Venezuela e PDVSA (Vol.161) Quota "Aran2" .... il sogno reviviscente! - Pagina 69
Minute Bce: rialzo dei tassi a luglio sempre più concreto, i falchi spingono per una stretta pesante stile Fed
Le prospettive di crescita dell’area euro per il terzo trimestre “sono ancora relativamente positive” grazie alla spinta del turismo e nonostante l’incertezza creata da fattori quali la guerra, il peggioramento …
Banche europee alle prese con ricadute di guerra e recessione. Scope indica le più resilienti e quelle più vulnerabili
Gli ostacoli di questo 2022 sono tanti, ma le banche europee sembrano essere solide abbastanza per superarli tutti. Il deterioramento del credito che potrà essere provocato dall?azione combinata di guerra e inflazione elevata, …
Circo Twitter e ‘disastro epico’ lockdown Shanghai spingono il più bullish su Tesla a maxi-taglio del target
Il titolo Tesla negli ultimi mesi non ha certo regalato soddisfazioni agli investitori, sottoperformando con decisione il mercato. Adesso anche uno dei più convinti sostenitori della creatura di Elon Musk …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #681

    Data Registrazione
    Nov 2012
    Messaggi
    22
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    15 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Carib Visualizza Messaggio
    Non esiste prescrizione per bonds NY in default certificato dal trustee.
    Grazie

  2. #682
    L'avatar di Carib
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    18,035
    Mentioned
    55 Post(s)
    Quoted
    5500 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Nessun creditore di titoli argentini NY law ha "perso tutto". Diverso il caso del titolo emesso con giurisdizione italiana (se non vado errato) e di alcuni bonds in DM con giurisdizione Francoforte, scaduti da oltre 10 anni.
    Ripeto: in US$, NY law, default certificato= non c'e' prescrizione.
    I bonds Venezuela e PDVsa sono solo in US$, NY law.

  3. #683

    Data Registrazione
    Mar 2012
    Messaggi
    2,180
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    1343 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Leggendo la risposta ADUC a un risparmiatore, il capitale e gli interessi si prescrivono dopo 6 anni (legge New York)



    ADUC - Lettera - Bond Venezuela

  4. #684

    Data Registrazione
    Mar 2012
    Messaggi
    2,180
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    1343 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da Carib Visualizza Messaggio
    Nessun creditore di titoli argentini NY law ha "perso tutto". Diverso il caso del titolo emesso con giurisdizione italiana (se non vado errato) e di alcuni bonds in DM con giurisdizione Francoforte, scaduti da oltre 10 anni.
    Ripeto: in US$, NY law, default certificato= non c'e' prescrizione.
    I bonds Venezuela e PDVsa sono solo in US$, NY law.

    Quindi, come da te evidenziato, non sei sicuro di quello che dici. Se è così sei pregato di informarti prima

  5. #685

    Data Registrazione
    May 2016
    Messaggi
    630
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    187 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Sanctions-defying Venezuela eyes reset with creditors | Argus Media

    Venezuela's government is looking to reset relations with bondholders and other jilted creditors amid signs of a sanctions-defying economic recovery.

  6. #686
    L'avatar di Carib
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    18,035
    Mentioned
    55 Post(s)
    Quoted
    5500 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Se il trustee non agisce, la prescrizione si applica 6 anni dopo la scadenza: il Venezuela 2034, ad esempio, in assenza di azioni del trustee, prescriverebbe nel 2040.
    Francamente, spero si risolva prima.

  7. #687
    L'avatar di StormShadow
    Data Registrazione
    Mar 2021
    Messaggi
    1,245
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    414 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da Valuex Visualizza Messaggio
    Sanctions-defying Venezuela eyes reset with creditors | Argus Media

    Venezuela's government is looking to reset relations with bondholders and other jilted creditors amid signs of a sanctions-defying economic recovery.



    Gli occhi del Venezuela che sfidano le sanzioni sono stati ripristinati con i creditori
    Data di pubblicazione: 18 gennaio 2022

    Condividere:
    Il governo venezuelano sta cercando di ristabilire i rapporti con gli obbligazionisti e altri creditori abbandonati tra i segni di una ripresa economica che sfida le sanzioni.

    Negli ultimi mesi, l'economia venezuelana ha svoltato l'angolo grazie all'aumento della produzione e delle esportazioni di petrolio, alla dollarizzazione de facto e alle rimesse di una diaspora forte di 6 milioni, affermano gli economisti internazionali. L'iperinflazione è stata domata e il PIL quest'anno potrebbe ridursi di appena il 3% o addirittura non ridursi affatto, un'impresa modesta che è stata eclissata da una contrazione accumulata di oltre l'80% dal 2013.

    Le prospettive a breve termine più stabili si fanno sentire soprattutto nei settori del commercio e dei servizi di Caracas, dove decine di funzionari venezuelani presi di mira dalle sanzioni statunitensi e dell'UE hanno pochi altri posti dove spendere soldi. La carenza di carburante e i blackout persistono, ma sono meno gravi di prima.

    Con l'opposizione politica sostenuta dagli Stati Uniti , il governo del presidente Nicolas Maduro vuole coinvolgere nuovamente la comunità finanziaria internazionale segnalando la volontà di ristrutturare i propri obblighi, con particolare attenzione ai detentori di debito sovrano e alle obbligazioni emesse dalla compagnia petrolifera nazionale venezuelana PdV — un universo del valore nominale di circa 60 miliardi di dollari.

    "Le linee di comunicazione non sono mai state chiuse, ma ora sono più aperte", dice ad Argus una fonte vicina al governo , riconoscendo che una ristrutturazione globale e una ripresa sostenuta alla fine si basano sull'abolizione delle sanzioni statunitensi.

