Venezuela e PDVSA (Vol.158) Quota "Aran2" .... il sogno reminiscente! - Pagina 99
Siamo all’inizio dello Squid Game dei mercati, resta da vedere chi sopravviverà al rialzo dei tassi
Di seguito riportiamo l’analisi di Mark Dowding, CIO di BlueBay, relativa all’ultima settimana sui mercati.  Quando non sono stati seduti a fantasticare sulla surreale serie di Netflix, Squid Game, gli …
Analisti danno ragione a Gubitosi, Telecom Italia tra i titoli più sottovalutati del Ftse Mib. C’è chi vede oltre +100% di upside
Telecom Italia si appresta a diffondere settimana prossima i risultati del 3° trimestre (cda il 27 ottobre) e tra gli analisti c’è un cauto ottimismo dettato dal traino del Brasile …
Trump SPACca a Wall Street, il titolo della sua piattaforma social raddoppia ancora dopo folgorante +350% di giovedì
Rialzo stellare quello che sta registrando a Wall Street un titolo, quello della società SPAC Digital World Acquisition Corp che ha chiuso ieri le contrattazioni a +350%e oggi preannuncia un …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #981
    L'avatar di ninjazzurro
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    3,228
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1638 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Josep Borrell: La UE, EEUU y Canada siguen comprometidos con una solucion democratica en Venezuela - AlbertoNews - Periodismo sin censura


    L'alto rappresentante dell'Unione europea, Josep Borrell, ha ribadito l'impegno dell'organizzazione per una soluzione democratica in Venezuela.

    "L'UE, gli Stati Uniti e il Canada rimangono impegnati per una soluzione democratica guidata dal Venezuela alla crisi in Venezuela", ha affermato l'alto funzionario dell'UE di fronte alla possibile revoca delle sanzioni al regime di Nicolás Maduro nel quadro di un negoziato che porta alla fine della crisi del Paese.

    La volontà di terminare la crisi politica venezuelana e di rimuovere le sanzioni arancioni c'è... .


    Aspettiamo fiduciosi..


    Non credo debba mancare molto.

  2. #982
    L'avatar di ninjazzurro
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    3,228
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1638 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Pdte. (E) Guaido tras declaracion conjunta de EEUU, UE y Canada: Luchamos para atender la emergencia y lograr una solucion a la catastrofe - AlbertoNews - Periodismo sin censura


    Il presidente in carica del Venezuela Juan Guaidó, è intervenuto dopo la dichiarazione congiunta resa dal Segretario di Stato degli Stati Uniti, Antony J. Blinken, dall'alto rappresentante dell'Unione europea per gli affari esteri, Josep Borrell, e dal ministro degli Esteri del Canada , Marc Garneau, dopo aver annunciato la sua disponibilità a rivedere le sanzioni imposte al regime di Nicolás Maduro, portando a libere elezioni.



    Si sbrighi....

  3. #983
    L'avatar di ninjazzurro
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    3,228
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1638 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Hector Rodriguez: Si seguimos gritandonos, el pais dara la espalda a los politicos - AlbertoNews - Periodismo sin censura

    Rodríguez expresó que las elecciones del 21 de noviembre son una oportunidad para que el país se ponga de acuerdo y salga adelante.


    Le dichiarazioni di intento ci sono....

  4. #984

    Data Registrazione
    Aug 2020
    Messaggi
    375
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    164 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Manca poco, anche questo grandissimo coxxxto, si smarca e cerca di ripulirsi di fronte al mondo. Ottima notizia, la nave affonda e i topi scappano, il capitano - Maduro - "dovrebbe" scappare per ultimo - cit. il capitano della Concordia di cui ho dimenticato il nome -
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Venezuela e PDVSA (Vol.158) Quota "Aran2" .... il sogno reminiscente!-fireshot-capture-089-maikel-moreno-favor-de-la-_revolucion-judicial_-www.elnacional.com.png  

  5. #985
    L'avatar di ninjazzurro
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    3,228
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1638 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    La oposicion aboga en EEUU por cese de las sanciones para beneficiar al regimen

    La oposición aboga en EEUU por cese de las sanciones para beneficiar al régimen

    La oposición apuesta nuevamente a la ficha del diálogo y necesita sentar a los personeros del chavismo para negociar. La mejor carnada son el alivio de las penalidades que pesan sobre PDVSA y varios voceros del régimen



    Representantes de la oposición venezolana, entre ellos el dirigente Leopoldo López, estuvieron en conversaciones con funcionarios clave de la Administración Biden en Washington esta semana. Allí presuntamente exploraron negociar el levantamiento de las sanciones que pesan sobre el régimen de Nicolás Maduro. Todo esto bajo la promesa de la realización de «unas elecciones transparentes» en el país caribeño.



