FIR over 35/100 k che documentazione fornire II - Pagina 50
Crisi nera di Enel a Piazza Affari ed ENI mette freccia sorpasso come peso massimo del Ftse Mib. In agguato anche altri due titoli
Ennesima giornata difficile in Borsa per Enel. La maggiore utility italiana è precipitata oggi ai minimi a 5 anni e mezzo toccando un minimo intraday a 4,15 euro, con un calo giornaliero vicino al 4% per poi andare a chiudere a 4,17 euro (-3,51%). Da inizio anno ENEL segna un tonfo di quasi il 41
Mps: doppio alert aumento capitale-burden sharing, si lancia SOS anche agli hedge fund. Banco BPM: ‘Mai nel nostro radar’
Aumento di capitale Mps sempre più incerto, ora si apprende che l'operazione di ricapitalizzazione da 2,5 miliardi che dovrebbe salvare la banca pot
Febbre tassi BTP e spread: ma la Bce? L’Italia che spaventa, tra sogno mutualizzazione debito e incubo ristrutturazione
L?incubo spread BTP-Bund costringerà la Bce a tornare sui suoi passi e a sfornare uno strumento magari più convincente di quello che ha sfornato alla fine di luglio? E? la domanda che si pone Bloomberg, nell?analizzare la possibilità che la banca centrale europea lanci un nuovo bazooka WhateverItTakes per far rientrare il rischio di una
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #491

    Data Registrazione
    Apr 2008
    Messaggi
    259
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    114 Post(s)
    Potenza rep
    6622950
    Citazione Originariamente Scritto da Intruder Visualizza Messaggio
    Che documentazione avevi allegato?
    Me l'ero cercata siu internet e redatto un documento da solo.
    Essenzialmente la Relazione Consob del 2017, alcuni stralci della commissione parlamentare d'inchiesta, l'audizione del procuratore della Repubblica di Arezzo e del vice direttore della Consob alla stessa commissione, alcune delibere Consob.
    Il tutto per cercare di dimostrare come la banca avesse avuto comportamenti fraudolenti e tese a nascondere il reale stato della società. Con tali manovre "oscurantiste" un comune risparmiatore non era stato in grado di comprendere e valutrare i reali rischi dell'investimento.

  2. #492
    L'avatar di alessandro1963
    Data Registrazione
    Sep 2019
    Messaggi
    151
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    89 Post(s)
    Potenza rep
    1534681
    Non se ne può più del FIR
    C è qualcuno a cui non è stata richiesta l integrazione del Tuf?
    C è un modo per sapere in via definitiva cosa allegare?

  3. #493
    L'avatar di alessandro1963
    Data Registrazione
    Sep 2019
    Messaggi
    151
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    89 Post(s)
    Potenza rep
    1534681
    Citazione Originariamente Scritto da Il dottore Dulcamara Visualizza Messaggio
    Stranamente nel comunicato della Ezzelino non si dice nulla della faccenda del periodo. Eppure questi dovrebbero esserne a conoscenza....

    FIR, arrivato 1deg pagamento 2deg binario (violazioni massive)

    FIR, arrivato il primo pagamento del 2° binario (violazioni massive) del Fondo Indennizzo Risparmiatori. Ne danno notizia Miatello, Mazzon e Bettiol
    Di Giovanni Coviello - Direttore responsabile -27 Dicembre 2021, 19:07

    Arriva la notizia che “oggi è stata pagata la prima pratica Fir del secondo binario (violazioni massive) a favore di uno dei risparmiatori aderenti all’associazione Ezzelino da Onara“. A comunicarcela per primo è stato Patrizio Miatello, presidente dell’associazione Ezzelino III da Onara, seguito dal tributarista Loris Mazzon e dell’avv. prof. Rodolfo Bettiol, i tre ispiratori, operativi e tecnici, del lungo percorso, che ha poi portato al Fir, Fondo Indennizzo Risparmiatori (qui una parte di quanto abbiamo scritto negli anni mettendo nel titolo Fondo Indennizzo Risparmiatori per non parlare di quando abbiamo titolato sinteticamente FIR, ndr)

    Sostenuto e apprezzato da varie associazioni e altri tecnici ma soprattutto dai risparmiatori che avevano investito in azioni e che stanno ricevendo indennizzi nel tempo, il Fir, anche se inferiore (per farraginosità procedurale e liquidabilità non ottimale degli importi) a quello da loro inizialmente conseguito con la legge 205, e la notizia di oggi lo conferma, à stato un risultato storico grazie al quale, tra inaudite e spesso sotterranee, ma facilmente identificabili resistenze del “sistema”, è passato il principio che se le banche truffano, a dispetto delle autorità istituzionali che dovrebbero controllarle, c’è chi, lo Stato, deve intervenire a tutela dei danneggiati.
    Ma si può sapere cosa hanno scritto sul tuf?