    Con questa possibilità ancora fuori dalle carte, qualsiasi ronzio che il governo spera di generare non è gocciolato nel mercato obbligazionario secondario, nonostante alcuni abbinamenti di acquirenti e venditori nelle ultime settimane. Il prezzo del debito in sofferenza del Venezuela è di soli 5¢ circa per dollaro e gli scambi sono scarsi, soprattutto perché il governo degli Stati Uniti ha vietato a persone statunitensi di acquistare obbligazioni venezuelane, parte di una strategia punitiva iniziata nell'agosto 2017 con sanzioni finanziarie e che è cresciuta fino a olio di copertura a gennaio 2019.

    Gli investitori istituzionali statunitensi criticano il divieto di negoziazione per aver legato le loro mani a vantaggio di obbligazionisti non statunitensi, alcuni dei quali probabilmente respingerebbero comunque qualsiasi swap di debito che non superi un multiplo di almeno 10 volte i prezzi attuali. Per Caracas, il divieto ostacola qualsiasi ristrutturazione globale che aiuterebbe a tirarlo fuori dal freddo delle sanzioni statunitensi, il suo obiettivo finale.

    Se gli Stati Uniti dovessero revocare il controverso divieto commerciale, i prezzi delle obbligazioni probabilmente rimbalzerebbero quando le istituzioni di Wall Street tornano indietro, riportando potenzialmente tutte le parti al tavolo per considerare le opzioni post-sanzioni. A parte gli swap di obbligazioni, Caracas sta promuovendo operazioni di debito per azioni sulla falsariga di una transazione nella Repubblica Dominicana l'anno scorso. Corteggiando anche il private equity, Gear Capital, con sede a Hong Kong, tiene oggi un seminario per discutere gli "scenari politico-economici e le prospettive del debito" del Venezuela.

    Da quando è entrato in carica un anno fa, l'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden è stata in carica sul Venezuela mentre si concentra su altre priorità di politica interna ed estera. E sembra poco propenso a cambiare rotta prima delle elezioni di metà mandato di novembre, consapevole del fatto che il sentimento anti-Maduro pervade gli elettori venezuelani e cubano-americani nello stato oscillante della Florida. La Casa Bianca è particolarmente diffidente nei confronti della percezione che potrebbe placare Maduro e abbandonare l'opposizione democratica, indipendentemente dall'inefficacia dell'attuale politica statunitense.

    Fascino offensivo
    L'incipiente offensiva di fascino del Venezuela segue lo scioglimento formale di una commissione per la ristrutturazione del debito creata nel 2019 da un governo ad interim riconosciuto dagli Stati Uniti guidato da Juan Guaidó, il cui mandato è stato simbolicamente esteso all'inizio di gennaio. I membri di spicco dell'ex commissione, tra cui l'ex ministro della pianificazione e il professore di economia di Harvard Ricardo Hausmann, erano già funzionalmente defunti. Ma "gettando la spugna" sul colossale debito del Venezuela, il campo di Guaidó potrebbe aver dato a Maduro l'opportunità di intervenire, dice un veterano del Venezuela.

    Un sottoinsieme privilegiato di obbligazionisti che detengono strumenti PdV 2020 - le ultime obbligazioni a cadere in default nel 2019 - è impedito dal governo degli Stati Uniti di rivendicare la garanzia sotto forma di azioni della controllata di raffinazione statunitense di PdV Citgo. In una reliquia sempre più controversa della fallita strategia di "massima pressione" del predecessore di Biden Donald Trump, Citgo è controllata dall'opposizione guidata da Guaidó. La sospensione da parte del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti dell'autorizzazione degli obbligazionisti PdV 2020 a dare esecuzione alla loro richiesta sarà probabilmente rinnovata anche questa settimana. Parallelamente, gli obbligazionisti e i ricorrenti arbitrali guidati da ConocoPhillips e Crystallex stanno portando avanti le loro cause nei tribunali statunitensi.

    Il Venezuela ha almeno 150 miliardi di dollari di debiti, comprese obbligazioni, lodi arbitrali e obbligazioni bilaterali guidate dalla Cina.

    Di Patrizia Garip

  8. #688
    L'avatar di amgone
    Data Registrazione
    Mar 2001
    Messaggi
    15,565
    Mentioned
    17 Post(s)
    Quoted
    1893 Post(s)
    Potenza rep
    42949694
    Su tutte le scadenze i big hanno già fatto le rimostranze del caso ......nelle sedi ufficiali e competenti basta con ste minkkkk

  9. #689

    Data Registrazione
    Aug 2020
    Messaggi
    551
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    251 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da Luisd Visualizza Messaggio
    Quindi, come da te evidenziato, non sei sicuro di quello che dici. Se è così sei pregato di informarti prima
    Ma allora sei in malafede, non credevo.

    Carib (riferendosi ai titoli Argentina emessi con giurisdizione italiana) ha scritto "se non vado errato".

    Poi, per quello che riguarda i titoli VVV di cui si tratta in questo forum, ha ripetuto per la ennesima volta che non esiste la prescrizione.

    Se poi non ti va bene vai da un avvocato e metti le mani avanti, ma non puoi prendertela con chi espone le sue esperienze.
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Venezuela e PDVSA (Vol.161) Quota "Aran2" .... il sogno reviviscente!-fireshot-capture-225-venezuela-e-pdvsa-vol.161-quota-_aran2_-....-il-sogno-reviviscente-_-.png  

  10. #690
    L'avatar di amgone
    Data Registrazione
    Mar 2001
    Messaggi
    15,565
    Mentioned
    17 Post(s)
    Quoted
    1893 Post(s)
    Potenza rep
    42949694
    Carib sarebbe interessante sapere come mai GS non ha mai più dato considerazioni e rilasciato report sul www

Accedi