Venezuela e PDVSA (Vol.159) - Pagina 106
Siamo all’inizio dello Squid Game dei mercati, resta da vedere chi sopravviverà al rialzo dei tassi
Di seguito riportiamo l’analisi di Mark Dowding, CIO di BlueBay, relativa all’ultima settimana sui mercati.  Quando non sono stati seduti a fantasticare sulla surreale serie di Netflix, Squid Game, gli …
Analisti danno ragione a Gubitosi, Telecom Italia tra i titoli più sottovalutati del Ftse Mib. C’è chi vede oltre +100% di upside
Telecom Italia si appresta a diffondere settimana prossima i risultati del 3° trimestre (cda il 27 ottobre) e tra gli analisti c’è un cauto ottimismo dettato dal traino del Brasile …
Trump SPACca a Wall Street, il titolo della sua piattaforma social raddoppia ancora dopo folgorante +350% di giovedì
Rialzo stellare quello che sta registrando a Wall Street un titolo, quello della società SPAC Digital World Acquisition Corp che ha chiuso ieri le contrattazioni a +350%e oggi preannuncia un …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1051
    L'avatar di Absolut
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Messaggi
    486
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    127 Post(s)
    Potenza rep
    38437289
    (Bloomberg) -- The market for Venezuela’s defaulted bonds is coming back to life as traders bet that the government’s move to swap a stake in a Caribbean refinery to settle some of its obligations could portend more deals to come.

    Volumes are still small, limited by sanctions that prevent U.S. investors from buying the notes. But when securities come up for sale they’re almost immediately snapped up, mostly by European funds with a significant tolerance for risk. Prices of bonds from state-owned oil producer Petroleos de Venezuela have climbed as much as 17% over the past month -- though they remain deep in distressed levels at about 5.25 cents on the dollar. Sovereign bonds are up about 20% to 11 cents, according to brokers and term sheets seen by Bloomberg.

    It’s a turnaround from recent years, when the debt was basically left to rot on balance sheets amid sanctions imposed by the Trump administration in 2018 that prevented any kind of traditional restructuring. Now hopes have been revived with the swap for the refinery, called Refidomsa, the first tangible evidence that President Nicolas Maduro’s government is prepared to start chipping away at the delinquent bonds -- which, at $80 billion with interest, is among the world’s biggest piles of defaulted obligations.

    Further buoying prices, government and opposition representatives are holding negotiations in Mexico in an attempt to end a years-long political stalemate.

    Investors’ “views have changed for the better on the government’s willingness to seriously negotiate with the opposition leaders and to take the necessary steps to give the Biden administration reasons to loosen sanctions,” said Dean Tyler, head of global markets at London-based BancTrust.

    Recent bond trading volumes are the highest since sanctions were imposed as buyers built up positions ahead of the political negotiations. “The Refidomsa swap helped to stimulate demand as it underscored Venezuela’s willingness to engage,” he said.

    Under the deal completed in August, the government gave investors its 49% stake in the Dominican refinery -- valued at about $88 million -- to settle about $361 million of old government and Pdvsa bonds. The so-called debt-for-equity swap effectively priced the bonds near 24 cents on the dollar.

    The particular circumstances surrounding the swap suggest it could be hard to replicate with other Venezuelan assets. The transaction was complicated -- involving Pdvsa, the governments of Venezuela and the Dominican Republic and a wealthy family that had bonds it needed to get rid of. U.S. Treasury officials were briefed on the operation and didn’t object.

    On paper, the Venezuelan government has about $6 billion worth of other foreign assets it could offer creditors, according to Guillermo Guerrero, a strategist at Emfi Group Ltd. who tracks the properties.

    The list includes stakes in refineries in Cuba and Saint Lucia, parts of insurance and marketing companies in Aruba and Bermuda, accounts receivable from its years of sending crude to Caribbean countries as aid, a piece of Uruguayan bank Bandes, a fertilizer plant in Colombia, a mining company in Spain and an aluminum manufacturing plant in Costa Rica.

    But as investors scour the list of what the Venezuelan government owns, they may find questions over valuations, how to work around U.S. sanctions and the fact that some foreign governments recognize Juan Guaido as the country’s interim president.

    Jose Ignacio Hernandez, a former state prosecutor appointed by Guaido to protect Venezuela’s assets abroad from creditors, said very few of the assets are unencumbered.

