Venezuela e PDVSA (vol.155) Quota "Aran2" .... il sogno risorgente! - Pagina 87
L’Intelligenza Artificiale indica le 5 azioni del Ftse Mib meglio posizionate per battere il mercato
I modelli di intelligenza artificiale per selezione le azioni da mettere in portafoglio nell’intento di battere il mercato. Danel Capital, società di consulenza finanziaria specializzata nell’uso dell’intelligenza artificiale (AI) e …
Bolla a Wall Street e in Europa, Cina esagera? L’attenti di Dudley (ex Fed) è sui Treasuries: tassi 1,6% non sono niente, ecco fin dove schizzeranno
Quanto fondata è la paura di Pechino che le presunte bolle speculative che si sono formate a Wall Street e nelle borse europee finiscano con il contagiare anche la Cina? …
La nuova GameStop si chiama Bank of Japan: rally da meme stock, febbre retail trader anche in Giappone
GameStop, Nokia, AMC Entertainment…e las Bank of Japan. Si, proprio la BoJ, la banca centrale del Giappone, che potrebbe essere diventata l’ultima delle meme stocks più popolari, prese d’assalto dalla …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #861

    Data Registrazione
    Jul 2017
    Messaggi
    3,073
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1851 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da Trentadanari Visualizza Messaggio
    Ecco perché maduro non ha pagato, si è offeso perché Sandrino lo ha insultato
    ...era da un bel po' che non pagava più..
    Prima dicevamo tutti che Maduro era simpatico, vero uomo di parola e gran ballerino. E che avesse fatto benissimo ad esautorare il parlamento "perché si rischiava che se avesse assunto il potere l'opposizione questa avrebbe ristrutturato il debito e la pacchia sarebbe finita".
    Magari fosse accaduto; nel 2016 potevamo cavarcela forse solo con un piccolo taglio del nominale ed avremmo continuato a beccarci le cedole.

  2. #862
    L'avatar di francs
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    12,118
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1360 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da Potemkin Visualizza Messaggio
    Ricordo che Sandrino ( a me simpatico) a suo tempo gli inviò un tweet di insulti che fu pubblicato. Lo trovai grandioso.
    Qua su Fol la cosa fu criticata perché " poteva infastidire Maduro spingendolo a non pagare più "
    Questa, e altre enormi str0nzate che lessi, facevano capire bene il profilo dell'investitore in bonos de Venesuela.

  3. #863
    L'avatar di Gioxx
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Messaggi
    8,349
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    3971 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da Potemkin Visualizza Messaggio
    ...era da un bel po' che non pagava più..
    Prima dicevamo tutti che Maduro era simpatico, vero uomo di parola e gran ballerino. E che avesse fatto benissimo ad esautorare il parlamento "perché si rischiava che se avesse assunto il potere l'opposizione questa avrebbe ristrutturato il debito e la pacchia sarebbe finita".
    Magari fosse accaduto; nel 2016 potevamo cavarcela forse solo con un piccolo taglio del nominale ed avremmo continuato a beccarci le cedole.
    io sono ancora convinto che se non interveniva quel grandissimo f.d.p. di trump
    maduro e il suo regime qualcosa si inventava, forse non pagava, forse pagava , forse un modo lo trovava,
    ma cosa piu importante i bonos erano negoziabili.

  4. #864
    L'avatar di lovebond
    Data Registrazione
    Feb 2016
    Messaggi
    2,504
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2134 Post(s)
    Potenza rep
    42818375
    Citazione Originariamente Scritto da Gioxx Visualizza Messaggio
    io sono ancora convinto che se non interveniva quel grandissimo f.d.p. di trump
    maduro e il suo regime qualcosa si inventava, forse non pagava, forse pagava , forse un modo lo trovava,
    ma cosa piu importante i bonos erano negoziabili.
    Proprio così...gli Stati possono essere in crisi e procedere ad una rinegoziazione del debito, ma bloccare le contrattazioni per anni è un capolavoro di stupidaggine che solo il carota poteva partorire

  5. #865
    L'avatar di Gioxx
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Messaggi
    8,349
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    3971 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da francs Visualizza Messaggio
    Questa, e altre enormi str0nzate che lessi, facevano capire bene il profilo dell'investitore in bonos de Venesuela.
    e quale sarebbe il profilo? il profilo del co@@ione?
    non sono solo i quattro gatti che scrivono in questo forum che hanno investito,
    ci sono possessori in giro per tutto il mondo, fondi compresi,
    tutti co@@ioni quindi... ma per piacere..

