Venezuela e PDVSA (Vol. 164) ...sempre sul pezzo! - Pagina 105
‘Non ricordo un periodo peggiore per così tanti asset’. Ma Jim Reid scova un aspetto positivo nel grande crollo dei mercati
L?ultimo mese ha visto i mercati cadere rovinosamente. Per S&P 500 e Dow Jones Industrial Average è stato il peggior mese di settembre degli ultimi 20 anni. In sofferenza anche le Borse europee con quasi -6% per Parigi, mentre il Dax di Francoforte ha fermato l?emorragia a -5,6%.Guardando all?indice sull?azionario globale, l?MSCI World, il saldo
Stop gas russo verso l’Italia: analisti guardano a potenziali contraccolpi per ENI
Lo stop delle forniture di gas russo verso l?Italia tiene banco oggi. Sabato Gazprom ha comunicato di non poter confermare la consegna dei volumi di gas richiesti ?a causa della dichiarata impossibilità di trasportare il gas attraverso l?Austria?. I flussi di gas russo destinati a Eni attraverso il punto di ingresso di Tarvisio si sono
Banca Generali e Mediobanca. Cosa sta succedendo a Trieste e a Piazzetta Cuccia
Generali pronta a vendere Banca Generali a Mediobanca? Oggi l?effetto dei rumor riportati venerdì da Bloomberg si sfiamma, con il titolo di Banca Generali che si conferma tra i peggiori dell?indice Ftse Mib di Piazza Affari, perdendo poco meno del 4%, dopo essere scivolato all?inizio della seduta fino a -6,9%.La febbre esplosa venerdì scorso aveva
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1041
    L'avatar di Dart-Fener
    Data Registrazione
    Jun 2017
    Messaggi
    11,245
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    6219 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da lovebond Visualizza Messaggio
    Pronto, Elon ciao...sono Lovebond
    Ehi Lovebond, how are you? I knew about your results in investments...congratulation!
    Grazie mille Elon...in effetti l'unica cosa che sta andando male è l'investimento sui Bonds venezuelani bloccati da sanzioni!
    Oh...I know but don't worry. I know you are patient and this is the best quality for an investor. Just look at me... Tesla stocks are now at 870, but in one year the oscillation was between 563 and 1080. One day I am the reachest man on Forbes, but a month later I have half of the money. This is just a virtual consideration of your money, but real money will be when you will sell your assets and you will be cash. So wait and you will receive a lot of cash for your Venezuelan bonds!
    Grazie Elon, è grazie a persone come te e altri grandi investitori che sono tranquillo nell'attesa di passare dagli Assets al cash. A presto...ci vediamo tra qualche tempo a Santa Monica per festeggiare Tesla a 1500 ed i Bonds venezuelani a 100
    Allegato 2842109
    In Campania la sanità e così disastrata che i Napolitani non riescono a trovare dottori ....

  2. #1042

    Data Registrazione
    Dec 2021
    Messaggi
    18
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    15 Post(s)
    Potenza rep
    0
    [QUOTE=jq68;57748739]
    Citazione Originariamente Scritto da mefhisto Visualizza Messaggio

    evidentemente il tuo deve essere masochismo
    ma spiegami, se le tue teorie sono valide dovresti fare soldi a palate visto che sai in anticipo cosa succerà,
    o forse pure tu ti sei bruciato il capitale investendo su titoli CCC e stai solo cercando un colpevole per i tuoi errori ?
    JQ68....è la realtà americani falsi...alcuni esempi recenti...guarda general motors ( certo li hanno il chapter 11) che ti salva il ****....mentre in Italia sotto ricatto hanno fatto vendere alle banche ladre nostrane....i bond lheman rating tripla A mettendo in ginocchio migliaia di risparmiatori.....