    Still, the most daring creditors see the potential for profit. They’re also eyeing possible swaps for local assets, such as companies that were expropriated by the government, and stakes in petroleum joint ventures and concessions.

    Requests for comment from the government’s communications ministry weren’t returned.

    Reduce Stock

    Maduro has publicly stated his government wants to make good on its overseas obligations, which it began defaulting on in 2017. He has blamed the impact of U.S. sanctions for the country’s spiraling economy and for preventing the government from paying down and restructuring obligations.

    “I have the plan,” Maduro said during an interview with Bloomberg TV in June. “Our executive vice president, minister of finance, has presented the plan to the holders. They know that we are willing. They know that our plan is viable.”

    While the government has not revealed details of the strategy, it could use swaps to reduce the debt stock before sitting down to discuss a larger restructuring, which is likely years away and would first require the lifting of U.S. sanctions.

    Optimism is low that the political negotiations -- which resume Friday in Mexico -- will result in a breakthrough agreement. But the fact that the sides are even meeting has raised the prospects that the U.S. government -- which is closely monitoring the talks -- might start to reconsider some restrictions.

    That is also helping to lift bond prices, with a PDVSA note that matured in 2020, backed by shares of the U.S.-based Venezuelan refiner Citgo, rallying to as high as 28.5 cents on the dollar.

    “The government knows that it can’t restructure its debt until sanctions are lifted,” said Francisco Rodriguez, an economist and fellow at the Council of Foreign Relations who formerly served as head of Venezuela’s congressional budget office. “Anything they can do now when prices are low to retire some of the debt is going to place them in a better position for a restructuring.”

    ©2021 Bloomberg L.P.

  2. #1052
    L'avatar di Gioxx
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Messaggi
    8,737
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    4150 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    traduzione google


    Lo swap del debito venezuelano dà vita a un mercato obbligazionario quasi morto


    (Bloomberg) – Il mercato delle obbligazioni insolventi del Venezuela sta tornando in vita mentre i trader scommettono che la mossa del governo di scambiare una quota in una raffineria dei Caraibi per saldare alcuni dei suoi obblighi potrebbe far presagire ulteriori accordi a venire.

    I volumi sono ancora contenuti, limitati da sanzioni che impediscono agli investitori statunitensi di acquistare i titoli. Ma quando i titoli vengono messi in vendita vengono quasi subito a ruba, per lo più da fondi europei con una notevole tolleranza al rischio. I prezzi delle obbligazioni del produttore petrolifero statale Petroleos de Venezuela sono aumentati fino al 17% nell'ultimo mese, sebbene rimangano a livelli profondi a circa 5,25 centesimi di dollaro. Le obbligazioni sovrane sono aumentate di circa il 20% a 11 centesimi, secondo i broker e i term sheet visti da Bloomberg.

    È un'inversione di tendenza rispetto agli ultimi anni, quando il debito era sostanzialmente lasciato a marcire sui bilanci tra le sanzioni imposte dall'amministrazione Trump nel 2018 che impedivano qualsiasi tipo di ristrutturazione tradizionale. Ora le speranze sono state rianimate con lo scambio per la raffineria, chiamata Refidomsa, la prima prova tangibile che il governo del presidente Nicolas Maduro è pronto a iniziare a intaccare le obbligazioni delinquenti - che, a 80 miliardi di dollari con interessi, è tra le più grandi pile del mondo delle obbligazioni inadempienti.

    Ulteriore aumento dei prezzi, i rappresentanti del governo e dell'opposizione stanno conducendo negoziati in Messico nel tentativo di porre fine a uno stallo politico lungo anni.

    "Le opinioni degli investitori sono cambiate in meglio sulla volontà del governo di negoziare seriamente con i leader dell'opposizione e di adottare le misure necessarie per fornire all'amministrazione Biden ragioni per allentare le sanzioni", ha affermato Dean Tyler, capo dei mercati globali presso BancTrust con sede a Londra. .

    I recenti volumi di scambio di obbligazioni sono i più alti da quando sono state imposte sanzioni quando gli acquirenti hanno costruito posizioni prima delle negoziazioni politiche. "Lo scambio di Refidomsa ha contribuito a stimolare la domanda in quanto ha sottolineato la volontà del Venezuela di impegnarsi", ha affermato.

    In base all'accordo concluso ad agosto, il governo ha concesso agli investitori la sua quota del 49% nella raffineria dominicana, valutata circa 88 milioni di dollari, per saldare circa 361 milioni di dollari di vecchi titoli di stato e Pdvsa. Il cosiddetto scambio di debito per azioni ha effettivamente prezzato le obbligazioni vicino a 24 centesimi di dollaro.

