Venezuela e PDVSA (Vol.163) Quota "Aran2" .... il sogno retribuente! - Pagina 40
Tassi BTP 10y a un soffio dal 5%, e nel più breve Italia peggio di Grecia. Spread oltre soglia pericolo Bce
Premessa per chi, guardando ai BTP e a Piazza Affari, è tentato di parlare subito di attacco dei mercati contro l?Italia di Giorgia Meloni: il sentiment è negativo ovunque, con le vendite che si abbattono sull?azionario e sui bond.  E? tuttavia vero che, oltre alla carica di sell contro la sterlina e il debito UK,
Il FMI invita Liz Truss a rivedere piano fiscale, Gilt cadono ancora. Larry Summers: ‘taglio tasse assolutamente irresponsabile’
Dopo i mercati anche il Fondo Monetario Internazionale boccia la riforma fiscale di Liz Truss. Le nuove misure economiche stabilite dal governo del Regno Unito ?probabilmente aumenteranno la disuguaglianza?, ha affermato il FMI in una dichiarazione.Il  pacchetto fiscale, che include pesanti tagli alle tasse per i redditi più alti della Gran Bretagna e mira ad
Apple agita i mercati, rumor su debole domanda iPhone 14. A Milano affonda STM
Ad aggravare il sentiment ribassista sui mercati oggi si aggiunge la notizia secondo la quale Apple avrebbe comunicato ai propri fornitori di ridurre
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #391
    L'avatar di ninjazzurro
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    4,485
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    2404 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    NTN24 Venezuela
    @Ntn24ve
    Gerardo Blyde asegura que esistere una "alta probabilità" de retomar las negociaciones en México
    Traduci Tweet


    El Nacional
    @elnacionalWeb
    #7maggio | Gerardo Blyde: "Existe una alta probabilidad de que se reactive la negociación en México"🇻🇪


    Un grupo de venezolanos pide retomar el proceso de negociacion en Mexico

    Un gruppo di venezuelani chiede di riprendere il processo negoziale in Messico
    Cittadini indipendenti, assicurano in un comunicato, che né il governo chavista né l'opposizione possono tornare sulla via della produzione, dell'istituzionalizzazione e del "pieno esercizio dei diritti democratici da soli"
    Per EFE-6 maggio 2022


    Altra notizia


  2. #392

    Data Registrazione
    Jan 2007
    Messaggi
    2,069
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    426 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    A questo punto penso che Biden abbia fatto capire a Guaidò di muoversi a trovare un accordo con Maduro, pena la messa fuori gioco di Guaidò.

    Un accordo spianerebbe la strada per un allentamento delle sanzioni e i detrattori di Maduro in US a questo punto - messi di fronte al fatto compiuto con le spalle al muro - non potrebbero più aver nulla da recriminare ed accettare le decisioni per il bene dei venezuelani.

    Tra l'altro Maduro si trova anche nella situazione di aver un alleato, la Russia, che é un anatra zoppa. Da un lato Putin ha altre priorità in questo frangente, dall'altro le sanzioni si fanno sentire e specie quelle che hanno ad oggetto le banche e il circuito finanziario russo hanno effetti devastanti anche per il Venezuela. Si parla che molte linee di credito siano bloccate causa sanzioni.
    Ultima modifica di yyvhes; 08-05-22 alle 07:32

  3. #393
    L'avatar di ninjazzurro
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    4,485
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    2404 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da yyvhes Visualizza Messaggio
    A questo punto penso che Biden abbia fatto capire a Guaidò di muoversi a trovare un accordo con Maduro, pena la messa fuori gioco di Guaidò.

    Un accordo spianerebbe la strada per un allentamento delle sanzioni e i detrattori di Maduro in US a questo punto - messi di fronte al fatto compiuto con le spalle al muro - non potrebbero più aver nulla da recriminare ed accettare le decisioni per il bene dei venezuelani.

    Tra l'altro Maduro si trova anche nella situazione di aver un alleato, la Russia, che é un anatra zoppa. Da un lato Putin ha altre priorità in questo frangente, dall'altro le sanzioni si fanno sentire e specie quelle che hanno ad oggetto le banche e il circuito finanziario russo hanno effetti devastanti anche per il Venezuela. Si parla che molte linee di credito siano bloccate causa sanzioni.
    Ottimo ragionamento.

