BTP 2050 - 2051 - 2067 - Novembre 2020 - Pagina 149
Boom payrolls US non placa discesa mercati, Piazza Affari giù con InWit e Stm al tappeto. Si salvano ENI e banche
La prima settimana di marzo si chiude con mercati in deciso affanno. Ancora una volta a guidare i ribassi è il settore tecnologico, con Nasdaq in caduta di oltre il …
Bnp Paribas lancia sul mercato 17 nuovi Bonus Cap su azioni italiane ed europee con scadenze a 3 e 9 mesi
BNP Paribas ha lanciato oggi 17 nuovi Certificate Bonus Cap sul mercato SeDeX di Borsa Italiana. La nuova emissione include le azioni di alcune tra le più rilevanti società italiane …
Miracolo Tesla finito? Titolo -30% dal record, qualcuno consiglia a Musk di mollare il Bitcoin. Ma motivi crolli sono diversi
Qualcuno dà la colpa anche al Bitcoin: probabilmente, se Elon Musk non avesse avuto la poi non tanto brillante idea di investire nella criptovaluta numero uno al mondo (si vocifera), …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1481
    L'avatar di Lou Cypher
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Messaggi
    19,682
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    2266 Post(s)
    Potenza rep
    42949687


    Nonostante il trend ottimistico dei futures, continuiamo ad essere nelle mani
    di 283 scappati di casa senza arte nè parte, i quali, a quanto trapela,
    andranno contro i loro stessi interessi facendo affondare quasi all'unanimità
    la scialuppa di salvataggio Draghi. Dopodichè la sorte del TItalic sarà ineluttabile.
    A quel punto, la scommessa sui matusa-bond potrebbe trasformarsi in
    un azzardo rischiosissimo.

    Un no sofferto a Draghi ma ipotesi voto su Rousseau. M5s prova a salvare se stesso | L'HuffPost

  2. #1482
    L'avatar di Lou Cypher
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Messaggi
    19,682
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    2266 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    La prima pagina de Il Giornale di Mr. B incita la Destra a non sprecare
    un'occasione storica che non si ripresenterà...

    CORAGGIO, CENTRODESTRA

    Se i padani fossero convinti da Mr. B, la situazione potrebbe cambiare...

    Maggioranza al Senato 161
    Partito Democratico . . . . . . . . . . 35
    Italia Viva . . . . . . . . . . . . . . 18
    Europeisti-MAIE-Centro Democratico. . . 10
    Per le Autonomie (SVP-PATT, UV) . . . . .8
    Gruppo Misto. . . . . . . . . . . . . . 22
    Forza Italia. . . . . . . . . . . . . . 52
    Lega-Salvini Premier - P.S.A. . . . . . 63
    Totale favorevoli 208
    Fratelli d'Italia . . . . . . . . . . . 19
    MoVimento 2 Stelle. . . . . . . . . . . 92
    Totale contrari 111



  3. #1483
    L'avatar di axelinus
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    880
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    983 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Lo spread è semplicemente la differenza di rendimento tra due governativi decennali 10Y
    Il rendimento del Bund 10Y ora -0,5%
    Il rendimento del BTP 10Y ora +0,5%
    La differenza è lo spread 100 punti base (dove ci troviamo +/- ora)

    Altra cosa è tentare una proiezione nel tempo della quotazione di un Btp perché essa fluttua in base al tasso interesse BCE (ora 0) in base al rischio paese Rating BBB- (molto) al rendimento dello strumento cedola (matusa 2,8%) infine in base al tempo residuo di vita dello stesso.

    Detto ciò teniamoci ai fatti quando il
    Matusa era a 135
    Matusello era a 107
    Btp 2037 a 100 circa

    In proiezione a spanne
    Matusa 140
    Matusello 110/111
    Btp 2037 a 102/103

    Matusa a 145
    Matusello 114/115
    Btp 2037 a 105/106

    Matusa a 150
    Matusello 118/119
    Btp 2037 a 107/108

    P.S.
    Max tu che hai più occhio di me hai facoltà di ricalibrare i valori.

