Venezuela e PDVSA (Vol.161) Quota "Aran2" .... il sogno reviviscente! - Pagina 94
La disuguaglianza dell’inflazione: Donovan (UBS) spiega perché l’inflazione cpi è sbagliata per la maggior parte di noi
L’indice dei prezzi al consumo può essere un valore fuorviante se calcolato in maniera generalizzata per la maggior parte delle persone. “L’inflazione misurata dal consumer price index (CPI) “è una …
Wall Street mette il turbo dopo 100 giorni da incubo, ecco l’entità dei rimbalzi dell’S&P 500 in situazioni simili del passato
Settimana in poderoso recupero per i listini azionari, in particolare Wall Street. A supportare il movimento nelle ultime sedute sono state in prima battuta le minute Fed e poi le …
Tim accelera su rete unica, vicina la firma del MoU con CDP
Seduta all?insegna della bassa volatilità per Tim dopo il CdA di ieri che ha fatto il punto su rete unica e altri temi in vista della presentazione della riorganizzazione del …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #931
    L'avatar di StormShadow
    Data Registrazione
    Mar 2021
    Messaggi
    1,259
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    419 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da Luisd Visualizza Messaggio
    IL RISCHIO DI PERDERE TUTTO E' EVIDENZIATO NELL'ARTICOLO CHE TROVATE SOTTO





    Al via il Fondo Canaima, a tutela dei creditori del Venezuela



    Per i possessori di titoli tossici venezuelani è arrivato il momento di salvaguardare i capitali investiti. Sul mercato esiste infatti una soluzione che non molti conoscono eppure ha tutti i presupposti per funzionare. Il veicolo è un fondo. Si chiama Canaima Global Opportunities, dal nome di un parco naturale venezuelano, e si avvale della consulenza operativa della società IlliquidX con sede a Londra, di cui è Ceo l’ing. Celestino Amore, manager con lunga esperienza nelle banche d’affari della City e nel settore del trading e della negoziazione di debiti sovrani insolventi.

    Il Fondo Canaima investirà in opportunità di debito sovrano in difficoltà, inizialmente a partire dal Venezuela, ma in prospettiva intende estendere la propria attività ad altre giurisdizioni. "Non stiamo facendo nulla di aggressivo – dichiara il Ceo della IlliquidX Celestino Amore nel presentare l’iniziativa – se non cercare una soluzione che dia la possibilità ai sottoscrittori dei titoli venezuelani di non perdere i propri diritti legittimi, per evitare quel che accadde con le obbligazioni dell’Argentina nel concambio finale nel 2015, dove molti creditori videro le proprie obbligazioni azzerarsi, dato che per diverse serie di obbligazioni passarono I termini di prescrizioni e per questo non furono onorate dal governo Argentino ".

    Il Fondo intende proteggere gli interessi dei risparmiatori nelle future dispute legali in ogni sede giudiziaria al fine di conservare i diritti al pagamento delle cedole dovute e in prospettiva del rimborso del capitale.

    Inoltre il Fondo è aperto a nuovi investitori che intendano partecipare al recupero dei crediti deteriorati. Il Fondo Canaima offrirà rappresentanza e sostegno ai creditori in un contesto difficile e complesso qual è quello venezuelano. Dalla fine del 2017, com’è noto, Il Venezuela non ha più pagato i circa 60 miliardi di dollari di debito obbligazionario emesso dallo stesso Governo di Caracas e dalla società statale Petroleos de Venezuela.

    Le sanzioni degli Stati Uniti non consentono agli investitori americani di negoziare con i funzionari economici di Maduro. Ulteriori misure vietano inoltre al governo di emettere nuove obbligazioni. Vi è poi un aspetto legale che complica ulteriormente le cose: la cosiddetta "clausola di prescrizione" dei bond venezuelani che potrebbe liberare la nazione dagli interessi non pagati a qualsiasi creditore dopo tre anni.

    Il terzo anniversario del mancato pagamento del primo bond coincide con la scadenza del 13 ottobre per un’offerta condizionale emessa dal governo la scorsa settimana. Il ministro delle finanze di Maduro, Delcy Rodriguez, ha affermato che il governo rinuncerebbe a tale clausola se i creditori acconsentissero a non intraprendere ulteriori azioni legali. L’accordo richiede l’approvazione degli obbligazionisti che possiedono più del 75% del debito. "Il nostro team legale ha tutte le competenze per analizzare questa complicata situazione e si rivolgerà alle competenti autorità nei modi e nei tempi necessari per conto di tutti gli investitori del nostro Fondo", spiega Celestino Amore.