    Anche perché con l'intransigenza ad oltranza nei confronti del Venezuela rischiano di diventare invisi (come la Russia per l'occidente) dal resto delle Americhe e dall'Europa con uno stallo ingiustificato a questo punto e pleonastico oramai.... senza provare a risolvere con la diplomazia ed un compromesso accettabile per tutte le parti venezuelane, americane, europee.. (anche i creditori)

    Del resto finora solo il Paraguay nelle Americhe ha ancora rifiutato di aprire un dialogo con l'amministrazione Maduro..... Gli altri soprattutto Argentina, Brasile, Uruguay, ecc.. hanno manifestato apertura.....
    Rimane l'atavico trumpiano Duke della Colombia... Che a luglio probabilmente non verrà riconfermato (forse è anche al secondo mandato consecutivo)... Quasi sicuramente anche i rapporti della Colombia saranno di dialogo e apertura col Venezuela......

    Si spera anche che dopo le midterm pochi politici ex cubani della vecchia scuola (vecchio rancore diciamo) o meglio nessuno sieda sugli scranni del Campidoglio di Capitol Hill...


    Io rimango sempre fiducioso su una svolta e risoluzione della crisi politica venezuelana.. così poi toccherà ai creditori fondi USA negoziare una ristrutturazione che mi aspetto win win molto "democristiana"



    Buona festa della mamma a tutti!
    a chi ha ancora la fortuna di passare del tempo con la propria mamma ed a chi ha la fortuna di festeggiare nel ricordo con lei.
    Ultima modifica di ninjazzurro; 08-05-22 alle 11:27

  4. #394
    L'avatar di lovebond
    Data Registrazione
    Feb 2016
    Messaggi
    4,100
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    3108 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da ninjazzurro Visualizza Messaggio
    Ottimo ragionamento.

    Anche perché con l'intransigenza ad oltranza nei confronti del Venezuela rischiano di diventare invisi (come la Russia per l'occidente) dal resto delle Americhe e dall'Europa con uno stallo ingiustificato a questo punto e pleonastico oramai.... senza provare a risolvere con la diplomazia ed un compromesso accettabile per tutte le parti venezuelane, americane, europee.. (anche i creditori)

    Del resto finora solo il Paraguay nelle Americhe ha ancora rifiutato di aprire un dialogo con l'amministrazione Maduro..... Gli altri soprattutto Argentina, Brasile, Uruguay, ecc.. hanno manifestato apertura.....
    Rimane l'atavico trumpiano Duke della Colombia... Che a luglio probabilmente non verrà riconfermato (forse è anche al secondo mandato consecutivo)... Quasi sicuramente anche i rapporti della Colombia saranno di dialogo e apertura col Venezuela......

    Si spera anche che dopo le midterm pochi politici ex cubani della vecchia scuola (vecchio rancore diciamo) o meglio nessuno sieda sugli scranni del Campidoglio di Capitol Hill...


    Io rimango sempre fiducioso su una svolta e risoluzione della crisi politica venezuelana.. così poi toccherà ai creditori fondi USA negoziare una ristrutturazione che mi aspetto win win molto "democristiana"



    Buona festa della mamma a tutti!
    a chi ha ancora la fortuna di passare del tempo con la propria mamma ed a chi ha la fortuna di festeggiare nel ricordo con lei.
    Ottima analisi...sarebbe interessante trovare da qualche parte (una sorta di C.O.T. report) le percentuali precise dei detentori del debito venezuelano. Chiedo a Carib o a chiunque altro se è possibile reperire tale dato con esattezza. A mio avviso è di fondamentale importanza per capire quale rinegoziazione è presumibile aspettarsi.

  5. #395
    L'avatar di Carib
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    18,308
    Mentioned
    56 Post(s)
    Quoted
    5689 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Citazione Originariamente Scritto da yyvhes Visualizza Messaggio
    A questo punto penso che Biden abbia fatto capire a Guaidò di muoversi a trovare un accordo con Maduro, pena la messa fuori gioco di Guaidò.

    Un accordo spianerebbe la strada per un allentamento delle sanzioni e i detrattori di Maduro in US a questo punto - messi di fronte al fatto compiuto con le spalle al muro - non potrebbero più aver nulla da recriminare ed accettare le decisioni per il bene dei venezuelani.