    Le particolari circostanze che circondano lo swap suggeriscono che potrebbe essere difficile replicare con altri asset venezuelani. La transazione è stata complicata, coinvolgendo Pdvsa, i governi del Venezuela e della Repubblica Dominicana e una famiglia benestante che aveva legami di cui aveva bisogno per sbarazzarsi. I funzionari del Tesoro degli Stati Uniti sono stati informati sull'operazione e non hanno obiettato.

    Sulla carta, il governo venezuelano ha circa 6 miliardi di dollari di altre attività estere che potrebbe offrire ai creditori, secondo Guillermo Guerrero, uno stratega di Emfi Group Ltd. che tiene traccia delle proprietà.

    L'elenco include partecipazioni in raffinerie a Cuba e Santa Lucia, parti di compagnie assicurative e di marketing ad Aruba e Bermuda, crediti per i suoi anni di invio di greggio ai paesi caraibici come aiuto, un pezzo della banca uruguaiana Bandes, un impianto di fertilizzanti in Colombia, una società mineraria in Spagna e un impianto di produzione di alluminio in Costa Rica.

    Ma mentre gli investitori perlustrano l'elenco di ciò che possiede il governo venezuelano, potrebbero trovare domande sulle valutazioni, su come aggirare le sanzioni statunitensi e sul fatto che alcuni governi stranieri riconoscano Juan Guaido come presidente ad interim del paese.

    Jose Ignacio Hernandez, un ex procuratore di stato nominato da Guaido per proteggere i beni del Venezuela all'estero dai creditori, ha affermato che pochissimi dei beni sono liberi.

    Tuttavia, i creditori più audaci vedono il potenziale per il profitto. Stanno anche valutando possibili scambi di beni locali, come società espropriate dal governo, e partecipazioni in joint venture e concessioni petrolifere.

    Le richieste di commento dal ministero delle comunicazioni del governo non sono state restituite.

    Ridurre le scorte

    Maduro ha dichiarato pubblicamente che il suo governo vuole onorare i suoi obblighi all'estero, che ha iniziato a non rispettare nel 2017. Ha accusato l'impatto delle sanzioni statunitensi per l'economia in spirale del paese e per aver impedito al governo di pagare e ristrutturare gli obblighi.

    "Ho il piano", ha detto Maduro durante un'intervista con Bloomberg TV a giugno. “Il nostro vicepresidente esecutivo, ministro delle finanze, ha presentato il piano ai titolari. Sanno che siamo disposti. Sanno che il nostro piano è fattibile".

    Sebbene il governo non abbia rivelato i dettagli della strategia, potrebbe utilizzare gli swap per ridurre lo stock di debito prima di sedersi per discutere di una ristrutturazione più ampia, che probabilmente è lontana anni e richiederebbe prima la revoca delle sanzioni statunitensi.

    L'ottimismo è basso sul fatto che i negoziati politici, che riprenderanno venerdì in Messico, si tradurranno in un accordo rivoluzionario. Ma il fatto che le parti si stiano persino incontrando ha sollevato le prospettive che il governo degli Stati Uniti, che sta monitorando da vicino i colloqui, possa iniziare a riconsiderare alcune restrizioni.

    Ciò sta anche aiutando ad aumentare i prezzi delle obbligazioni, con una nota PDVSA maturata nel 2020, sostenuta da azioni della raffineria venezuelana con sede negli Stati Uniti Citgo, che è salita fino a 28,5 centesimi sul dollaro.

    "Il governo sa che non può ristrutturare il suo debito fino a quando le sanzioni non saranno revocate", ha affermato Francisco Rodriguez, economista e membro del Consiglio delle relazioni estere che in precedenza è stato capo dell'ufficio del bilancio del Congresso del Venezuela. “Tutto ciò che possono fare ora quando i prezzi sono bassi per ritirare parte del debito li metterà in una posizione migliore per una ristrutturazione”.

