Vivere di rendita, posso (Vol. XXVI)? - Pagina 32
Valentine, la nuova tegola sulla testa di MPS vale 1,4 MLD. Si complica ulteriormente processo privatizzazione
“Crediamo che il processo di privatizzazione di MPS sia indebolito dai diversi rischi finanziari che incombono sulla banca”. Così commentano gli analisti di Banca IMI, facendo riferimento agli ultimi rumor …
BTP: tassi sui minimi sia nel secondario che in asta. Bce avanti tutta con i buy, pronta a fare incetta anche di questi bond ENEL
I BTP continuano a confermarsi tra i principali beneficiari, tra i bond sovrani dell’Eurozona, dell’effetto combinato del bazooka PEPP della Bce e delle aspettative sull’impatto che il Recovery Fund avrà …
Plastic tax e Piazza Affari: guerra a plastica monouso sarà driver positivo per questi titoli
Torna in auge l'argomento plastic tax che aveva tenuto a lungo banco lo scorso autunno. La plastic tax italiana partirà a gennaio 2021 prevede il pagamento di 45 centesimi ogni …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #311

    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    1,359
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    619 Post(s)
    Potenza rep
    25229042
    Citazione Originariamente Scritto da lucacnt Visualizza Messaggio
    In realtà non l'ho letto tutto. Ma il concetto di scarsità del bitcoin non si scontra con la possibilità di replicare N volte il bitcoin ottenendo infinite valute tutte uguali, eccetto per il nome?

  2. #312
    L'avatar di lucacnt
    Data Registrazione
    Sep 2016
    Messaggi
    377
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    219 Post(s)
    Potenza rep
    9792603
    Citazione Originariamente Scritto da kisono Visualizza Messaggio
    In realtà non l'ho letto tutto. Ma il concetto di scarsità del bitcoin non si scontra con la possibilità di replicare N volte il bitcoin ottenendo infinite valute tutte uguali, eccetto per il nome?
    No, è impossibile. C'è un corso gratuito di Coursera della Princeton University che ne spiega il funzionamento: Bitcoin and Cryptocurrency Technologies | Coursera

    Ma ancora più divertente e agevole è questo video del buon Giacomo Zucco: YouTube

  3. #313

    Data Registrazione
    Dec 2019
    Messaggi
    139
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    111 Post(s)
    Potenza rep
    9922846
    Citazione Originariamente Scritto da lucacnt Visualizza Messaggio
    Il più grande vantaggio di Bitcoin è la sua prof of work. Matematica.
    Parole PERICOLOSE: indurrebbero a pensare (per chi la matematica non la conosce) che esista una dimostrazione matematica
    della sicurezza degli algoritmi di crittografia usati. Invece: allo stato attuale, nessuno (di pubblicamente noto) vede come
    cercare di forzare con qualcosa di sostanzialmente + furbo che "provare a caso tutti i (troppi) valori possibili",
    e il "sentiment" induce a supporre che il problema sia talmente difficile che neanche riusciamo a dimostrare che sia difficile,
    MA: NON ABBIAMO ALLO STATO ATTUALE[*] UNA DIMOSTRAZIONE CHE IL PROBLEMA SIA DIFFICILE
    (in nessun senso formalizzabile preciso).
    [*] comunque NON sono aggiornato sulla questione e dico solo quanto ho letto distrattamente. L'unica volta che
    ho avuto occasione (non realmente sfruttata) di avvicinarmi alla aritmetica delle curve ellittiche era il 1985 ...

    Se proprio volete giocare con l'algebra, cominciate a confrontare PIC, PAC, e restar fuori.
    Suvvia, non serve perdere tempo a discutere, basta l'algebra di sckquola.

    Sequenza dei valori nel tempo di un asset (azione, obbligazione, ETF, ...) in cui valutiamo un investimento:

    i a b c d

    [Fisso la lunghezza 5 per evitare simboli di sommatoria sotto. Confido nel lettore.]

    Restando fuori, se ho capitale C all'inizio, ho ancora C alla fine (inflazionato o deflazionato qui non interessa).

