Venezuela e PDVSA (Vol.163) Quota "Aran2" .... il sogno retribuente! - Pagina 90
Il metaverso non salva Zuckerberg, ecco di quanto è precipitata la sua ricchezza
Mark Zuckerberg, il fondatore di Facebook, ora Meta, ha visto il suo patrimonio assottigliarsi notevolmente quest?anno. In un anno difficile per quasi tutti i titani della tecnologia statunitense, a spiccare è la ricchezza andata in fumo dell?amministratore delegato di Meta Platforms Inc. La sua fortuna si è dimezzata e non poco, con un calo di
Panetta, Tremonti e gli altri papabili: mercati aspetteranno al varco la Meloni per il nome del prossimo ministro dell’Economia
Una delle scelte più importanti che dovrà affrontare il nuovo premier italiano dopo le elezioni politiche di domenica 25 settembre è la nomina del titolare del dicastero di via XX settembre, il ministro dell?Economia che avrà il compito di guidare le finanze del Paese attraverso una crisi energetica senza precedenti e l?aumento dei tassi d?interesse.I
Tagliola inflazione da 110 miliardi l’anno e ritorno dei BOT People. Spauracchio Great Reset per il risparmio gestito
Il decennio d?oro del risparmio gestito è probabilmente agli sgoccioli e siamo sull?orlo di quella che qualcuno ha definito ?the biggest tightening in history?, che non sarà priva di conseguenze per i gestori patrimoniali.Mediobanca Securities in un report dal titolo ?The Great Reset? rimarca come l?aumento dell?inflazione sta avendo un impatto sui consumi e prolungati
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #891
    L'avatar di Carib
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    18,307
    Mentioned
    56 Post(s)
    Quoted
    5689 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Citazione Originariamente Scritto da Gioxx Visualizza Messaggio
    Sarebbe il top almeno un valore in mano ce l'abbiamo.
    non ho "la palla di vetro".
    credo che le sanzioni sui bonds saranno tolte quando una ristrutturazione sara' possibile e desiderata.
    Meglio presto, ovviamente, ma non ci conto.

  2. #892

  3. #893

  4. #894

  5. #895

    Data Registrazione
    Aug 2020
    Messaggi
    630
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    303 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Da quando Biden ha inviato una delegazione a Caracas a marzo, sono circolate voci secondo cui gli Stati Uniti avrebbero revocato le sanzioni contro il Venezuela per fermare il rialzo del prezzo del petrolio.
    Gli Stati Uniti hanno ora ufficialmente iniziato ad allentare le sanzioni contro il Venezuela, una mossa guidata dal desiderio di ridurre i prezzi della benzina piuttosto che da qualsiasi motivo geopolitico.
    Il Venezuela ha espresso il desiderio che tutte le sanzioni vengano revocate e continua a lavorare a stretto contatto con l'Iran per ricostruire la sua industria petrolifera, nonostante anche l'Iran sia soggetto a sanzioni.

    Unisciti alla nostra comunità

    Quando Biden ha inviato una delegazione a Caracas all'inizio di marzo, hanno cominciato a circolare voci secondo cui gli Stati Uniti stavano valutando la possibilità di riaprire le relazioni con il Venezuela a causa dell'impennata dei prezzi del petrolio. Ora, dopo un periodo di silenzio da parte di Washington sull'argomento, sembra che gli Stati Uniti allenteranno le sanzioni nei confronti del colosso petrolifero latinoamericano. Nello stesso momento in cui gli Stati Uniti stanno revocando alcune sanzioni, il Venezuela sta lavorando con l'Iran per aiutare a rilanciare la sua industria petrolifera. Sembra che la geopolitica sia passata in secondo piano rispetto alla crisi energetica globale con l'impennata dei prezzi del petrolio. Gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni petrolifere al Venezuela sotto l'amministrazione Trump nel 2019 a causa delle continue violazioni dei diritti umani da parte del presidente Nicolás Maduro. Sotto il presidente Biden, ci sono state discussioni sulla riapertura di alcuni collegamenti commerciali consentendo scambi di greggio con diesel per motivi umanitari, sebbene ciò non si sia mai concretizzato. Tuttavia, la compagnia petrolifera e del gas statunitense Chevron è stata autorizzata a continuare le operazioni limitate in Venezuela per evitare il crollo dell'industria petrolifera del paese. Negli ultimi mesi ci sono state speculazioni sul fatto che Biden avrebbe allentato le restrizioni al Venezuela in risposta alla carenza globale di greggio e a un forte aumento dei prezzi del petrolio, con diversi commentatori che hanno evidenziato i pericoli di una tale mossa.

