Venezuela e PDVSA (Vol.158) Quota "Aran2" .... il sogno reminiscente! - Pagina 72
Borsa Milano inizia il mese di agosto senza verve. DiaSorin corre, Ferrari sbanda
Un inizio di agosto sull’altalena per la Borsa di Milano, che dopo una partenza in deciso progresso (oltre 1 punto percentuale) ha terminato la prima seduta settimanale e mensile appena …
Italia, tra i giovani uno su due aumenterà risparmi e investimenti dopo la pandemia
Un?epidemia di consapevolezza finanziaria, questa sì dagli effetti positivi, sembra essersi scatenata tra i giovani italiani dopo il Covid-19. Ad oggi uno su due sta pensando di risparmiare e investire di più, per …
Wall Street si avvia in territorio positivo, in settimana il rapporto sul lavoro Usa
La prima seduta della settimana e del mese di agosto si è avviata con segno positivo per Wall Street. Nei primi minuti di contrattazione l’indice Dow Jones sale dello 0,44%, …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #711

    Data Registrazione
    Aug 2020
    Messaggi
    333
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    148 Post(s)
    Potenza rep
    42949673
    Citazione Originariamente Scritto da ninjazzurro Visualizza Messaggio
    Los Estados Unidos, a través de su embajador en Venezuela, Jimmy Story, tienen esperanzas en el diálogo planteado por el presidente encargado, Juan Guaidó, sostienen que si Nicolás Maduro permite el desarrollo de estos espacios de negociación es posible que se evalúe el levantamiento de las sanciones impuestas por el gobierno americano.

    “Si Maduro cede estos espacios democráticos, restaura las instituciones y da espacio, podemos empezar a evaluar el levantamiento de algunas sanciones que hemos hecho en el pasado”, expresó Story.

    Aunque los EEUU no forman parte de las negociaciones como mediadores junto con la delegación de Noruega, tiene influencia sobre estas debido a las sanciones impuestas por ese gobierno sobre algunos funcionarios del régimen de Maduro.

    “Lo que queremos ver es la restauración de la democracia en el país. Y entonces ya poco a poco, a través de la mesa de diálogo podemos evaluar las acciones dependiendo lo que están haciendo ellos”, dijo el embajador americano.

    Actualmente alrededor de 166 ciudadanos vinculados al régimen han sido sancionados y unas 1.000 visas fueron revocadas.

    A pesar de las solicitudes impuestas por el régimen madurista, donde exigen el levantamiento de sanciones, reconocimiento de la Asamblea Nacional ilegítima y devolución de cuentas internacionales, es Guaidó quien goza de reconocimiento internacional y apoyo de los Estados Unidos.
    .

    Secondo me è molto più di una speranza...
    Gli USA vogliono togliere le sanzioni e normalizzare e sviluppare economicamente il Venezuela, stanno cercando il modo più consono....

    Infatti da gennaio 2021 con Biden i paletti da rispettare sono molto più laschi ed è solo un indirizzo di ripristino della democrazia secondo costituzione e deve essere risolta da chavisti e opposizione Guaidò....
    Ma adesso Maduro e Guaidò, almeno dalle dichiarazioni di Maduro e Ledezma, sembrano trovare una sintonia....

    Io la fine la vedo adesso più vicina che mai..... a chi si sente sfiduciato dico di state tranquillo che queste situazioni politico-economiche hanno sempre preso tanto tempo e che comunque siamo ancora dentro il range temporale previsto a loro tempo dai fondi.... 3-5 anni.... E il 2 novembre 2021 compie 4 anni....

    Siate fiduciosi che si recupera tutto.... Solo ci vorranno molti anni...
    Ma credetemi, che una volta normalizzati i rapporti politici tra le classi sociali venezuelane e con gli USA a seguire, l'economia venezuelana in pochissimi anni si riprende e il suo PIL galopperà....
    Sempre così è alla fine dei momenti di crisi politica ed economica, ed il maggior upside speculativo...

    Siate pazienti, fate la vostra vita tranquilli , che il Venezuela si aggiusta e nessuno vuol perdere soldi, figurarsi gli USA che sono altamente materialisti....

    Buona Domenica
    Se ci consideri anche questo:

    Grupo de Contacto ratifico su apoyo a una transicion negociada en Venezuela

    Los integrantes del Grupo intercambiaron impresiones sobre las próximas elecciones regionales y locales, así como sobre las condiciones y potencialidades de negociación entre el régimen de Nicolás Maduro y las fuerzas democráticas, lideradas por Juan Guaidó, sobre el futuro del país. También abordaron la grave situación humanitaria y las formas de aliviar las necesidades más urgentes.