  3. #1043
    L'avatar di Dance with wolf
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Messaggi
    27,232
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    4450 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da jq68 Visualizza Messaggio
    tutti assolti perchè "il fatto non sussiste", indagine criticata e irrisa da parecchi magistrati che sostennero che fosse improbabile che una piccola procura di provincia italiana avesse i mezzi non solo di scovare ma addidrittura dimostrare grandi complotti internazionali.
    L'indagine arrivò alla conclusione che il comportamento della agenzie di rating non fu particolarmente diverso o più critico nei confronti dell’Italia rispetto a quello di migliaia di altri esperti, analisti ed economisti in giro per il mondo e che la crisi dei debiti sovrani avesse mostrato il contrario di ciò che sosteneva la procura, ossia la scarsa capacità di preveggenza delle agenzie di rating, i cui downgrade non hanno causato crolli nello spread ma in genere sono arrivati dopo che i mercati avevano già punito con aumenti dei tassi di interesse i paesi ritenuti a rischio.
    Notare che il principale autore dell’inchiesta, il pubblico ministero Michele Ruggiero, è stato al centro di numerose altre discusse indagini arrivate sulle prime pagine dei giornali. Una delle più note è quella in cui cercò di dimostrare il legame tra autismo e vaccini, senza contare che in seguito fini sotto processo per aver falsificato il verbale di un testimone, falso verbale posto a fondamento dell’arresto per tentata concussione dell’allora vicesindaco di Trani Giuseppe Di Marzio.
    https://www.ilcorrieredelgiorno.it/l...e-falsificato/
    Ma chiaramente, visti i siti su cui ti informi, chissà che sbrodolate complottistiche potrai raccontarci, sia per quanto riguarda le agenzie di rating che per quanto riguarda l'autismo e i vaccini, del resto uno che non si vergogna a riportare i tweet di maduro può credere a qualsiasi cosa
    Ma si sa che andare contro certi "sancta sanctorum" non è molto consigliabile, specie se sono a stelle & strisce.....

  4. #1044
    L'avatar di Gioxx
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Messaggi
    9,428
    Mentioned
    10 Post(s)
    Quoted
    4573 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    ecco diciamo che tutti i quesiti che ci poniamo sono qui realmente descritti, rimanendo terra terra....


    Citazione Originariamente Scritto da Il dottore Dulcamara Visualizza Messaggio
    riporto questa risposto che ho trovato in giro: si tratta non di posta del cuore ("lo amo ma mi tradisce ma non riesco a lasciarlo", "mi piacciono tizio e caio ma non so quale scegliere e per ora li tengo tutti e due" e così via) ma di un lettore che chiede conforto su una obbigazione in portafoglio.

    Ed ecco la risposta:

    Il lettore ci richiede un aggiornamento sulla situazione dei bond venezuelani che, alla luce dei recenti avvenimenti in Est-Europa, potrebbero in effetti avere degli sviluppi positivi. Ricordiamo che i titoli di Petróleos de Venezuela S.A. (Pdvsa, ossia la società statale venezuelana che possiede i giacimenti di petrolio e si occupa della relativa estrazione), così come le emissioni del governo venezuelano, trattano ormai da tempo su valori estremamente bassi (tra il 5% e il 15% del valore nominale), dopo aver subito non solo una serie di eventi di default, ma anche un divieto, imposto dalle autorità Usa a tutti gli intermediari, ad effettuare qualsiasi scambio sui mercati internazionali.

    Di fatto quindi, a meno di rivolgersi ad operatori (una stretta minoranza) non attivi sui mercati finanziari statunitensi, e che quindi si possono permettere di “sfidare” il divieto Usa, è impossibile oggi comprare o vendere i titoli in questione.

    Nel caso specifico, l’emissione Pdvsa del lettore è stata collocata nel 2011 sul mercato americano per un controvalore di tre miliardi di dollari Usa. Attualmente sui circuiti di informativa finanziaria viene esposto un prezzo di 5,5 che però, come già spiegato, non potrebbe comunque essere applicato né in acquisto né in vendita, a causa della proibizione ad operare.