    "Chi non ha la possibilita’ di avere adeguata rappresentanza legale davanti alle corti competenti - dichiara Luke Allen, amministratore indipendente non esecutivo del Fondo - può unirsi al Gruppo di creditori rappresentato dal Fondo Canaima oppure può scambiare i propri titoli in cambio di azioni del Fondo Canaima (per le giuridizioni dove questo fosse possibile). L’obiettivo finale è quello di salvaguardare il patrimonio degli investitori per garantire che siano trattati in modo equo e che traggano vantaggio dalla gestione proattiva e performance del Fondo".



    Al via il Fondo Canaima, a tutela dei creditori del Venezuela International Web Post - International Web Post
    però credo che questi fondi siano di parte... con le loro affermazioni...

    vale la regola... chi non ne ha bisogno, meglio tenerli... e attendere la fine... che ci sarà...
    e sta arrivando piano piano...
    la nazione in stallo non può stare....

  2. #932
    L'avatar di Wrangel
    Data Registrazione
    Dec 2021
    Messaggi
    1,321
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    465 Post(s)
    Potenza rep
    42949673
    Citazione Originariamente Scritto da Luisd Visualizza Messaggio
    IL RISCHIO DI PERDERE TUTTO E' EVIDENZIATO NELL'ARTICOLO CHE TROVATE SOTTO





    Al via il Fondo Canaima, a tutela dei creditori del Venezuela



    Per i possessori di titoli tossici venezuelani è arrivato il momento di salvaguardare i capitali investiti. Sul mercato esiste infatti una soluzione che non molti conoscono eppure ha tutti i presupposti per funzionare. Il veicolo è un fondo. Si chiama Canaima Global Opportunities, dal nome di un parco naturale venezuelano, e si avvale della consulenza operativa della società IlliquidX con sede a Londra, di cui è Ceo l’ing. Celestino Amore, manager con lunga esperienza nelle banche d’affari della City e nel settore del trading e della negoziazione di debiti sovrani insolventi.

    Il Fondo Canaima investirà in opportunità di debito sovrano in difficoltà, inizialmente a partire dal Venezuela, ma in prospettiva intende estendere la propria attività ad altre giurisdizioni. "Non stiamo facendo nulla di aggressivo – dichiara il Ceo della IlliquidX Celestino Amore nel presentare l’iniziativa – se non cercare una soluzione che dia la possibilità ai sottoscrittori dei titoli venezuelani di non perdere i propri diritti legittimi, per evitare quel che accadde con le obbligazioni dell’Argentina nel concambio finale nel 2015, dove molti creditori videro le proprie obbligazioni azzerarsi, dato che per diverse serie di obbligazioni passarono I termini di prescrizioni e per questo non furono onorate dal governo Argentino ".

    Il Fondo intende proteggere gli interessi dei risparmiatori nelle future dispute legali in ogni sede giudiziaria al fine di conservare i diritti al pagamento delle cedole dovute e in prospettiva del rimborso del capitale.

    Inoltre il Fondo è aperto a nuovi investitori che intendano partecipare al recupero dei crediti deteriorati. Il Fondo Canaima offrirà rappresentanza e sostegno ai creditori in un contesto difficile e complesso qual è quello venezuelano. Dalla fine del 2017, com’è noto, Il Venezuela non ha più pagato i circa 60 miliardi di dollari di debito obbligazionario emesso dallo stesso Governo di Caracas e dalla società statale Petroleos de Venezuela.

    Le sanzioni degli Stati Uniti non consentono agli investitori americani di negoziare con i funzionari economici di Maduro. Ulteriori misure vietano inoltre al governo di emettere nuove obbligazioni. Vi è poi un aspetto legale che complica ulteriormente le cose: la cosiddetta "clausola di prescrizione" dei bond venezuelani che potrebbe liberare la nazione dagli interessi non pagati a qualsiasi creditore dopo tre anni.

    Il terzo anniversario del mancato pagamento del primo bond coincide con la scadenza del 13 ottobre per un’offerta condizionale emessa dal governo la scorsa settimana. Il ministro delle finanze di Maduro, Delcy Rodriguez, ha affermato che il governo rinuncerebbe a tale clausola se i creditori acconsentissero a non intraprendere ulteriori azioni legali. L’accordo richiede l’approvazione degli obbligazionisti che possiedono più del 75% del debito. "Il nostro team legale ha tutte le competenze per analizzare questa complicata situazione e si rivolgerà alle competenti autorità nei modi e nei tempi necessari per conto di tutti gli investitori del nostro Fondo", spiega Celestino Amore.

    "Chi non ha la possibilita’ di avere adeguata rappresentanza legale davanti alle corti competenti - dichiara Luke Allen, amministratore indipendente non esecutivo del Fondo - può unirsi al Gruppo di creditori rappresentato dal Fondo Canaima oppure può scambiare i propri titoli in cambio di azioni del Fondo Canaima (per le giuridizioni dove questo fosse possibile). L’obiettivo finale è quello di salvaguardare il patrimonio degli investitori per garantire che siano trattati in modo equo e che traggano vantaggio dalla gestione proattiva e performance del Fondo".



