Vivere di rendita, posso (Vol. XLV)? - Pagina 197
Michael Burry VS Warren Buffett. Mr Big Short scommette contro Apple. Preferisce altre due FAANG
Michael Burry, l’investitore Mr. Big Short di fama internazionale che ha ispirato il film “Big Short”, in italiano “La Grande Scommessa”, ha rivelato all’autorità di borsa Usa Sec di aver …
JP Morgan su Big Tech cinesi: il rating ‘si trasforma’ in overweight, due mesi dopo grave gaffe ‘non investibili’
JP Morgan ha rivisto al rialzo il rating sulle Big Tech cinesi del calibro di Tencent, Alibaba, Meituan, NetEase e Pinduoduo da underweight a overweight, appena due mesi dopo aver …
IG: al via l’evento “I dati non mentono: approccio scientifico al trading” con Marco Casario
IG Italia, leader del trading online è da sempre attivo ed impegnato nella promozione dell?educazione finanziaria e ha organizzato un evento digitale live che prevede la presenza, in qualità di …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1961
    L'avatar di rentier64
    Data Registrazione
    Mar 2021
    Messaggi
    606
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    486 Post(s)
    Potenza rep
    42520178
    Citazione Originariamente Scritto da wolfbalck Visualizza Messaggio
    il rischio lo stimi con le statistiche......e un mercato efficiente offre un rendimento in base al rischio

    qualsiasi attività imprenditoriale che non fallisce ha un ritorno molto superiore al 7% annuo....quindi per natura l'attività imprenditoriale è considerata più rischiosa......nel mondo ogni giorno ci sono milioni persone che rischiano di più rispetto a chi investe in azioni.
    BUSINESS…..UNO SU MILLE CE LA FA
    C'e' chi dice che Il business forse potrebbe essere una strategia valida per uscire dalla ruota del criceto.
    Lo metto comunque nella lista delle cazzate.
    Questo perché ci sono grossi segreti che i guru dei corsi “diventa ricco con il business
    online!” ti tengono nascosti:
    1. hai un altissimo rischio di fallimento
    2. ti devi sbattere tantissimo
    3. lo Stato italiano ti rema contro
    1. hai un altissimo rischio di fallimento
    Per fortuna non devi credermi sulla parola.
    Ci sono un sacco di studi che hanno calcolato la percentuale di fallimento delle nuove imprese.
    Per fartela breve: tre le nuove aziende, 9 su 10 falliscono.
    Hai presente Morandi che canta “uno su mille ce la fa….”?
    Ecco, in bocca al lupo
    2. ti devi sbattere tantissimo
    Hai presente quando esci dall’ufficio, spegni il cervello e pensi ai ***** tuoi? Ecco. Se apri un’azienda scordatelo.
    Non ci sono orari. Non ci sono natale, pasqua e ferragosto. Non c’è il weekend. Non c’è la malattia. Non ci sono le ferie pagate. Non c’è la tredicesima. Non c’è il TFR. Non c’è lo stipendio fisso a fine mese. Ci sei solo tu che lavori come un pazzo 12 ore al giorno, 7 giorni su 7, e trascuri tua moglie che si fa consolare del personal trainer.
    3. lo Stato italiano ti rema contro
    E la cosa che fa davvero incazzare, è che in tutto questo sbattimento lo Stato non fa altro che intralciarti.
    Non solo aprire un’azienda in Italia è più difficile rispetto agli altri Stati europei.
    Ma come se non bastasse, lo stato italiano ti tassa di più': il 64% rispetto ad una media europea del 40,6%.
    In pratica se lavori 10 giorni, i primi 6 giorni e mezzo ti servono a pagare lo Stato.
    Dal settimo giorno in poi, guadagni per te stesso.
    Non sembra più così facile, vero?
    E soprattutto… se ti sbatti così tanto, dov’è l’entrata “passiva” che ti promettono i guru?
    Prima di avere un business avviato che genera entrate senza di te, ti aspettano anni ti duro lavoro.
    La verità è che tutti i metodi per fare queste famose “entrate passive” hanno dei seri problemi
    Problemi che i guru stanno bene attenti a non dirti…
    1. hai pochissime probabilità di successo
    2. hai altissime probabilità di perdere soldi
    3. hai bisogno di un grande capitale iniziale
    4. hai bisogno di moltissimo tempo

  2. #1962

    Data Registrazione
    Apr 2019
    Messaggi
    12,332
    Mentioned
    163 Post(s)
    Quoted
    8768 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da margiop Visualizza Messaggio
    per una questione psicologica.
    incassare i dividendi permette di avere flussi di cassa sul conto corrente subito utilizzabili con carta o bonifico, senza dover vendere quote.
    è vero che fiscalmente è meno efficiente, ma è una forma di educazione finanziaria, il vecchio adagio "non vendere mai".
    in realtà volevo dire perchè quel tipo di paniere pensando che volessi in quale modo fare una scelta value