    Per il nostro lettore quindi, come correttamente segnalato nel quesito, il primo “ostacolo” è quello di dover aspettare che il divieto delle autorità Usa venga tolto.

    Il secondo problema, evidentemente, è il prezzo estremamente basso del titolo.

    Non c’è dubbio che per entrambe le problematiche, la posizione degli Stati Uniti rispetto alla Russia riapra degli spiragli.

    Se fino a pochi mesi fa l’ipotesi di un riavvicinamento degli Usa al Venezuela sembrava del tutto improbabile, oggi questa probabilità si è leggermente alzata, visto che le economie occidentali sono alla ricerca di fonti energetiche alternative al gas e al petrolio russo, e il Venezuela rappresenta evidentemente un “male minore”.

    Ciò detto dobbiamo però sottolineare che, se pur un certo riavvicinamento c'è stato tra Stati Uniti e Venezuela, siamo ancora molto, molto distanti da una vera e propria riabilitazione del regime di Maduro.

    Non possiamo quindi che mettere nella giusta prospettiva l’attuale stato delle cose: la guerra tra Russia e Ucraina rappresenta un elemento positivo, ma ancora molto marginale, per i possessori di bond venezuelani.

    Il percorso per “riabilitare” il Venezuela sembra ancora decisamente lungo e tortuoso e, come in altre occasioni quando abbiamo risposto su queste tematiche, non possiamo che consigliare il lettore di armarsi di molta pazienza.

    Per tentare un recupero almeno parziale in questa fase, l’unica alternativa (che avevamo già segnalato in una nostra risposta precedente), potrebbe essere quella di aderire alla proposta di scambio del fondo lussemburghese Canaima (se ancora valida), che ha l’obiettivo di fare “massa critica” per andare poi ad agire attraverso vie legali (presumibilmente presso le corti statunitensi) e richiedere il risarcimento; un processo molto lungo e costoso che ha economicamente senso solo se le cifre coinvolte sono sufficientemente grandi.

    Per contattare direttamente la management company del fondo indichiamo l’indirizzo: xxxxxxx

    ******************

    Di solito non commento...però questa volta alla tentazione non resisto. Di enorme aiuto è la lettura che sto facendo di un libro molto di moda qualche anno addietro (tanto citato e poco letto: https://www.libraccio.it/libro/97888...stra-vita.html).

    Orbene l'esperto finanziario estrapola uno scenario futuro sulla base del passato. Ma così facendo rischia (e mica poco) di dire cose senza senso. La risposta da dare, secondo TALEB (e che io condivido) è che solo Dio sa come finirà questa faccenda del Venezuela.

    Stiamo però pur sempre parlando da una parte di uno Stato sovrano che se vuole, per evitare crisi interne e rivolte del pane, rilanciare l'industria petrolifera ed il suo sistema produttivo (danneggiato dall'ideologia socialista) deve per forza fare ricorso ai capitali ed alle tecnologie occidentali. Hai voglia di chiedere aiuto a quei fresconi degli iraniani, già pieni di loro di problemi. O ai cinesi che hanno voglia di prenderti tutto ed hanno fatto tesoro di un adagio longobardo che Marco Polo ha portato loro in dono ("PELÀ LA PÒJA SENSA FALÀ CRIDÀ"). E neppure Erdogan può fare molto (a parte il fatto che di lui non si parla più come partner di Nicolone). O di altri improbabili partners (come ad esempio i nigeriani).

    Ma anche noi occidentali abbiamo bisogno di Maduro per il gas ed il petrolio. Non ho idea come finirà la guerra in Ucraina ma ho una certezza: la Russia sarà un paria per almeno una generazione (ha fatto una guerra di invasione di stampo nazista e non possiamo dire: "Vlady! amici come prima! Dai vieni in Sardegna a casa di quell'amicone di Silvio, c'è anche Matteo ccon una simpatica maglietta!"). Per forza di cose dobbiamo prendere l'energia dove la troviamo (anche a costo di andare - come stanno facendo Eni e Repsol - nei Caraibi) se non vogliamo fermare tutto (ed essere legati mani e piedi ai nazisti russi).