    Aspettiamo...

    È più di una notizia o di una speranza...

    È volontà certa di risolvere e finire...


    E pagare il debito estero Venezuela in USD

  6. #986

    Data Registrazione
    Aug 2020
    Messaggi
    375
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    164 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Da ora in poi le notizie bisogna darle centellinate ed accompagnate da una nota di sfiducia nella conclusione positiva della faccenda; in caso contrario "qualcunocauto" o "il padrino" possono rischiare un infarto o un travaso di bile.

  7. #987

    Data Registrazione
    Mar 2020
    Messaggi
    1,394
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    897 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da holysky Visualizza Messaggio
    Da ora in poi le notizie bisogna darle centellinate ed accompagnate da una nota di sfiducia nella conclusione positiva della faccenda; in caso contrario "qualcunocauto" o "il padrino" possono rischiare un infarto o un travaso di bile.
    La conclusione della vicenda è stata scritta dal mese di gennaio 2014 al mese di dicembre di quell'anno. Sono obbligazioni in dollari. Quello che si deciderà nei prossimi mesi è semplicemente la percentuale di recupero del capitale affidato alla rivoluzione socialista bolivariana.

  8. #988
    L'avatar di Carib
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    17,982
    Mentioned
    49 Post(s)
    Quoted
    4968 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da Risparmiatore cauto Visualizza Messaggio
    La conclusione della vicenda è stata scritta dal mese di gennaio 2014 al mese di dicembre di quell'anno. Sono obbligazioni in dollari. Quello che si deciderà nei prossimi mesi è semplicemente la percentuale di recupero del capitale affidato alla rivoluzione socialista bolivariana.
    Non direi che la cosa sia "semplice" visto che dubito vi sara' un rimborso in cash.
    Si tratta di sapere cosa offriranno, quando vi sara' un interlocutore in grado di offrire, vedere se vi sara' accordo o scontro con i creditori.. e quanto potra' valere a mercato la "robba" che offriranno...

