o per opere di sbancamento. Tesmec è, sulla carta, la tipica azienda meccanica del made in Italy, con una storia di successo da manuale: forte attenzione alla ricerca e sviluppo, flessibilità della produzione, approccio globale e ampia esposizione sui mercati esteri, posizionamento in nicchie con prospettive di crescita importanti.

    È arrivata in Borsa con tutti i presupposti per fare bene. Un unico advisor, Mediobanca, e fondamentali buoni: un prezzo dell’azione pari a 8,6 volte gli utili e un valore della società pari a 6,96 volte l’ebidta. Unico neo: il rapporto tra indebitamento netto e patrimonio netto, che sulla base dei risultati di fine marzo, si attesta a 2,2.

    L'offerta globale di azioni ordinarie Tesmec, realizzata con un aumento di capitale e con la cessione della quota (40%) di pertinenza dell’azionista Gianluca Vacchi con la 3t Finanziaria (che post esercizio della green shoe scenderà al 2,5%) era terminata a 1,15 volte l’offerta. Oltre il 97% era stata coperta da investitori istituzionali.

    Con una domanda del genere si decide di fissare il prezzo di offerta a 70 centesimi, anche se alcuni analisti finanziari avevano individuato il fair value nella fascia alta della forchetta, attorno ai 90 centesimi.

    Il primo giorno di quotazione, l’1 luglio, al cospetto di quella che poi si tradurrà in una correzione violenta (a "V") dei listini (Ftse Mib e Fyse All Share toccano entrambi il secondo minimo annuo) Tesmec precipita del 20%.

    Ma mentre entrambi gli indici nelle settimane successive recuperano i livelli prestorno, il titolo non segue lo stesso andamento, decorrelandosi totalmente dal trend generale. E mantenendosi sempre al di sotto dei livelli di offerta a 70 centesimi.

    «Quando un’Initial pricing offering va così male o il pricing è sbagliato, oppure semplicemente questo non era il momento giusto» commenta un operatore di Borsa. «Il fatto è continua il trader che storie come queste dimostrano un insuccesso del mercato. Perché se sottovaluti così un titolo rischi che aziende di questa natura, small cap con buone prospettive, si allontanino dalla Borsa».

    Secondo un altro analista «oggi Tesmec è un titolo cheap ed è interessante, ma con questo mercato bloccare una tale discesa in fase di quotazione non era possibile. Forse si poteva aspettare, ma c’era un azionista (Gianluca Vacchi, ndr) determinato ad uscire».

    Ambrogio Caccia Dominioni, presidente e ad del Gruppo con base a Bergamo, ora che il "trauma" postcollocamento è passato, si dice tranquillo: «Per Tesmec era importante raggiungere questo obiettivo: eravamo pronti col processo di quotazione e volevamo entrare. L’operazione ci ha dato una grande visibilità, anche superiore a quello che ci aspettavamo. Non credo che attendendo il contesto più favorevole di Borsa sarebbe cambiato molto». E aggiunge: «Il mercato oggi non è preparato a sostenere progetti nuovi, è un momento complicato e poco recettivo a nuove proposte». Eppure il modello di business, prosegue l’ad era stato apprezzato molto in fase di road show. «Per noi essere entrati in questo momento è già un valore. Adesso dobbiamo solo dimostrare quanto valiamo. La comunità finanziaria attende i dati».
    Le prospettive delineate da Mediobanca in una recente analisi dicono che il mol crescerà del 40% nel 2010, mentre le vendite dovrebbero seguire una dinamica di crescita media annua del 12,7% nel triennio 20102012, fino a toccare quota 149 milioni di euro. Anche l’utile netto dovrebbe marciare dell’11,9% medio annuo, raggiungendo secondo le stime i 12,8 milioni di euro nel 2012.


    http://www.repubblica.it/supplementi...027tesmec.html

  5. #5

    Data Registrazione
    Mar 2005
    Messaggi
    11,605
    Blog Entries
    3
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    562 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da Scalping Apple Visualizza Messaggio
    quindi ti ammollo sta news che m'è giunta nelle news e di cui non me ne frega nulla:




    ROBERTA PAOLINI
    19 Luglio 2010

    A due settimane dal collocamento non è ancora chiaro perché Piazza Affari stia sottovalutando Tesmec, uno dei leader mondiali nella tesatura (17 per cento quota di mercato) e lo scavo di pipeline (16 per cento di quota di mercato).



    L’unica evidenza è che il mercato finora ha bocciato clamorosamente l’unica Ipo di Piazza Affari. Tesmec è una small cap del settore servizi industriali, quotandola a sconto del 15% dal prezzo di offerta. L’azienda, che fa capo alla famiglia Caccia Dominioni, ha un business spaccato in due divisioni: una progetta, produce e commercializza macchine e sistemi integrati per la tesatura di reti elettriche, cavi in fibra ottica; l’altra realizza macchine trencher cingolate ad alta potenza per lo scavo di pipeline interrati o per opere di sbancamento. Tesmec è, sulla carta, la tipica azienda meccanica del made in Italy, con una storia di successo da manuale: forte attenzione alla ricerca e sviluppo, flessibilità della produzione, approccio globale e ampia esposizione sui mercati esteri, posizionamento in nicchie con prospettive di crescita importanti.