    Alla fine in qualche modo una quadra verrà trovata. Ma non si sa quando e come. Come scritto sopra "chi vivrà vedra...."
    Ultima modifica di Gioxx; 07-08-22 alle 12:10

  5. #1045

    Data Registrazione
    Dec 2021
    Messaggi
    18
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    15 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Dart-Fener Visualizza Messaggio
    Ritieniti fortunato che fino agli anni 90 quei cazzari di americani erano a Berlino a fronteggiare i carri sovietici a imporre la loro democrazia...
    Fortunati cechi che per loro fortuna sono stati liberati da questo schifo di democrazia
    ti rispondo ...essendo stato a Mosca recentemente esattamente nel 2018.....la storia parla chiaro ma ci si deve informare(non sono ne filo russo e ne filo americano...sono Italiano e voglio bene alla mia nazione).....La russia vive costantemente con la paura di essere invasa....la storia recente insegna che a tentare di ipadronirsi delle ricchezze russe sono stati napoleone che però dalla collina dei passeri vedeva bruciare tutta mosca disse qui non c'è più niente da rubare e se ne andò... pi ci furono i tedeschi insieme con gli italiani....ma il popolo patriota fermò l'avanzata a stalingrado....non ho ancora visto la russia andare dall'altra parte del mondo a scatenare guerre .....le ha fatte solo per difendersi da invasioni...,magli americani sono in ogni dove ....gli americani sono dei falliti....

  6. #1046
    L'avatar di Dart-Fener
    Data Registrazione
    Jun 2017
    Messaggi
    11,245
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    6219 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da mefhisto Visualizza Messaggio
    ti rispondo ...essendo stato a Mosca recentemente esattamente nel 2018.....la storia parla chiaro ma ci si deve informare(non sono ne filo russo e ne filo americano...sono Italiano e voglio bene alla mia nazione).....La russia vive costantemente con la paura di essere invasa....la storia recente insegna che a tentare di ipadronirsi delle ricchezze russe sono stati napoleone che però dalla collina dei passeri vedeva bruciare tutta mosca disse qui non c'è più niente da rubare e se ne andò... pi ci furono i tedeschi insieme con gli italiani....ma il popolo patriota fermò l'avanzata a stalingrado....non ho ancora visto la russia andare dall'altra parte del mondo a scatenare guerre .....le ha fatte solo per difendersi da invasioni...,magli americani sono in ogni dove ....gli americani sono dei falliti....
    La gente desidera solo essere libera di pensare e agire liberamente e non mi pare che tra monarchia zarista , Stalin e successori il 99% dei russi , romeni, polacchi..... hanno tenuto di essere invasi da quello schifo di democrazia e per difendersi hanno sacrificato la loro vita per lo zar di turno.
    Per restare in argomento anche oggi decine di migliaia di uomini stanno dando il cul0 per lo zar sul fronte dell'Ucraina per liberare il popolo oppresso del donbas ( ricco di materie prime) da quei nazisti che hanno avuto l'ardire di chiedere di entrare nella EU

  7. #1047
    L'avatar di ninjazzurro
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    4,509
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    2414 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da Il dottore Dulcamara Visualizza Messaggio
    riporto questa risposto che ho trovato in giro: si tratta non di posta del cuore ("lo amo ma mi tradisce ma non riesco a lasciarlo", "mi piacciono tizio e caio ma non so quale scegliere e per ora li tengo tutti e due" e così via) ma di un lettore che chiede conforto su una obbigazione in portafoglio.

