Buoni Ordinari Comunali - Quanti comuni italiani rischiano il default?
I camion ibridi di Nikola riattivano il turbo (+34%), novità in arrivo. Questa volta CNH non si accoda al rally
Il titolo Nikola torna alla ribalta. La startup dei camion elettrici e a idrogeno, partecipata al 7,11% dall’italiana CNH, ha chiuso ieri le contrattazioni con un balzo di oltre il …
‘Acquistate ciò che conoscete’. E così quasi la metà del portafoglio di Buffett punta su Apple
“La diversificazione protegge dall’ignoranza. Ha dunque poco senso (diversificare) se sai quello che stai facendo”. E lui, sicuramente, è tra gli investitori che più di tutti hanno sempre saputo quello …
Crowdfunding immobiliare: Recrowd agevola la diversificazione con la sezione Alternative Asset Allocation
Recrowd, piattaforma di lending Crowdfunding, propone un nuovo prodotto volto a permettere di diversificare al meglio l’investimento immobiliare. La novità scaturisce dall’accordo sottoscritto con LGV Srl, società appartenente al Gruppo JTD …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di chojin
    Data Registrazione
    Feb 2004
    Messaggi
    307
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1 Post(s)
    Potenza rep
    1272690

    Buoni Ordinari Comunali - Quanti comuni italiani rischiano il default?

    http://www.corriere.it/cronache/08_s...4f02aabc.shtml

    Il primo sembra essere Catania, ma molti altri comuni sono in condizioni simili per varie ragioni..
    ad esempio per pessima gestione, incauto acquisto di prodotti derivati... etc etc

    quanti e quali comuni sono in condizioni simili?

    quali sono i comuni che hanno emesso I Buoni Ordinari Comunali?

    I BOC sono garantiti dalla regione o dallo stato?

  2. #2
    L'avatar di kevinZantrax
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Messaggi
    15
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da chojin Visualizza Messaggio
    http://www.corriere.it/cronache/08_s...4f02aabc.shtml

    Il primo sembra essere Catania, ma molti altri comuni sono in condizioni simili per varie ragioni..
    ad esempio per pessima gestione, incauto acquisto di prodotti derivati... etc etc

    quanti e quali comuni sono in condizioni simili?

    quali sono i comuni che hanno emesso I Buoni Ordinari Comunali?

    I BOC sono garantiti dalla regione o dallo stato?
    ho fatto una veloce ricerca con google, non pensavo che i boc fossero cos diffusi..


    avere un Boc equivale ad avere un titolo dello stato italiano?
    Immagini Allegate Immagini Allegate Buoni Ordinari Comunali - Quanti comuni italiani rischiano il default?-immagine.jpg 

  3. #3
    L'avatar di cricket72
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    12,122
    Mentioned
    29 Post(s)
    Quoted
    266 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    ho trovato qualcosa online anche se forse non è molto aggiornato


