Venezuela e PDVSA (vol.154) Quota "Aran2" .... il sogno resistente! - Pagina 148
Materie prime all’inizio di un superciclo? Transizione energetica è un grande catalyst. L’importanza di diversificare
Il superciclo delle materie prime è un concetto esaltante per gli investitori in commodity: questo termine si usa per indicare un rialzo che potrebbe durare per molti anni. Lo si …
Toyota affila le armi per sfida elettrica a Tesla e Volkswagen. Radar anche su ‘mobilità per tutti’ con le mini EV
Anche Toyota si getta nell'affollata mischia per il predominio futuro nel mercato delle auto elettriche. Al Salone dell'Autodi Shanghai ha fatto la sua comparsa una versione concept della Toyota bZ4X, …
Black Sunday per il cripto universo: tonfo -20% per Bitcoin Ethereum & Co. Ma oggi si riparte, c’entra mossa Goldman Sachs?
Un mal di testa post sbornia per chi scommette al rialzo sulle criptovalute. E che sbornia, si potrebbe dire, visto che l'euforia scatenata dallo sbarco di Coinbase sul Nasdaq ha …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1471

    Data Registrazione
    Oct 2020
    Messaggi
    25
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    24 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da marco ricci Visualizza Messaggio
    .. certo ..certo
    Ecco un altro negazionista che non crede che andremo a 100...beh rilassati e ascolta questa
    Winx Club Prima Sigla Completa - YouTube

  2. #1472
    L'avatar di Combattivo
    Data Registrazione
    May 2019
    Messaggi
    437
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    300 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da Staise Reno Visualizza Messaggio
    Ora mi fai venire dei dubbi, ma secondo me il punto (ii) non ci riguarda, sembra sia il caso in cui l'agente fiscale riceve qualcosa e ce lo comunica, ma in questo caso non avendo ricevuto nulla non ha niente da comunicare, altrimenti che senso ha inserire nel prospetto il punto (i)?



    Ok ma sono 2 cose diverse. Un conto e' capire qual e' la data di partenza del conto alla rovescia, un altro e' stabilire se la prescrizione e' di 3 o 6 anni. Agli avvocati fa comodo che sia di 3 anni, a noi di 6. Pero' e' certo che nel prospetto e' indicata di 3 anni. La vera questione e' se il prospetto vale negli Usa o c'e' qualcosa che lo scavalca a cui aggrapparsi.
    Ripeto:
    - L'emittente non ha versato nulla (e Maduro avrebbe sempre avuto tutto l'interesse a fornire prove inconfutabili degli avvenuti versamenti ma non lo ha mai fatto)
    - Il fiscal agent non avendo ricevuto nulla non ha avuto nulla da comunicare circa la ricezione delle cedole
    - Semmail il fiscal agent avrebbe dovuto comuinicare la mancata ricezione delle cedole
    e il conseguente default ma anche questa comunicazione non c'é stata
    - La banca non avendo ricevuto alcuna comunicazione dal fiscal agent non doveva farsi avanti per richiedere il versamento delle cedole sui conti dei bh
    - I bh non avendo ricevuto alcuna comunicazione né dalla banca nel dal fiscal agent non sono tenuti a farsi carico di alcun tipo di comunicazione
    - Il countdown non è mai partito perché non essendo stato versato nulla ai fiscal agent non c'é nulla che possa tornare indietro all'emittente nel caso
    in cui dopo lungo tempo le banche non si siano fatte avanti per comunicare i dati dei conti su cui versare le cedole
    - Tutta la questione molto probabilmente è stata montata ad arte dal governo di Maduro per creare la confusione e il livello di panico necessari
    a far prendere almeno in considerazione la proposta fatta dalla Rodriguez (che guarda caso si è fatta avanti solo all'ultimo minuto dando solo un paio di settimane pre chiudere l'accordo)
    - Continuando a sollevare fra di noi dubbi sul sesso degli angeli non facciamo che alimentare confusione facendo il gioco di chi ha interessi a cavalcare
    l'onda di panico

    Non essendo un esperto potrei anche sbagliarmi ma il fatto che ad oggi, dopo mesi di discussioni, nessuno abbia capito a chi eventualmente
    si debba mandare questa benedetta lettera di blocco prescrizione un po' di conferme me le procura

  3. #1473

    Data Registrazione
    Oct 2020
    Messaggi
    28
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    20 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Combattivo Visualizza Messaggio
    Non essendo un esperto potrei anche sbagliarmi ma il fatto che ad oggi, dopo mesi di discussioni, nessuno abbia capito a chi eventualmente
    si debba mandare questa benedetta lettera di blocco prescrizione un po' di conferme me le procura
    Ok ma perche' secondo te il punto (i) non ci riguarda?

