Venezuela e PDVSA (Vol.158) Quota "Aran2" .... il sogno reminiscente! - Pagina 193
Siamo all’inizio dello Squid Game dei mercati, resta da vedere chi sopravviverà al rialzo dei tassi
Di seguito riportiamo l’analisi di Mark Dowding, CIO di BlueBay, relativa all’ultima settimana sui mercati.  Quando non sono stati seduti a fantasticare sulla surreale serie di Netflix, Squid Game, gli …
Analisti danno ragione a Gubitosi, Telecom Italia tra i titoli più sottovalutati del Ftse Mib. C’è chi vede oltre +100% di upside
Telecom Italia si appresta a diffondere settimana prossima i risultati del 3° trimestre (cda il 27 ottobre) e tra gli analisti c’è un cauto ottimismo dettato dal traino del Brasile …
Trump SPACca a Wall Street, il titolo della sua piattaforma social raddoppia ancora dopo folgorante +350% di giovedì
Rialzo stellare quello che sta registrando a Wall Street un titolo, quello della società SPAC Digital World Acquisition Corp che ha chiuso ieri le contrattazioni a +350%e oggi preannuncia un …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1921

  2. #1922
    L'avatar di Carib
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    17,986
    Mentioned
    49 Post(s)
    Quoted
    4970 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da Marc082 Visualizza Messaggio
    Cosa,intendi per poco ortodossa?
    intendo dire ... differente dallo standard.
    Ho difficolta' ad immaginare, appunto, come ristrutturare in termini sostenibili un debito in default da 4 anni, con sentenze esecutive gia' pronunciate, e con limitatissimi margini di CAC.
    Piu' facile, ad esempio, una proposta di riacquisto da parte del debitore, su base volontaria, pagabile in diritti petroliferi...
    Tutta fanta-finanza, per il momento, comunque.

  3. #1923
    L'avatar di Marc082
    Data Registrazione
    Feb 2014
    Messaggi
    548
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    108 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da Carib Visualizza Messaggio
    intendo dire ... differente dallo standard.
    Ho difficolta' ad immaginare, appunto, come ristrutturare in termini sostenibili un debito in default da 4 anni, con sentenze esecutive gia' pronunciate, e con limitatissimi margini di CAC.
    Piu' facile, ad esempio, una proposta di riacquisto da parte del debitore, su base volontaria, pagabile in diritti petroliferi...
    Tutta fanta-finanza, per il momento, comunque.
    Infatti è questo che mi preoccupa, al momento (e più passa il tempo peggio è) non vedo soluzioni per rendere questo debito pagabile nel futuro almeno che qualche buon samaritano nel FMI si faccia carico dei debiti di caracas per salvaguardare noi bhs…

  4. #1924
    L'avatar di Carib
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    17,986
    Mentioned
    49 Post(s)
    Quoted
    4970 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da Marc082 Visualizza Messaggio
    Infatti è questo che mi preoccupa, al momento (e più passa il tempo peggio è) non vedo soluzioni per rendere questo debito pagabile nel futuro almeno che qualche buon samaritano nel FMI si faccia carico dei debiti di caracas per salvaguardare noi bhs…
    il FMI non presta per rimborsare creditori privati.
    La soluzione per rendere il debito pagabile e' in teoria facilissima: La differenza tra il valore del petrolio inestratto e il costo della sua estrazione e' un largo multiplo del debito totale:
    basta vendere concessioni petrolifere pagabili in bonos, e il problema (in teoria) si risolve da solo.

  5. #1925
    L'avatar di ninjazzurro
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    3,241
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1648 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da Marc082 Visualizza Messaggio
    1,500,000 bpd neanche nei sogni li producono. Oggi se va bene si avvicinano a 500k…
    Marco82 leggi

    Firmato nel memorandum e con l'aiuto degli USA arrivano in 3 mesi a 1500k al giorno

    Poi in un anno saranno 6000k almeno

    Con gli USA alleati il Venezuela diventa meglio della Corea del Sud

    Da decenni filoamericana e produce KIA motors, Samsung, impianti Dentali marca Osstem e megagen ed altre cose leader nel mondo....

    E stanno benissimo....

    Il Venezuela è stato frenato dalla statalizzazione dell'economia e fermato dalle sanzioni arancioni....

