Bet Agent (o Bet Broker) - Pagina 54
Hacker in azione, attacco a crypto.com e furto di Ether per 15 mln $. Ecco cosa è successo
Il tema della sicurezza continua a tormentare il mondo cripto. A turno realtà quali Coinbase, Binance e Kraken hanno avuto a che fare con disservizi e interruzioni delle loro piattaforme …
Fed sotto assedio su inflazione, Bill Ackman: ‘adotti una strategia shock and awe’. Dimon (JP Morgan): necessari fino a sette rialzi dei tassi
La Fed deve ricorrere alla strategia ‘shock and awe’, ovvero deve ‘scioccare e terrorizzare’ i mercati finanziari al fine di “ripristinare la propria credibilità”,chiedendosi se davvero quattro strette monetarie, nel …
Imprese, in Italia cybersicurity e stop attività percepiti come rischi principali nel 2022
In Italia, i rischi Informatici e l'Interruzione di attività si posizionano, per il secondo anno consecutivo, al primo e al secondo posto nella classifica dei primi 10 rischi. Le Catastrofi naturali …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #531

    Data Registrazione
    Oct 2017
    Messaggi
    103
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    84 Post(s)
    Potenza rep
    5
    Citazione Originariamente Scritto da Camma236 Visualizza Messaggio
    Sembrano proprio spingere tutti in direzione crypto. Magari se qualcuno più esperto ci spiega a livello normativo / di tassazione come funziona ci farebbe una cortesia. Anche io sotto quell'aspetto sono molto poco informato.

    Con bonifico direttamente da broker dovrebbe essere assodato che è meglio evitare. Ma passando per un exchange di criptovalute cosa cambia? Si va incontro ad altri obblighi dichiarativi?
    Citazione Originariamente Scritto da Camma236 Visualizza Messaggio
    Sembrano proprio spingere tutti in direzione crypto. Magari se qualcuno più esperto ci spiega a livello normativo / di tassazione come funziona ci farebbe una cortesia. Anche io sotto quell'aspetto sono molto poco informato.

    Con bonifico direttamente da broker dovrebbe essere assodato che è meglio evitare. Ma passando per un exchange di criptovalute cosa cambia? Si va incontro ad altri obblighi dichiarativi?
    Premesso che tutte le crypto sono assimilate alle valute estere (lo dice l'ADE), gli scenari che si aprirebbero in termini di dichiarazione/tassazione sono diversi. L'agenzia delle entrate si è già espressa in tema crypto è ha affermato che queste dovrebbero essere sottoposte al monitoraggio fiscale in quanto potenziali produttrici di redditi futuri sui quali bisognerebbe poi pagarci le tasse. La tassazione sulle plusvalenze generate dalla compravendita di crypto è del 26%. Esempio: compro 60 mila euro di Bitcoin e rivendo a 100 mila euro pago il 26% di tasse sulle 40 mila euro di plusvalenza (10.400 euro di tasse). Ora ci sono alcuni punti da chiarire:
    1) Nella frase "dovrebbero essere sottoposte al monitoraggio fiscale...." ho utilizzato il condizionale in quanto molti tributaristi sono d'accordo sul fatto che se io tali crypto dovessi custodirle privatamente, per esempio trasferendole immediatamente dall'exchange ad un hardware wallet (Ledger, Trezor, ecc) questo non viene considerato possesso di valuta estera all'estero e quindi non dovreste dichiarare nulla. Al contrario, dovessi tenere le crypto ferme all'interno dell'exchange presso il quale le ho acquistate è come se avessi dei dollari (valuta estera) all'interno di un conto all'estero (gli exchange di solito hanno residenza estera) e quindi dovrei fare la dichiarazione.
    2) Le tasse non sempre vanno pagate sull'eventuale plusvalenza generata dalla compravendita ma solo nel caso in cui durante l'anno e per almeno 7 giorni lavorativi consecutivi posseggo un controvalore in euro di crypto superiore a 51.645,69 euro (dopo 7 giorni è considerata speculazione e quindi si pagano le tasse nel caso in cui dovessi generare una plusvalenza dopo la vendita).