    La Casa Bianca ha annunciato a maggio che stava riconsiderando le sue restrizioni sul petrolio venezuelano, avviando discussioni con Maduro. Biden consentirà ora alla Chevron Corp. di negoziare la sua licenza petrolifera con il produttore petrolifero statale Petroleos de Venezuela (PDVSA), riducendo così alcune sanzioni allo stato ricco di petrolio. Sebbene non saranno consentite ulteriori trivellazioni petrolifere o entrate aggiuntive per il governo Maduro. La mossa segue un incontro tra funzionari statunitensi e Maduro a marzo per discutere su come andare avanti.

    Il vicepresidente venezuelano Delcy Rodríguez ha confermato le voci sul cambio di politica twittando "Il Venezuela aspira che queste decisioni degli Stati Uniti d'America aprano la strada alla revoca assoluta delle sanzioni illegali che colpiscono tutto il nostro popolo".

    Ma l'opposizione repubblicana si è affrettata a criticare le azioni di Biden. Il senatore John Barrasso, il massimo repubblicano nella commissione per l'energia e le risorse naturali del Senato, si oppone fermamente all'allentamento delle sanzioni contro il Venezuela, affermando che "la nostra esperienza nell'acquisto di energia russa avrebbe dovuto insegnare al presidente [Joe] Biden che l'acquisto di energia dai tiranni è una proposta pericolosa. "

    La Casa Bianca avrebbe risposto alla richiesta dell'opposizione politica di Maduro di allentare le sanzioni, anche se l'opposizione ha affermato che la richiesta proveniva da Maduro. L'amministrazione Biden spera che le indennità pendenti dell'industria petrolifera davanti al presidente possano incoraggiarlo a fare maggiori concessioni politiche con l'opposizione, mettendo il Venezuela sulla buona strada per elezioni presidenziali libere ed eque nel 2024.

    Correlati: sabato mattina la Russia interromperà l'approvvigionamento di gas in Finlandia

    Nonostante le sanzioni in corso, negli ultimi mesi il Venezuela ha scambiato prodotti petroliferi con l'Iran sanzionato dagli Stati Uniti, utilizzando metodi di spedizione discreti. Il Venezuela ha anche aumentato le sue esportazioni di petrolio verso la Cina. L'Iran ha utilizzato trasferimenti da nave a nave per consegnare prodotti petroliferi al Venezuela, così come altri metodi clandestini. Sebbene il Venezuela abbia circa 303 miliardi di barili di riserve accertate di petrolio, il suo greggio è extra-pesante e richiede condensa per diluirlo, che è stato scarso.

    L'Iran ha anche spedito benzina e attrezzature in Venezuela per sostenere la riparazione delle raffinerie fatiscenti di PDVSA. Questo mese, la National Iranian Oil Engineering and Construction Company, di proprietà statale, ha firmato un contratto da 116 milioni di dollari per ripristinare la raffineria EL Palito da 146.000 bpd per riavviare la produzione. Ciò si basa sull'accordo tra i due paesi, stabilito nel 2021, per lo scambio del condensato iraniano con il greggio pesante venezuelano.

    Ad aprile, più di 200.000 barili di greggio pesante iraniano sono stati spediti alla raffineria venezuelana Cardon da 310.000 barili al giorno. Inoltre, 400.000 barili di petrolio iraniano hanno raggiunto la portaerei Dino I, in rotta verso il porto di Jose. Si prevedeva che altri 2 milioni di barili di condensa avrebbero raggiunto Jose lo stesso mese. Nonostante le sanzioni in corso, Iran e Venezuela stanno ottenendo sempre più successo nell'aumentare i loro scambi energetici.