    Tra l'altro Maduro si trova anche nella situazione di aver un alleato, la Russia, che é un anatra zoppa. Da un lato Putin ha altre priorità in questo frangente, dall'altro le sanzioni si fanno sentire e specie quelle che hanno ad oggetto le banche e il circuito finanziario russo hanno effetti devastanti anche per il Venezuela. Si parla che molte linee di credito siano bloccate causa sanzioni.
    mi pare la tua percezione della realta' sia priva di fondamento.
    Chi deve decidere se cambiare linea e' Maduro, non Guaido'.
    il punto restano elezioni libere. Chi vincera' le medesime, poi, sara' questione per gli elettori venezolani.

  6. #396
    L'avatar di Carib
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    18,308
    Mentioned
    56 Post(s)
    Quoted
    5689 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Citazione Originariamente Scritto da lovebond Visualizza Messaggio

    Ottima analisi...sarebbe interessante trovare da qualche parte (una sorta di C.O.T. report) le percentuali precise dei detentori del debito venezuelano. Chiedo a Carib o a chiunque altro se è possibile reperire tale dato con esattezza. A mio avviso è di fondamentale importanza per capire quale rinegoziazione è presumibile aspettarsi.
    un dato del genere, a mio sapere, non e' disponibile.
    Ovvio che la maggioranza e' in mano di investitori istituzionali, domestici o stranieri.
    sono stati scritti decine di papers sugli scenari possibili di ristrutturazione, ma nessuno tratta del punto piu' importante:
    finche manca l'accordo politico, le sanzioni restano, e con le sanzioni, a NY non si ristruttura.
    resta la possibilita' di ricomprare (avendo dollari in eccesso, che non hanno) o di scambiare debt/equity con cinesi (che non sembrano interessati).

  7. #397
    L'avatar di Gioxx
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Messaggi
    9,418
    Mentioned
    10 Post(s)
    Quoted
    4565 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da lovebond Visualizza Messaggio

    Ottima analisi...sarebbe interessante trovare da qualche parte (una sorta di C.O.T. report) le percentuali precise dei detentori del debito venezuelano. Chiedo a Carib o a chiunque altro se è possibile reperire tale dato con esattezza. A mio avviso è di fondamentale importanza per capire quale rinegoziazione è presumibile aspettarsi.
    piu che rinegoziazione aspettarsi sarebbe già tanto che si intravedesse la possibilità di farla,
    cosa che attualmente non esiste.
    Credo che la revisione del debito sarà l'ultimo step di questa tragica situazione,
    tutto passa dalla ripresa dei dialoghi con l'opposizione che se positivi potranno portare al massimo
    ad attenuare le sanzioni sul petrolio, per arrivare a discutere sul debito Maduro dovrà rassegnarsi ad andare a libere elezioni,
    praticamente pura fantascienza per come sta andando la situazione.

  8. #398
    L'avatar di Carib
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    18,308
    Mentioned
    56 Post(s)
    Quoted
    5689 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Citazione Originariamente Scritto da Gioxx Visualizza Messaggio
    piu che rinegoziazione aspettarsi sarebbe già tanto che si intravedesse la possibilità di farla,
    cosa che attualmente non esiste.
    Credo che la revisione del debito sarà l'ultimo step di questa tragica situazione,
    tutto passa dalla ripresa dei dialoghi con l'opposizione che se positivi potranno portare al massimo
    ad attenuare le sanzioni sul petrolio, per arrivare a discutere sul debito Maduro dovrà rassegnarsi ad andare a libere elezioni,
    praticamente pura fantascienza per come sta andando la situazione.
    le elezioni ci saranno nel 2024, a scadenza naturale.
    da discutere se saranno vere o una farsa.
    il resto e' poesia.

  9. #399

    Data Registrazione
    Nov 2015
    Messaggi
    425
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    253 Post(s)
    Potenza rep
    37688108
    Citazione Originariamente Scritto da Carib Visualizza Messaggio
    le elezioni ci saranno nel 2024, a scadenza naturale.
    da discutere se saranno vere o una farsa.
    il resto e' poesia.
    Altri 2/3 anni attesa allora….(Il resto scritto fino ad allora sarà solo gossip e chi ha investito rimane in questo limbo senza i propri soldi…sperando che poi si riuscirà a recuperare qualcosa, anche il 50%…..purtroppo, manco a farlo apposta, ho delle azioni gazprom: se nelle Venezuela c’è una piccola, ma piccola, fiamma di speranza che qualcosa possa succedere, in queste invece la perdita e’ pressoché certa, stante i cavilli che la guerra e le sue conseguenze ha determinato nella loro gestione/conversione/ipotesi su come sbarazzarsene)

  10. #400

Accedi