    Esempio 1: compro 20.000 euro di BTC il giorno 01/12/2021 e rivendo a 25.000 euro il giorno 20/12/2021. In questo caso non pago tasse sulle 5.000 euro di plusvalenza in quanto sebbene siano passati più di 7 giorni dall'acquisto dei BTC sono comunque rimasto sotto la soglia dei 51.645,69 euro.
    Esempio 2: compro 60.000 euro di BTC il giorno 01/12/2021 e rivendo a 100.000 euro il giorno 05/12/2021. Anche in questo caso non pago tasse sulle 40.000 euro di plusvalenza in quanto sebbene abbia sforato i 51.645,69 euro non ho tenuto i BTC per più di 7 giorni consecutivi.
    Esempio 3: compro 60.000 euro di BTC il giorno 01/12/2021 e rivendo a 100.000 euro il giorno 20/12/2021. In questo caso pago le tasse sulla plusvalenza in quanto ho sforato i 51.645,69 euro e ho posseduto i BTC per più di 7 giorni lavorativi consecutivi.
    Esempio 4: compro 20.000 euro di BTC il giorno 01/01/2022. Mettiamo il caso che il prezzo del BTC rimanga stabile e io continuo ad avere circa 20.000 euro di controvalore fino al 10/01/2022. Da questo giorno in poi il prezzo del BTC inizia a salire vertiginosamente finché ad un certo punto dal giorno 20/01/2022 al giorno 05/02/2022 io mi ritrovo per più di 7 giorni consecutivi in possesso di un controvalore in euro di BTC pari a 60.000 euro. A questo punto dal 05/02/2022 al 20/02/2022 il prezzo del BTC crolla di nuovo e mi ritrovo in tale giorno un controvalore in euro di BTC pari a 30.000 euro. Questo stesso giorno decido di vendere. In questo caso dobbiamo fare attenzione ai cambiamenti di prezzo del BTC e quindi all'andamento del nostro investimento. Dato che dal 20/01/2022 al 05/02/2022 ho posseduto per più di 7 giorni consecutivi un controvalore in euro di BTC superiore alle 51.645,69 euro dovrò pagare le tasse sulle 10.000 euro di plusvalenza. 30.000 euro (acquisto) - 20.000 euro (vendita) = 10.000 euro di plusvalenza, ovvero 2.600 euro di tasse.
    Nel caso di un eventuale accertamento da parte dell'ADE il tutto deve essere documentato e quindi bisognerebbe conservare le ricevute di acquisto di BTC sull'exchange e documenti che dimostrino il costo storico del BTC in modo tale da calcolare la giacenza media.

    Ora passiamo al betting con le crypto:
    Mettiamo il caso che il giorno 01/01/2022 acquisti 100.000 euro di BTC da Kraken e che non appena effettuato l'acquisto decida immediatamente di trasferire i miei BTC all'interno del mio hardware wallet. Apro un conto Betinasia e decido di depositare in BTC. Deposito tutti i miei 100.000 euro in BTC. Ora mettiamo il caso che in soli due giorni riesca a fare profitti fino a ritrovarmi nel conto 500.000 euro di controvalore in BTC. Decido di prelevare tutti i miei BTC sull'hardware wallet. Dal momento che i miei BTC sono sull'hardware wallet nessuno sa che li posseggo (compresa l'ADE). Dopo 3 anni decido di vendere i miei BTC trasferendoli dall'hardware wallet a Kraken e successivamente prelevo gli euro tramite bonifico.
    Ora, tornando al punto 1 sappiamo che dato che per questi anni ho posseduto i BTC privatamente (li ho passati subito all'hardware wallet al momento dell'acquisto e li ho tenuti solo due giorni su Betinasia ritrasferendoli di nuovo sul wallet dopo aver fatto profitto con il betting) non ero tenuto a fare la dichiarazione dei redditi.
    L'ADE ci dice: "hai ragione, non eri tenuto a fare la dichiarazione, sono sicuro che pagherai la tasse ma ora che ti ritrovi 500.000 euro in banca spiegaci come hai fatto ad ottenerli".
    Come fate a spiegare il tutto? Ci sarebbero parecchie incongruenze. Verrebbe fuori l'illecito commesso riguardante il gioco su una piattaforma sprovvista di licenza italiana, senza considerare il fatto che se doveste detenere BTC su Betinasia per più di 7 giorni consecutivi (possesso di valuta estera all'estero) e non dichiarate avreste commesso un doppio illecito.