    È arrivata in Borsa con tutti i presupposti per fare bene. Un unico advisor, Mediobanca, e fondamentali buoni: un prezzo dell’azione pari a 8,6 volte gli utili e un valore della società pari a 6,96 volte l’ebidta. Unico neo: il rapporto tra indebitamento netto e patrimonio netto, che sulla base dei risultati di fine marzo, si attesta a 2,2.

    L'offerta globale di azioni ordinarie Tesmec, realizzata con un aumento di capitale e con la cessione della quota (40%) di pertinenza dell’azionista Gianluca Vacchi con la 3t Finanziaria (che post esercizio della green shoe scenderà al 2,5%) era terminata a 1,15 volte l’offerta. Oltre il 97% era stata coperta da investitori istituzionali.

    Con una domanda del genere si decide di fissare il prezzo di offerta a 70 centesimi, anche se alcuni analisti finanziari avevano individuato il fair value nella fascia alta della forchetta, attorno ai 90 centesimi.

    Il primo giorno di quotazione, l’1 luglio, al cospetto di quella che poi si tradurrà in una correzione violenta (a "V") dei listini (Ftse Mib e Fyse All Share toccano entrambi il secondo minimo annuo) Tesmec precipita del 20%.

    Ma mentre entrambi gli indici nelle settimane successive recuperano i livelli prestorno, il titolo non segue lo stesso andamento, decorrelandosi totalmente dal trend generale. E mantenendosi sempre al di sotto dei livelli di offerta a 70 centesimi.

    «Quando un’Initial pricing offering va così male o il pricing è sbagliato, oppure semplicemente questo non era il momento giusto» commenta un operatore di Borsa. «Il fatto è continua il trader che storie come queste dimostrano un insuccesso del mercato. Perché se sottovaluti così un titolo rischi che aziende di questa natura, small cap con buone prospettive, si allontanino dalla Borsa».

    Secondo un altro analista «oggi Tesmec è un titolo cheap ed è interessante, ma con questo mercato bloccare una tale discesa in fase di quotazione non era possibile. Forse si poteva aspettare, ma c’era un azionista (Gianluca Vacchi, ndr) determinato ad uscire».

    Ambrogio Caccia Dominioni, presidente e ad del Gruppo con base a Bergamo, ora che il "trauma" postcollocamento è passato, si dice tranquillo: «Per Tesmec era importante raggiungere questo obiettivo: eravamo pronti col processo di quotazione e volevamo entrare. L’operazione ci ha dato una grande visibilità, anche superiore a quello che ci aspettavamo. Non credo che attendendo il contesto più favorevole di Borsa sarebbe cambiato molto». E aggiunge: «Il mercato oggi non è preparato a sostenere progetti nuovi, è un momento complicato e poco recettivo a nuove proposte». Eppure il modello di business, prosegue l’ad era stato apprezzato molto in fase di road show. «Per noi essere entrati in questo momento è già un valore. Adesso dobbiamo solo dimostrare quanto valiamo. La comunità finanziaria attende i dati».
    Le prospettive delineate da Mediobanca in una recente analisi dicono che il mol crescerà del 40% nel 2010, mentre le vendite dovrebbero seguire una dinamica di crescita media annua del 12,7% nel triennio 20102012, fino a toccare quota 149 milioni di euro. Anche l’utile netto dovrebbe marciare dell’11,9% medio annuo, raggiungendo secondo le stime i 12,8 milioni di euro nel 2012.


    http://www.repubblica.it/supplementi...027tesmec.html
    ma chi ti ha chiesto nulla!
    modera il linguaggio,pivellino,non rompere e vattene a giocare al monopoli!

  6. #6
    L'avatar di maumal
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    2,482
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    55 Post(s)
    Potenza rep
    33816134
    up... la seguo

  7. #7

    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    9,868
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    stare alla larga il settore testure linee è fermo e saturo ..ci ho lavorato parecchio e ci sono stato in tesmec
    azione da scalping e basta

  8. #8

    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    8,514
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    2314 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Mi pare sottovalutata

  9. #9
    L'avatar di Scalping Apple
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Messaggi
    221
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    -554833

    tesmec: appena trovo posto le news

    Citazione Originariamente Scritto da [email protected] Visualizza Messaggio
    ma chi ti ha chiesto nulla!
    modera il linguaggio,pivellino,non rompere e vattene a giocare al monopoli!
    che ne hanno determinato il crollo secondo me...ma basta cercare cosa ci han fatto coi soldi dell'ipo e cosa faranno....

    ah Matrix? intanto comprati i pampers

  10. #10

    Data Registrazione
    Mar 2005
    Messaggi
    11,605
    Blog Entries
    3
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    562 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da Scalping Apple Visualizza Messaggio
    che ne hanno determinato il crollo secondo me...ma basta cercare cosa ci han fatto coi soldi dell'ipo e cosa faranno....

    ah Matrix? intanto comprati i pampers
    premetto che perdo il 3% non avendo aderito all'IPO ma essendo entrato successivamente,non capisco perchè sei così agguerrito nei confronti di un titolo che presumibilmente,non hai in ptf.
    Non ritengo di aver invogliato all'acquisto scrivendo che stava salendo,in quanto mi sono limitato a constatare un fatto,ed anche adesso con indici a -2 il titolo sale di un 2,5%,prima saliva quasi del 4.....
    p.s. siamo su un forum di finanza,ci interessa guadagnare o,cmq provare a farlo non avere battibecchi inutili con altri utenti.....cortesemente usa un linguaggio più consono.

Accedi