  3. #1053
    L'avatar di ninjazzurro
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    3,236
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1643 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Bloomberg
    sottoscrivi
    Mercati
    Lo swap del debito venezuelano dà vita a un mercato obbligazionario quasi morto
    Di Nicolle Yapur e Ezra Fieser
    22 settembre 2021, 13:00 CEST

    PDVSA, i titoli sovrani sono balzati dallo swap raffineria
    Non è chiaro se quell'affare segnali di più a venire
    Il mercato delle obbligazioni in default del Venezuela sta tornando in vita mentre i trader scommettono che la mossa del governo di scambiare una partecipazione in una raffineria caraibica per saldare alcuni dei suoi obblighi potrebbe far presagire ulteriori accordi in arrivo.

    I volumi sono ancora contenuti, limitati da sanzioni che impediscono agli investitori statunitensi di acquistare i titoli. Ma quando i titoli vengono messi in vendita vengono quasi subito a ruba, per lo più da fondi europei con una notevole tolleranza al rischio. I prezzi delle obbligazioni del produttore petrolifero statale Petroleos de Venezuela sono aumentati fino al 17% nell'ultimo mese, sebbene rimangano a livelli profondi a circa 5,25 centesimi di dollaro. Le obbligazioni sovrane sono aumentate di circa il 20% a 11 centesimi, secondo i broker e i term sheet visti da Bloomberg.

    È un'inversione di tendenza rispetto agli ultimi anni, quando il debito era sostanzialmente lasciato a marcire sui bilanci tra le sanzioni imposte dall'amministrazione Trump nel 2018 che impedivano qualsiasi tipo di ristrutturazione tradizionale. Ora le speranze sono state rianimate con lo scambio per la raffineria, chiamata Refidomsa, la prima prova tangibile che il governo del presidente Nicolas Maduro è pronto a iniziare a intaccare le obbligazioni delinquenti - che, a 80 miliardi di dollari con interessi, è tra le più grandi pile del mondo delle obbligazioni inadempienti.


    Ulteriore aumento dei prezzi, i rappresentanti del governo e dell'opposizione stanno conducendo negoziati in Messico nel tentativo di porre fine a uno stallo politico lungo anni.

    "Le opinioni degli investitori sono cambiate in meglio sulla volontà del governo di negoziare seriamente con i leader dell'opposizione e di adottare le misure necessarie per fornire all'amministrazione Biden ragioni per allentare le sanzioni", ha affermato Dean Tyler, capo dei mercati globali presso BancTrust con sede a Londra. .

    Perché i "due presidenti" del Venezuela sono pronti a parlare.

    I recenti volumi di scambio di obbligazioni sono i più alti da quando sono state imposte sanzioni quando gli acquirenti hanno costruito posizioni prima delle negoziazioni politiche. "Lo scambio di Refidomsa ha contribuito a stimolare la domanda in quanto ha sottolineato la volontà del Venezuela di impegnarsi", ha affermato.

    PDVSA e obbligazioni governative si sono radunate tra negoziati e uno scambio di debiti

    In base all'accordo concluso ad agosto, il governo ha concesso agli investitori la sua quota del 49% nella raffineria dominicana, valutata circa 88 milioni di dollari, per saldare circa 361 milioni di dollari di vecchi titoli di stato e Pdvsa. Il cosiddetto scambio di debito per azioni ha effettivamente prezzato le obbligazioni vicino a 24 centesimi di dollaro.


    Per saperne di più: Il Venezuela scambia la quota della raffineria caraibica per obbligazioni in default

    Le particolari circostanze che circondano lo swap suggeriscono che potrebbe essere difficile replicare con altri asset venezuelani. La transazione è stata complicata, coinvolgendo Pdvsa, i governi del Venezuela e della Repubblica Dominicana e una famiglia benestante che aveva legami di cui aveva bisogno per sbarazzarsi. I funzionari del Tesoro degli Stati Uniti sono stati informati sull'operazione e non hanno obiettato.

    On paper, the Venezuelan government has about $6 billion worth of other foreign assets it could offer creditors, according to Guillermo Guerrero, a strategist at Emfi Group Ltd. who tracks the properties.

    The list includes stakes in refineries in Cuba and Saint Lucia, parts of insurance and marketing companies in Aruba and Bermuda, accounts receivable from its years of sending crude to Caribbean countries as aid, a piece of Uruguayan bank Bandes, a fertilizer plant in Colombia, a mining company in Spain and an aluminum manufacturing plant in Costa Rica.

    But as investors scour the list of what the Venezuelan government owns, they may find questions over valuations, how to work around U.S. sanctions and the fact that some foreign governments recognize Juan Guaido as the country’s interim president.

    Jose Ignacio Hernandez, a former state prosecutor appointed by Guaido to protect Venezuela’s assets abroad from creditors, said very few of the assets are unencumbered.