    Oltre difficile pensare che il Matusa possa superare la soglia 150 con tutto il vento in poppa a favore e con i Draghi anch’esso a remare a tutta, almeno nel medio termine. Perché credo che da fine anno si inizieranno a percepire i primi sintomi dell’inflazione (forse anche prima) e questo inevitabilmente porterà a rendimenti più alti e calo delle quotazioni.
    L’Europa ha un grande benchmark da osservare per il rialzo dei rendimenti ed è il T-Note Americano, che dovrebbe essere la spia che ci indica con buon anticipo 2 o 3 trimestri prima l’andamento della ripresa economica con aumento dell’inflazione e relativi tassi. Quindi osservare cosa accade oltreoceano darà la misura quando vendere i BTP (qualcuno ha chiesto quando prendere profitto) per posizionarsi su governativi ancorati all’inflazione.
    Forse i migliori sono quelli agganciati all’inflazione europea, ma anche i nostrani (vedi Btp Italia) andranno benone. Il mix è l’opzione migliore per difendersi, imho, secondo il mio modesto parere.
    Ultima modifica di axelinus; 04-02-21 alle 08:10

  4. #1484

    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    29,356
    Mentioned
    37 Post(s)
    Quoted
    4926 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da axelinus Visualizza Messaggio
    Lo spread è semplicemente la differenza di rendimento tra due governativi decennali 10Y
    Il rendimento del Bund 10Y ora -0,5%
    Il rendimento del BTP 10Y ora +0,5%
    La differenza è lo spread 100 punti base (dove ci troviamo +/- ora)

    Altra cosa è tentare una proiezione nel tempo della quotazione di un Btp perché essa fluttua in base al tasso interesse BCE (ora 0) in base al rischio paese Rating BBB- (molto) al rendimento dello strumento cedola (matusa 2,8%) infine in base al tempo residuo di vita dello stesso.

    Detto ciò teniamoci ai fatti quando il
    Matusa era a 135
    Matusello era a 107
    Btp 2037 a 100 circa

    In proiezione a spanne
    Matusa 140
    Matusello 110/111
    Btp 2037 a 102/103

    Matusa a 145
    Matusello 114/115
    Btp 2037 a 105/106

    Matusa a 150
    Matusello 118/119
    Btp 2037 a 107/108

    P.S.
    Max tu che hai più occhio di me hai facoltà di ricalibrare i valori.

    Oltre difficile pensare che il Matusa possa superare la soglia 150 con tutto il vento in poppa a favore e con i Draghi anch’esso a remare a tutta, almeno nel medio termine. Perché credo che da fine anno si inizieranno a percepire i primi sintomi dell’inflazione (forse anche prima) e questo inevitabilmente porterà a rendimenti più alti e calo delle quotazioni.
    L’Europa ha un grande benchmark da osservare per il rialzo dei rendimenti ed è il T-Note Americano, che dovrebbe essere la spia che ci indica con buon anticipo 2 o 3 trimestri prima l’andamento della ripresa economica con aumento dell’inflazione e relativi tassi. Quindi osservare cosa accade oltreoceano darà la misura quando vendere i BTP (qualcuno ha chiesto quando prendere profitto) per posizionarsi su governativi ancorati all’inflazione.
    Forse i migliori sono quelli agganciati all’inflazione europea, ma anche i nostrani (vedi Btp Italia) andranno benone. Il mix è l’opzione migliore per difendersi, imho, secondo il mio modesto parere.
    ciao Axe
    ricordati la figura dell'impiccato
    spike-discesa .risalita
    su tf maggiori
    ieri era semplice su tf a 1m

  5. #1485
    L'avatar di kikka123
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    1,264
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    630 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da axelinus Visualizza Messaggio
    Lo spread è semplicemente la differenza di rendimento tra due governativi decennali 10Y
    Il rendimento del Bund 10Y ora -0,5%
    Il rendimento del BTP 10Y ora +0,5%
    La differenza è lo spread 100 punti base (dove ci troviamo +/- ora)

    Altra cosa è tentare una proiezione nel tempo della quotazione di un Btp perché essa fluttua in base al tasso interesse BCE (ora 0) in base al rischio paese Rating BBB- (molto) al rendimento dello strumento cedola (matusa 2,8%) infine in base al tempo residuo di vita dello stesso.

    Detto ciò teniamoci ai fatti quando il
    Matusa era a 135
    Matusello era a 107
    Btp 2037 a 100 circa

    In proiezione a spanne
    Matusa 140
    Matusello 110/111
    Btp 2037 a 102/103

    Matusa a 145
    Matusello 114/115
    Btp 2037 a 105/106

    Matusa a 150
    Matusello 118/119
    Btp 2037 a 107/108

    P.S.
    Max tu che hai più occhio di me hai facoltà di ricalibrare i valori.

