Bond sotto la pari - Pagina 12
Unicredit e Mps insieme, ecco impatti su capitale e sinergie secondo Credit Suisse (che consiglia di puntare su Intesa Sanpaolo)
La febbre da M&A impazza nel settore bancario. Spagna e Italia sono i mercati dopo il consolidamento va avanti a ritmo forsennato con l’Opa di Credit Agricole su Credito Valtellinese che …
BNP Paribas amplia la gamma dei Turbo Unlimited a titoli farmaceutici come Pfizer, Moderna e Gilead Science
BNP Paribas lancia sul mercato la prima gamma di certificati Turbo Unlimited con sottostanti azioni di aziende del settore farmaceutico, nello specifico Pfizer, Moderna e Gilead Science. Si tratta di organizzazioni attive nella ricerca e …
L’Opa di Credit Agricole Italia su CreVal e la paura dell’invasione francese. AD Maioli rassicura. E anche la FABI
E la Francia continua a fagocitare l’Italia, dicono in tanti, ora con l’Opa che Credit Agricole Italia – controllata dal gruppo francese Credit Agricole per il 76% – ha lanciato …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #111
    L'avatar di Encadenado
    Data Registrazione
    May 2006
    Messaggi
    20,233
    Mentioned
    59 Post(s)
    Quoted
    4482 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da topo9 Visualizza Messaggio
    ciao in effetti sono la stessa cosa...se lo ammetti anche tu che sono la stessa cosa perche' sei cosi negativo sul sedex o sul tlx dove sono quotati questi cert.?
    ciaooo
    Torno sull'argomento Cerificate perché mi sono incuriosito e ho provato ad analizzarne diversi per capirne la convenienza:
    Ad esempio, ne ho guardati molti di Banca Aletti quotati sul Sedex e ho notato con disgusto che nei book è presente solo un ordine bid e un solo ordine ask, con spread mai inferiore all1%!
    A giudicare dalle quantità e dagli spread bid/ask, uguali su tutti i book, si può dedurre che siano ordini del MM emittente!
    Ho provato ad inserire un ordine di acquisto di 1 tick superiore al bid dell'emittente, ma per tutta la giornata il mio ordine è rimasto ineseguito.
    Quindi?
    Quando si acquistano (o si vendono) certificate, per ottenere l'eseguito si deve pagare all'emittente uno 0,5% di commissioni implicite allo spread di mercato?

    Ma sul Sedex gli altri investitori come me hanno potuto vedere e/o eseguire il mio ordine?

    Gli stessi problemi ci sono anche sui certificate quotati sull'EuroTlx?

    Citazione Originariamente Scritto da Encadenado Visualizza Messaggio
    ... non mi piacciono i mercati dove le controparti sono sempre (o quasi sempre) soggetti diversi da te

  2. #112
    L'avatar di asimpleplan
    Data Registrazione
    Nov 2019
    Messaggi
    2,324
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    2027 Post(s)
    Potenza rep
    11541429
    Citazione Originariamente Scritto da Encadenado Visualizza Messaggio
    Torno sull'argomento Cerificate perché mi sono incuriosito e ho provato ad analizzarne diversi per capirne la convenienza:
    Ad esempio, ne ho guardati molti di Banca Aletti quotati sul Sedex e ho notato con disgusto che nei book è presente solo un ordine bid e un solo ordine ask, con spread mai inferiore all1%!
    A giudicare dalle quantità e dagli spread bid/ask, uguali su tutti i book, si può dedurre che siano ordini del MM emittente!
    Ho provato ad inserire un ordine di acquisto di 1 tick superiore al bid dell'emittente, ma per tutta la giornata il mio ordine è rimasto ineseguito.
    Quindi?
    Quando si acquistano (o si vendono) certificate, per ottenere l'eseguito si deve pagare all'emittente uno 0,5% di commissioni implicite allo spread di mercato?

    Ma sul Sedex gli altri investitori come me hanno potuto vedere e/o eseguire il mio ordine?

    Gli stessi problemi ci sono anche sui certificate quotati sull'EuroTlx?
    IN altri termini , come dicevano alcuni articoli di advise only, salvo rare occasioni (quali?) i certicates non servono a nulla in quanto gli spread sono troppo alti, il rischio è simile a quello di un'azione ma c'è un cap sul guadagno potenziale, il bid \ask spread è sempre molto alto salvo che l'investitore li tenga in scadenza.

    L'articolo concludeva dicendo; se l'investitore si deve prendere dei rischi allora meglio le azioni.....