    Con investimento di un capitale C all'inizio, quanto ho alla fine?
    Con asset che all'inizio vale i, all'inizio compro C/i asset, alla fine C/i asset valgono Cd/i

    Con 4 investimenti scaglionati di C/4 alla fine ho:
    Cd/4i dal primo investimento
    Cd/4a dal secondo
    Cd/4b dal terzo
    Cd/4c dal quarto

    PAC/PIC = (1/i + 1/a + 1/b +1/c)/4(1/i) = (1 + i/a + i/b + i/c)/4 = i(1/i + 1/a + 1/b + 1/c)/4
    Ovvero usando la seq. degli inversi I A B C D (arbitrari numeri positivi come gli originali)
    [seq. "quanti asset compro con un capitale 1" al posto di seq. "quanto vale 1 asset"]
    PAC/PIC = (I+A+B+C)/4I
    [somma dei valori della seq. degli inversi, divisa per in numero delle entrate e per l'inv. del valore iniziale]
    [media aritmetica della seq. "quanti asset compro con un dato capitale" divisa per numero asset comprati all'inizio]

    Analogamente, confronto tra PAC e restare fuori:
    PAC/(restar fuori) = media aritmetica della seq. "quanti asset compro" divisa per numero asset che avrei comprato alla *fine*.

    Vince PAC sul PIC sse media aritm. nel tempo della seq. "quanti asset compro con un dato capitale fissato" vince sul valore iniziale.

    Se scommetti che il valore asset scenda [risp. salga] (in media armonica) = aumenti (in media aritmetica) [risp. diminuisca] quanti asset si comprano con un dato capitale,
    allora scommetti che il PAC perda meno del PIC [risp. scommetti che il PIC guadagni + del PAC]

    il PAC fa meglio (o meno peggio) del PIC sse la media armonica dei prezzi nel periodo scende rispetto al prezzo iniziale;

    In particolare, se scommetti che alla fine il prezzo sia rimasto uguale all'inizio
    [buy & hold ovvero star sempre dentro = star sempre fuori],
    il PAC fa meglio del PIC (e` in guadagno mentre il PIC non muove il valore)
    sse la media armonica dei prezzi nel periodo scende rispetto al prezzo iniziale,
    insomma ci sono discese _opportunamente piazzate_ (prima di tornare al livello iniziale).

    IPRSEMPLIFICANDO:
    Se la sequenza i a b c dei prezzi cresce, almeno in media (armonica), allora meglio all-in subito.
    Se la sequenza i a b c dei prezzi decresce, almeno in media (armonica), era meglio restare fuori.
    [NOTARE: I DUE CASI SOPRA NON COPRONO TUTTI I CASI POSSIBILI: la media nel periodo
    viene confrontata una volta col valore iniziale, una volta con quello finale; ci sono "casi grigi".
    IPERSEMPLIFICARE come al solito porta pericolosamente vicino all'errore e spinge l'incauto a cascarci.
    "Il diavolo e` nei dettagli"]

    Dunque uno (che PIC o star fuori e` in condizione di farli se vuole) puo` pensare razionalmente a un PAC solo se:
    [1] non puo` / vuole prevedere salita o discesa in media nel periodo di investimento;
    [2] comunque sa che PIC (se salita) o star fuori (se discesa) avrebbero fatto meglio TRANNE CASI GRIGI;
    insomma decide di tagliare i potenziali incerti guadagni e le potenziali incerte perdite,
    oppure scommette che si verifichi un "caso grigio" e che sia del tipo favorevole al PAC
    (qui sarebbe utile una valutazione delle probabilita` dei vari casi, ma l'algebretta di sckquola non pare bastare).

    Per investimenti di lungo periodo su asset che storicamente salgono nel lungo,
    uno fa il PAC solo se in capitale da investire non lo ha gia` tutto (risparmi sullo stipendo, ecc.)

    Per investimenti in un periodo di turbolenza in cui prevedi che alla fine sei sceso di brutto
    (tipo sequenza i a b c decrescente), meglio star fuori.

    Per investimenti in un periodo di turbolenza in cui prevedi alla fine di tornare ai valori iniziali,
    il PAC potrebbe anche essere positivo (ma non necessariamente lo e`) a fronte di un b&h neutro.

