Venezuela e PDVSA (Vol.163) Quota "Aran2" .... il sogno retribuente! - Pagina 42
La mossa di Total in Francia per alleviare caro energia, ENI farà lo stesso?
Sotto la pressione del governo francese per aiutare le famiglie contro il caro vita,  TotalEnergies ha dichiarato che offrirà uno sconto di 0,12 euro al litro (0,13 dollari) sul carburante …
Azionario: Equita presenta i titoli di Piazza Affari su cui puntare. Fugnoli (Kairos) consiglia massima selettività
Come posizionarsi su Piazza Affari e in generale sulle azioni dopo un secondo trimestre decisamente negativo? Le risposte arrivano dal report mensile firmato Equita SIM e dalla newsletter “Il Rosso …
Recessione è un rischio concreto ma non imminente. Ecco i motivi
Considerando il ciclo economico e le ultime dichiarazioni del presidente della Federal Reserve statunitense, la probabilità di entrare in recessione è elevata. Così John Plassard, Director & Investment Specialist del Gru...
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #411
    L'avatar di Aran2
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    6,053
    Mentioned
    34 Post(s)
    Quoted
    2505 Post(s)
    Potenza rep
    42949682

  2. #412
    L'avatar di lovebond
    Data Registrazione
    Feb 2016
    Messaggi
    3,660
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2881 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Tempi...ovvero tempo al tempo

  3. #413

    Data Registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    3,477
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1697 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da lovebond Visualizza Messaggio
    Tempi...ovvero tempo al tempo
    Ah ah ah domani!!! Aspettano prima che i soldi finiscano a tutti gli europei!!!! W L America!!!!

  4. #414
    L'avatar di ninjazzurro
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    4,049
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    2129 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Con l’ex guerrigliero colombiano Gustavo Petro che nega ci sia una dittatura a Caracas al pari dell’ex sindacalista brasiliano Lula, che su Time ha incolpato i leader europei, Joe Biden e Zelensky per l’invasione russa, negli ultimi mesi il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha guadagnato sullo scacchiere internazionale una rilevanza mai avuta dal 2013, quando si è insediato a Palazzo di Miraflores.

    La contraddittoria politica di Biden con Maduro

    A meno che i sondaggi non siano farlocchi, e in America Latina non sarebbe una novità, quest’anno sia Petro che Lula saranno eletti presidenti rispettivamente di Colombia e Brasile. A rafforzare Maduro non sono solo loro, ma anche la contraddittoria politica estera statunitense, con Biden che il giorno dopo aver imposto l’embargo al petrolio russo ha inviato una sua delegazione di alto livello a Caracas, per tentare di sostituire l’oro nero di Putin con quello della dittatura venezuelana.

    Certo, viste le furiose reazioni di quasi tutto lo spettro politico statunitense, compresi i democratici (fatta salvo Alexandria Ocasio-Cortez), l’amministrazione Biden ha poi deciso di non invitare al nono Vertice delle Americhe, in programma a Los Angeles dal prossimo 6 giugno, Maduro, in quanto dittatore. Immediato è però arrivato l’appoggio al regime chavista dagli altri due stati più rilevanti dell’America latina, ovvero il Messico e l’Argentina.

    Per la gioia di Maduro, fortissima è stata infatti la condanna dell’ostracismo di Biden nei confronti dei regimi di Venezuela, Nicaragua e Cuba (anche il sandinista Ortega e il castrista Díaz-Canel sono stati esclusi da Washington) da parte dei presidenti Andrés Manuel López Obrador, e Alberto Fernández. Come del resto, naturalmente, anche da Petro e da Lula.

    Il nuovo asse con l’Iran e quello con la Russia
    I principali paesi dell’America latina, che ha attualmente il record di dittature socialiste, le già citate Cuba, Venezuela e Nicaragua cui per molti dovrebbe aggiungersi anche la Bolivia, non sembrano dunque affatto disposti a premere per un cambio di regime a Caracas, anzi. Maduro è poi particolarmente raggiante anche perché ha potuto approfittare dell’isolamento occidentale contro Putin per rafforzare i rapporti già molto forti proprio con la Russia. Non solo in ambito spaziale ma anche sui fronti militari, dell’intelligence ed economici.

    Un altro filo diretto rafforzato da Maduro negli ultimi mesi è quello con l’Iran, culminato sabato scorso nella stipula di un patto energetico con Teheran. Il ministro del petrolio di Teheran, Javad Owyi, ha incontrato sia il presidente che il suo omologo chavista Tareck El Aissami per accordare «la costruzione di rotte e meccanismi petrolifere per superare le misure coercitive unilaterali imposte dal governo degli Stati Uniti e dai paesi alleati». Per la cronaca, El Aissami, soprannominato “il boss narcos” negli Stati Uniti, dove è nella lista dei latitanti più ricercati.

    L’amicizia del Venezuela con la Cina
    Ultimo tassello internazionale su cui Maduro fa leva è, naturalmente, la Cina, senza la quale la disastrata economia venezuelana non avrebbe mai retto in questi ultimi tre anni. 60 i miliardi di dollari concessi da Pechino a Caracas che oggi, dal punto di vista economico, dipende molto più dal Dragone che dall’Occidente.
    Anche sul fronte interno, da tempo Maduro non era così forte, a tal punto da avere già promesso di volere fare il presidente, “almeno fino al 2030”.

