BTP laddering, conviene?
Posizioni nette corte: Maire in vetta ai più shortati di Piazza Affari, nelle prime posizioni anche Fincantieri e Webuild
Dall?ultimo aggiornamento disponibile di Consob sulle posizioni nette corte (PNC) si apprende che il titolo più shortato a Piazza Affari è Maire Tecnimont con 4 posizioni short aperte per una quota pari al 4,63% del capitale sociale.Bio-On conquista il secondo gradino più alto del podio con 2 PNC pari al 2,59% del capitale.Fincantieri si posiziona al
Settembre da incubo per Wall Street: occhio ad alcuni indicatori che lanciano dei segnali d’acquisto
Indici azionari di Wall Street in profondo rosso a settembre. Quando manca una seduta al termine del mese e del trimestre lo S&P 500 e gli altri principali indici viaggiano sui minimi annui. L?indice S&P 500 è capitolato del 7,9% a settembre, il Dow Jones ha sofferto un tonfo del 7,2% e peggio fa il
Porsche in Borsa vale più del doppio di Ferrari. Confronto con le altre big auto e prospettive dopo l’IPO più attesa del 2022
Porsche si è quotata sulla Borsa di Francoforte con il ticker P911 in quella che era l?Ipo più attesa dell?anno e non ha deluso le aspettative. Si tratta infatti della maggiore IPO dell?ultimo decennio in Europa. Il debutto è avvenuto in una giornata debole per i mercati, ma Porsche dopo aver aperto a 84 euro,
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di Encadenado
    Data Registrazione
    May 2006
    Messaggi
    25,106
    Mentioned
    188 Post(s)
    Quoted
    7634 Post(s)
    Potenza rep
    42949689

    BTP laddering, conviene?

    Rispolvero un classico delle strategie d'investimento obbligazionario, andato un po' fuori moda negl'ultimi anni, sta tornando alle cronache il LADDERING grazie l'attuale situazione dei tassi con curva ripida e inizialmente negativa.

    Il Laddering è una strategia di investimento obbligazionario che permette all’investitore di scaglionare le scadenze e di reinvestire i proventi a intervalli regolari, ottimizzando così la durata media e il rendimento del proprio portafoglio.
    Supponiamo di voler investire 100.000€ in un BTP laddering, alle attuali condizioni di mercato dovremmo ad esempio acquistare:
    10.000€ a 5 anni al +0,17% di rendimento
    10.000€ a 6 anni al +0,30% di rendimento
    10.000€ a 7 anni al +0,48% di rendimento
    10.000€ a 8 anni al +0,60% di rendimento
    10.000€ a 9 anni al +0,74% di rendimento
    10.000€ a 10 anni al +0,85% di rendimento
    10.000€ a 11 anni al +0,94% di rendimento
    10.000€ a 12 anni al +1,05% di rendimento
    10.000€ a 13 anni al +1,15% di rendimento
    10.000€ a 14 anni al +1,25% di rendimento

    In questo caso lo step corrisponde ad 1 anno, la durata minima a 4 anni (un anno in meno del più breve inizialmente acquistato) e la durata massima a 14 anni. La durata media sarà quindi di 9 anni circa. Ma è possibile e consigliabile personalizzare i parametri del laddering in funzione delle proprie esigenze.
    Inizialmente, il rendimento medio ponderato del laddering risulterà circa pari al +0,85% annuo, ma poi vedremo che tenderà ad aumentare.
    Infatti, dopo un anno tutti i BTP si saranno altrettanto abbreviati, in particolare il più breve sarà divenuto pari od inferiore alla durata minima pertanto andrà venduto per compare un nuovo BTP di durata massima. In pratica, ogni anno si dovrà fare una sola vendita e un solo acquisto.
    Nel caso in cui si decidesse di parametrizzare la durata minima a 0 anni, la vendita non sarebbe più necessaria poiché il titolo verrebbe automaticamente rimborsato a scadenza.
    Una volta andato a regime il laddering, tutti i BTP posseduti saranno stati acquistati al momento del loro rendimento a 14 anni, pertanto il rendimento medio ponderato tenderà gradualmente ad aumentare (a patto che la curva dei tassi presenti la sua consueta inclinazione positiva).
    Che fare delle cedole? Si può decidere di prelevare le cedole, oppure di reinvestire parzialmente o totalmente nel laddering, al successivo acquisto periodico.