    Ho gia` detto riguardo l'usare simulazioni montecarlo o su dati storici (piuttosto che misure di
    probabilita` aprioristiche) se uno vuole stimare la probabilita` (nei casi grigi) che il PAC vinca sul PIC
    o simmetricamente sullo star fuori.

    Ho provato senza successo a cercare di usare un qualche principio di simmetria su probabilita` aprioristiche
    (tipo: presupporre che una sequenza i a b c d sia equiprobabile con la sequenza rovesciata d c b a i,
    almeno quando i=d. NOTARE: NON sarebbe una ipotesi del tutto ragionevole,
    e` noto che in borsa di solito "si sale per le scale e si scende in ascensore")

    Incidentalmente (anche se non ve ne puo` importar di meno) ho giocato col problemino "PIC vs. PAC"
    solo in quanto all'inizio mi era sembrato di scorgere una certa analogia strutturale con una cosa
    + seria per la quale le simmetrie aiutano
    (problema riguardante i prodotti di convoluzione, che avete ottimi motivi per non voler neanche sapere cosa sono).
    Alla fine l'analogia non mi pare esistere in modo utile e dunque la questione per me ha perso interesse.

  4. #314
    L'avatar di lucacnt
    Data Registrazione
    Sep 2016
    Messaggi
    377
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    219 Post(s)
    Potenza rep
    9792603
    Citazione Originariamente Scritto da folonne Visualizza Messaggio
    Parole PERICOLOSE: indurrebbero a pensare (per chi la matematica non la conosce) che esista una dimostrazione matematica
    della sicurezza degli algoritmi di crittografia usati. Invece: allo stato attuale, nessuno (di pubblicamente noto) vede come
    cercare di forzare con qualcosa di sostanzialmente + furbo che "provare a caso tutti i (troppi) valori possibili",
    e il "sentiment" induce a supporre che il problema sia talmente difficile che neanche riusciamo a dimostrare che sia difficile,
    MA: NON ABBIAMO ALLO STATO ATTUALE[*] UNA DIMOSTRAZIONE CHE IL PROBLEMA SIA DIFFICILE
    (in nessun senso formalizzabile preciso).
    [*] comunque NON sono aggiornato sulla questione e dico solo quanto ho letto distrattamente. L'unica volta che
    ho avuto occasione (non realmente sfruttata) di avvicinarmi alla aritmetica delle curve ellittiche era il 1985 ...

    Se proprio volete giocare con l'algebra, cominciate a confrontare PIC, PAC, e restar fuori.
    Suvvia, non serve perdere tempo a discutere, basta l'algebra di sckquola.

    Sequenza dei valori nel tempo di un asset (azione, obbligazione, ETF, ...) in cui valutiamo un investimento:

    i a b c d

    [Fisso la lunghezza 5 per evitare simboli di sommatoria sotto. Confido nel lettore.]

    Restando fuori, se ho capitale C all'inizio, ho ancora C alla fine (inflazionato o deflazionato qui non interessa).

    Con investimento di un capitale C all'inizio, quanto ho alla fine?
    Con asset che all'inizio vale i, all'inizio compro C/i asset, alla fine C/i asset valgono Cd/i

    Con 4 investimenti scaglionati di C/4 alla fine ho:
    Cd/4i dal primo investimento
    Cd/4a dal secondo
    Cd/4b dal terzo
    Cd/4c dal quarto

    PAC/PIC = (1/i + 1/a + 1/b +1/c)/4(1/i) = (1 + i/a + i/b + i/c)/4 = i(1/i + 1/a + 1/b + 1/c)/4
    Ovvero usando la seq. degli inversi I A B C D (arbitrari numeri positivi come gli originali)
    [seq. "quanti asset compro con un capitale 1" al posto di seq. "quanto vale 1 asset"]
    PAC/PIC = (I+A+B+C)/4I
    [somma dei valori della seq. degli inversi, divisa per in numero delle entrate e per l'inv. del valore iniziale]
    [media aritmetica della seq. "quanti asset compro con un dato capitale" divisa per numero asset comprati all'inizio]

    Analogamente, confronto tra PAC e restare fuori:
    PAC/(restar fuori) = media aritmetica della seq. "quanti asset compro" divisa per numero asset che avrei comprato alla *fine*.