  4. #494
    L'avatar di Il dottore Dulcamara
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    2,385
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    933 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Ringrazio l'amico (fortunello) TOSCANACCIO per avermi dato uno spunto.

    Sono infatti andato a riprendere la relazione del Ministro dell'economia presentata in occasione del Consob day nel 2018 (e quindi sull'attività 2017).

    La trovare qui: https://www.consob.it/web/area-pubbl...azione-annuale

    Faccio notare che è stata pubblicata l'11 giugno 2018 (stalla chiusa e buoi felicemente già in giro a pascolare)

    PER TUTTI GLI SMEMORATI RIPORTO QUANTO SCRITTO A PAGINA 179 DELLA RELAZIONE DEL SIGNOR MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE (A CUI FA CAPO CONSAP).


    Riquadro 8
    Provvedimenti sanzionatori relativi a intermediari in crisi
    Nel corso del 2017 la Commissione ha sanzionato gli esponenti aziendali di Banca Popolare di Vicenza Spa e di Veneto Banca Spa, oltre che le medesime società,
    per violazioni della disciplina in materia di intermediari che hanno riguardato, tra l’altro, i finanziamenti concessi per l’acquisto di azioni di propria emissione,
    l’inadeguatezza delle procedure nella prestazione dei servizi di investimento e la comunicazione di informazioni non veritiere alla Consob.

    In particolare, sono state applicate sanzioni per complessivi euro 4,17 milioni nei confronti di Banca Popolare di Vicenza e per complessivi euro 4,26 milioni nei confronti di Veneto Banca.
    Agli esponenti aziendali di Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio Sc sono state applicate, sempre per violazioni relative alla disciplina degli intermediari,
    sanzioni amministrative pecuniarie per complessivi 1,12 milioni di euro.

    Nei confronti degli esponenti aziendali di Banca Popolare di Vicenza, di Veneto Banca e di Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio sono state altresì irrogate sanzioni per violazioni della disciplina in materia di prospetti sostanziatesi nella carenza, nella documentazione relativa a emissioni azionarie e obbligazionarie, di
    elementi informativi necessari affinché gli investitori potessero pervenire a un fondato giudizio su situazione patrimoniale e finanziaria, risultati economici e prospettive di tali emittenti nonché sui prodotti finanziari offerti.
    Le sanzioni applicate sono state complessivamente pari a oltre 1,4 milioni di euro per Banca Popolare di Vicenza, 790 mila euro per Veneto Banca e 1,54 milioni di euro per Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio.


    Le tre banche sono state inoltre sanzionate per violazioni relative a incompletezza, non correttezza e mancata diffusione al pubblico di informazioni rilevanti, per importi pari a 470 mila euro per Banca Popolare di Vicenza, 535 mila per Veneto Banca e 90 mila per Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio.

    Ad alcuni esponenti aziendali di Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca sono state inoltre irrogate sanzioni per irregolarità poste in essere nell’ambito dell’attività di raccolta di intenzioni di sottoscrizione degli aumenti di capitale del 2014 realizzata prima dell’avvio del relativo periodo di offerta e dell’approvazione del prospetto da parte della Consob. In tal caso, l’importo delle sanzioni è stato di 85 mila euro per Banca Popolare di Vicenza e di 50 mila euro per Veneto Banca.
    Gli esponenti aziendali di Banca Popolare di Vicenza sono stati inoltre sanzionati per avere realizzato un’offerta al pubblico di prodotti finanziari senza la preventiva pubblicazione del prospetto informativo. In questo caso, sono state irrogate sanzioni pecuniarie complessivamente pari a tre milioni di euro oltre a sanzioni interdittive accessorie per complessivi 76 mesi.
    Ultima modifica di Il dottore Dulcamara; 29-12-21 alle 10:16

  5. #495
    L'avatar di Kripto
    Data Registrazione
    Oct 2002
    Messaggi
    592
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    249 Post(s)
    Potenza rep
    27364382
    Citazione Originariamente Scritto da Il dottore Dulcamara Visualizza Messaggio
    Ringrazio l'amico (fortunello) TOSCANACCIO per avermi dato uno spunto.