  4. #1474
    L'avatar di Gioxx
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Messaggi
    8,420
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    4006 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Financial Markets Are Not Venezuela’s Enemy


    Il 16 ottobre, il giudice Katherine Polk Failla del distretto meridionale di New York ha respinto un tentativo dell'amministrazione di Juan Guaido, che gli Stati Uniti e altre 57 nazioni riconoscono come il leader legittimo del Venezuela, di invalidare $ 1,7 miliardi in obbligazioni previsto nel 2020 che era stato emesso nel 2016 dalla compagnia petrolifera statale venezuelana PDVSA.

    La decisione ha alimentato i timori che il paese potrebbe essere sul punto di perdere Citgo, la raffineria americana di proprietà della compagnia petrolifera nazionale venezuelana, le cui azioni sono state utilizzate per sostenere l'obbligo. Questo risultato è improbabile. Le attuali sanzioni statunitensi impediscono il sequestro dei beni venezuelani; anche se il Tesoro degli Stati Uniti prendesse la decisione di consentirlo, una soluzione negoziata tra i creditori e il governo provvisorio del Venezuela per rifinanziare ciò che il paese non può pagare attualmente è a portata di mano.

    Più preoccupante dell'improbabile esito di un sequestro di Citgo, tuttavia, è la decisione sbagliata dell'amministrazione Guaido di trascinare gli investitori internazionali nel conflitto altamente polarizzato della politica venezuelana. Non solo questa causa è stata mal consigliata. Riflette anche la tendenza autodistruttiva del team di Guaido a considerare qualsiasi gruppo che non appoggia con tutto il cuore la sua strategia - in questo caso, un gruppo di obbligazionisti che include alcuni dei fondi di investimento più importanti del mondo - come un nemico e aiuta a spiegare perché il suo sostegno internazionale e le possibilità di prendere il potere stanno diminuendo.

    La decisione del giudice Failla afferma un principio fondamentale essenziale per il funzionamento dei mercati internazionali del credito: non si può permettere ai governi di annullare i debiti retroattivamente. I governi sovrani di tutto il mondo convergono nei mercati finanziari di New York ed emettono titoli vincolati dalle leggi di quella giurisdizione proprio perché si fidano del rispetto dei diritti di proprietà. Se la sola affermazione di un governo che un obbligo passato non è valido fosse sufficiente per annullare i debiti passati, i mercati del debito sovrano si fermerebbero, con conseguenze disastrose per i paesi in via di sviluppo che fanno affidamento su di loro per soddisfare le loro esigenze di finanziamento.

    Tuttavia, ciò che forse è stato più sorprendente è stato il rigetto da parte della corte dell'affermazione dell'amministrazione Guaido secondo cui l'Assemblea nazionale venezuelana aveva invalidato le obbligazioni negando l'autorizzazione alla loro emissione nel 2016. "L'argomentazione dei querelanti non regge sotto stretta sorveglianza ... perché manca di sostegno nel linguaggio semplice delle risoluzioni ”, ha scritto il giudice Failla. Né la corte ha accreditato l'affermazione del team di Guaido secondo cui alcune delle più grandi società di gestione patrimoniale del mondo avevano connivuto con il regime di Maduro per emettere debito fraudolento.

    Se l'Assemblea nazionale avesse tentato di invalidare le obbligazioni al momento della loro emissione, il tribunale le avrebbe accordato la deferenza solitamente riservata agli atti di un sovrano straniero e forse avrebbe potuto dichiarare non valide le obbligazioni. Ma la corte ha ritenuto invece che l'affermazione secondo cui il legislatore aveva tentato di invalidare l'obbligo nel 2016 non era veritiera.