    Ed ecco la risposta:

    Il lettore ci richiede un aggiornamento sulla situazione dei bond venezuelani che, alla luce dei recenti avvenimenti in Est-Europa, potrebbero in effetti avere degli sviluppi positivi. Ricordiamo che i titoli di Petróleos de Venezuela S.A. (Pdvsa, ossia la società statale venezuelana che possiede i giacimenti di petrolio e si occupa della relativa estrazione), così come le emissioni del governo venezuelano, trattano ormai da tempo su valori estremamente bassi (tra il 5% e il 15% del valore nominale), dopo aver subito non solo una serie di eventi di default, ma anche un divieto, imposto dalle autorità Usa a tutti gli intermediari, ad effettuare qualsiasi scambio sui mercati internazionali.

    Di fatto quindi, a meno di rivolgersi ad operatori (una stretta minoranza) non attivi sui mercati finanziari statunitensi, e che quindi si possono permettere di “sfidare” il divieto Usa, è impossibile oggi comprare o vendere i titoli in questione.

    Nel caso specifico, l’emissione Pdvsa del lettore è stata collocata nel 2011 sul mercato americano per un controvalore di tre miliardi di dollari Usa. Attualmente sui circuiti di informativa finanziaria viene esposto un prezzo di 5,5 che però, come già spiegato, non potrebbe comunque essere applicato né in acquisto né in vendita, a causa della proibizione ad operare.

    Per il nostro lettore quindi, come correttamente segnalato nel quesito, il primo “ostacolo” è quello di dover aspettare che il divieto delle autorità Usa venga tolto.

    Il secondo problema, evidentemente, è il prezzo estremamente basso del titolo.

    Non c’è dubbio che per entrambe le problematiche, la posizione degli Stati Uniti rispetto alla Russia riapra degli spiragli.

    Se fino a pochi mesi fa l’ipotesi di un riavvicinamento degli Usa al Venezuela sembrava del tutto improbabile, oggi questa probabilità si è leggermente alzata, visto che le economie occidentali sono alla ricerca di fonti energetiche alternative al gas e al petrolio russo, e il Venezuela rappresenta evidentemente un “male minore”.

    Ciò detto dobbiamo però sottolineare che, se pur un certo riavvicinamento c'è stato tra Stati Uniti e Venezuela, siamo ancora molto, molto distanti da una vera e propria riabilitazione del regime di Maduro.

    Non possiamo quindi che mettere nella giusta prospettiva l’attuale stato delle cose: la guerra tra Russia e Ucraina rappresenta un elemento positivo, ma ancora molto marginale, per i possessori di bond venezuelani.

    Il percorso per “riabilitare” il Venezuela sembra ancora decisamente lungo e tortuoso e, come in altre occasioni quando abbiamo risposto su queste tematiche, non possiamo che consigliare il lettore di armarsi di molta pazienza.

    Per tentare un recupero almeno parziale in questa fase, l’unica alternativa (che avevamo già segnalato in una nostra risposta precedente), potrebbe essere quella di aderire alla proposta di scambio del fondo lussemburghese Canaima (se ancora valida), che ha l’obiettivo di fare “massa critica” per andare poi ad agire attraverso vie legali (presumibilmente presso le corti statunitensi) e richiedere il risarcimento; un processo molto lungo e costoso che ha economicamente senso solo se le cifre coinvolte sono sufficientemente grandi.

    Per contattare direttamente la management company del fondo indichiamo l’indirizzo: xxxxxxx

    ******************

    Di solito non commento...però questa volta alla tentazione non resisto. Di enorme aiuto è la lettura che sto facendo di un libro molto di moda qualche anno addietro (tanto citato e poco letto: https://www.libraccio.it/libro/97888...stra-vita.html).

    Orbene l'esperto finanziario estrapola uno scenario futuro sulla base del passato. Ma così facendo rischia (e mica poco) di dire cose senza senso. La risposta da dare, secondo TALEB (e che io condivido) è che solo Dio sa come finirà questa faccenda del Venezuela.

