Venezuela e PDVSA (Vol.158) Quota "Aran2" .... il sogno reminiscente! - Pagina 27
Delusione PIL Usa alimenta attese di una Fed dovish. A Piazza Affari impennata di Stm e Stellantis
Giovedì tonico per le Borse con Piazza Affari che continua il suo momento positivo in una giornata cadenzata da numerose trimestrali. L'indice Ftse Mib ha così chiuso a 25.516 punti, …
Unicredit, in arrivo i conti del 2° trimestre 2021: radar su dividendo, M&A e timing nuovo piano
Forte attesa per i conti di Unicredit, prima banca di Piazza Affari che si presenta al test dei conti del secondo trimestre 2021. Il cda si riunisce oggi con pubblicazione …
Dalla Cina rassicurazioni su Ipo a Wall Street, ma fine bagno di sangue non significa ‘overweight’. Tencent vittima illustre, ‘peggior titolo del mondo’
E’ ancora troppo presto per tornare a comprare Cina, ma la buona notizia è che l’azionario made in China non è neanche underweight. E’ quanto emerge dal report “China equity: …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #261

    Data Registrazione
    Jul 2017
    Messaggi
    3,362
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    2017 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da Valuex Visualizza Messaggio
    https://www.miamiherald.com/news/nat...251670568.html

    Venezuela’s Maduro receives harsh economic **** from an unlikely source: China
    Notizia che potrebbe avere conseguenze pesanti.

    Una tassa cinese approvata di recente potrebbe tradursi in un duro colpo economico al regime di Nicolás Maduro, quasi raddoppiando il costo di importazione del petrolio che il Venezuela vende in violazione delle sanzioni statunitensi, hanno detto gli analisti.

    Il governo cinese inizierà il 12 giugno a riscuotere la tassa dai 30 ai 40 dollari al barile, in una fase annunciata come misura ambientale che penalizza le importazioni da parte delle raffinerie private della cosiddetta miscela bituminosa sporca ed extra pesante, venduta principalmente da Iran, Canada e Venezuela.

    Ma dei tre, il Venezuela sarebbe probabilmente il più colpito dalla tassa, visto che le raffinerie private cinesi sono la destinazione finale del bitume che vende, con la complicità di terzi, a dispetto delle sanzioni statunitensi.

    Quelle vendite forniscono la parte del leone delle entrate petrolifere che il regime socialista venezuelano riceve ancora dopo che le sanzioni hanno chiuso l'accesso del paese ai mercati tradizionali e la nuova tassa minaccia di lasciare Maduro senza un mercato per vendere i suoi prodotti petroliferi, hanno detto gli analisti.

    “Se non riescono a risolvere il problema, l'impatto sarà catastrofico perché stiamo parlando di tutto il petrolio venezuelano che viene esportato. Fatta eccezione per la piccola quantità che andrà a Cuba , il resto del petrolio venezuelano sta praticamente andando in Cina ”, ha detto Francisco Monaldi, borsista della Rice University in politica energetica latinoamericana.

  2. #262
    L'avatar di Aran2
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    5,352
    Mentioned
    34 Post(s)
    Quoted
    2355 Post(s)
    Potenza rep
    42949681

  3. #263

    Data Registrazione
    Jun 2017
    Messaggi
    9,644
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    5420 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Potemkin Visualizza Messaggio
    Notizia che potrebbe avere conseguenze pesanti.

    Una tassa cinese approvata di recente potrebbe tradursi in un duro colpo economico al regime di Nicolás Maduro, quasi raddoppiando il costo di importazione del petrolio che il Venezuela vende in violazione delle sanzioni statunitensi, hanno detto gli analisti.

    Il governo cinese inizierà il 12 giugno a riscuotere la tassa dai 30 ai 40 dollari al barile, in una fase annunciata come misura ambientale che penalizza le importazioni da parte delle raffinerie private della cosiddetta miscela bituminosa sporca ed extra pesante, venduta principalmente da Iran, Canada e Venezuela.

    Ma dei tre, il Venezuela sarebbe probabilmente il più colpito dalla tassa, visto che le raffinerie private cinesi sono la destinazione finale del bitume che vende, con la complicità di terzi, a dispetto delle sanzioni statunitensi.

    Quelle vendite forniscono la parte del leone delle entrate petrolifere che il regime socialista venezuelano riceve ancora dopo che le sanzioni hanno chiuso l'accesso del paese ai mercati tradizionali e la nuova tassa minaccia di lasciare Maduro senza un mercato per vendere i suoi prodotti petroliferi, hanno detto gli analisti.