    Il nuovo accordo segue un incontro all'inizio del mese tra il ministro del petrolio iraniano e il presidente Maduro a Caracus. Le due parti hanno discusso “la costruzione di percorsi e meccanismi per superarealcune delle misure coercitive unilaterali imposte dal governo degli Stati Uniti e dai paesi alleati” nell'incontro, secondo il PDVSA. I due paesi hanno lavorato insieme per superare le sanzioni imposte a entrambi gli stati dagli Stati Uniti, mentre entrambi cercano un modo per riqualificare le loro industrie petrolifere duramente colpite.

    L'Iran ha aumentato la sua produzione ed esportazioni di petrolio nell'ultimo anno poiché diversi paesi sono diventati più disposti ad aprire le loro porte all'energia iraniana poiché un accordo nucleare sembra più promettente. A seguito della reimposizione delle sanzioni all'Iran da parte del presidente Trump dopo il ritiro degli Stati Uniti dal JCPOA, le esportazioni di greggio del paese sono diminuite drasticamente. Ma quando i colloqui per un nuovo accordo nucleare sono ripresi lo scorso anno sotto il presidente Biden, la produzione di petrolio iraniana è aumentata, raggiungendo una media di 2,4 milioni di barili al giorno nel 2021 e circa 3,8 milioni di barili al giorno quest'anno.

    Poiché gli Stati Uniti allentano leggermente le sanzioni contro il Venezuela, suggerisce un maggiore potenziale per l'industria petrolifera del paese. Avendo aumentato la produzione e le esportazioni negli ultimi mesi, probabilmente si baserà sulla sua relazione esistente con l'Iran, sanzionato dagli Stati Uniti, per aiutare a sviluppare più rotte commerciali e prepararsi ad aumentare l'offerta se verranno introdotte maggiori quote.

  6. #896
    L'avatar di Aran2
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    6,057
    Mentioned
    34 Post(s)
    Quoted
    2506 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da paraguanero Visualizza Messaggio
    Mi raccomando, oggi che è sabato approfittate per andare alla concessionaria Porsche a prenotarne una, dando in pegno i nostri bonos.
    Ormai gli interessi maturati e non incassati ammontano a piú del capitale.

    Davvero vi attendete di ricevere tutte le cedole con gli interessi, e magari vendere i bonos a 100?

  7. #897
    L'avatar di Carib
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    18,307
    Mentioned
    56 Post(s)
    Quoted
    5689 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    il valore di un bene futuro dipende dal suo ammontare, moltiplicato per la probabilita' di incassarlo realmente.

  8. #898

    Data Registrazione
    Mar 2018
    Messaggi
    39
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    11 Post(s)
    Potenza rep
    21790428
    Citazione Originariamente Scritto da Carib Visualizza Messaggio
    il valore di un bene futuro dipende dal suo ammontare, moltiplicato per la probabilita' di incassarlo realmente.
    Anche questo è vero....intanto lasciami sperare...

  9. #899
    L'avatar di Carib
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    18,307
    Mentioned
    56 Post(s)
    Quoted
    5689 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Citazione Originariamente Scritto da finessi g.carlo Visualizza Messaggio
    Anche questo è vero....intanto lasciami sperare...
    per carita', sperare e' doveroso, a mio parere.

    ma far conto su una speranza come se fosse realta' e' pericoloso.

    meglio contabilizzarli a zero, psicologicamente, sperando facciano poi come l'araba fenice.

  10. #900
    L'avatar di lovebond
    Data Registrazione
    Feb 2016
    Messaggi
    4,099
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    3108 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da Carib Visualizza Messaggio
    per carita', sperare e' doveroso, a mio parere.

    ma far conto su una speranza come se fosse realta' e' pericoloso.

    meglio contabilizzarli a zero, psicologicamente, sperando facciano poi come l'araba fenice.
    Infatti da quattro anni per me sono a zero...sbagliano quelli che li conteggiano a 5 o 6 basandosi sulle offerte di qualche furbo fondo avvoltoio. Meglio attendere un'altra cifra davanti allo zero

Accedi