    Still, the most daring creditors see the potential for profit. They’re also eyeing possible swaps for local assets, such as companies that were expropriated by the government, and stakes in petroleum joint ventures and concessions.

    Requests for comment from the government’s communications ministry weren’t returned.

    Reduce Stock
    Maduro has publicly stated his government wants to make good on its overseas obligations, which it began defaulting on in 2017. He has blamed the impact of U.S. sanctions for the country’s spiraling economy and for preventing the government from paying down and restructuring obligations.

    “I have the plan,” Maduro said during an interview with Bloomberg TV in June. “Our executive vice president, minister of finance, has presented the plan to the holders. They know that we are willing. They know that our plan is viable.”

    While the government has not revealed details of the strategy, it could use swaps to reduce the debt stock before sitting down to discuss a larger restructuring, which is likely years away and would first require the lifting of U.S. sanctions.

    Optimism is low that the political negotiations -- which resume Friday in Mexico -- will result in a breakthrough agreement. But the fact that the sides are even meeting has raised the prospects that the U.S. government -- which is closely monitoring the talks -- might start to reconsider some restrictions.

    That is also helping to lift bond prices, with a PDVSA note that matured in 2020, backed by shares of the U.S.-based Venezuelan refiner Citgo, rallying to as high as 28.5 cents on the dollar.

    “The government knows that it can’t restructure its debt until sanctions are lifted,” said Francisco Rodriguez, an economist and fellow at the Council of Foreign Relations who formerly served as head of Venezuela’s congressional budget office. “Anything they can do now when prices are low to retire some of the debt is going to place them in a better position for a restructuring.”




    Si sta sistemando

    Non è ottimismo, è ragionevolezza

  4. #1054
    L'avatar di Carib
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    17,986
    Mentioned
    49 Post(s)
    Quoted
    4969 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Grazie, Absolut.

  5. #1055
    L'avatar di lovebond
    Data Registrazione
    Feb 2016
    Messaggi
    3,004
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2547 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da ninjazzurro Visualizza Messaggio
    Bloomberg
    sottoscrivi
    Mercati
    Lo swap del debito venezuelano dà vita a un mercato obbligazionario quasi morto
    Di Nicolle Yapur e Ezra Fieser
    22 settembre 2021, 13:00 CEST

    PDVSA, i titoli sovrani sono balzati dallo swap raffineria
    Non è chiaro se quell'affare segnali di più a venire
    Il mercato delle obbligazioni in default del Venezuela sta tornando in vita mentre i trader scommettono che la mossa del governo di scambiare una partecipazione in una raffineria caraibica per saldare alcuni dei suoi obblighi potrebbe far presagire ulteriori accordi in arrivo.

    I volumi sono ancora contenuti, limitati da sanzioni che impediscono agli investitori statunitensi di acquistare i titoli. Ma quando i titoli vengono messi in vendita vengono quasi subito a ruba, per lo più da fondi europei con una notevole tolleranza al rischio. I prezzi delle obbligazioni del produttore petrolifero statale Petroleos de Venezuela sono aumentati fino al 17% nell'ultimo mese, sebbene rimangano a livelli profondi a circa 5,25 centesimi di dollaro. Le obbligazioni sovrane sono aumentate di circa il 20% a 11 centesimi, secondo i broker e i term sheet visti da Bloomberg.

    È un'inversione di tendenza rispetto agli ultimi anni, quando il debito era sostanzialmente lasciato a marcire sui bilanci tra le sanzioni imposte dall'amministrazione Trump nel 2018 che impedivano qualsiasi tipo di ristrutturazione tradizionale. Ora le speranze sono state rianimate con lo scambio per la raffineria, chiamata Refidomsa, la prima prova tangibile che il governo del presidente Nicolas Maduro è pronto a iniziare a intaccare le obbligazioni delinquenti - che, a 80 miliardi di dollari con interessi, è tra le più grandi pile del mondo delle obbligazioni inadempienti.


    Ulteriore aumento dei prezzi, i rappresentanti del governo e dell'opposizione stanno conducendo negoziati in Messico nel tentativo di porre fine a uno stallo politico lungo anni.

    "Le opinioni degli investitori sono cambiate in meglio sulla volontà del governo di negoziare seriamente con i leader dell'opposizione e di adottare le misure necessarie per fornire all'amministrazione Biden ragioni per allentare le sanzioni", ha affermato Dean Tyler, capo dei mercati globali presso BancTrust con sede a Londra. .