    Corretto o troppo semplicistico?
    Ultima modifica di asimpleplan; 27-10-20 alle 20:17

  3. #113
    L'avatar di Encadenado
    Data Registrazione
    May 2006
    Messaggi
    20,233
    Mentioned
    59 Post(s)
    Quoted
    4482 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da asimpleplan Visualizza Messaggio
    IN altri termini , come dicevano alcuni articoli di advise only, salvo rare occasioni (quali?) i certicates non servono a nulla in quanto gli spread sono troppo alti, il rischio è simile a quello di un'azione ma c'è un cap sul guadagno potenziale, il bid \ask spread è sempre molto alto salvo che l'investitore li tenga in scadenza.

    L'articolo concludeva dicendo; se l'investitore si deve prendere dei rischi allora meglio le azioni.....

    Corretto o troppo semplicistico?
    Non sono d'accordo con l'ultima frase. Sarebbero meglio le azioni se il storico a lungo termine (10 o al massimo 20 anni) potesse dimostrare che il total return azionario sia stato più redditizio dei certificate azionari (o in generale delle obbligazionario).
    Il confronto andrebbe fatto nello stesso ambito monetario, macroeconomico e monetario, quindi se stiamo parlando di certificate linkati ad indici azionari dell'Area Euro (o obbligazioni dell'Area Euro), anche l'azionario preso a confronto dovrà essere dell'Area Euro.

  4. #114
    L'avatar di Encadenado
    Data Registrazione
    May 2006
    Messaggi
    20,233
    Mentioned
    59 Post(s)
    Quoted
    4482 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da Encadenado Visualizza Messaggio
    Torno sull'argomento Cerificate perché mi sono incuriosito e ho provato ad analizzarne diversi per capirne la convenienza:
    Ad esempio, ne ho guardati molti di Banca Aletti quotati sul Sedex e ho notato con disgusto che nei book è presente solo un ordine bid e un solo ordine ask, con spread mai inferiore all1%!
    A giudicare dalle quantità e dagli spread bid/ask, uguali su tutti i book, si può dedurre che siano ordini del MM emittente!
    Ho provato ad inserire un ordine di acquisto di 1 tick superiore al bid dell'emittente, ma per tutta la giornata il mio ordine è rimasto ineseguito.
    Quindi?
    Quando si acquistano (o si vendono) certificate, per ottenere l'eseguito si deve pagare all'emittente uno 0,5% di commissioni implicite allo spread di mercato?

    Ma sul Sedex gli altri investitori come me hanno potuto vedere e/o eseguire il mio ordine?

    Gli stessi problemi ci sono anche sui certificate quotati sull'EuroTlx?
    Ho fatto ulteriori prove utilizzando piattaforme di trading di diversi intermediari ed ho constatato che, sia sul Sedex che sull'EuroTlx, gli ordini inseriti con una piattaforma sono visibili dalle altre piattaforme, quindi dovrebbero essere potenzialmente eseguibili da parte di qualsiasi altro investitore e non solo dal MM dell'emittente.
    Quindi il problema principale dei certificate è che sono altamente illiquidi, altri investitori non se ne vedono sui book, pertanto si riescono a fare compravendite solo sui prezzi del MM dell'emittente. E questo, come ho già detto prima, si traduce in una commissione implicita di compravendita estremamente elevata, attorno allo 0,5% (più la commissione di intermediazione da pagare alla propria banca).

  5. #115
    L'avatar di Encadenado
    Data Registrazione
    May 2006
    Messaggi
    20,233
    Mentioned
    59 Post(s)
    Quoted
    4482 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Ho dato un'occhiata al certificate Aletti più liquido, ossia quello coi volumi giornalieri più elevati, ebbene sul book, oltre ai bid ed ask del MM, c'erano solo due ordinini, entrambi solo sul bid, con prezzo di appena un tick sopra il MM

  6. #116
    L'avatar di balcarlo
    Data Registrazione
    Jan 2002
    Messaggi
    18,693
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    29 Post(s)
    Quoted
    2365 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Citazione Originariamente Scritto da Encadenado Visualizza Messaggio
    Ho dato un'occhiata al certificate Aletti più liquido, ossia quello coi volumi giornalieri più elevati, ebbene sul book, oltre ai bid ed ask del MM, c'erano solo due ordinini, entrambi solo sul bid, con prezzo di appena un tick sopra il MM
    Naturalmente la liquidità dei certificati non è quella dei TdS o delle azioni, i più liquidi sono quelli a leva ma con altissimo rischio ed adatti quasi esclusivamente per operazioni intraday. I certificati d'investimento con cedole compensabili hanno è vero pochi volumi e spread a volte elevati ma possono rispondere, in questo periodo di tassi a zero virgola o sotto zero per le obbligazioni IG, un'alternativa da non sottovalutare.

    Naturalmente prima d'investirci bisogna clonoscerli bene, conoscere i singoli emittenti, le varie tipologie e valutare i rischi.