  2. #532

    Data Registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    224
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    163 Post(s)
    Potenza rep
    1717990
    Citazione Originariamente Scritto da mryouknowme Visualizza Messaggio
    Premesso che tutte le crypto sono assimilate alle valute estere (lo dice l'ADE), gli scenari che si aprirebbero in termini di dichiarazione/tassazione sono diversi. L'agenzia delle entrate si è già espressa in tema crypto è ha affermato che queste dovrebbero essere sottoposte al monitoraggio fiscale in quanto potenziali produttrici di redditi futuri sui quali bisognerebbe poi pagarci le tasse. La tassazione sulle plusvalenze generate dalla compravendita di crypto è del 26%. Esempio: compro 60 mila euro di Bitcoin e rivendo a 100 mila euro pago il 26% di tasse sulle 40 mila euro di plusvalenza (10.400 euro di tasse). Ora ci sono alcuni punti da chiarire:
    1) Nella frase "dovrebbero essere sottoposte al monitoraggio fiscale...." ho utilizzato il condizionale in quanto molti tributaristi sono d'accordo sul fatto che se io tali crypto dovessi custodirle privatamente, per esempio trasferendole immediatamente dall'exchange ad un hardware wallet (Ledger, Trezor, ecc) questo non viene considerato possesso di valuta estera all'estero e quindi non dovreste dichiarare nulla. Al contrario, dovessi tenere le crypto ferme all'interno dell'exchange presso il quale le ho acquistate è come se avessi dei dollari (valuta estera) all'interno di un conto all'estero (gli exchange di solito hanno residenza estera) e quindi dovrei fare la dichiarazione.
    2) Le tasse non sempre vanno pagate sull'eventuale plusvalenza generata dalla compravendita ma solo nel caso in cui durante l'anno e per almeno 7 giorni lavorativi consecutivi posseggo un controvalore in euro di crypto superiore a 51.645,69 euro (dopo 7 giorni è considerata speculazione e quindi si pagano le tasse nel caso in cui dovessi generare una plusvalenza dopo la vendita).

    Esempio 1: compro 20.000 euro di BTC il giorno 01/12/2021 e rivendo a 25.000 euro il giorno 20/12/2021. In questo caso non pago tasse sulle 5.000 euro di plusvalenza in quanto sebbene siano passati più di 7 giorni dall'acquisto dei BTC sono comunque rimasto sotto la soglia dei 51.645,69 euro.
    Esempio 2: compro 60.000 euro di BTC il giorno 01/12/2021 e rivendo a 100.000 euro il giorno 05/12/2021. Anche in questo caso non pago tasse sulle 40.000 euro di plusvalenza in quanto sebbene abbia sforato i 51.645,69 euro non ho tenuto i BTC per più di 7 giorni consecutivi.
    Esempio 3: compro 60.000 euro di BTC il giorno 01/12/2021 e rivendo a 100.000 euro il giorno 20/12/2021. In questo caso pago le tasse sulla plusvalenza in quanto ho sforato i 51.645,69 euro e ho posseduto i BTC per più di 7 giorni lavorativi consecutivi.
    Esempio 4: compro 20.000 euro di BTC il giorno 01/01/2022. Mettiamo il caso che il prezzo del BTC rimanga stabile e io continuo ad avere circa 20.000 euro di controvalore fino al 10/01/2022. Da questo giorno in poi il prezzo del BTC inizia a salire vertiginosamente finché ad un certo punto dal giorno 20/01/2022 al giorno 05/02/2022 io mi ritrovo per più di 7 giorni consecutivi in possesso di un controvalore in euro di BTC pari a 60.000 euro. A questo punto dal 05/02/2022 al 20/02/2022 il prezzo del BTC crolla di nuovo e mi ritrovo in tale giorno un controvalore in euro di BTC pari a 30.000 euro. Questo stesso giorno decido di vendere. In questo caso dobbiamo fare attenzione ai cambiamenti di prezzo del BTC e quindi all'andamento del nostro investimento. Dato che dal 20/01/2022 al 05/02/2022 ho posseduto per più di 7 giorni consecutivi un controvalore in euro di BTC superiore alle 51.645,69 euro dovrò pagare le tasse sulle 10.000 euro di plusvalenza. 30.000 euro (acquisto) - 20.000 euro (vendita) = 10.000 euro di plusvalenza, ovvero 2.600 euro di tasse.
    Nel caso di un eventuale accertamento da parte dell'ADE il tutto deve essere documentato e quindi bisognerebbe conservare le ricevute di acquisto di BTC sull'exchange e documenti che dimostrino il costo storico del BTC in modo tale da calcolare la giacenza media.