    Perché i "due presidenti" del Venezuela sono pronti a parlare.

    I recenti volumi di scambio di obbligazioni sono i più alti da quando sono state imposte sanzioni quando gli acquirenti hanno costruito posizioni prima delle negoziazioni politiche. "Lo scambio di Refidomsa ha contribuito a stimolare la domanda in quanto ha sottolineato la volontà del Venezuela di impegnarsi", ha affermato.

    PDVSA e obbligazioni governative si sono radunate tra negoziati e uno scambio di debiti

    In base all'accordo concluso ad agosto, il governo ha concesso agli investitori la sua quota del 49% nella raffineria dominicana, valutata circa 88 milioni di dollari, per saldare circa 361 milioni di dollari di vecchi titoli di stato e Pdvsa. Il cosiddetto scambio di debito per azioni ha effettivamente prezzato le obbligazioni vicino a 24 centesimi di dollaro.


    Per saperne di più: Il Venezuela scambia la quota della raffineria caraibica per obbligazioni in default

    Le particolari circostanze che circondano lo swap suggeriscono che potrebbe essere difficile replicare con altri asset venezuelani. La transazione è stata complicata, coinvolgendo Pdvsa, i governi del Venezuela e della Repubblica Dominicana e una famiglia benestante che aveva legami di cui aveva bisogno per sbarazzarsi. I funzionari del Tesoro degli Stati Uniti sono stati informati sull'operazione e non hanno obiettato.

    On paper, the Venezuelan government has about $6 billion worth of other foreign assets it could offer creditors, according to Guillermo Guerrero, a strategist at Emfi Group Ltd. who tracks the properties.

    The list includes stakes in refineries in Cuba and Saint Lucia, parts of insurance and marketing companies in Aruba and Bermuda, accounts receivable from its years of sending crude to Caribbean countries as aid, a piece of Uruguayan bank Bandes, a fertilizer plant in Colombia, a mining company in Spain and an aluminum manufacturing plant in Costa Rica.

    But as investors scour the list of what the Venezuelan government owns, they may find questions over valuations, how to work around U.S. sanctions and the fact that some foreign governments recognize Juan Guaido as the country’s interim president.

    Jose Ignacio Hernandez, a former state prosecutor appointed by Guaido to protect Venezuela’s assets abroad from creditors, said very few of the assets are unencumbered.

    Still, the most daring creditors see the potential for profit. They’re also eyeing possible swaps for local assets, such as companies that were expropriated by the government, and stakes in petroleum joint ventures and concessions.

    Requests for comment from the government’s communications ministry weren’t returned.

    Reduce Stock
    Maduro has publicly stated his government wants to make good on its overseas obligations, which it began defaulting on in 2017. He has blamed the impact of U.S. sanctions for the country’s spiraling economy and for preventing the government from paying down and restructuring obligations.

    “I have the plan,” Maduro said during an interview with Bloomberg TV in June. “Our executive vice president, minister of finance, has presented the plan to the holders. They know that we are willing. They know that our plan is viable.”

    While the government has not revealed details of the strategy, it could use swaps to reduce the debt stock before sitting down to discuss a larger restructuring, which is likely years away and would first require the lifting of U.S. sanctions.

    Optimism is low that the political negotiations -- which resume Friday in Mexico -- will result in a breakthrough agreement. But the fact that the sides are even meeting has raised the prospects that the U.S. government -- which is closely monitoring the talks -- might start to reconsider some restrictions.

    That is also helping to lift bond prices, with a PDVSA note that matured in 2020, backed by shares of the U.S.-based Venezuelan refiner Citgo, rallying to as high as 28.5 cents on the dollar.

    “The government knows that it can’t restructure its debt until sanctions are lifted,” said Francisco Rodriguez, an economist and fellow at the Council of Foreign Relations who formerly served as head of Venezuela’s congressional budget office. “Anything they can do now when prices are low to retire some of the debt is going to place them in a better position for a restructuring.”




    Si sta sistemando

    Non è ottimismo, è ragionevolezza
    Esattamente...è del tutto ragionevole che uno Stato ricco di materie prime ma sprovvisto di tutto non abbia alcuna intenzione di isolarsi. Le idee di chi ha creduto che il blocco trumpiano equivalesse ad una cubanizzazione del Venezuela rimarranno allo stato di fantasia!