    Quali sono i vantaggi offerti dal laddering obbligazionario? Anzitutto Il laddering consente all’investitore di ottimizzare i tassi di interesse percepiti poiché ogni anno investe una parte del proprio capitale ai migliori tassi di mercato. Inoltre, la diversificazione delle scadenze diminuisce il rischio nonché la volatilità del portafoglio, ed aiuta a stabilizzare nel tempo il flusso cedolare percepito dall’investitore.
    Esistono anche alcuni svantaggi da valutare. Infatti, i costi di transazione del laddering potrebbero risultare maggiori rispetto all'investimento in un unico bond a lunga durata. Inoltre, in caso di discesa dei tassi di mercato per un lungo periodo, il rendimento del laddering potrebbe risultare inferiore rispetto a quello che sarebbe stato il rendimento di un unico bond a lunga durata.
    Ultima modifica di Encadenado; 04-05-21 alle 12:32

  2. #2
    L'avatar di Gapak
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    8,149
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    1881 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da Encadenado Visualizza Messaggio
    Rispolvero un classico delle strategie d'investimento obbligazionario, andato un po' fuori moda negl'ultimi anni, sta tornando alle cronache il LADDERING grazie l'attuale situazione dei tassi con curva ripida e inizialmente negativa.
    (...)
    Quali sono i vantaggi offerti dal laddering obbligazionario? (...) Inoltre, la diversificazione delle scadenze diminuisce il rischio nonché la volatilità del portafoglio, ed aiuta a stabilizzare nel tempo il flusso cedolare percepito dall’investitore.(...)
    Io propongo, come accennato nell'altro 3D, una versione "sporca" del Laddering, con inserimento di bond di differenti emittenti, acquistati in ottica trading, ma comunque con diversificazioni di scadenze.
    Lo scopo è comunque di fare in modo da controllare l'impatto dei tassi sul totale del pf, a prescindere dalle intenzioni di breve periodo dell'investimento su ogni singolo titolo (intenzioni che a volte non si riescono a concretizzare).

    Personalmente mi faccio un conteggio su vita media/duration/DV ponderati di tutto il pf, sia della parte già investita e anche uno sul totale del capitale a mia disposizione, sia investito che liquido. Ritengo che questa seconda opzione sia più utile della prima.

    Non so neppure se una roba del genere possa essere definito Laddering, ma imho a me piace

  3. #3
    L'avatar di Encadenado
    Data Registrazione
    May 2006
    Messaggi
    25,106
    Mentioned
    188 Post(s)
    Quoted
    7634 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da Gapak Visualizza Messaggio
    Io propongo, come accennato nell'altro 3D, una versione "sporca" del Laddering, con inserimento di bond di differenti emittenti, acquistati in ottica trading, ma comunque con diversificazioni di scadenze.
    Lo scopo è comunque di fare in modo da controllare l'impatto dei tassi sul totale del pf, a prescindere dalle intenzioni di breve periodo dell'investimento su ogni singolo titolo (intenzioni che a volte non si riescono a concretizzare).

    Personalmente mi faccio un conteggio su vita media/duration/DV ponderati di tutto il pf, sia della parte già investita e anche uno sul totale del capitale a mia disposizione, sia investito che liquido. Ritengo che questa seconda opzione sia più utile della prima.

    Non so neppure se una roba del genere possa essere definito Laddering, ma imho a me piace
    Si, concordo che sarebbe ancor più interessante il "dirty" laddering però, esclusivamente per motivi formativi e di Analisi Fondamentale, per il momento preferirei mantenere il thread solo sul classico BTP a tasso fisso. Una volta sviscerati tutti i concetti e relativi risvolti, potremo più facilmente affrontare altri tipi di laddering più complessi.