    Vince PAC sul PIC sse media aritm. nel tempo della seq. "quanti asset compro con un dato capitale fissato" vince sul valore iniziale.

    Se scommetti che il valore asset scenda [risp. salga] (in media armonica) = aumenti (in media aritmetica) [risp. diminuisca] quanti asset si comprano con un dato capitale,
    allora scommetti che il PAC perda meno del PIC [risp. scommetti che il PIC guadagni + del PAC]

    il PAC fa meglio (o meno peggio) del PIC sse la media armonica dei prezzi nel periodo scende rispetto al prezzo iniziale;

    In particolare, se scommetti che alla fine il prezzo sia rimasto uguale all'inizio
    [buy & hold ovvero star sempre dentro = star sempre fuori],
    il PAC fa meglio del PIC (e` in guadagno mentre il PIC non muove il valore)
    sse la media armonica dei prezzi nel periodo scende rispetto al prezzo iniziale,
    insomma ci sono discese _opportunamente piazzate_ (prima di tornare al livello iniziale).

    IPRSEMPLIFICANDO:
    Se la sequenza i a b c dei prezzi cresce, almeno in media (armonica), allora meglio all-in subito.
    Se la sequenza i a b c dei prezzi decresce, almeno in media (armonica), era meglio restare fuori.
    [NOTARE: I DUE CASI SOPRA NON COPRONO TUTTI I CASI POSSIBILI: la media nel periodo
    viene confrontata una volta col valore iniziale, una volta con quello finale; ci sono "casi grigi".
    IPERSEMPLIFICARE come al solito porta pericolosamente vicino all'errore e spinge l'incauto a cascarci.
    "Il diavolo e` nei dettagli"]

    Dunque uno (che PIC o star fuori e` in condizione di farli se vuole) puo` pensare razionalmente a un PAC solo se:
    [1] non puo` / vuole prevedere salita o discesa in media nel periodo di investimento;
    [2] comunque sa che PIC (se salita) o star fuori (se discesa) avrebbero fatto meglio TRANNE CASI GRIGI;
    insomma decide di tagliare i potenziali incerti guadagni e le potenziali incerte perdite,
    oppure scommette che si verifichi un "caso grigio" e che sia del tipo favorevole al PAC
    (qui sarebbe utile una valutazione delle probabilita` dei vari casi, ma l'algebretta di sckquola non pare bastare).

    Per investimenti di lungo periodo su asset che storicamente salgono nel lungo,
    uno fa il PAC solo se in capitale da investire non lo ha gia` tutto (risparmi sullo stipendo, ecc.)

    Per investimenti in un periodo di turbolenza in cui prevedi che alla fine sei sceso di brutto
    (tipo sequenza i a b c decrescente), meglio star fuori.

    Per investimenti in un periodo di turbolenza in cui prevedi alla fine di tornare ai valori iniziali,
    il PAC potrebbe anche essere positivo (ma non necessariamente lo e`) a fronte di un b&h neutro.

    Ho gia` detto riguardo l'usare simulazioni montecarlo o su dati storici (piuttosto che misure di
    probabilita` aprioristiche) se uno vuole stimare la probabilita` (nei casi grigi) che il PAC vinca sul PIC
    o simmetricamente sullo star fuori.

    Ho provato senza successo a cercare di usare un qualche principio di simmetria su probabilita` aprioristiche
    (tipo: presupporre che una sequenza i a b c d sia equiprobabile con la sequenza rovesciata d c b a i,
    almeno quando i=d. NOTARE: NON sarebbe una ipotesi del tutto ragionevole,
    e` noto che in borsa di solito "si sale per le scale e si scende in ascensore")