    Ma tutto questo sembra finire....

    Tra un po' : (se già non è)

    Venezuela e PDVSA (Vol.158) Quota "Aran2" .... il sogno reminiscente!-images.jpeg


  6. #1926
    L'avatar di ninjazzurro
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    3,241
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1648 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Venezuela Politica : Venezuela se da por notificada en demanda por impago de bonos entablada por Chickpen S.A.

    Altra sentenza per la 2018....chissà come faranno questa ristrutturazione con sentenze..

    Dovranno pagare tutto in un modo o nell'altro...

  7. #1927
    L'avatar di alby$
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    7,772
    Mentioned
    10 Post(s)
    Quoted
    1788 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da ninjazzurro Visualizza Messaggio
    Marco82 leggi

    Firmato nel memorandum e con l'aiuto degli USA arrivano in 3 mesi a 1500k al giorno

    Poi in un anno saranno 6000k almeno

    Con gli USA alleati il Venezuela diventa meglio della Corea del Sud

    Da decenni filoamericana e produce KIA motors, Samsung, impianti Dentali marca Osstem e megagen ed altre cose leader nel mondo....

    E stanno benissimo....

    Il Venezuela è stato frenato dalla statalizzazione dell'economia e fermato dalle sanzioni arancioni....

    Ma tutto questo sembra finire....

    Tra un po' : (se già non è)

    Venezuela e PDVSA (Vol.158) Quota "Aran2" .... il sogno reminiscente!-images.jpeg

    Potrebbe essere ma c'è molta differenza tra i coreani e i venezuelani.

  8. #1928
    L'avatar di jq68
    Data Registrazione
    Jul 2016
    Messaggi
    2,495
    Mentioned
    22 Post(s)
    Quoted
    2110 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da ninjazzurro Visualizza Messaggio

    Corea del Sud

    Da decenni filoamericana e produce KIA motors, Samsung, impianti Dentali marca Osstem e megagen ed altre cose leader nel mondo....

    E stanno benissimo....


    te le scrivi da solo
    dalla fine della guerra col Nord la Corea del Sud ci ha messo quasi 40 anni, non 3 mesi, per "stare benissimo" e sono arrivati dove sono oggi grazie a oltre 20 anni di una politica di bassi salari e di scarsa protezione sociale
    e per l'appunto è da "decenni filoamericana" al contrario del Venezuela che si trova Russia, Cina e Iran in casa, con il tanto decantato, da te, biden che è stato messo alla porta dai talebani e ha mostrato al mondo intero la sua destrezza

  9. #1929

    Data Registrazione
    Dec 2015
    Messaggi
    1,655
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    715 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Credo che questi dialoghi abbiano successo, per questo gli accordi firmati in Messico saranno portati alla plenaria dell’Assemblea Nazionale (AN), per essere approvati come memorandum di intesa giuridica nel territorio nazionale. L’AN darà forza legale al dialogo con i settori dell’opposizione”, ha annunciato il presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela Nicolás Maduro.

    In questo senso, il Capo dello Stato ha ricordato che “il Governo nazionale ha sempre optato per la via del dialogo, del sano dialogo e del negoziato, della comprensione e della riconciliazione sarà la via migliore”.

    “Queste conversazioni in Messico sono iniziate bene, il che mette tutto a posto, ci siamo seduti per discutere principalmente di 3 punti: riconoscimento delle legittime autorità del Venezuela, cessazione della violenza, revoca di tutte le sanzioni penali sul nostro paese e che è il nostro slogan. Tuttavia, continueremo a insistere per far sedere tutti i settori dell’opposizione del Venezuela “, ha affermato.

    Allo stesso modo, ha evidenziato, di fatto, il fallimento di coloro che si oppongono al governo cospirando con gli Stati Uniti (USA).

    Nella sala di Palazzo Miraflores era presente anche il capo della delegazione del governo nazionale al tavolo di dialogo, Jorge Rodríguez, il quale ha sottolineato che l’incontro tenutosi nel fine settimana nella capitale del Messico è stato la conclusione di oltre 6 mesi di conversazione tra il governo e settori dell’opposizione, che diventa una piattaforma di partenza per il dialogo di pace.