    Stiamo però pur sempre parlando da una parte di uno Stato sovrano che se vuole, per evitare crisi interne e rivolte del pane, rilanciare l'industria petrolifera ed il suo sistema produttivo (danneggiato dall'ideologia socialista) deve per forza fare ricorso ai capitali ed alle tecnologie occidentali. Hai voglia di chiedere aiuto a quei fresconi degli iraniani, già pieni di loro di problemi. O ai cinesi che hanno voglia di prenderti tutto ed hanno fatto tesoro di un adagio longobardo che Marco Polo ha portato loro in dono ("PELÀ LA PÒJA SENSA FALÀ CRIDÀ"). E neppure Erdogan può fare molto (a parte il fatto che di lui non si parla più come partner di Nicolone). O di altri improbabili partners (come ad esempio i nigeriani).

    Ma anche noi occidentali abbiamo bisogno di Maduro per il gas ed il petrolio. Non ho idea come finirà la guerra in Ucraina ma ho una certezza: la Russia sarà un paria per almeno una generazione (ha fatto una guerra di invasione di stampo nazista e non possiamo dire: "Vlady! amici come prima! Dai vieni in Sardegna a casa di quell'amicone di Silvio, c'è anche Matteo ccon una simpatica maglietta!"). Per forza di cose dobbiamo prendere l'energia dove la troviamo (anche a costo di andare - come stanno facendo Eni e Repsol - nei Caraibi) se non vogliamo fermare tutto (ed essere legati mani e piedi ai nazisti russi).

    Alla fine in qualche modo una quadra verrò trovata. Ma non si sa quando e come. Come scritto sopra "chi vivrà vedra...."

    Ciao, sai la data di questa lettera?

    È importante.

    Sembra di almeno 2 mesi fa.

    Non dimentichiamo che la guerra in Ucraina dall'attacco di Putin dura da 6 mesi circa..... e sembra adesso ci sia qualche speranza di dialogo...

  8. #1048
    L'avatar di ninjazzurro
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    4,509
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    2414 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da holysky Visualizza Messaggio
    La realtà vista con gli specchi deformanti.... In effetti l'Ucraina voleva invadere la Russia e così si sono giustamente difesi e dopo 6 mesi continuano a bombardare ospedali per difendersi
    Gli specchi deformati vedono anche che una terza carica di uno stato non possa fare visite diplomatiche in stati dove la Cina ha fastidio.

    Però i diplomatici di Cina e Russia possono andare a Cuba, in Venezuela, in Siria ecc....

    Viene il dubbio che gli altri paesi autoritari considerino i paesi democratici, sbagliando, dei paesi deboli e non paesi i cui diritti civili sono stati conquistati con sacrifici... e spesso si sentono sopra la legge quando vengono ospitati nei paesi democratici.

    Vedi i cartelli della droga in USA, la delinquenza ecuadoregna a Genova, le piazze di spaccio Sudamericane a Milano , la delinquenza albanese o slava nel nord est e poi a scendere per tutto lo stivale.....


    Bah

    Io sono sempre convinto che il Venezuela si sistema presto....

  9. #1049

    Data Registrazione
    Jul 2010
    Messaggi
    6,463
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    2146 Post(s)
    Potenza rep
    42949685

  10. #1050
    L'avatar di lovebond
    Data Registrazione
    Feb 2016
    Messaggi
    4,111
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    3115 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da Dart-Fener Visualizza Messaggio
    In Campania la sanità e così disastrata che i Napolitani non riescono a trovare dottori ....
    Quando vuoi venire queste sono le strutture migliori qui secondo Il Sole 24 ore.
    Ed una San Pellegrino la paghi la terza parte rispetto a Milano. Per non parlare di tutte le altre eccellenze del Sud….te capì 😂
    https://www.sanita24.ilsole24ore.com...e/Campania.pdf

Accedi