    I Buoni ordinari comunali (BOC)
    L’art.35 della legge n.724/1994 (legge finanziari 1995) ha sancito la nascita dei Buoni ordinari comunali, prevedendo che il Ministro del Tesoro determinasse le caratteristiche con apposito regolamento da emanarsi entro il 30 giugno 1995. Le norme attuattive per le emissioni dei prestiti obbligazionari degli enti locali sono state invece emanate con sette mesi di ritardo, difatti il Ministro del Tesoro Dini ha firmato ed emanato il testo del regolamento per l’emissione il 29 gennaio 1996. L’art.35 non fa alcun riferimento alle emissioni in valuta quindi il Tesoro ha richiesto il parere del Consiglio di Stato in merito a ciò; pertanto l’attuale regolamento fissa solo le disposizioni relative all’emissione di prestiti obbligazionari sul mercato interno in lire.
    Il termine BOC è un acronimo di origine giornalistica che sta per Buoni ordinari comunali; si tratta, in realtà, di titoli obbligazionari che possono essere emessi da tutti gli enti territoriali (regioni, province, comuni, unioni di comunità). Il regolamento emanato recentemente si applica agli enti locali che svolgono attività economica e imprenditoriale: si escludono quindi le regioni. I BOC sono destinati al finanziamento di investimenti che gli enti locali devono documentare nella delibera di emissione del prestito. E’ espressamente vietato utilizzare tali risorse per spese di parte corrente.
    Inoltre ci sono due vincoli all’emissione. Il primo riguarda lo stato di salute finanziaria dell’ente emittente: gli enti locali per potere emettere prestiti obbligazionari non devono trovarsi in condizioni di dissesto o in quella situazione strutturalmente deficitaria definita nell’art. 45 del decreto legislativo n.504/1992. Il secondo stabilisce che il prestito obbligazionario deve essere pari all’ammontare del valore del progetto esecutivo dell’opera a cui fa riferimento. Più in particolare la norma precisa che gli investimenti ai quali è finalizzato il prestito devono avere un valore attuale almeno pari all’ammontare del prestito.
    Il collocamento può avvenire tramite il canale privato "a fermo", o mediante "offerta al pubblico". I Buoni ordinari comunali possono essere emessi a tasso fisso o variabile, ma il loro rendimento effettivo al lordo d’imposta non deve essere superiore di un punto percentuale ai titoli di stato di pari durata o, in mancanza, con vita residua più vicina.
    L’art. 35 della legge n.724/1994 vieta espressamente ogni forma di garanzia a carico dello stato, in altre parole lo stato non fornirà garanzie alle emissioni di questi titoli. Inoltre per le emissioni disposte dagli enti locali minori è vietata anche ogni forma di garanzia a carico delle regioni. Per il rimborso è previsto che l’ente emittente rilasci al proprio tesoriere delle delegazioni di pagamento affinché parte delle entrate siano destinate a tale scopo.
    Gli enti locali non saranno sottoposti a controlli speciali da parte della Consob e della Banca d’Italia, saranno trattati come ogni altro ente emittente. L’emissione dei Buoni ordinari deve essere autorizzata dalla Banca d’Italia con un benestare preventivo; la Banca d’Italia bloccherà i BOC solo nel caso in cui la loro emissione possa destabilizzare il mercato e incidere negativamente sulla politica monetaria. La Banca d’Italia non valuta la solidità finanziaria dei comuni emittenti.
    La Consob invece deve controllare la veridicità e la trasparenza delle informazioni contenute nel prospetto informativo relativo all’offerta al pubblico dei titoli.
    Sicuramente la possibilità concessa agli enti locali di emettere questi titoli obbligazionari apre una strada all’autonomia degli enti locali, però non amplia la loro capacità di indebitamento. I BOC sono una forma alternativa (e non aggiuntiva) di indebitamento. Ai sensi dell’art.35 gli interessi sui prestiti obbligazionari concorrono a tutti gli effetti alla determinazione del limite di indebitamento stabilito dalla normativa vigente.

  4. #4

    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    905
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    7326871
    io ho sentito anche taranto è quasi sull'orlo.

  5. #5
    L'avatar di pippetto
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    4,829
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    5 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da kevinZantrax Visualizza Messaggio
    ho fatto una veloce ricerca con google, non pensavo che i boc fossero cos diffusi..


    avere un Boc equivale ad avere un titolo dello stato italiano?
    avere un boc equivale ad avere un credito presso il comune che lo ha emesso

    se il comune è kaput il titolo è kaput

  6. #6
    L'avatar di chojin
    Data Registrazione
    Feb 2004
    Messaggi
    307
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1 Post(s)
    Potenza rep
    1272690
    Citazione Originariamente Scritto da pippetto Visualizza Messaggio
    avere un boc equivale ad avere un credito presso il comune che lo ha emesso