    “Questo incontro ha permesso la discussione sulle garanzie elettorali e politiche del Paese, abbiamo vissuto un processo attivo e dinamico che implica garanzie per tutti riguardo allo Stato di diritto, quindi uno degli accordi è un incontro per il prossimo 3 settembre e la promozione di incontri di lavoro in Venezuela”, ha sottolineato il presidente dell’Assemblea Nazionale.

    “L’America dovrà revocare le sue sanzioni contro la Repubblica Bolivariana del Venezuela, e mentre otteniamo questo e ciò accade, dobbiamo attivare tutti i motori produttivi che abbiamo e garantire la soluzione di tutti i problemi”, ha aggiunto Maduro dal Palazzo Miraflores, durante la conferenza stampa con i media nazionali e internazionali.

    Il presidente ha ricordato ai giornalisti di tutto il mondo che hanno chiesto dichiarazioni sull’impatto delle sanzioni, che il governo degli Stati Uniti ha brutalmente attaccato la salute, l’economia, il reddito nazionale, ha impedito la possibilità di acquistare medicinali e prodotti essenziali rapendo risorse venezuelane all’estero emettendo in atto persecuzioni finanziarie anche nel mezzo di una pandemia sanitaria globale. Nonostante tutto questo, il Venezuela e il suo governo rivoluzionario hanno ottenuto l’aiuto di potenze emergenti e alleate.

    “In questi lunghi 16 mesi abbiamo dovuto destreggiarci, soffrire, muoverci in giro per il mondo per effettuare pagamenti. Perché il Venezuela non ha il diritto di avere alcun conto in banca nell’intero sistema bancario mondiale”, ha denunciato ancora Maduro.

    “Tutti i conti bancari sono stati dirottati dal governo degli Stati Uniti. Hanno dirottato tutte le risorse che avevamo lì. Il Venezuela è l’unico Paese al mondo che non ha il diritto di avere conti bancari nel mondo”, ha ribadito ai giornalisti classificando queste sanzioni come “bombardamenti silenziosi” da parte degli Stati Uniti contro i venezuelani, attraverso politiche economiche e finanziarie che “distruggono senza bisogno di armi da guerra”.

    “Perché le sanzioni? Per imporre quella che chiamano ‘la politica del cambio di regime’. Per rovesciare un governo legittimo e imporre un fantoccio che abbiamo già sconfitto, perché quelle sanzioni dovevano imporre il loro fantoccio e, semplicemente, abbiamo schiacciato quel governo fantoccio con la forza della Costituzione, della democrazia e del popolo venezuelano”.

    Il capo dello Stato ha commentato che i tentativi imperiali di imporre un fantoccio come “presidente ad interim” sono falliti, e le misure coercitive che violano il diritto internazionale e i diritti umani non saranno consentite contro la volontà di un intero popolo che resiste a un regime imperiale genocida.
    “Abbiamo schiacciato questo Juan Guaidó. Cosa resta loro? La politica di Donald Trump è stata schiacciata, sconfitta senza vie di mezzo “, ha affermato il presidente pur avvertendo che i silenziosi bombardamenti statunitensi hanno creato ferite sanguinose nel corpo economico e sociale del Paese, “ma andremo avanti. Abbiamo un popolo che va a lavorare, crea e vuole andare avanti”, ha assicurato Maduro esortando tutti i cittadini che vivono in Venezuela e i funzionari con alte responsabilità nei confronti del popolo, a “non piagnucolare”, perché “le difficoltà imposte dall’estero vengono vinte poco a poco con il lavoro di tutti”.

    “Cosa faremo con le sanzioni? Combattere, combattere, produrre e sognare un futuro migliore”, ha risposto a una domanda di un corrispondente dei media di New York.
    “Stiamo per raggiungere la meravigliosa ripresa economica del Venezuela con o senza sanzioni statunitensi, con orgoglio venezuelano; Non ci inginocchieremo mai davanti a nessuno su questo pianeta, non per mille sanzioni o mille minacce”, ha primesso l’erede di Chávez.