  4. #4
    L'avatar di macolino
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    289
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    42 Post(s)
    Potenza rep
    7743748
    Trovo l'iniziativa interessante.
    Seguirò il nuovo thread nei suoi sviluppi, attendendomi dei suggerimenti operativi da utilizzare.
    Grazie e saluti

  5. #5
    L'avatar di bobsinclair
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    10,544
    Mentioned
    58 Post(s)
    Quoted
    5460 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da Encadenado Visualizza Messaggio
    Rispolvero un classico delle strategie d'investimento obbligazionario, andato un po' fuori moda negl'ultimi anni, sta tornando alle cronache il LADDERING grazie l'attuale situazione dei tassi con curva ripida e inizialmente negativa.

    Il Laddering è una strategia di investimento obbligazionario che permette all’investitore di scaglionare le scadenze e di reinvestire i proventi a intervalli regolari, ottimizzando così la durata media e il rendimento del proprio portafoglio.
    Supponiamo di voler investire 100.000€ in un BTP laddering, alle attuali condizioni di mercato dovremmo ad esempio acquistare:
    10.000€ a 5 anni al +0,17% di rendimento
    10.000€ a 6 anni al +0,30% di rendimento
    10.000€ a 7 anni al +0,48% di rendimento
    10.000€ a 8 anni al +0,60% di rendimento
    10.000€ a 9 anni al +0,74% di rendimento
    10.000€ a 10 anni al +0,85% di rendimento
    10.000€ a 11 anni al +0,94% di rendimento
    10.000€ a 12 anni al +1,05% di rendimento
    10.000€ a 13 anni al +1,15% di rendimento
    10.000€ a 14 anni al +1,25% di rendimento

    In questo caso lo step corrisponde ad 1 anno, la durata minima a 4 anni (un anno in meno del più breve inizialmente acquistato) e la durata massima a 14 anni. La durata media sarà quindi di 9 anni circa. Ma è possibile e consigliabile personalizzare i parametri del laddering in funzione delle proprie esigenze.
    Inizialmente, il rendimento medio ponderato del laddering risulterà circa pari al +0,85% annuo, ma poi vedremo che tenderà ad aumentare.
    Infatti, dopo un anno tutti i BTP si saranno altrettanto abbreviati, in particolare il più breve sarà divenuto pari od inferiore alla durata minima pertanto andrà venduto per compare un nuovo BTP di durata massima. In pratica, ogni anno si dovrà fare una sola vendita e un solo acquisto.
    Nel caso in cui si decidesse di parametrizzare la durata minima a 0 anni, la vendita non sarebbe più necessaria poiché il titolo verrebbe automaticamente rimborsato a scadenza.
    Una volta andato a regime il laddering, tutti i BTP posseduti saranno stati acquistati al momento del loro rendimento a 14 anni, pertanto il rendimento medio ponderato tenderà gradualmente ad aumentare (a patto che la curva dei tassi presenti la sua consueta inclinazione positiva).
    Che fare delle cedole? Si può decidere di prelevare le cedole, oppure di reinvestire parzialmente o totalmente nel laddering, al successivo acquisto periodico.

    Quali sono i vantaggi offerti dal laddering obbligazionario? Anzitutto Il laddering consente all’investitore di ottimizzare i tassi di interesse percepiti poiché ogni anno investe una parte del proprio capitale ai migliori tassi di mercato. Inoltre, la diversificazione delle scadenze diminuisce il rischio nonché la volatilità del portafoglio, ed aiuta a stabilizzare nel tempo il flusso cedolare percepito dall’investitore.
    Esistono anche alcuni svantaggi da valutare. Infatti, i costi di transazione del laddering potrebbero risultare maggiori rispetto all'investimento in un unico bond a lunga durata. Inoltre, in caso di discesa dei tassi di mercato per un lungo periodo, il rendimento del laddering potrebbe risultare inferiore rispetto a quello che sarebbe stato il rendimento di un unico bond a lunga durata.
    Interessante anche per me...Io l'ho sempre fatto con i conti deposito e con diverse tipologie di bond (non solo btp)....Potrebbe essere utile un excel