  6. #1056
    L'avatar di Carib
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    17,986
    Mentioned
    49 Post(s)
    Quoted
    4969 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da lovebond Visualizza Messaggio
    Esattamente...è del tutto ragionevole che uno Stato ricco di materie prime ma sprovvisto di tutto non abbia alcuna intenzione di isolarsi. Le idee di chi ha creduto che il blocco trumpiano equivalesse ad una cubanizzazione del Venezuela rimarranno allo stato di fantasia!
    offers su PDVsa a 6,5.

    per chi e' convinto che "si va a 100"..
    l'affare del secolo..

    adelante Pedro, sed cum juicio..

  7. #1057
    L'avatar di amgone
    Data Registrazione
    Mar 2001
    Messaggi
    15,270
    Mentioned
    16 Post(s)
    Quoted
    1751 Post(s)
    Potenza rep
    42949693
    1 mielone a sette fa gola anche a me che dici avatar

  8. #1058
    L'avatar di lovebond
    Data Registrazione
    Feb 2016
    Messaggi
    3,004
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2547 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da Carib Visualizza Messaggio
    offers su PDVsa a 6,5.

    per chi e' convinto che "si va a 100"..
    l'affare del secolo..

    adelante Pedro, sed cum juicio..
    PdVsa le ho in carico a 26...quindi non ho bisogno di arrivare a 100

  9. #1059
    L'avatar di StormShadow
    Data Registrazione
    Mar 2021
    Messaggi
    259
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    123 Post(s)
    Potenza rep
    42949673
    Citazione Originariamente Scritto da ninjazzurro Visualizza Messaggio
    Bloomberg
    sottoscrivi
    Mercati
    Lo swap del debito venezuelano dà vita a un mercato obbligazionario quasi morto
    Di Nicolle Yapur e Ezra Fieser
    22 settembre 2021, 13:00 CEST

    PDVSA, i titoli sovrani sono balzati dallo swap raffineria
    Non è chiaro se quell'affare segnali di più a venire
    Il mercato delle obbligazioni in default del Venezuela sta tornando in vita mentre i trader scommettono che la mossa del governo di scambiare una partecipazione in una raffineria caraibica per saldare alcuni dei suoi obblighi potrebbe far presagire ulteriori accordi in arrivo.

    I volumi sono ancora contenuti, limitati da sanzioni che impediscono agli investitori statunitensi di acquistare i titoli. Ma quando i titoli vengono messi in vendita vengono quasi subito a ruba, per lo più da fondi europei con una notevole tolleranza al rischio. I prezzi delle obbligazioni del produttore petrolifero statale Petroleos de Venezuela sono aumentati fino al 17% nell'ultimo mese, sebbene rimangano a livelli profondi a circa 5,25 centesimi di dollaro. Le obbligazioni sovrane sono aumentate di circa il 20% a 11 centesimi, secondo i broker e i term sheet visti da Bloomberg.

    È un'inversione di tendenza rispetto agli ultimi anni, quando il debito era sostanzialmente lasciato a marcire sui bilanci tra le sanzioni imposte dall'amministrazione Trump nel 2018 che impedivano qualsiasi tipo di ristrutturazione tradizionale. Ora le speranze sono state rianimate con lo scambio per la raffineria, chiamata Refidomsa, la prima prova tangibile che il governo del presidente Nicolas Maduro è pronto a iniziare a intaccare le obbligazioni delinquenti - che, a 80 miliardi di dollari con interessi, è tra le più grandi pile del mondo delle obbligazioni inadempienti.


    Ulteriore aumento dei prezzi, i rappresentanti del governo e dell'opposizione stanno conducendo negoziati in Messico nel tentativo di porre fine a uno stallo politico lungo anni.

    "Le opinioni degli investitori sono cambiate in meglio sulla volontà del governo di negoziare seriamente con i leader dell'opposizione e di adottare le misure necessarie per fornire all'amministrazione Biden ragioni per allentare le sanzioni", ha affermato Dean Tyler, capo dei mercati globali presso BancTrust con sede a Londra. .

    Perché i "due presidenti" del Venezuela sono pronti a parlare.

    I recenti volumi di scambio di obbligazioni sono i più alti da quando sono state imposte sanzioni quando gli acquirenti hanno costruito posizioni prima delle negoziazioni politiche. "Lo scambio di Refidomsa ha contribuito a stimolare la domanda in quanto ha sottolineato la volontà del Venezuela di impegnarsi", ha affermato.