    Non si parla di elezioni presidenziali, ma di amministrative regionali, sembra che siano d'accordo a tenersi nicolino con la speranza che piano piano si possa schiodarlo dalla sedia. L'accordo, si sta formando, piano piano......... sul ritorno alle contrattazioni, io spero unitamente o meglio dopo la ristrutturazione.

  2. #712

    Data Registrazione
    Mar 2020
    Messaggi
    1,239
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    780 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da ninjazzurro Visualizza Messaggio
    Io la fine la vedo adesso più vicina che mai..... a chi si sente sfiduciato dico di state tranquillo che queste situazioni politico-economiche hanno sempre preso tanto tempo e che comunque siamo ancora dentro il range temporale previsto a loro tempo dai fondi.... 3-5 anni.... E il 2 novembre 2021 compie 4 anni....
    Di quale "range temporale" stai parlando?
    Un fondo d'investimento non acquista obbligazioni di uno stato indirizzato al fallimento, per poi calcolare che dopo cinque anni saranno ristrutturate.
    All'opposto, se il prezzo è stracciato, e se il fondo è speculativo, acquista dopo che lo stato è fallito.
    Diverso il caso dei fondi che hanno acquistato quando non era ancora CCC ma ...per l'1-2% dei loro asset.
    Nel bilancio consuntivo annuale, neanche si saranno accorti che il Venezuela è fallito.
    Nel tuo ragionamento si confondono i fondi d'investimento con i piccoli risparmiatori europei, alcuni dei quali, attirati dalle alte cedole, possono aver impegnato anche oltre il 10% del loro capitale totale.

  3. #713
    L'avatar di francs
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    12,237
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1451 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da Risparmiatore cauto Visualizza Messaggio
    Di quale "range temporale" stai parlando?
    1-Un fondo d'investimento non acquista obbligazioni di uno stato indirizzato al fallimento, per poi calcolare che dopo cinque anni saranno ristrutturate.
    2- All'opposto, se il prezzo è stracciato, e se il fondo è speculativo, acquista dopo che lo stato è fallito.
    3- Diverso il caso dei fondi che hanno acquistato quando non era ancora CCC ma ...per l'1-2% dei loro asset.
    4- Nel bilancio consuntivo annuale, neanche si saranno accorti che il Venezuela è fallito.
    Nel tuo ragionamento si confondono i fondi d'investimento con i piccoli risparmiatori europei, alcuni dei quali, attirati dalle alte cedole, possono aver impegnato anche oltre il 10% del loro capitale totale.
    1- Dipende dal fondo
    2- E chi lo dice?
    3- Dipende dal fondo, diverso in che senso?
    4- E chi lo dice?

    Io non sono un gestore di fondi di investimento, ma ho conosciuto un gestore e un fondatore (in particolare Cygnus Asset Management).
    Mi sembra che quello che scrivi proprio non sia la regola.

  4. #714
    L'avatar di Carib
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    17,595
    Mentioned
    46 Post(s)
    Quoted
    4745 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da francs Visualizza Messaggio
    1- Dipende dal fondo
    2- E chi lo dice?
    3- Dipende dal fondo, diverso in che senso?
    4- E chi lo dice?

    Io non sono un gestore di fondi di investimento, ma ho conosciuto un gestore e un fondatore (in particolare Cygnus Asset Management).
    Mi sembra che quello che scrivi proprio non sia la regola.
    Gli stati non "falliscono".. dichiarano moratorie e finiscono in default.
    i fondi avvoltoio comprano a prezzi bassi.. quando contano di poter realizzare un utile.
    la durata di un default sovrano e' difficile da prevedere ex-ante, perche' dipende da fattori politici aleatori.

  5. #715

    Data Registrazione
    Mar 2020
    Messaggi
    1,239
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    780 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da francs Visualizza Messaggio
    1- Dipende dal fondo
    2- E chi lo dice?
    3- Dipende dal fondo, diverso in che senso?
    4- E chi lo dice?

    Io non sono un gestore di fondi di investimento, ma ho conosciuto un gestore e un fondatore (in particolare Cygnus Asset Management).
    Mi sembra che quello che scrivi proprio non sia la regola.
    1. Indica un fondo che ha acquistato bonds venezuelani quando era indirizzato al fallimento.
    2. I fondi vultures acquistano a prezzi stracciati, persino 10/100, dopo il fallimento.
    3. Diverso vuol dire che stiamo parlando di due tipi di fondi. Quelli che rastrellano dopo il fallimento sono vultures; quelli che acquistano prima sono fondi d'investimento ordinari. I secondi (i) hanno acquistato quando non era ancora tripla C; (ii) non si sono esposti se non per percentuali minimali.
    4. Per un fondo che ha investito l'1% o il 2% in bonds venezuelani, il fallimento è totalmente ininfluente. Sono perdite che recupera tranquillamente sul resto.