    Incidentalmente (anche se non ve ne puo` importar di meno) ho giocato col problemino "PIC vs. PAC"
    solo in quanto all'inizio mi era sembrato di scorgere una certa analogia strutturale con una cosa
    + seria per la quale le simmetrie aiutano
    (problema riguardante i prodotti di convoluzione, che avete ottimi motivi per non voler neanche sapere cosa sono).
    Alla fine l'analogia non mi pare esistere in modo utile e dunque la questione per me ha perso interesse.
    C'è un tool utile per il DCA sul BTC: Bitcoin Dollar Cost Average

    Prova a darci un'occhiata, io me lo sto ancora studiando

  5. #315

    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    1,359
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    619 Post(s)
    Potenza rep
    25229042
    Citazione Originariamente Scritto da lucacnt Visualizza Messaggio
    Bravo! Un altro dei motivi per cui credo nel protocollo BTC (ma non nella altre shitcoin) è proprio la crisi delle valute FIAT. C'è un recente articolo di Ray Dalio, di Co-Cio di Bridgewater, che mette in guardia sulla ciclicità di queste crisi e dovremmo proprio esserci con tutto questo money printing. Vi lascio il link: The Big Cycles Over The Last 500 Years

    Lui parla della necessità di un ritorno all'hard money (vd parità aurea) perché le valute FIAT si stanno svalutando progressivamente e irrimediabilmente (QE, money printing e helicopter money) fino ad arrivare ad una nuova crisi di fiducia come avviene storicamente ogni 80 anni.

    NB lui non parla espressamente di BTC ma con la sua futura mass adoption (è sotto gli occhi di tutti, è inevitabile) si adatterebbe perfettamente allo scopo con la sua PoS (Prof of Stake): fiducia di una currency basata sulla matematica, il cosiddetto decentralized permissionless consensus protocol.
    Ad una lettura veloce dell'articolo citato, non ho visto gli altri, parla semplicemente del ciclo degli imperi. La forza di una valuta dipende dalla forza del paese che la emette, quindi la crisi della valuta è solo il riflesso della decadenza di un impero.

    In particolare racconta la storia degli imperi olandese e inglese, e li usa come riferimento per dimostrare le similitudini con la situazione attuale: la fine dell'impero Americano e la nascita dell'impero Cinese. In tal caso, più che comprare oro/argento/btc, dovresti comprare direttamente o indirettamente asset cinesi e fuggire dagli asset americani.

    QE / helicopter money / money printing, non sono nulla di nuovo: Barbero sull'impero francese

  6. #316
    L'avatar di lucacnt
    Data Registrazione
    Sep 2016
    Messaggi
    377
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    219 Post(s)
    Potenza rep
    9792603
    Citazione Originariamente Scritto da kisono Visualizza Messaggio
    Ad una lettura veloce dell'articolo citato, non ho visto gli altri, parla semplicemente del ciclo degli imperi. La forza di una valuta dipende dalla forza del paese che la emette, quindi la crisi della valuta è solo il riflesso della decadenza di un impero.

    In particolare racconta la storia degli imperi olandese e inglese, e li usa come riferimento per dimostrare le similitudini con la situazione attuale: la fine dell'impero Americano e la nascita dell'impero Cinese. In tal caso, più che comprare oro/argento/btc, dovresti comprare direttamente o indirettamente asset cinesi e fuggire dagli asset americani.
    Corretto. Ma dovresti fidarti della BoC a quel punto. Forse meglio avere dell'oro digitale in cassaforte

  7. #317
    L'avatar di lucacnt
    Data Registrazione
    Sep 2016
    Messaggi
    377
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    219 Post(s)
    Potenza rep
    9792603
    Citazione Originariamente Scritto da folonne Visualizza Messaggio
    Parole PERICOLOSE: indurrebbero a pensare (per chi la matematica non la conosce) che esista una dimostrazione matematica
    della sicurezza degli algoritmi di crittografia usati. Invece: allo stato attuale, nessuno (di pubblicamente noto) vede come
    cercare di forzare con qualcosa di sostanzialmente + furbo che "provare a caso tutti i (troppi) valori possibili",
    e il "sentiment" induce a supporre che il problema sia talmente difficile che neanche riusciamo a dimostrare che sia difficile,
    MA: NON ABBIAMO ALLO STATO ATTUALE[*] UNA DIMOSTRAZIONE CHE IL PROBLEMA SIA DIFFICILE
    (in nessun senso formalizzabile preciso).
    [*] comunque NON sono aggiornato sulla questione e dico solo quanto ho letto distrattamente. L'unica volta che
    ho avuto occasione (non realmente sfruttata) di avvicinarmi alla aritmetica delle curve ellittiche era il 1985 ...
    Qui trovi un articolo interessante, che poi riprende la sostanza del corso della Princeton U.: La sicurezza della chiave privata - albertodeluigi.com