    Oltre difficile pensare che il Matusa possa superare la soglia 150 con tutto il vento in poppa a favore e con i Draghi anch’esso a remare a tutta, almeno nel medio termine. Perché credo che da fine anno si inizieranno a percepire i primi sintomi dell’inflazione (forse anche prima) e questo inevitabilmente porterà a rendimenti più alti e calo delle quotazioni.
    L’Europa ha un grande benchmark da osservare per il rialzo dei rendimenti ed è il T-Note Americano, che dovrebbe essere la spia che ci indica con buon anticipo 2 o 3 trimestri prima l’andamento della ripresa economica con aumento dell’inflazione e relativi tassi. Quindi osservare cosa accade oltreoceano darà la misura quando vendere i BTP (qualcuno ha chiesto quando prendere profitto) per posizionarsi su governativi ancorati all’inflazione.
    Forse i migliori sono quelli agganciati all’inflazione europea, ma anche i nostrani (vedi Btp Italia) andranno benone. Il mix è l’opzione migliore per difendersi, imho, secondo il mio modesto parere.
    Grazie Axel...che lectio magistralis, meraviglia!
    Ho tutto più chiaro ora, grazie infinite! Ho capito che sbagliavo a legare i valori allo spread...
    Hai oltretutto proprio messo i valori dei btp che seguo ...ma quanto mi conosci bene, eh?
    Ciao buon lavoro...grazie di esserci quando serve!

  6. #1486

    Data Registrazione
    Dec 2019
    Messaggi
    498
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    244 Post(s)
    Potenza rep
    28620264
    Italia pronta a raggiungere Spagna e Portogallo in termini di spread

    Lo spread si è stretto portandosi ai minimi dal 2016 a ridosso del muro fatidico dei 100 pb. Dove potrebbe posizionarsi se l’avventura di Draghi a palazzo Chigi prendesse forma? “Sul BTP le prospettive più favorevoli possono far ipotizzare una convergenza (ancorché non completa) verso i rendimenti dei titoli governativi spagnoli che trattano, al momento, ad uno spread di 60 punti base contro il Bund tedesco”, argomenta Fabio Castaldi, Investment manager di Pictet Asset Management, che ipotizziamo quindi un’ulteriore compressione dello spread BTP/Bund fra i 20 e i 30 punti base con obbiettivo l’area 70/80 punti base se Draghi diverrà premier. Se si va alle urne, lo spread potrebbe addirittura schizzare in area 150bp.
    Dello stesso parere Filippo Diodovich. “La credibilità internazionale e la reputazione di un governo con a capo Mario Draghi diminuirebbe il rischio paese “Italia” con uno spread in forte calo nelle prossime settimane sui livelli di Spagna e Portogallo (50-60 punti base). In tale scenario il settore bancario italiano riceverà molteplici benefici non solamente dalla discesa dello spread ma anche per un maggiore impegno dell’esecutivo ad agevolare la cessione di crediti deteriorati e maggiori incentivi governativi per un consolidamento del comparto per aumentare la redditività”. Di contro, in caso di consultazioni negative da parte di Draghi la risposta sui mercati potrebbe essere molto negativa con uno spread in forte crescita ben al di sopra di 130 punti base nelle prossime settimane e in caso di ritorno alle urne al di sopra dei 150 punti base.

  7. #1487
    L'avatar di kikka123
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    1,264
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    630 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da ifislife Visualizza Messaggio
    Italia pronta a raggiungere Spagna e Portogallo in termini di spread

    Lo spread si è stretto portandosi ai minimi dal 2016 a ridosso del muro fatidico dei 100 pb. Dove potrebbe posizionarsi se l’avventura di Draghi a palazzo Chigi prendesse forma? “Sul BTP le prospettive più favorevoli possono far ipotizzare una convergenza (ancorché non completa) verso i rendimenti dei titoli governativi spagnoli che trattano, al momento, ad uno spread di 60 punti base contro il Bund tedesco”, argomenta Fabio Castaldi, Investment manager di Pictet Asset Management, che ipotizziamo quindi un’ulteriore compressione dello spread BTP/Bund fra i 20 e i 30 punti base con obbiettivo l’area 70/80 punti base se Draghi diverrà premier. Se si va alle urne, lo spread potrebbe addirittura schizzare in area 150bp.
    Dello stesso parere Filippo Diodovich. “La credibilità internazionale e la reputazione di un governo con a capo Mario Draghi diminuirebbe il rischio paese “Italia” con uno spread in forte calo nelle prossime settimane sui livelli di Spagna e Portogallo (50-60 punti base). In tale scenario il settore bancario italiano riceverà molteplici benefici non solamente dalla discesa dello spread ma anche per un maggiore impegno dell’esecutivo ad agevolare la cessione di crediti deteriorati e maggiori incentivi governativi per un consolidamento del comparto per aumentare la redditività”. Di contro, in caso di consultazioni negative da parte di Draghi la risposta sui mercati potrebbe essere molto negativa con uno spread in forte crescita ben al di sopra di 130 punti base nelle prossime settimane e in caso di ritorno alle urne al di sopra dei 150 punti base.
    Bene bene...ottime prospettive! Perche' si concretizzi il tutto serve innanzitutto la fiducia a Draghi in parlamento, e qui stanno ancora trattando... Poi un governo con nomi di prestigio... e infine mettersi al lavoro seriamente per le riforme che mancano da anni! Non sarà una strada in discesa certamente, ma devono farcela! Ci aspettano grandi sfide...