    Per capire perché l'Assemblea nazionale ha evitato l'invalidazione al momento dell'emissione, si consideri cosa stava accadendo in Venezuela nel 2016. L'opposizione aveva appena ottenuto una maggioranza di due terzi nell'Assemblea nazionale e stava spingendo per un referendum di revoca che, tenuto, avrebbe quasi sicuramente portato al licenziamento di Maduro. I mercati erano entusiasti delle prospettive di cambiamento politico in Venezuela; l'opposizione non voleva inimicarli bloccando un'operazione e facendo precipitare un default sui debiti della nazione. Pertanto, quando l'operazione è stata messa in discussione, i legislatori hanno deciso di esprimere il loro disaccordo sull'uso delle azioni Citgo come garanzia, ma si sono fermati prima di mettere in dubbio la validità giuridica di ciò.

    Perché, allora, il team di Guaido ha cercato di affermare che il legislatore ha fatto qualcosa che non ha fatto? La risposta sta nella dinamica delle decisioni politiche all'interno dell'amministrazione Guaido. Il team politico di Guaido è guidato da accademici che hanno una visione fondamentalmente ostile dei mercati finanziari internazionali. Questo gruppo è distinto - e di fatto in contrasto con - molti dei legislatori che hanno scelto di non contestare la validità dell'obbligazione nel 2016. Il gruppo ritiene che gli investitori internazionali abbiano sostenuto il regime di Maduro e dovrebbero essere puniti per averlo fatto. Affermano anche che tutte le elezioni tenutesi in Venezuela negli ultimi due decenni sono state fraudolente e che chiunque abbia investito nel paese da quando Chavez è salito al potere ha contribuito a sostenere una dittatura.

    Queste affermazioni sono altamente problematiche. Gli osservatori internazionali erano presenti alla maggior parte delle elezioni venezuelane fino al 2015 e non hanno trovato prove di frode. Hugo Chavez è stato molto popolare durante i suoi 14 anni al potere (in effetti, lo è ancora) e ha avuto vita facile a vincere la rielezione più volte. La realtà è che la tragica scivolata del Venezuela verso l'autoritarismo in piena regola è relativamente recente. Fino a pochi anni fa il Venezuela era un paese mal gestito, ma non era una dittatura.

    Il novantasette per cento del debito del Venezuela in obbligazioni ora detenute da investitori internazionali è stato emesso entro il 2014, quando non c'erano dubbi sulla legittimità democratica dei governi del paese. Alcuni di essi sono stati emessi persino prima che Chavez salisse al potere nel 1999. E, sebbene sia vero che i governi in questione gestivano il paese molto male, è anche vero che molti degli investitori che hanno acquisito quel debito scommettevano sull'opposizione a salire al potere e aggiustare l'economia.

    Eppure il sentimento anti-Wall Street è alto tra i gruppi intransigenti dell'opposizione combattuta del paese. A loro avviso, chi non è dalla parte dell'opposizione è un alleato di Maduro. Il clima è così caldo che il giudice Failla ha ritenuto necessario emettere un'ordinanza che schermasse l'identità di uno dei periti degli imputati dopo che i funzionari di Guaido avevano minacciato chiunque avesse testimoniato a favore degli obbligazionisti.

    In questo senso, l'atteggiamento dell'amministrazione Guaido nei confronti dei mercati internazionali assomiglia al suo atteggiamento nei confronti di altri attori politici, come l'esercito del paese, il suo settore privato, i partiti di opposizione moderata oi movimenti politici di centro sinistra al di fuori del Venezuela. Incasellando tutti coloro che non concordano senza dubbio con la sua strategia di collaborazionista, l'opposizione del Venezuela ha alienato molti potenziali alleati. Quindi il suo sostegno e le possibilità di prendere il potere si stanno riducendo.

    Quando il Venezuela recupererà la sua democrazia, il successo di uno sforzo di ricostruzione economica scoraggiante dipenderà dall'accesso al sostegno multilaterale, ai mercati dei capitali e agli investimenti privati. Dovrebbero essere visti e trattati come alleati, non avversari, nella ricostruzione di quello che una volta era uno dei paesi più ricchi e sviluppati dell'America Latina.