    Al via il Fondo Canaima, a tutela dei creditori del Venezuela International Web Post - International Web Post
    uhm ....e il rapporto di cambio quale sarebbe ?

  3. #933
    L'avatar di Gioxx
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Messaggi
    9,239
    Mentioned
    10 Post(s)
    Quoted
    4423 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da Wrangel Visualizza Messaggio
    uhm ....e il rapporto di cambio quale sarebbe ?
    "oppure può scambiare i propri titoli in cambio di azioni del Fondo Canaima"

    che azioni sarebbero?
    In pratica tu gli cedi i bonos, loro in cambio ti danno delle azioni(quali?)e il giorno dopo ti ritrovi con un -50% se va bene

  4. #934
    L'avatar di StormShadow
    Data Registrazione
    Mar 2021
    Messaggi
    1,259
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    419 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Maduro admitio quiebra de empresas del Estado

    Maduro ha ammesso il fallimento delle società statali e ha annunciato il Consiglio federale
    "Non abbiamo paura di ammettere che le filiali e le società che gli erano state cedute sono fallite. Alcune società sono state cedute a loro e sono fallite"
    24 gennaio 2022 18:25 Di: Ntn24.com

    In un incontro con le autorità e gli uomini d'affari venezuelani, Nicolás Maduro ha ammesso il fallimento di molte società statali che sono state espropriate e che sono attualmente in bancarotta e senza produzione.


    Il leader del regime ha anche annunciato chi andrà a comporre il Consiglio di amministrazione del Consiglio federale di governo, il cui obiettivo sarà "la crescita dell'economia" e recuperare le imprese che restano in bancarotta nelle mani di Chavismo.


    liberalizzazione economica

  5. #935

    Data Registrazione
    Jul 2017
    Messaggi
    3,852
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    2340 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da Wrangel Visualizza Messaggio
    uhm ....e il rapporto di cambio quale sarebbe ?
    Tu gli dai le obbligazioni sospese ma vere e loro in cambio ti danno azioni o titoli del loro fondo. Quotate a.....

    (Diverso è venderle a poco a Illiquidx)

    Cip cip polli, venite venite!

  6. #936

  7. #937

    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    866
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    489 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da StormShadow Visualizza Messaggio
    Please Wait... | Cloudflare

    Il CNE ha schierato i macchinari per ricevere le firme per il referendum di revoca contro Maduro
    24 gennaio 2022 nelle Nazionali


    Banca y Negocios
    @bancaynegocios
    ·
    7h
    Oposición pide más tiempo al CNE para juntar firmas contra Maduro Oposicion pide mas tiempo al CNE para juntar firmas contra Maduro | Banca y Negocios

    Please Wait... | Cloudflare

    Roberto Enríquez ha affermato che il fair play tra le forze democratiche è essenziale per sconfiggere Maduro
    24 gennaio 2022 nelle Nazionali


    ... tempo perso... non sono andati a votare per le elezioni, ci vanno ancor meno per il referendum... ai venezuelani, la situazione, piace così com'è... campicchiano, a loro basta...

  8. #938

    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    866
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    489 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da StormShadow Visualizza Messaggio
    però credo che questi fondi siano di parte... con le loro affermazioni...

    vale la regola... chi non ne ha bisogno, meglio tenerli... e attendere la fine... che ci sarà...
    e sta arrivando piano piano...
    la nazione in stallo non può stare....

    .... ahah ... questi sono come il Gatto e la Volpe... "...stai attento che stai per perdere tuttooooo.... ma noi siamo buoniiii... DACCELI a noiiiiiiiii ... " ahahah....
    ... piuttosto che darli a loro, ci accendo il camino stasera...

  9. #939

    Data Registrazione
    Mar 2012
    Messaggi
    2,184
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    1346 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da StormShadow Visualizza Messaggio
    però credo che questi fondi siano di parte... con le loro affermazioni...

    vale la regola... chi non ne ha bisogno, meglio tenerli... e attendere la fine... che ci sarà...
    e sta arrivando piano piano...
    la nazione in stallo non può stare....

    NON STò DICENDO CHE DOBBIAMO CEDERE I BONOS A QUESTA SOCIETA'.
    HO EVIDENZIATO CHE LA PRESCRIZIONE ESISTE E CHE OCCORRE MUOVERSI.

  10. #940

    Data Registrazione
    Mar 2018
    Messaggi
    29
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    10 Post(s)
    Potenza rep
    17495460
    ANCH'IOOOOOO!!!!

Accedi