    Sono infatti andato a riprendere la relazione del Ministro dell'economia presentata in occasione del Consob day nel 2018 (e quindi sull'attività 2017).

    La trovare qui: https://www.consob.it/web/area-pubbl...azione-annuale
    Non so se è un problema mio ma cercando di collegarmi alla pagina Consob...

    Proxy Error
    The proxy server received an invalid response from an upstream server.
    The proxy server could not handle the request

    Reason: Error reading from remote server

  6. #496

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    374
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    234 Post(s)
    Potenza rep
    13362315
    Citazione Originariamente Scritto da Il dottore Dulcamara Visualizza Messaggio
    Posto anche se notizia nota

    Fir, arrivato il primo bonifico per le «violazioni massive» Riammessi 9mila ritardatari

    Corriere del Veneto (Treviso e Belluno)28 Dec 2021

    VENEZIA Il primo bonifico destinato a un risparmiatore tradito delle banche in dissesto, fra cui Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza, e appartenente alla fascia delle «violazioni massive» (quella per importi superiori e non liquidabili con la procedura forfettaria) è stato ricevuto da un cittadino veneto. Lo rende noto l’associazione «Ezzelino da Onara». La notizia giunge a pochi giorni dall’approvazione di un emendamento alla Legge di bilancio proposto dal M5s, grazie al quale sarà consentito a soggetti che non siano stati in grado di finalizzare la procedura entro i termini previsti di far valere la domanda al Fondo di indennizzo dei risparmiatori (Fir). «Si tratta – ricorda il ministro per i rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà – di una potenziale platea di 9mila persone». Un contingente che andrà a sommarsi ai 144mila richiedenti, la cui istanza è pervenuta nei termini al portale della Consap, la concessionaria pubblica incaricata della gestione. A oggi, le disposizioni di pagamento superano i 745 milioni di euro su 118 mila domande. In Veneto, sono già stati rimborsati 407,5 milioni per 45.236 risparmiatori. Nel dettaglio: a Belluno 4,4 milioni, a Padova 35,8, a Rovigo 3,8, a Treviso 151,8, a Venezia 22,4, a Verona 16,9 e a Vicenza 172 milioni di euro, su una dotazione complessiva del fondo di 1,575 miliardi.
    Buongiorno carissimo,

    peccato che nell'articolo nulla si dica delle date di acquisto delle obbligazioni rimborsate!!!

    Pare che tale parametro sia al momento un fattore rilevante per ottenere il rimborso per chi è nel secondo binario

  7. #497

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    374
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    234 Post(s)
    Potenza rep
    13362315
    Citazione Originariamente Scritto da Il dottore Dulcamara Visualizza Messaggio
    Ringrazio l'amico (fortunello) TOSCANACCIO per avermi dato uno spunto.

    Sono infatti andato a riprendere la relazione del Ministro dell'economia presentata in occasione del Consob day nel 2018 (e quindi sull'attività 2017).

    La trovare qui: https://www.consob.it/web/area-pubbl...azione-annuale

    Faccio notare che è stata pubblicata l'11 giugno 2018 (stalla chiusa e buoi felicemente già in giro a pascolare)

    PER TUTTI GLI SMEMORATI RIPORTO QUANTO SCRITTO A PAGINA 179 DELLA RELAZIONE DEL SIGNOR MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE (A CUI FA CAPO CONSAP).


    Riquadro 8
    Provvedimenti sanzionatori relativi a intermediari in crisi
    Nel corso del 2017 la Commissione ha sanzionato gli esponenti aziendali di Banca Popolare di Vicenza Spa e di Veneto Banca Spa, oltre che le medesime società,
    per violazioni della disciplina in materia di intermediari che hanno riguardato, tra l’altro, i finanziamenti concessi per l’acquisto di azioni di propria emissione,
    l’inadeguatezza delle procedure nella prestazione dei servizi di investimento e la comunicazione di informazioni non veritiere alla Consob.