  9. #989

    Data Registrazione
    Sep 2020
    Messaggi
    2,532
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    1124 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Carib Visualizza Messaggio
    Non direi che la cosa sia "semplice" visto che dubito vi sara' un rimborso in cash.
    Si tratta di sapere cosa offriranno, quando vi sara' un interlocutore in grado di offrire, vedere se vi sara' accordo o scontro con i creditori.. e quanto potra' valere a mercato la "robba" che offriranno...
    Il Venezuela tenta di ristrutturare il debito. Lo ha annunciato lo stesso presidente Nicolas Maduro dopo aver comunicato ufficialmente che PDVSA ha rimborsato l’ultimo bond in scadenza lo scorso 2 novembre per quasi 1,2 miliardi di dollari e dopo aver saldato una tranche da oltre 800 milioni lo scorso 27 ottobre.
    Come noto, la situazione debitoria del Paese è critica, stretta a tenaglia da un’inflazione galoppante e il prezzo del petrolio crollato da tre anni a questa parte di oltre il 50%. Livello di prezzo che non consente al Venezuela, che basa il suo budget statale per il 95% sull’export di greggio, di continuare a sostenere gli alti costi del debito pubblico. In tutto circa 120 miliardi di dollari, appesantiti anche dalle recenti sanzioni economiche imposte dagli Stati Uniti. Un annuncio non a sorpresa, visto il rendimento dei bond e il prezzo distressed, e che arriva a un anno dalle elezioni presidenziali e dopo il successo del risultato elettorale delle elezioni regionali che vedono il presidente Maduro favorito nei sondaggi. Ma al di là del fattore politico, pare che le pressioni a rinegoziare il debito internazionale, per il quale il Venezuela rischierebbe il default nei prossimi anni, siano arrivate soprattutto da Cina e Russia che avrebbero chiesto al governo di ridimensionare i costi di finanziamento in cambio del continuo sostegno economico esterno al Paese.
    La ristrutturazione dei bond venezuelani
    Come verrà ristrutturato il debito? Questo è il dubbio che molti investitori si stanno ponendo, in quanto non c’è nessuna intenzione da parte del Venezuela di sospendere i pagamenti e dichiararsi insolvente. Né, pare, Maduro abbia intenzioni di piegarsi ai diktat del Fondo Monetario Internazionale che, in cambio di prestiti miliardari in valuta pregiata, imporrebbe un drastico taglio del valore nominale dei bond ricalcando quanto accaduto nel 2001 in Argentina. L’opzione più probabile – secondo gli esperti – sarebbe quella già perseguita tre anni fa per la ristrutturazione su base volontaria di alcuni bond della Compagnia Petrolifera Statale Petroleos de Venezuela (PDVSA) PDVSA di breve scadenza. Una mossa che si è rivelata vincente, ma che ha avuto un respiro di breve periodo, cioè è stata fatta per prendere tempo nella speranza che il prezzo del petrolio sui mercati internazionali risalisse.
    I bond governativi e PDVSA
    Tecnicamente i bond, sia quelli governativi che quelli di PDVSA e che costituiscono la quasi totalità del debito esterno, hanno bisogno di un ampio consenso per poter essere ristrutturati integralmente da parte dell’emittente sulla base delle cosi dette clausole di azione collettiva (CAC). In alcuni casi, come per le obbligazioni Venezuela 2018 e 2027, occorre addirittura il 100% del consenso dei creditori, così come per PDVSA. Ecco quindi che la strada obbligata è quella delle adesioni su base volontaria. Allo studio vi sarebbero sostanzialmente due opzioni o una combinazione di esse: il taglio delle cedole e l’allungamento delle scadenze. Il tutto dopo aver venduto ingenti quantità d’oro per stare a galla nel 2017. Alcuni investitori internazionali, che avevano già subodorato la manovra, potrebbero anche aderire in futuro a una possibile offerta di scambio, ma resta poi da vedere come, in che misura e se lo swap sarà sostenibile in mancanza di una risalita dei prezzi del petrolio. Il tutto in attesa di elezioni per le quali Maduro vuole assolutamente evitare da un lato, il default e, dall’altro l’acuirsi della crisi sociale. Ma anche la riconferma ai vertici del potere politico e istituzionale che non potrà avvenire (a questo punto) senza l’appoggio esterno dei creditori internazionali, soprattutto russi e cinesi. Il governo venezuelano ha infatti già annunciato un aumento dei salari e che non intende tagliare ulteriormente il livello delle importazioni di beni di prima necessità.

    (Mirco Galbusera per Investire oggi 4/11/2017)

  10. #990

    Data Registrazione
    Sep 2020
    Messaggi
    2,532
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    1124 Post(s)
    Potenza rep
    0
    La necessità di trasformare il sistema
    finanziario globale, di avanzare verso la riduzione delle disuguaglianze e “superare gli errori del neoliberismo, che hanno rovinato il mondo”, sono stati i temi che il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, ha sollevato questa settimana davanti alle Nazioni Unite, all’incontro dei Capi di Stato e di Governo su “Architettura del Debito Internazionale e Liquidità: iniziativa sul finanziamento dello sviluppo
    nell’era del Covid 19”.
    “È importante che si tenga conto delle
    condizioni particolari dei paesi in via di sviluppo, soprattutto delle economie più piccole. Più che una sospensione temporanea del debito, è necessaria una
    ristrutturazione globale, senza che ciò
    implichi la cessione della loro sovranità”,
    ha sottolineato il capo dello Stato venezuelano.
    Il Presidente ha ricordato con
    preoccupazione che, nel mondo,
    dall’inizio della pandemia, sono cadute in povertà circa 131 milioni di persone. Per affrontare le conseguenze economiche e sociali ancora imprevedibili, ha detto, è necessaria “una profonda revisione delle condizioni del debito, che non si trasformi in un’arma di controllo, ricatto e dominio”.
    Maduro, inoltre, ha definito come “flagrante attacco contro l’umanità”, l’imposizione di misure coercitive unilaterali e il loro uso per sequestrare*i beni di un popolo, come nel caso del Venezuela. “Chiediamo, ancora una volta, la fine dei blocchi economici, finanziari e commerciali contro i nostri popoli”.
    Il presidente Maduro, infine, ha sostenuto i principi di solidarietà e complementarità per costruire “un percorso comune per contrastare le circostanze straordinarie che l’umanità*dovrà affrontare, in modo che “le economie mondiali superino la crisi
    generata dalla pandemia”.

    (farodiroma 8/4/2021)

Accedi