  6. #6
    L'avatar di Encadenado
    Data Registrazione
    May 2006
    Messaggi
    25,106
    Mentioned
    188 Post(s)
    Quoted
    7634 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Il primo e più importante spunto di riflessione riguarda la durata minima:
    Storicamente, il laddering venne inizialmente concepito per portare a scadenza i titoli, quindi con durata minima uguale a zero.
    Ma visto che oggi il tratto più breve della curva dei tassi è negativo, secondo voi che durata minima conviene utilizzare per ottimizzare il rendimento, o meglio per massimizzare la convenienza (ossia il rapporto rendimento/durata)?

  7. #7
    L'avatar di bobsinclair
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    10,544
    Mentioned
    58 Post(s)
    Quoted
    5460 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da Encadenado Visualizza Messaggio
    Il primo e più importante spunto di riflessione riguarda la durata minima:
    Storicamente, il laddering venne inizialmente concepito per portare a scadenza i titoli, quindi con durata minima uguale a zero.
    Ma visto che oggi il tratto più breve della curva dei tassi è negativo, secondo voi che durata minima conviene utilizzare per ottimizzare il rendimento, o meglio per massimizzare la convenienza (ossia il rapporto rendimento/durata)?
    Ho poche competenze tecniche....ma una scaletta come quella che hai proposto nell'esempio può avere senso....di certo il primo gradino dal basso, per avere senso, dovrebbe partire da dove si ha un interesse positivo

  8. #8
    L'avatar di Encadenado
    Data Registrazione
    May 2006
    Messaggi
    25,106
    Mentioned
    188 Post(s)
    Quoted
    7634 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Per aiutarvi a riflettere su alcuni aspetti, vi invito ad osservare attentamente il grafico sottostante:
    La curva rossa rappresenta i tassi di mercato dei BTP, fino alla durata di 16 anni, fotografati in questo istante (in ordinata la durata in anni e in ascissa il rendimento lordo annuo).

    La curva blu invece, cosa potrebbe rappresentare secondo voi?

    Nome: Senza nome.png
Visite: 1167
Dimensione: 31.2 KB
    Ultima modifica di Encadenado; 04-05-21 alle 16:21

  9. #9
    L'avatar di LucioLeone
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    384
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    124 Post(s)
    Potenza rep
    20377131
    Citazione Originariamente Scritto da Encadenado Visualizza Messaggio
    Per aiutarvi a riflettere su alcuni aspetti, vi invito ad osservare attentamente il grafico sottostante:
    La curva rossa rappresenta i tassi di mercato dei BTP in tempo reale, fino alla durata massima di 16 anni (in ordinata la durata in anni e in ascissa il rendimento lordo annuo).

    La curva blu invece, cosa potrebbe rappresentare secondo voi?

    Nome: Senza nome.png
Visite: 1167
Dimensione: 31.2 KB
    I prezzi di uno zero coupon che restituiscono i rendimenti dei btp da te riportati?

  10. #10
    L'avatar di Encadenado
    Data Registrazione
    May 2006
    Messaggi
    25,106
    Mentioned
    188 Post(s)
    Quoted
    7634 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da LucioLeone Visualizza Messaggio
    I prezzi di uno zero coupon che restituiscono i rendimenti dei btp da te riportati?
    Ottima deduzione, risposta esatta!
    Ho scelto uno zerocoupon teorico che restituisce i medesimi rendimenti, alle stesse durate, come i BTP mostrati sulla curva rossa. Questa scelta semplifica l'aspetto grafico della curva del guadagno "total return", eliminando le complicazioni introdotte dal mantello cedolare del BTP.

    Bene, a questo punto cosa possiamo dedurre?
    Ultima modifica di Encadenado; 05-05-21 alle 14:04

Accedi