  5. #1475
    L'avatar di Combattivo
    Data Registrazione
    May 2019
    Messaggi
    437
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    300 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da Staise Reno Visualizza Messaggio
    Ok ma perche' secondo te il punto (i) non ci riguarda?
    Il punto (i) si riferisce al caso ordinario in cui l'emittente versa al fiscal agent l'intero importo
    nei tempi previsti e il countdown viene fatto partire dalla data normalmente prevista per il pagamento


    Noi però ci troviamo nel caso descritto al punto (ii):
    - se l'intera somma dovuta non è stata versata (al fiscal agent) alla data normalmente prevista per il versamento
    - allora la "relevant date" diventa la data (successiva a quella normalmente prevista) in cui l'emittente completa
    il verasamento dell'intero importo al fiscal agent

    Nel nostro caso infatti fiscal agent non ha mai ricevuto nulla e il countdown non è mai partito

  6. #1476

    Data Registrazione
    Mar 2012
    Messaggi
    1,876
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    1149 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da Potemkin Visualizza Messaggio
    ."..Questa rinegioziazione non può iniziare fino a che non avrà fine l'usurpazione di Maduro e le sanzioni non saranno rimosse...."

    Per il momento nisba.
    Comunque un ottimo motivo per intensificare il tifo per Guaido'.
    Per quanto il tifo possa mai indirizzare il futuro

    Per me la cosa più interessante del memorandum è questa:

    1July 1, 2019
    OFFICE OF THE SPECIALATTORNEY GENERAL OFTHE BOLIVARIAN REPUBLIC OF VENEZUELAGUIDELINES FOR THE RENEGOTIATION OF THE CHÁVEZ/MADURO ERA LEGACY PUBLIC EXTERNAL DEBT.


    Sembra che la rinegoziazione riguardi solo il debito contratto dal VNZ nell'era
    Chavez/Maduro.
    La 27 fu emessa prima dell'era Chavez e forse quindi non sarà ristrutturata

  7. #1477

    Data Registrazione
    Jul 2017
    Messaggi
    3,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1924 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Spiacente di aggiungere confusione ma mi sono letto il prospetto della 2031.
    Ne ho poche e quindi poco mi preoccupo, anche perché, come ho più volte scritto, considero le cedole non pagate - per motivi che ho illustrato - già perse.
    Siete sicuri che la prescrizione sia interrompibile?

  8. #1478
    L'avatar di Combattivo
    Data Registrazione
    May 2019
    Messaggi
    437
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    300 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da Potemkin Visualizza Messaggio
    Spiacente di aggiungere confusione ma mi sono letto il prospetto della 2031.
    Ne ho poche e quindi poco mi preoccupo, anche perché, come ho più volte scritto, considero le cedole non pagate - per motivi che ho illustrato - già perse.
    Siete sicuri che la prescrizione sia interrompibile?
    Certo

    Basta accettare la proposta della Rodriguez.

  9. #1479

    Data Registrazione
    Mar 2012
    Messaggi
    1,876
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    1149 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Interessante anche la questione della prescrizione evidenziata nel memorandum...

    claims are in danger of becoming time-barred as a result of the running of a statute of limitations....

    i reclami rischiano di scadere in prescrizione a causa della decorrenza di un termine di prescrizione

    Ma Guaidò non aveva detto che la prescrizione non decorre?

  10. #1480

    Data Registrazione
    Oct 2020
    Messaggi
    28
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    20 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Combattivo Visualizza Messaggio
    Il punto (i) si riferisce al caso ordinario in cui l'emittente versa al fiscal agent l'intero importo
    nei tempi previsti e il countdown viene fatto partire dalla data normalmente prevista per il pagamento


    Noi però ci troviamo nel caso descritto al punto (ii):
    - se l'intera somma dovuta non è stata versata (al fiscal agent) alla data normalmente prevista per il versamento
    - allora la "relevant date" diventa la data (successiva a quella normalmente prevista) in cui l'emittente completa
    il verasamento dell'intero importo al fiscal agent

    Nel nostro caso infatti fiscal agent non ha mai ricevuto nulla e il countdown non è mai partito
    Mettiamo che sia cosi', ma allora se il Venezuela non paga non parte mai la prescrizione.
    Che vantaggio avrebbe avuto il Venezuela di inserire questa clausola nel prospetto delle nuove emissioni?
    Soprattutto adesso che fa proposte in cui sembra che la prescrizione esista ed e' a vantaggio dell'emittente.
    Se e' come dici tu sembra quasi che sia concepita solo per il caso in cui il Venezuela paga al fiscal agent ma questi non e' in grado o non vuole girare i soldi agli obbligazionisti. Che motivo avrebbe il fiscal agent di comportarsi cosi'?

Accedi