    è singolare che ogni tanto arriva qualcuno a fare le ramanzina invece che a pensare agli "investimenti" suoi

  6. #866

    Data Registrazione
    Jul 2017
    Messaggi
    3,073
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1851 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Ma pure con la favoletta dell'invertitore, audace ma

  7. #867

    Data Registrazione
    Jul 2017
    Messaggi
    3,073
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1851 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    [QUOTE=Potemkin;55314698]
    Ma pure con la favoletta dell'investitore, audace , che è convinto che la pacchia di intascare le cedolone si è interrotta solo e soltanto causa l'imprevedibile Trump, alla lunga non trovi sia fastidiosetta?

  8. #868
    L'avatar di Gioxx
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Messaggi
    8,349
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    3971 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    certo può essere fastidiosa,
    ma se ci fai caso tutte le volte che ho tirato in ballo trump non ho mai menzionato le cedole,parlo per me,
    io dico e ridico che i bonds erano negoziabili prima che intervenisse il platinato.
    era da novembre 2017 che le cedole non venivano pagate, mi ero anche abituato.
    poi arrivò lui....

  9. #869

    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    536
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    318 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da lovebond Visualizza Messaggio
    Proprio così...gli Stati possono essere in crisi e procedere ad una rinegoziazione del debito, ma bloccare le contrattazioni per anni è un capolavoro di stupidaggine che solo il carota poteva partorire
    ... il suo dannato blocco delle contrattazioni .... ... ma devo dire che vedere lui, adesso, altrettanto inchazzato nero per aver perso le elezioni, beh, un certo sollievo me lo dà... soprattutto quando vedo le recenti foto di lui ... tiratissimo .... aaaaaaahhh

  10. #870
    L'avatar di Gioxx
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Messaggi
    8,349
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    3971 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Las incognitas de la oposicion venezolana


    Caracas, 30 nov (EFE) .- L'opposizione venezuelana vede come, in prossimità delle elezioni legislative del 6 dicembre, si stanno allontanando dozzine di sogni e si perdono nella memoria le promesse non mantenute che hanno messo in dubbio la credibilità di Juan Guaidó, la cui figura è circondata da incognite che verranno chiarite con l'insediamento del nuovo Parlamento il 5 gennaio.

    Sebbene Guaidó insista sul fatto che l'Assemblea nazionale (AN, Parlamento), di cui detiene la presidenza, "rimarrà ferma" fino a quando non ci saranno "elezioni libere", si imbatterà in una realtà molto diversa: il chavismo avrà nuovamente occupato i seggi e l'opposizione sarà permanentemente sfollata e senza un oratore o istituzioni pubbliche a suo carico.

    Ma quali sono le vere opzioni che avrà il leader dell'opposizione una volta che il chavismo avrà recuperato, irrimediabilmente, il testimone parlamentare e avrà nuovamente tutte le istituzioni in suo potere?

    CONTINUITÀ O RINUNCIA DEL SUPPORTO INTERNAZIONALE?

    La maggior parte degli oltre 50 paesi che hanno riconosciuto Guaidó come presidente in carica del Venezuela nel gennaio 2019 lo ha fatto riferendosi alle ragioni costituzionali che lo stesso avversario ha adottato per affermarsi come presidente in base alla sua posizione a capo del Parlamento.

    La durata di questo mandato era di 30 giorni, ma 21 mesi dopo si aggrappa a una sedia presidenziale fittizia, sostenendo che il governo di Nicolás Maduro è illegittimo, nonostante sia riconosciuto da più di 135 nazioni rispetto agli oltre 50 paesi che Hanno dato a Guaidó il loro sostegno.

    A partire dal 5 gennaio, i governi che lo hanno sostenuto nel gennaio 2019 e non hanno rinnovato la loro fiducia, almeno pubblicamente, dovranno farsi avanti e manifestare al riguardo, anche se detto sostegno o rifiuto non è vincolante e manca di valore pratico.

    QUALE SARÀ LA POSIZIONE DEL NUOVO GOVERNO USA?