    Ora passiamo al betting con le crypto:
    Mettiamo il caso che il giorno 01/01/2022 acquisti 100.000 euro di BTC da Kraken e che non appena effettuato l'acquisto decida immediatamente di trasferire i miei BTC all'interno del mio hardware wallet. Apro un conto Betinasia e decido di depositare in BTC. Deposito tutti i miei 100.000 euro in BTC. Ora mettiamo il caso che in soli due giorni riesca a fare profitti fino a ritrovarmi nel conto 500.000 euro di controvalore in BTC. Decido di prelevare tutti i miei BTC sull'hardware wallet. Dal momento che i miei BTC sono sull'hardware wallet nessuno sa che li posseggo (compresa l'ADE). Dopo 3 anni decido di vendere i miei BTC trasferendoli dall'hardware wallet a Kraken e successivamente prelevo gli euro tramite bonifico.
    Ora, tornando al punto 1 sappiamo che dato che per questi anni ho posseduto i BTC privatamente (li ho passati subito all'hardware wallet al momento dell'acquisto e li ho tenuti solo due giorni su Betinasia ritrasferendoli di nuovo sul wallet dopo aver fatto profitto con il betting) non ero tenuto a fare la dichiarazione dei redditi.
    L'ADE ci dice: "hai ragione, non eri tenuto a fare la dichiarazione, sono sicuro che pagherai la tasse ma ora che ti ritrovi 500.000 euro in banca spiegaci come hai fatto ad ottenerli".
    Come fate a spiegare il tutto? Ci sarebbero parecchie incongruenze. Verrebbe fuori l'illecito commesso riguardante il gioco su una piattaforma sprovvista di licenza italiana, senza considerare il fatto che se doveste detenere BTC su Betinasia per più di 7 giorni consecutivi (possesso di valuta estera all'estero) e non dichiarate avreste commesso un doppio illecito.
    Ciao mr, ottima analisi. Non mi era arrivata la notifica e mi era sfuggita.
    Allora, mi trovo col tuo ragionamento quasi su tutto, compresi dubbi e perplessità.
    Un solo appunto, che non so quanto incida su tutto il ragionamento: sul broker (il Betinasia di turno) non detieni BTC ma loro te li scambiano ed accreditano immediatamente in Euro, quindi in linea teorica non equivarrebbe a detenere 100k in BTC su un exchange (Kraken).

    In riferimento soprattutto all'ultima parte: ecco, i tuoi dubbi coincidono con i miei. Come si fa a rendere regolare questa situazione finale? Pagarci un doppio 26% sia per la plusvalenza da crypto che per la vincita all'estero mi sembra altrettanto fuori da ogni logica. In ogni caso, non riesco venirne a capo.

    Se magari si unissero alla discussione anche gli altri utenti abbastanza esperti che commentavano mesi fa, forse riusciremmo a capirci qualcosa in più

  3. #533

    Data Registrazione
    Oct 2017
    Messaggi
    103
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    84 Post(s)
    Potenza rep
    5
    Citazione Originariamente Scritto da Camma236 Visualizza Messaggio
    Ciao mr, ottima analisi. Non mi era arrivata la notifica e mi era sfuggita.
    Allora, mi trovo col tuo ragionamento quasi su tutto, compresi dubbi e perplessità.
    Un solo appunto, che non so quanto incida su tutto il ragionamento: sul broker (il Betinasia di turno) non detieni BTC ma loro te li scambiano ed accreditano immediatamente in Euro, quindi in linea teorica non equivarrebbe a detenere 100k in BTC su un exchange (Kraken).

    In riferimento soprattutto all'ultima parte: ecco, i tuoi dubbi coincidono con i miei. Come si fa a rendere regolare questa situazione finale? Pagarci un doppio 26% sia per la plusvalenza da crypto che per la vincita all'estero mi sembra altrettanto fuori da ogni logica. In ogni caso, non riesco venirne a capo.

    Se magari si unissero alla discussione anche gli altri utenti abbastanza esperti che commentavano mesi fa, forse riusciremmo a capirci qualcosa in più
    Ciao Camma, scusa se rispondo ora, non avevo visto l'ultimo messaggio della discussione. Comunque è vero, in teoria Betinasia converte le crypto in euro non appena viene fatto il deposito. Ho fatto confusione con altri bookies stile Stake.com dove effettivamente si scommette in BTC e non avviene nessuna conversione (viene mostrato solo il controvalore in euro nella betting slip come pura informazione in più).
    Il fulcro del discorso tuttavia è come far quadrare i conti una volta convertiti i BTC generati dalle vincite. Se qualcun altro ha già avuto esperienze in merito alla questione ci illumini!

Accedi