  8. #318
    L'avatar di alfa71
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Messaggi
    6,724
    Mentioned
    53 Post(s)
    Quoted
    4330 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da mgzr160 Visualizza Messaggio
    non ha senso paragonare la perdita di potere d'acquisto avvenuta nella seconda metà del XX sec., con quello che sta avvenendo oggi e con quello che avverrà nei prossimi 10 (deflazione), 1.000€ in Italia nel 2010 valgono quasi 900€ oggi, e nel 2020 rimarranno intonsi (anzi forse si apprezzeranno pure).

    Un moneta (o qualunque altro bene di scambio) è tale finchè qualcuno è disposto ad accettarla e fintanto che il Bitcoin (o qualunque sarà il nome che gli daranno in futuro) non ha una Banca centrale dietro che ne obbliga l'accettazione e ne "garantisce" il valore, il suo valore è pari a qualunque pezzo di collezionismo e come tale va trattato...come strumento di pagamento è pari al Luigino di Seborga, su questo sto con Buffet.

    Se poi è una questione di "idolatria" per la tecnologia e la nostra vita sarà tutta smartphone e cloud, beh vi prego fatemi scendere...
    Concordo in pieno.

    Mi sembra abbastanza evidente che se investo in una qualche criptovaluta e riesco ad ottenere guadagni, per potere beneficiare realmente di tali guadagni (ovvero banalmente andare a fare la spesa al supermercato) alla fine devo comunque convertire la criptovaluta in moneta fiat a meno che io non mi accontenti di vedere tanti bei numerini scritti su un wallet digitale fine a se stesso. Se poi, da qui al futuro, le criptovalute sostituiranno le monete fiat non saprei dirlo e francamente è una questione che non mi interessa nemmeno essendo a mio avviso un (ipotetico) appuntamento con l'evoluzione umana proiettato in un futuro distante, quando io probabilmente sarò già morto.

    Concordo anche con il rischio di "idolatria" della tecnologia.
    Sono assolutamente favorevole alla tecnologia tuttavia bisogna avere anche capacità di discernere la tecnologia buona da quella inutile.
    Qualcuno ha citato il periodo di grande euforia tecnologica di inizio anni 2000.
    Io conosco un paio di persone che ancora oggi sono incastrate in azioni di aziende del settore itc che all'epoca quotavano cifre astronomiche e che quei valori probabilmente non li rivedranno mai più.
    Ultima modifica di alfa71; 01-07-20 alle 11:37

  9. #319

    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    1,359
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    619 Post(s)
    Potenza rep
    25229042
    Citazione Originariamente Scritto da lucacnt Visualizza Messaggio
    Corretto. Ma dovresti fidarti della BoC a quel punto. Forse meglio avere dell'oro digitale in cassaforte
    Se ritieni che gli USA perderanno e la Cina vincerà, implicitamente accetti che la BoC sarà meritevole di maggior fiducia, poiché il nuovo ordine sarà dettato dalla Cina.
    Il problema viene in caso di conflitto, alla fine esisterà ancora la tua cassaforte?

  10. #320
    L'avatar di lucacnt
    Data Registrazione
    Sep 2016
    Messaggi
    377
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    219 Post(s)
    Potenza rep
    9792603
    Citazione Originariamente Scritto da kisono Visualizza Messaggio
    Se ritieni che gli USA perderanno e la Cina vincerà, implicitamente accetti che la BoC sarà meritevole di maggior fiducia, poiché il nuovo ordine sarà dettato dalla Cina.
    Il problema viene in caso di conflitto, alla fine esisterà ancora la tua cassaforte?
    Sei la banca di te stesso. Sì.

Accedi