    se il comune è kaput il titolo è kaput


    sembra che molti comuni del abbiamo emesso un grande quantita di BOC

    "I buoni obbligazionari comunali costituiscono uno strumento innovativo di finanza per gli Enti Locali e si configurano giuridicamente come un prestito obbligazionario; uno strumento di finanziamento utilizzabile in alternativa o in accompagnamento a mutui della cassa depositi e prestiti o a finanziamenti bancari. I vantaggi maggiori sono riconducibili ad una riduzione del costo della raccolta rispetto alla Cassa Depositi e Prestiti, alla flessibilità operativa dell'operazione, alla disintermediazione del sistema bancario ed al contributo di cultura aziendale che lo strumento offre attraverso il collegamento tra fondi raccolti e progetti. Va ricordato inoltre, che nel caso di opere che comportano un ritorno economico, oltre che sociale, l'emissione di Boc può essere abbinata anche al project financing. L'emissione è possibile sia sul mercato interno che sul mercato estero; in quest'ultimo caso la raccolta di valuta deve essere coperta contro il rischio di cambio e va richiesta l'assegnazione di un rating da parte di società specializzate (es. Moody's, Standard & Poor's ecc.). Il Comune di Napoli è stata finora l'unica città ad avere emesso un prestito sui mercati internazionali con una emissione di Boc decennali per 195 miliardi in dollari collocati presso investitori istituzionali. Si ricorda d'altra parte che la collocazione sul mercato estero è penalizzata dal fatto che la normativa, allo stato attuale, non riconosce il recupero della ritenuta del 12,5% per i Boc detenuti dai non residenti; ciò comporta un aggravio del costo della raccolta che si stima nello 0,6-0,7%.
    Molti comuni hanno utilizzato questo nuovo strumento finanziario: in Emilia Romagna Forlì, Ravenna, Modena, Rimini, Parma e Reggio Emilia, ma anche in altre regioni come il comune di Roma, Siena, Brescia, Rovigo, ecc.
    Oltre ai BOC anche i BOR, buoni obbligazionari regionali, sono stati molto utilizzati, anzi negli ultimi anni, sono le regioni a fare da padroni su questa nuova modalità di finanziamento. Oltre alla Lombardia, come citavi tu, anche la regione Lazio, Umbria, Marche, Sicilia e Toscana hanno emesso BOR.
    Al contrario i BOP, buoni ordinari provinciali, si sono rivelati finora investimenti di raccolta di minor successo e hanno un volume di emissione di gran lunga inferiore rispetto ai Bor e ai Boc."

    ad esempio a Napoli con i BOC ci hanno comprato i tram che non hanno mai utilizzato

    http://www.decidiamoinsieme.it/su-va...ella-politica/

    Repubblica - Napoli
    23 ottobre 2007

    Tram e bus mai utilizzati uno spreco da 22 milioni
    Dossier della Finanza alla Corte dei conti
    di Angelo Carotenuto e Irene De Arcangelis

    Trenta filobus fermi nei depositi e tre dei nuovissimi tram Sirio mai visti sui binari. Ventidue milioni di euro pubblici che sono andati sprecati, secondo la segnalazione della Guardia di finanza alla Procura della Corte dei conti. Le spese dell´Azienda napoletana mobilità (Anm) finiscono così sotto osservazione. Mezzi di trasporto acquistati con soldi pubblici, ma senza essere utilizzati, perché la rete elettrica non regge. Abbandonati nei depositi dell´Anm, mai ritirati dalle aziende produttrici o, peggio ancora, ritirati e rispediti indietro. Spreco da manuale, tanto eclatante da non sembrare possibile. Ventidue milioni di danno all´erario, e la storia di un parco mezzi su rotaie che i napoletani non hanno avuto la fortuna di utilizzare. La causa: un errore nel programma aziendale Anm datato metà anni Novanta, che ha deciso gli acquisti - esorbitanti rispetto al fabbisogno - senza valutare le reali possibilità del servizio. Un errore di cui tutti i consigli di amministrazione della partecipata non si sarebbero accorti da allora a oggi. È il nucleo di un´inchiesta della Guardia di finanza giunta alla conclusione con una lunga informativa alla Corte dei conti, sulla «inefficiente e inefficace gestione dei mezzi filotranviari».

  7. #7

    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    3,854
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    100 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Di conseguenza.......molto meglio starne alla larga. Francamente è un titolo che non ho mai preso in considerazione, visto lo stato attuale e passato dei nostri comuni...

  8. #8
    L'avatar di kylix
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Messaggi
    1,506
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    14 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    I BOC sono solo la punta dell'iceberg. Grazie al solito giochetto della finanza creativa se salta il comune di Napoli il debito se lo accolla la Regione Lombardia che lo ha acquistato etc. etc.

  9. #9

    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    31
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    118752
    Citazione Originariamente Scritto da mirkx Visualizza Messaggio
    io ho sentito anche taranto è quasi sull'orlo.
    Gia fallita , fallimento peggiore di quello di napoli. Catania quai fallita , ma moltissime città fallirano ancora. NON COMPRATE BOC.

  10. #10

    Data Registrazione
    Jun 2008
    Messaggi
    12,294
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Dollarivoro Visualizza Messaggio
    Gia fallita , fallimento peggiore di quello di napoli. Catania quai fallita , ma moltissime città fallirano ancora. NON COMPRATE BOC.
    qui non mi preoccuperei tanto ,sai quante tasse,multe, vendite di immobili del comune, proprieta', chiusure di asili, mense,ecc,comunque in tutti i casi meglio starne alla larga molto alla larga.

Accedi