    Non so chi siano sinceramente questi Cygnus. In che fase hanno acquistato obbligazioni venezuelane?

  6. #716
    L'avatar di lovebond
    Data Registrazione
    Feb 2016
    Messaggi
    2,860
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2444 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da Carib Visualizza Messaggio
    Gli stati non "falliscono".. dichiarano moratorie e finiscono in default.
    i fondi avvoltoio comprano a prezzi bassi.. quando contano di poter realizzare un utile.
    la durata di un default sovrano e' difficile da prevedere ex-ante, perche' dipende da fattori politici aleatori.
    Sono quattro anni che si cerca di far capire a taluni che gli Stati non falliscono, ma hanno talvolta problemi di natura politica che si risolvono col tempo...eppure c'è chi confonde i titoli di stato del ricco Venezuela con le azioni Parmalat.

  7. #717

    Data Registrazione
    Mar 2020
    Messaggi
    1,239
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    780 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da lovebond Visualizza Messaggio
    Sono quattro anni che si cerca di far capire a taluni che gli Stati non falliscono, ma hanno talvolta problemi di natura politica che si risolvono col tempo...eppure c'è chi confonde i titoli di stato del ricco Venezuela con le azioni Parmalat.
    Si tratta di una scoperta senza dubbio straordinaria. La bancarotta pubblica è nella scienza delle finanze dalla prima metà del XIX secolo, ma tu stai spiegando che gli stati non falliscono. Decine di libri, annuari, bollettini, resoconti della Credi Unit del Lyonnais, e secoli di realtà cancellati dalla tua scoperta.

  8. #718
    L'avatar di lovebond
    Data Registrazione
    Feb 2016
    Messaggi
    2,860
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2444 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da Risparmiatore cauto Visualizza Messaggio
    Si tratta di una scoperta senza dubbio straordinaria. La bancarotta pubblica è nella scienza delle finanze dalla prima metà del XIX secolo, ma tu stai spiegando che gli stati non falliscono. Decine di libri, annuari, bollettini, resoconti della Credi Unit del Lyonnais, e secoli di realtà cancellati dalla tua scoperta.
    Te lo ha spiegato Carib più che altro...

  9. #719
    L'avatar di iuliano98
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Messaggi
    107
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    40 Post(s)
    Potenza rep
    7259668
    Citazione Originariamente Scritto da Risparmiatore cauto Visualizza Messaggio
    Si tratta di una scoperta senza dubbio straordinaria. La bancarotta pubblica è nella scienza delle finanze dalla prima metà del XIX secolo, ma tu stai spiegando che gli stati non falliscono. Decine di libri, annuari, bollettini, resoconti della Credi Unit del Lyonnais, e secoli di realtà cancellati dalla tua scoperta.
    Visto che si vuole adoperare l'analogia con le imprese, tecnicamente gli stati non falliscono ma ricorrono al "concordato in continuità". Almeno in genere, salvo eventi traumatici di gestione pirata (Cuba) o di alterità aziendale (dopo Germania nazista).
    Questo ovviamente non significa automaticamente che siano rose e fiori per i bondholders, ovvio.

  10. #720
    L'avatar di Carib
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    17,595
    Mentioned
    46 Post(s)
    Quoted
    4745 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da Risparmiatore cauto Visualizza Messaggio
    Si tratta di una scoperta senza dubbio straordinaria. La bancarotta pubblica è nella scienza delle finanze dalla prima metà del XIX secolo, ma tu stai spiegando che gli stati non falliscono. Decine di libri, annuari, bollettini, resoconti della Credi Unit del Lyonnais, e secoli di realtà cancellati dalla tua scoperta.
    il fallimento di una impresa e la bancarotta di uno Stato sono due cose diverse.
    In un fallimento, c'e' una autorita' giudiziaria superiore al fallito che decide come ripartire gli attivi tra i creditori.
    Gli Stati sovrani... non riconoscono autorita' terze con il potere di disporre dei beni pubblici.
    i debiti emessi sotto giurisdizione locale.. gli Stati se li rigirano a piacimento, o stampando moneta, o cambiando le leggi, o tassando i creditori.
    i debiti sovrani emessi sotto legge straniera... sfuggono alla giurisdizione e potesta' del debitore.
    il debitore puo' semplicemente rifiutarsi di pagare, con due conseguenze. La prima, minore, e' di subire il sequestro di propri beni "commerciali" siti all'estero.
    La seconda... e' di perdere l'accesso al credito esterno. Nel XIX secolo, c'era una terza conseguenza negativa: arrivava la flotta del creditore, e ti bombardava
    finche' non accettavi di pagare.

Accedi