    PDVSA e obbligazioni governative si sono radunate tra negoziati e uno scambio di debiti

    In base all'accordo concluso ad agosto, il governo ha concesso agli investitori la sua quota del 49% nella raffineria dominicana, valutata circa 88 milioni di dollari, per saldare circa 361 milioni di dollari di vecchi titoli di stato e Pdvsa. Il cosiddetto scambio di debito per azioni ha effettivamente prezzato le obbligazioni vicino a 24 centesimi di dollaro.


    Per saperne di più: Il Venezuela scambia la quota della raffineria caraibica per obbligazioni in default

    Le particolari circostanze che circondano lo swap suggeriscono che potrebbe essere difficile replicare con altri asset venezuelani. La transazione è stata complicata, coinvolgendo Pdvsa, i governi del Venezuela e della Repubblica Dominicana e una famiglia benestante che aveva legami di cui aveva bisogno per sbarazzarsi. I funzionari del Tesoro degli Stati Uniti sono stati informati sull'operazione e non hanno obiettato.

    On paper, the Venezuelan government has about $6 billion worth of other foreign assets it could offer creditors, according to Guillermo Guerrero, a strategist at Emfi Group Ltd. who tracks the properties.

    The list includes stakes in refineries in Cuba and Saint Lucia, parts of insurance and marketing companies in Aruba and Bermuda, accounts receivable from its years of sending crude to Caribbean countries as aid, a piece of Uruguayan bank Bandes, a fertilizer plant in Colombia, a mining company in Spain and an aluminum manufacturing plant in Costa Rica.

    But as investors scour the list of what the Venezuelan government owns, they may find questions over valuations, how to work around U.S. sanctions and the fact that some foreign governments recognize Juan Guaido as the country’s interim president.

    Jose Ignacio Hernandez, a former state prosecutor appointed by Guaido to protect Venezuela’s assets abroad from creditors, said very few of the assets are unencumbered.

    Still, the most daring creditors see the potential for profit. They’re also eyeing possible swaps for local assets, such as companies that were expropriated by the government, and stakes in petroleum joint ventures and concessions.

    Requests for comment from the government’s communications ministry weren’t returned.

    Reduce Stock
    Maduro has publicly stated his government wants to make good on its overseas obligations, which it began defaulting on in 2017. He has blamed the impact of U.S. sanctions for the country’s spiraling economy and for preventing the government from paying down and restructuring obligations.

    “I have the plan,” Maduro said during an interview with Bloomberg TV in June. “Our executive vice president, minister of finance, has presented the plan to the holders. They know that we are willing. They know that our plan is viable.”

    While the government has not revealed details of the strategy, it could use swaps to reduce the debt stock before sitting down to discuss a larger restructuring, which is likely years away and would first require the lifting of U.S. sanctions.

    Optimism is low that the political negotiations -- which resume Friday in Mexico -- will result in a breakthrough agreement. But the fact that the sides are even meeting has raised the prospects that the U.S. government -- which is closely monitoring the talks -- might start to reconsider some restrictions.

    That is also helping to lift bond prices, with a PDVSA note that matured in 2020, backed by shares of the U.S.-based Venezuelan refiner Citgo, rallying to as high as 28.5 cents on the dollar.

    “The government knows that it can’t restructure its debt until sanctions are lifted,” said Francisco Rodriguez, an economist and fellow at the Council of Foreign Relations who formerly served as head of Venezuela’s congressional budget office. “Anything they can do now when prices are low to retire some of the debt is going to place them in a better position for a restructuring.”




    Si sta sistemando

    Non è ottimismo, è ragionevolezza


    bene bene, è anche ora che si sistemi il venezuela e il suo debito

    sono contento

  10. #1060
    L'avatar di Carib
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    17,986
    Mentioned
    49 Post(s)
    Quoted
    4969 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da lovebond Visualizza Messaggio
    PdVsa le ho in carico a 26...quindi non ho bisogno di arrivare a 100
    ciascuno le ha "in carico" a prezzi diversi.. e al "carico" occorre aggiungere il costo del tempo trascorso.
    se ci sara' ristrutturazione, il VPN offerto sara' uguale per tutti (eccetto chi ha sentenza e riesce a farla eseguire)..
    motivo per cui ci sara' che vince e chi perde.

    Comprando a 6,5.. basta recuperare 24, come in rep dominicana, per fare un affarone, ad esempio.

Accedi