    Il più grande riconoscimento che Guaidó ha ricevuto nel 2019 è arrivato dalla mano di Donald Trump, che trasferirà la presidenza degli Stati Uniti a Joe Biden il 20 gennaio, data in cui il leader dell'opposizione venezuelana perderà il suo più fedele protettore.

    E sebbene Guaidó, sapendo che sta perdendo il suo più grande sostegno, confida che il nuovo presidente degli Stati Uniti continuerà l'eredità del presidente uscente in difesa dell'opposizione venezuelana e il rifiuto delle politiche del governo di Nicolás Maduro.

    Tuttavia, per il momento, Biden non ne ha parlato, né ha nemmeno strizzato l'occhio a Guaidó, che lo attende come segno che il colosso nordamericano continuerà a dargli abbastanza ossigeno per continuare a difendere il suo mandato ad interim in Venezuela, nonostante che, in pratica, non ha la capacità di manovra.

    SUPPORTO POPOLARE?

    Se c'è qualcosa di indiscutibile è che Guaidó ha avuto l'appoggio di milioni di venezuelani che hanno riposto nelle sue mani fiducia e speranza, viste le ripetute promesse di un cambiamento politico nel Paese a tempo di record.

    Ma la popolarità dell'avversario è diminuita proporzionalmente alla violazione degli impegni acquisiti con un popolo esigente assetato di progresso, e la sfiducia è aumentata a un punto di non ritorno.

    Gli stessi nomi che un tempo difendevano il loro "presidente" con le unghie e con i denti oggi sfogano la loro rabbia, soprattutto, attraverso i social, dove si sfogano brutalmente e chiedono spiegazioni che, a quanto pare, non arriveranno mai.

    Gli avversari tradizionali continuano ad esserlo, ma quanti continuano a sostenere Guaidó? Sebbene alla domanda sia difficile rispondere in modo preciso, è chiaro che le manifestazioni di gran parte degli anti-chavisti sono caricate di rabbia verso chi, a loro avviso, li ha ingannati.

    È L'OPZIONE DI RIEMPIMENTO DEL DIALOGO?

    Il governo venezuelano e l'opposizione hanno cercato, con il supporto di mediatori nazionali e internazionali, di portare avanti un dialogo Paese per avvicinare le posizioni e raggiungere accordi tra la classe politica a beneficio di un popolo estremamente polarizzato, e con l'obiettivo di abbattere le barriere che impedire qualsiasi negoziazione.

    Il processo ha vissuto momenti più o meno tesi, ritirati da entrambe le parti per riprendere successivamente un dialogo impossibile in cui nessuno è disposto a cedere.

    Nonostante tutto, la comunità internazionale non ha perso la speranza che i problemi del Venezuela si risolvano nel prossimo futuro attraverso la parola, ma l'opzione sembra molto complicata.

    E se fino ad ora la palla era nel campo di entrambe le parti, dopo il 5 gennaio la palla sarà di proprietà del Governo, mentre l'opposizione, con sempre meno potenza, difficilmente avrà una palla che si logora con il passaggio del giorni. L'Esecutivo cederà per sedersi, ancora una volta, con l'opposizione indebolita?

    PRESIDENTE SENZA PAESE, LEGISLATORE SENZA PARLAMENTO

    Ufficialmente, anche convalidando il mandato provvisorio di Guaidó, è terminato il 1 aprile 2019, cioè 30 giorni dopo l'insediamento, che è il termine stabilito dalla Costituzione venezuelana per questo tipo di governo finale.

    Tuttavia, l'avversario lo ha prolungato di sua spontanea volontà, considerando che Nicolás Maduro è un presidente illegittimo e che agisce al di fuori della Magna Carta, quindi, a giudicare dal modo di procedere di Guaidó e nel rispetto del mandato costituzionale, nessuno dei due Né lui né il chavista potevano presiedere il paese.

    Ma la realtà è ben diversa: Maduro guida un esecutivo con le istituzioni, le forze armate e il potere di esecuzione. Tuttavia, Guaidó afferma di gestire un "governo provvisorio" senza poteri o potere di comando su alcuna istituzione. A partire dal 5 gennaio non avrà voce né voto in Parlamento, poiché passerà nelle mani del chavismo, per quanto si sforzerà di mantenere un seggio fittizio.

    Dove, allora, rimarrà il re senza regno?

Accedi