    In merito, Maduro ha ammesso che uno dei settori più colpiti dalle sanzioni è l’industria petrolifera, “ma – ha rilevato – stiamo recuperando la produzione. Il presidente ha risposto al rappresentante dell’agenzia di stampa nordamericana Bloomberg in relazione alla questione carburante: “Stiamo facendo uno sforzo gigantesco per recuperare il sistema di raffinazione del Paese, che è stato uno degli elementi più colpiti per diversi anni con misure coercitive unilaterali. L’ho spiegato più volte, il nostro sistema di raffinazione è tecnologia americana, il che significa che tutte le parti devono essere acquistate lì”.

    Il presidente Maduro ha continuato: “Abbiamo avuto nell’industria un sistema di dipendenza tecnologica e ora siamo in un processo di rottura, con le nostre soluzioni tecnologiche ed è quello che gli ingegneri, le donne ingegneri, gli scienziati, i lavoratori e le lavoratrici dell’industria petrolifera stanno facendo PDVSA e stiamo andando bene su quella strada. Siamo ottimisti”.

    Maduro, ha poi affermato che la collaborazione fornita dalla Cina e da altri paesi fratelli è stata decisiva e vitale nella battaglia contro il COVID-19 durante questi 519 giorni di pandemia.
    “Le tonnellate di attrezzature mediche, medicinali che sono arrivati ​​dalla Cina, ci hanno permesso di avere la scorta per servire le persone durante la pandemia in 16 mesi”, ha affermato il Capo dello Stato.
    Il presidente nazionale ha lodato l’azione della Cina per fornire sostegno al popolo venezuelano, contrariamente al governo degli Stati Uniti, che ha intensificato le misure coercitive unilaterali, il blocco economico e finanziario contro la nazione per impedire ai farmaci di raggiungere il Paese.

    “Qual è stata la prima cosa che ha fatto il governo degli Stati Uniti di Donald Trump quando è iniziata la pandemia? Intensificare le sanzioni contro il Venezuela, chiamare le aziende farmaceutiche del mondo e minacciarlo e vietare la salute in Venezuela”, ha denunciato ricordando ai media che “Miami Herald, New York Times, ABC, El País, El Mundo de Madrid, la rivista paramilitare Semana de Colombia, CNN in spagnolo hanno annunciato più volte il crollo sanitario in Venezuela, che il Venezuela sarebbe stato l’epicentro dell’epidemia da coronavirus”, ma nonostante le campagne di discredito promosse dai media internazionali e il brutale blocco, paesi come Cina, Turchia, Russia e India hanno potuto inviare le forniturae di medicinali per la battaglia contro il COVID-19, “grazie mille, grazie molto, il vostro supporto è stato fondamentale, continueremo con la grande Cina in collaborazione permanente”.

    Infine, in merito alla questione della violenza in Colombia, il Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela ha evidenziato: “Non siamo obbligati a rilasciare alcuna dichiarazione ufficiale sulla morte di un leader sociale, ma non sarebbe una cattiva idea farlo, per esempio in questo caso di Jesús Santrich, un ex guerrigliero che firmò la pace e fu assassinato. La Colombia è un paese in cui ogni giorno vengono uccisi coloro che combattono per il popolo. In quel paese ci sono già 70 massacri quest’anno. È davvero una tragedia quello che accade lì”.

  10. #1930

    Data Registrazione
    Nov 2015
    Messaggi
    498
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    337 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Secondo il mio modestissimo parere, il gruppo democratico biden già prima delle elezioni , che davano per vinte, avevano progettato di lasciare Kabul per lasciare spazio a Russia e Cina geograficamente più interessate all' area afghana.
    Ritirandosi da un messaggio chiaro in termini di geopolitica al mondo: gli USA non sono più come prima che entrano dappertutto ricevendo un opinione negativa come se fossero i padroni del mondo che decidono le sorti di ogni paese; opinione per me sbagliata in quanto finché gli USA intervenivano non succedevano guerre sanguinarie e ora purtroppo anche in Afghanistan ne vedremo.
    Dal lato dei propri interessi credo che biden miri più alla sua posizione geografica esposta all' America Latina. Non a caso questo ritiro delle truppe cade chissà perché nel periodo del negoziato in Venezuela. Credo che l' accordo sia molto vicino e i supervisori Cina e Russia e USA staranno buoni nelle loro posizioni geografiche.

Accedi