  8. #1488
    L'avatar di max@
    Data Registrazione
    Apr 2020
    Messaggi
    932
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    511 Post(s)
    Potenza rep
    42949673
    Citazione Originariamente Scritto da kikka123 Visualizza Messaggio
    Max... Xtrading è anche la mia piattaforma...dov'è scusa? Mai visto...
    vedi stella
    BTP 2050 - 2051 - 2067 - Novembre 2020-schermata-2021-02-04-alle-11.07.29.jpg

  9. #1489

    Data Registrazione
    Jun 2015
    Messaggi
    2,515
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    847 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da axelinus Visualizza Messaggio
    Lo spread è semplicemente la differenza di rendimento tra due governativi decennali 10Y
    Il rendimento del Bund 10Y ora -0,5%
    Il rendimento del BTP 10Y ora +0,5%
    La differenza è lo spread 100 punti base (dove ci troviamo +/- ora)

    Altra cosa è tentare una proiezione nel tempo della quotazione di un Btp perché essa fluttua in base al tasso interesse BCE (ora 0) in base al rischio paese Rating BBB- (molto) al rendimento dello strumento cedola (matusa 2,8%) infine in base al tempo residuo di vita dello stesso.

    Detto ciò teniamoci ai fatti quando il
    Matusa era a 135
    Matusello era a 107
    Btp 2037 a 100 circa

    In proiezione a spanne
    Matusa 140
    Matusello 110/111
    Btp 2037 a 102/103

    Matusa a 145
    Matusello 114/115
    Btp 2037 a 105/106

    Matusa a 150
    Matusello 118/119
    Btp 2037 a 107/108

    P.S.
    Max tu che hai più occhio di me hai facoltà di ricalibrare i valori.

    Oltre difficile pensare che il Matusa possa superare la soglia 150 con tutto il vento in poppa a favore e con i Draghi anch’esso a remare a tutta, almeno nel medio termine. Perché credo che da fine anno si inizieranno a percepire i primi sintomi dell’inflazione (forse anche prima) e questo inevitabilmente porterà a rendimenti più alti e calo delle quotazioni.
    L’Europa ha un grande benchmark da osservare per il rialzo dei rendimenti ed è il T-Note Americano, che dovrebbe essere la spia che ci indica con buon anticipo 2 o 3 trimestri prima l’andamento della ripresa economica con aumento dell’inflazione e relativi tassi. Quindi osservare cosa accade oltreoceano darà la misura quando vendere i BTP (qualcuno ha chiesto quando prendere profitto) per posizionarsi su governativi ancorati all’inflazione.
    Forse i migliori sono quelli agganciati all’inflazione europea, ma anche i nostrani (vedi Btp Italia) andranno benone. Il mix è l’opzione migliore per difendersi, imho, secondo il mio modesto parere.
    Inflazione? caro Axe l'hai chiamata I dati di ieri sull'inflazione EU indicano un enorme rimbalzo dallo 0,2% all'1,4%
    l'era dei rendimenti negativi è giunta al capolinea, se i dati dovessero confermare questo trend
    Lo dicono gli specialisti: arrivera un "olocausto dell'inflazione". Cosi controlleranno l'economia
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate BTP 2050 - 2051 - 2067 - Novembre 2020-whatsapp-image-2021-02-04-11.45.03.jpg  

  10. #1490
    L'avatar di kikka123
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    1,264
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    630 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da max@ Visualizza Messaggio
    vedi stella
    BTP 2050 - 2051 - 2067 - Novembre 2020-schermata-2021-02-04-alle-11.07.29.jpg
    Grazie max, ora sono al cell, ma appena rientro, me lo guardo senz'altro! Grazie 1000, sei gentilissimo!

Accedi