    Vivere di rendita, posso (Vol. XLV)?-.jpg

  3. #1963

    Data Registrazione
    Apr 2019
    Messaggi
    12,332
    Mentioned
    163 Post(s)
    Quoted
    8768 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da rentier64 Visualizza Messaggio
    BUSINESS…..UNO SU MILLE CE LA FA
    C'e' chi dice che Il business forse potrebbe essere una strategia valida per uscire dalla ruota del criceto.
    Lo metto comunque nella lista delle cazzate.
    Questo perché ci sono grossi segreti che i guru dei corsi “diventa ricco con il business
    online!” ti tengono nascosti:
    1. hai un altissimo rischio di fallimento
    2. ti devi sbattere tantissimo
    3. lo Stato italiano ti rema contro
    1. hai un altissimo rischio di fallimento
    Per fortuna non devi credermi sulla parola.
    Ci sono un sacco di studi che hanno calcolato la percentuale di fallimento delle nuove imprese.
    Per fartela breve: tre le nuove aziende, 9 su 10 falliscono.
    Hai presente Morandi che canta “uno su mille ce la fa….”?
    Ecco, in bocca al lupo
    2. ti devi sbattere tantissimo
    Hai presente quando esci dall’ufficio, spegni il cervello e pensi ai ***** tuoi? Ecco. Se apri un’azienda scordatelo.
    Non ci sono orari. Non ci sono natale, pasqua e ferragosto. Non c’è il weekend. Non c’è la malattia. Non ci sono le ferie pagate. Non c’è la tredicesima. Non c’è il TFR. Non c’è lo stipendio fisso a fine mese. Ci sei solo tu che lavori come un pazzo 12 ore al giorno, 7 giorni su 7, e trascuri tua moglie che si fa consolare del personal trainer.
    3. lo Stato italiano ti rema contro
    E la cosa che fa davvero incazzare, è che in tutto questo sbattimento lo Stato non fa altro che intralciarti.
    Non solo aprire un’azienda in Italia è più difficile rispetto agli altri Stati europei.
    Ma come se non bastasse, lo stato italiano ti tassa di più': il 64% rispetto ad una media europea del 40,6%.
    In pratica se lavori 10 giorni, i primi 6 giorni e mezzo ti servono a pagare lo Stato.
    Dal settimo giorno in poi, guadagni per te stesso.
    Non sembra più così facile, vero?
    E soprattutto… se ti sbatti così tanto, dov’è l’entrata “passiva” che ti promettono i guru?
    Prima di avere un business avviato che genera entrate senza di te, ti aspettano anni ti duro lavoro.
    La verità è che tutti i metodi per fare queste famose “entrate passive” hanno dei seri problemi
    Problemi che i guru stanno bene attenti a non dirti…
    1. hai pochissime probabilità di successo
    2. hai altissime probabilità di perdere soldi
    3. hai bisogno di un grande capitale iniziale
    4. hai bisogno di moltissimo tempo

    si parlava proprio delle milioni di parte iva che la mattina si alzano per lavorare e che affrontano tutti i problemi citati quindi rischiano infinitamente di più di chi si compra un etf.

  4. #1964

    Data Registrazione
    Apr 2019
    Messaggi
    15,869
    Mentioned
    14 Post(s)
    Quoted
    8159 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da alfa71 Visualizza Messaggio
    più che altro si potrebbe dire che il nonno va in pensione e lascia il cantiere.....e gli italiani finiscono tutti dentro la fossa del cantiere non ancora terminato
    Per me può andare... Bip..

  5. #1965

    Data Registrazione
    Oct 2006
    Messaggi
    1,467
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    1126 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Citazione Originariamente Scritto da wolfbalck Visualizza Messaggio
    si parlava proprio delle milioni di parte iva che la mattina si alzano per lavorare e che affrontano tutti i problemi citati quindi rischiano infinitamente di più di chi si compra un etf.
    questo è sacrosanto