  7. #117
    L'avatar di Metallica79
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Messaggi
    2,956
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    1023 Post(s)
    Potenza rep
    29410118
    Citazione Originariamente Scritto da asimpleplan Visualizza Messaggio
    IN altri termini , come dicevano alcuni articoli di advise only, salvo rare occasioni (quali?) i certicates non servono a nulla in quanto gli spread sono troppo alti, il rischio è simile a quello di un'azione ma c'è un cap sul guadagno potenziale, il bid \ask spread è sempre molto alto salvo che l'investitore li tenga in scadenza.

    L'articolo concludeva dicendo; se l'investitore si deve prendere dei rischi allora meglio le azioni.....

    Corretto o troppo semplicistico?
    Direi ipersemplicistico come ragionamento, in quanto non si tiene conto di alcuni fattori, tra cui il discorso fiscale (ecco una rara occasione), visto e considerato che con le cedole dei certificates ci puoi compensare le minusvalenze fiscali pregresse del tuo cassetto fiscale. (le cedole dei certificates sono redditi diversi). La compensanzione di minus la puoi fare, detto in grosso modo e rapido:
    a) o con cedole dei certificates o se quando vendi il certificate hai un profitto;
    b) quando vendi le azioni e le obbligazioni e generi profitto, il profitto guadagnato è compensabile (ma non i dividendi azionari e le cedole obbligazionarie),
    Le uniche cedole che compensano minus sono quelle dei certificati.
    I certificates sono utilizzati molto spesso per motivi fiscali.

    Ovvio che i certificate sono strumenti rischiosi e vanno conosciuti e studiati e approfonditi.

  8. #118
    L'avatar di balcarlo
    Data Registrazione
    Jan 2002
    Messaggi
    18,693
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    29 Post(s)
    Quoted
    2365 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Citazione Originariamente Scritto da asimpleplan Visualizza Messaggio
    IN altri termini , come dicevano alcuni articoli di advise only, salvo rare occasioni (quali?) i certicates non servono a nulla in quanto gli spread sono troppo alti, il rischio è simile a quello di un'azione ma c'è un cap sul guadagno potenziale, il bid \ask spread è sempre molto alto salvo che l'investitore li tenga in scadenza.

    L'articolo concludeva dicendo; se l'investitore si deve prendere dei rischi allora meglio le azioni.....

    Corretto o troppo semplicistico?
    Probabilmente chi ha scritto gli articoli non conosce bene i certificates che offrono opportunità per tutte le tipologie d'investitore, da quello prudente con tutta la gamma a capitale protetto, a quelli più dinamici che sfruttano gli strumenti a leva sia long che short. C'è tutto un mondo da scoprire e di occasioni sul mercato non ne mancano e, credetemi, non sono rare. Giudicarli solo in base allo spread ed agli scambi mi sembra riduttivo...

  9. #119
    L'avatar di avergani
    Data Registrazione
    Jan 2001
    Messaggi
    1,081
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    241 Post(s)
    Potenza rep
    28448129
    Citazione Originariamente Scritto da balcarlo Visualizza Messaggio
    Probabilmente chi ha scritto gli articoli non conosce bene i certificates che offrono opportunità per tutte le tipologie d'investitore, da quello prudente con tutta la gamma a capitale protetto, a quelli più dinamici che sfruttano gli strumenti a leva sia long che short. C'è tutto un mondo da scoprire e di occasioni sul mercato non ne mancano e, credetemi, non sono rare. Giudicarli solo in base allo spread ed agli scambi mi sembra riduttivo...
    Condivido che "occasioni sul mercato non ne mancano " ma il mio problema è come identificarle cioè come determinare che quel certificato con ISIN xxxxx di quel emittente, con quelle caratteristiche (strike, barriera etc) sia un'occasione oppure in altri termini c'è tanta documentazione , webinar, siti web ma non riesco a farmi una metodologia per trovare queste occasioni ...
    Si parte da un analisi di mercato ? si identifica un sottostante ? come ? in base ad un sottostante, previsione di mercato = scende / sale , quale tra tutti i certifcati relativi ad un sottostante è un ' occasione ?

    Eppure faccio trading sui mercati (anche se quasi sempre su obbligazioni) da anni ... comunque attenzione ai certificati, sembrano obbligazioni ma in un mercato stabile, leggermente in rialzo o in discesa ma se il mercato ha alta volatilità e grandi ribassi come a marzo e i certificati bucano le barriere ... allora ti ritrovi perdite del 30 / 40 / 50%

  10. #120
    L'avatar di Asperger
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    487
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    276 Post(s)
    Potenza rep
    16298469
    per i certificates, come per ogni altra forma d'investimento, in questi giorni turbolenti ci sono GRANDI OCCASIONI ma anche GRANDISSIMI RISCHI

Accedi