Sembra l’elenco dei morti sulla pagina dei giornali.
Una prece