    In particolare, sono state applicate sanzioni per complessivi euro 4,17 milioni nei confronti di Banca Popolare di Vicenza e per complessivi euro 4,26 milioni nei confronti di Veneto Banca.
    Agli esponenti aziendali di Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio Sc sono state applicate, sempre per violazioni relative alla disciplina degli intermediari,
    sanzioni amministrative pecuniarie per complessivi 1,12 milioni di euro.

    Nei confronti degli esponenti aziendali di Banca Popolare di Vicenza, di Veneto Banca e di Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio sono state altresì irrogate sanzioni per violazioni della disciplina in materia di prospetti sostanziatesi nella carenza, nella documentazione relativa a emissioni azionarie e obbligazionarie, di
    elementi informativi necessari affinché gli investitori potessero pervenire a un fondato giudizio su situazione patrimoniale e finanziaria, risultati economici e prospettive di tali emittenti nonché sui prodotti finanziari offerti.
    Le sanzioni applicate sono state complessivamente pari a oltre 1,4 milioni di euro per Banca Popolare di Vicenza, 790 mila euro per Veneto Banca e 1,54 milioni di euro per Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio.


    Le tre banche sono state inoltre sanzionate per violazioni relative a incompletezza, non correttezza e mancata diffusione al pubblico di informazioni rilevanti, per importi pari a 470 mila euro per Banca Popolare di Vicenza, 535 mila per Veneto Banca e 90 mila per Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio.

    Ad alcuni esponenti aziendali di Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca sono state inoltre irrogate sanzioni per irregolarità poste in essere nell’ambito dell’attività di raccolta di intenzioni di sottoscrizione degli aumenti di capitale del 2014 realizzata prima dell’avvio del relativo periodo di offerta e dell’approvazione del prospetto da parte della Consob. In tal caso, l’importo delle sanzioni è stato di 85 mila euro per Banca Popolare di Vicenza e di 50 mila euro per Veneto Banca.
    Gli esponenti aziendali di Banca Popolare di Vicenza sono stati inoltre sanzionati per avere realizzato un’offerta al pubblico di prodotti finanziari senza la preventiva pubblicazione del prospetto informativo. In questo caso, sono state irrogate sanzioni pecuniarie complessivamente pari a tre milioni di euro oltre a sanzioni interdittive accessorie per complessivi 76 mesi.
    Direi che queste sanzioni Consob sono note e stranote e ampiamente richiamate nelle memorie per le quali è stata richiesta integrazione della documentazione.

    Ad essere ottimisti, potrebbe bastare allegare le delibere Consob in maniera da aver adempiuto all'obbligo di allegare tutta la documentazione.

    Ad essere pessimisti, si potrebbe pensare che a quelli di CONSAP non interesssano..

  8. #498

    Data Registrazione
    Oct 2004
    Messaggi
    6,071
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    518 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Citazione Originariamente Scritto da alessandro1963 Visualizza Messaggio
    Non se ne può più del FIR
    C è qualcuno a cui non è stata richiesta l integrazione del Tuf?
    C è un modo per sapere in via definitiva cosa allegare?
    1) a me non e' stata richiesta nessuna integrazione (per ora) ho fortunatamente acquisti solo nel 2015, ma ho fatto domanda in data gennaio 2020 e non capisco perche' sono stati rimborsati utenti con richiesta di marzo 2020 e invece io non ho ricevuto niente.

    2) cosa allegare dipende dal tuo caso personale, da quando hai comprato i titoli, da come ne sei entrato in possesso (acquisto, conversione, eredita', trasferimento da altro deposito) per questo non c'e' una risposta univoca. resta in contatto sul 3D vedi di capire altri che sono piu' o meno nella tua situazione e segui i ragionamenti collettivi

  9. #499
    L'avatar di locco68
    Data Registrazione
    Feb 2004
    Messaggi
    10,707
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    1246 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Citazione Originariamente Scritto da ipergaleo Visualizza Messaggio
    Buongiorno carissimo,

    peccato che nell'articolo nulla si dica delle date di acquisto delle obbligazioni rimborsate!!!