  6. #1966
    L'avatar di donsalieri
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    2,579
    Mentioned
    18 Post(s)
    Quoted
    1857 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da bobsinclair Visualizza Messaggio
    La realtà è che la filosofia lazy è contronatura per un essere umano...
    Siamo progettati per fuggire dai pericoli o presunti tali mentre la filosofia lazy ci dice di fare l opposto...stare fermi immobili guardando il nostro patrimonio che ogni giorno fluttua (o peggio scende di brutto come a marzo 2020 o come nei giorni scorsi)....il tutto nel nome di una fede...la fede che il mercato azionario tra 10 anni sarà ad un valore più alto di oggi...per cui è semplice, basta non vendere
    Il fatto è che dopo 13 anni di salita dei mercati senza sosta i lazisti spuntano come funghi perché inconsciamente si pensa che sarà sempre così...
    Io invece credo che come per i trader solo pochi abbiano la vera stoffa per seguire la filosofia lazy...
    La regola numero uno è che ti deve venire naturale...se non ti viene naturale significa che stai forzando....se lo sforzo è lieve/sopportabile allora col tempo ci si allena e si riesce bene...se invece andiamo contro la nostra natura (e ribadisco che sono pochissimi ad avere questa stoffa) al primo vero bear market si rischia di fare disastri e rimetterci la salute che è la cosa più preziosa che abbiamo assieme al tempo...
    Secondo me non è tanto la politica lazy in sè ad essere contronatura ma il concetto dei mercati fluttuanti affincato a questa politica a risultare indigesto.
    Io ad esempio ho sempre vincolato i miei soldi su cd anche su scadenze medio lunghe (es. 7 anni) senza temere nulla nè muovere un solo dito.
    In tutti questi anni i cd (ma anche buoni postali in passato) li ho bellamente dimenticati preoccupandomi solo di incassare gli interessi periodici (con tanto di allarme altrimenti me ne sarei pure dimenticato).
    Posso definirmi lazy? Più pigro di così...
    Investire in ETF lazy (ad esempio) invece è differente perchè sai che ci sono dei periodi non positivi che potrebbero modificare la percezione del tuo patrimonio.
    Se riesci a star lontano dalla borsa (e già non è sicuro) ci sono i media che ti ricordano gli scossoni e i rossi cronici.
    Ci sono i fatti del giorno, oddio la crisi del gas, la guerra in Ucraina, che starà succedendo ai miei soldi?
    E ti assicuro che non sempre si tratta solo di aspetto psicologico perchè in un mercato orso, in recessione o in bolla i rischi sono veri, quantificabili e tangibili anche se hai puntato su ETF lazy.
    Gli ETF non sono mai lazy, è una terminologia a mio parere inappropriata.
    Gli ETF sono solo ETF, con tutti i pro e i contro del caso.
    Ultima modifica di donsalieri; 26-01-22 alle 13:59

  7. #1967
    L'avatar di 6percento
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    1,641
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    927 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da margiop Visualizza Messaggio
    secondo me Bob intende dire che l'uomo tende a prendersi rischi calcolati, mica il primitivo si sarebbe lanciato da solo contro un leone

    gli stessi leoni attaccano animali malati o giovani, perchè più deboli

    stimare il rischio è fondamentale
    Assolutamente d'accordo, aggiungo che pur facendo due individui la stessa operazione ''piu' o meno rischiosa'' il rischio è diverso per i due soggetti perchè si suppone che la loro situazione sia differente

    Quindi quello che può essere rischioso per te potrebbe non esserlo per me e viceversa

  8. #1968
    L'avatar di oscar.pettinari
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    1,512
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    1073 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da donsalieri Visualizza Messaggio
    Secondo me non è tanto la politica lazy in sè ad essere contronatura ma il concetto dei mercati fluttuanti affincato a questa politica a risultare indigesto.
    Io ad esempio ho sempre vincolato i miei soldi su cd anche su scadenze medio lunghe (es. 7 anni) senza temere nulla nè muovere un solo dito.
    In tutti questi anni i cd (ma anche buoni postali in passato) li ho bellamente dimenticati preoccupandomi solo di incassare gli interessi periodici (con tanto di allarme altrimenti me ne sarei pure dimenticato).
    Posso definirmi lazy? Più pigro di così...
    Investire in ETF lazy (ad esempio) invece è differente perchè sai che ci sono dei periodi non positivi che potrebbero modificare la percezione del tuo patrimonio.
    Se riesci a star lontano dalla borsa (e già non è sicuro) ci sono i media che ti ricordano gli scossoni e i rossi cronici.
    Ci sono i fatti del giorno, oddio la crisi del gas, la guerra in Ucraina, che starà succedendo ai miei soldi?
    E ti assicuro che non sempre si tratta solo di aspetto psicologico perchè in un mercato orso, in recessione o in bolla i rischi sono veri, quantificabili e tangibili anche se hai puntato su ETF lazy.
    Gli ETF non sono mai lazy, è una terminologia a mio parere inappropriata.
    Gli ETF sono solo ETF, con tutti i pro e i contro del caso.
    I tempi sono cambiati e i CD non rendono piu' nulla ormai. L'inflazione e' tornata ad affacciarsi e senon sei disposto a correre qualche piccolo rischio, perdi sicuro. Poi se vogliamo parlare della sicurezza dello stato Italiano.....non ci scordiamo quello che e successo nel 2010-2011.....Insomma, io pasti gratis non ne vedo.
    Ultima modifica di oscar.pettinari; 26-01-22 alle 14:12

  9. #1969
    L'avatar di alfa71
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Messaggi
    11,674
    Mentioned
    127 Post(s)
    Quoted
    7858 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da Toptrader1970 Visualizza Messaggio
    Per me può andare... Bip..
    dopo però c'è il rischio che l'Italia vada a ....bip

  10. #1970

    Data Registrazione
    Oct 2006
    Messaggi
    1,467
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    1126 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Citazione Originariamente Scritto da wolfbalck Visualizza Messaggio
    in realtà volevo dire perchè quel tipo di paniere pensando che volessi in quale modo fare una scelta value

    Vivere di rendita, posso (Vol. XLV)?-.jpg
    Ottimo spunto
    Dovrei stabilire quale dividendo sia accettabile e fare un mix dei due
    Un paio di domande tecniche:
    - il rendimento indicato da dividendo è a lordo o al netto del TER?
    - quale è a grande linee il dividendo netto? non conosco la tassazione media di questi strumenti

Accedi