    Con più introiti dall’estero grazie al maggiore prezzo del petrolio, il dittatore sta consolidando molto il suo potere a Caracas negli ultimi giorni. Prima il delfino di Chávez è stato infatti ratificato alla guida del Partito Socialista Unito del Venezuela, il che comporta la sua candidatura per le presidenziali del 2024. Poi, a stretto giro di posta, è riuscito ad imporre una Corte Suprema di Giustizia su misura per lui, guadagnandosi almeno altri 12 anni di impunità in patria, visto che il mandato del massimo organismo giuridico venezuelano scadrà solo nel 2034.


    Da prendere con le pinze....

    Ma: o gli USA cambiano atteggiamento o non ottengono nulla anzi peggiorano la loro influenza in Sudamerica....

  5. #415
    L'avatar di Carib
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    18,141
    Mentioned
    55 Post(s)
    Quoted
    5559 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Citazione Originariamente Scritto da ninjazzurro Visualizza Messaggio

    Ma: o gli USA cambiano atteggiamento o non ottengono nulla anzi peggiorano la loro influenza in Sudamerica....
    Il vero problema sarebbe se "l'atteggiamento" americano si indurisce, invece di ammorbidirsi, dopo le elezioni mid-term di novembre...

  6. #416
    L'avatar di ninjazzurro
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    4,049
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    2129 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da Carib Visualizza Messaggio
    Il vero problema sarebbe se "l'atteggiamento" americano si indurisce, invece di ammorbidirsi, dopo le elezioni mid-term di novembre...
    Ma già è "il problema" e noi che dipendiamo dagli USA....

    Il discorso è che si rendono sempre più invisi.... nel loro emisfero...
    se a loro sta bene.... che continuino...

  7. #417
    L'avatar di ninjazzurro
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    4,049
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    2129 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Francisco Rodríguez
    @FrRodriguezc
    ·
    May 6
    Letting hardliners dictate U.S. policies in Latin America has never benefited the United States or the other countries in the region. One need only look at the decades-long failure of our Cuba policy for proof of that,” writes ⁦
    @Daniellarison
    ⁩.


    Quello che dice anche Rodriguez, intendo ....

    Politica degli USA in America Latina che non porta a nulla, nessun tipo di beneficio per nessuno e li rende sempre più invisi nel loro emisfero (mica in Russia)

    Contenti loro...

  8. #418
    L'avatar di ninjazzurro
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    4,049
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    2129 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Ma sono tutti arancioni gli USA mi sa ..

    Orgogliosi delle loro politiche nefaste, non vedono aldilà del loro naso....

    Hanno un'inflazione galoppante, non risparmiano, hanno indici che stanno crollando di brutto.....

    Non parlo solo del NASDAQ che i tecnologici soffrono degli aumenti dei prezzi .....

    Ma dell'sp500 che sta testando i 4000 e li rompe sicuramente..... andando ai 3800 ..... Sperando non prosegua ai 3500.......

    E gli indici europei che anche se più resilienti seguono gli indici americani....

    Bah

    E mercoledì la Fed ci illustra i dati dell'inflazione

    Sono troppo sopravvalutati gli USA e molto inconcludenti.....

    Bah

    Scusate la riflessione

  9. #419
    L'avatar di Carib
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    18,141
    Mentioned
    55 Post(s)
    Quoted
    5559 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Citazione Originariamente Scritto da ninjazzurro Visualizza Messaggio
    Francisco Rodríguez
    @FrRodriguezc
    ·
    May 6
    Letting hardliners dictate U.S. policies in Latin America has never benefited the United States or the other countries in the region. One need only look at the decades-long failure of our Cuba policy for proof of that,” writes ⁦
    @Daniellarison
    ⁩.


    Quello che dice anche Rodriguez, intendo ....

    Politica degli USA in America Latina che non porta a nulla, nessun tipo di beneficio per nessuno e li rende sempre più invisi nel loro emisfero (mica in Russia)

    Contenti loro...
    ed e' per questo che io sono profondamente anti-Trump, nell'interesse stesso degli americani.
    ma io in USA non voto, per cui devo fare i conti con quello che gli americani decidono.

    Se compri un titolo in US$, sei sottoposto in ogni caso alle decisioni del Tesoro americano e dei tribunali di NY, nel bene.. e nel male.

    Meglio evitare debitori che litigano con gli americani, insomma.

  10. #420
    L'avatar di Carib
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    18,141
    Mentioned
    55 Post(s)
    Quoted
    5559 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Citazione Originariamente Scritto da ninjazzurro Visualizza Messaggio
    Ma sono tutti arancioni gli USA mi sa ..

    Orgogliosi delle loro politiche nefaste, non vedono aldilà del loro naso....

    Hanno un'inflazione galoppante, non risparmiano, hanno indici che stanno crollando di brutto.....

    Non parlo solo del NASDAQ che i tecnologici soffrono degli aumenti dei prezzi .....

    Ma dell'sp500 che sta testando i 4000 e li rompe sicuramente..... andando ai 3800 ..... Sperando non prosegua ai 3500.......

    E gli indici europei che anche se più resilienti seguono gli indici americani....

    Bah

    E mercoledì la Fed ci illustra i dati dell'inflazione

    Sono troppo sopravvalutati gli USA e molto inconcludenti.....

    Bah

    Scusate la riflessione
    siamo comunque grati agli americani, con i loro javelins, satelliti e altro, perche' se dovevamo far fede sulla difesa europea.. eravamo fritti.

Accedi