    Pare che tale parametro sia al momento un fattore rilevante per ottenere il rimborso per chi è nel secondo binario
    Pare a voi.
    I bilanci 2015 delle venete quindi sono tutti regolari? Ho pubblicato ieri quello di Vb uscito nel 2016 con annesso piano industriale 2016/20.

    Giudichi ognuno da solo

  10. #500
    L'avatar di Quaglia965
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    1,594
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    405 Post(s)
    Potenza rep
    29140357
    Citazione Originariamente Scritto da Il dottore Dulcamara Visualizza Messaggio
    Ringrazio l'amico (fortunello) TOSCANACCIO per avermi dato uno spunto.

    Sono infatti andato a riprendere la relazione del Ministro dell'economia presentata in occasione del Consob day nel 2018 (e quindi sull'attività 2017).

    La trovare qui: https://www.consob.it/web/area-pubbl...azione-annuale

    Faccio notare che è stata pubblicata l'11 giugno 2018 (stalla chiusa e buoi felicemente già in giro a pascolare)

    PER TUTTI GLI SMEMORATI RIPORTO QUANTO SCRITTO A PAGINA 179 DELLA RELAZIONE DEL SIGNOR MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE (A CUI FA CAPO CONSAP).


    Riquadro 8
    Provvedimenti sanzionatori relativi a intermediari in crisi
    Nel corso del 2017 la Commissione ha sanzionato gli esponenti aziendali di Banca Popolare di Vicenza Spa e di Veneto Banca Spa, oltre che le medesime società,
    per violazioni della disciplina in materia di intermediari che hanno riguardato, tra l’altro, i finanziamenti concessi per l’acquisto di azioni di propria emissione,
    l’inadeguatezza delle procedure nella prestazione dei servizi di investimento e la comunicazione di informazioni non veritiere alla Consob.

    In particolare, sono state applicate sanzioni per complessivi euro 4,17 milioni nei confronti di Banca Popolare di Vicenza e per complessivi euro 4,26 milioni nei confronti di Veneto Banca.
    Agli esponenti aziendali di Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio Sc sono state applicate, sempre per violazioni relative alla disciplina degli intermediari,
    sanzioni amministrative pecuniarie per complessivi 1,12 milioni di euro.

    Nei confronti degli esponenti aziendali di Banca Popolare di Vicenza, di Veneto Banca e di Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio sono state altresì irrogate sanzioni per violazioni della disciplina in materia di prospetti sostanziatesi nella carenza, nella documentazione relativa a emissioni azionarie e obbligazionarie, di
    elementi informativi necessari affinché gli investitori potessero pervenire a un fondato giudizio su situazione patrimoniale e finanziaria, risultati economici e prospettive di tali emittenti nonché sui prodotti finanziari offerti.
    Le sanzioni applicate sono state complessivamente pari a oltre 1,4 milioni di euro per Banca Popolare di Vicenza, 790 mila euro per Veneto Banca e 1,54 milioni di euro per Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio.


    Le tre banche sono state inoltre sanzionate per violazioni relative a incompletezza, non correttezza e mancata diffusione al pubblico di informazioni rilevanti, per importi pari a 470 mila euro per Banca Popolare di Vicenza, 535 mila per Veneto Banca e 90 mila per Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio.

    Ad alcuni esponenti aziendali di Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca sono state inoltre irrogate sanzioni per irregolarità poste in essere nell’ambito dell’attività di raccolta di intenzioni di sottoscrizione degli aumenti di capitale del 2014 realizzata prima dell’avvio del relativo periodo di offerta e dell’approvazione del prospetto da parte della Consob. In tal caso, l’importo delle sanzioni è stato di 85 mila euro per Banca Popolare di Vicenza e di 50 mila euro per Veneto Banca.
    Gli esponenti aziendali di Banca Popolare di Vicenza sono stati inoltre sanzionati per avere realizzato un’offerta al pubblico di prodotti finanziari senza la preventiva pubblicazione del prospetto informativo. In questo caso, sono state irrogate sanzioni pecuniarie complessivamente pari a tre milioni di euro oltre a sanzioni interdittive accessorie per complessivi 76 mesi.
    Domanda: ma queste le avevi già allegate alla tua domanda?
    Grazie

Accedi