    “Se non riescono a risolvere il problema, l'impatto sarà catastrofico perché stiamo parlando di tutto il petrolio venezuelano che viene esportato. Fatta eccezione per la piccola quantità che andrà a Cuba , il resto del petrolio venezuelano sta praticamente andando in Cina ”, ha detto Francisco Monaldi, borsista della Rice University in politica energetica latinoamericana.
    Tieni presente che produzione destinata alla vendita è irrisoria e cmq alla cina devono un sacco di soldi

  4. #264
    L'avatar di Carib
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    17,594
    Mentioned
    46 Post(s)
    Quoted
    4744 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da Dart-Fener Visualizza Messaggio
    Tieni presente che produzione destinata alla vendita è irrisoria e cmq alla cina devono un sacco di soldi
    il venezuela deve importare benzina e petrolio light per mischiarlo col loro bitume, per cui la tassa cinese e' un problema.
    mi pare un segnale che Xi chiude i rubinetti.

  5. #265
    L'avatar di francs
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    12,235
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1450 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da Carib Visualizza Messaggio
    premesso che e' tutta accademia.. il punto e' che legalmente, un governo illegittimo.. non concede un bel niente, perche' non ha titolo..

    un chiarimento: hai comprato post default? (D)

    PS: circa il "fregato" non mi riferivo al caso Citgo.
    Ho comprato quando non cedolavano già più e alleggerito del 50% subito dopo il blocco delle PDVSA, immaginando che sarebbe toccato anche ai bonos.
    Ricordo che avevo rating D. Il totale dell'esposizione è pari a un 7% del cap.

  6. #266
    L'avatar di Carib
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    17,594
    Mentioned
    46 Post(s)
    Quoted
    4744 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da francs Visualizza Messaggio
    Ho comprato quando non cedolavano già più e alleggerito del 50% subito dopo il blocco delle PDVSA, immaginando che sarebbe toccato anche ai bonos.
    Ricordo che avevo rating D. Il totale dell'esposizione è pari a un 7% del cap.
    la tua previsione di recovery value qual'e'? (esempio: tra 20 e 40)

  7. #267
    L'avatar di ninjazzurro
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    2,866
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1369 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Venezuela e PDVSA (Vol.158) Quota "Aran2" .... il sogno reminiscente!-fb_img_1622037773478.jpg

    In basso a destra

    Sempre più proseliti alla causa del compromesso politico....

    Dai che forse dopo l'estate si mette mano al debito

    Tempo al tempo

    Si va a 100 + PDI

    Viva Aran2

  8. #268
    L'avatar di jq68
    Data Registrazione
    Jul 2016
    Messaggi
    2,393
    Mentioned
    18 Post(s)
    Quoted
    2042 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    "Sorpresa e irritazione per l'annuncio che indica una continuità dell'attuale amministrazione statunitense con la politica di Donald Trump...la decisione degli Stati Uniti di mantenere anche per quest'anno Cuba, insieme al Venezuela, nella lista nera "
    Biden non toglie Cuba dalla lista nera dei paesi che non lottano contro il terrorismo: ira a l'Avana | Globalist

  9. #269

    Data Registrazione
    Jun 2017
    Messaggi
    9,644
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    5420 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da jq68 Visualizza Messaggio
    "Sorpresa e irritazione per l'annuncio che indica una continuità dell'attuale amministrazione statunitense con la politica di Donald Trump...la decisione degli Stati Uniti di mantenere anche per quest'anno Cuba, insieme al Venezuela, nella lista nera "
    Biden non toglie Cuba dalla lista nera dei paesi che non lottano contro il terrorismo: ira a l'Avana | Globalist
    CVD la politica estera USA non si sposta di una virgola e i nuovi presidenti continuano la "costruzione" iniziata dai predecessori ..

  10. #270
    L'avatar di francs
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    12,235
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1450 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da Carib Visualizza Messaggio
    la tua previsione di recovery value qual'e'? (esempio: tra 20 e 40)
    Ah beh...non ho mai avuto previsioni, né articoli di Gulati o Hausmann un tot al kg., la mia è stata fin dall'inizio una scommessa a fondo perduto.
    La speranza (minima, se proprio devo cacciare un numero a caso) era che qualsiasi ristrutturazione venisse scelta fosse l'equivalente di un haircut del 50% (e aggiungo lordo cedole bucate), cosicché, poiché i new bonos non sarebbero stati subito tripla A da fondo pensione, il loro valore a mercato (bid) post swap sarebbe stato (magari) intorno a 50 - che faccio signò, lascio? - (equivalente 25 pre swap), il che mi avrebbe permesso di perderci relativamente poco.

    Ormai depennati dal mio excel, quei bonos sporcano solo il pt. Non li vendo ai furboni mangiacadaveri perché non è che -90% o -100% mi faccia qualche differenza.

    Anche rivelandosi un affare d'oro fra 15 anni come in altri casi, per i miei orizzonti di investimento e per l'opinione che ho della finanza (Sindona - And it's gone (original) - YouTube ) in generale, saranno stati comunque un pessimo affare (mi sono fatto un giro di roulette senza rischiare di finire in roulotte, transeat).
    Ultima modifica di francs; 26-05-21 alle 18:04

Accedi