Venezuela e PDVSA (vol.153) Quota "Aran2" .... il sogno rinascente! - Pagina 194
Piazza Affari inciampa, Banco BPM ostaggio del rebus M&A. Bene ENI e Saipem
Giornata senza verve per Piazza Affari. A tenere banco è sempre il newsflow sui vaccini con le autorità UK che son state le prime ad approvare l’uso del vaccino anti-Covid …
Banco BPM ha voglia di risiko, AD Castagna: ‘molto disponibili’, ma titolo maglia nera in Borsa. Vandelli (Bper): M&A ‘difficile se non impossibile’
Banco BPM si conferma interessata e disponibile a vagliare operazioni di fusioni: lo ha ripetuto oggi il numero uno, l’amministratore delegato Giuseppe Castagna, ammettendo di provare anche un po’ di …
Crollo UniCredit post addio Mustier: fondi esteri in fuga, che farà BlackRock? A caccia del nuovo AD: tra i nomi Morelli e Massiah
Fuga da UniCredit: emblema di fuga dall’Italia? Di certo il caso dimissioni Mustier ha appannato l’immagine sia della banca che del governo italiano e dunque di nuovo dell’Italia, provocando un …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1931

    Data Registrazione
    Mar 2012
    Messaggi
    1,863
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    1131 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da bigsharktrader66 Visualizza Messaggio
    Ma scusa c'è scritto nel comunicato di 4 pagine


    E' illogico che un paese accetti di bloccare la prescrizione solo se almeno il 75% siano favorevoli al blocco della prescrizione.
    Supponiamo che solo il 10% vuole bloccare la prescrizione.
    Per il VNZ sarebbe un affare perchè per il 90% dei bondholder le cedole sarebbero prescritte.
    Ma il VNZ siccome solo il 10% desidera bloccare la prescrizione, inopinatamente non accetta il blocco della prescrizione.
    Allora c'è qualcosa che non quadra.
    Tutto quadra invece se il VNZ riprende a pagarci solo se almeno il 75% del nominale accetta la prescrizione delle cedole fin qui maturate e i bondholder che hanno intrapreso un'azione legale la sospendino. Questa interpretazione dell'accordo è più logica.

  2. #1932

    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    3,297
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    553 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da Luisd Visualizza Messaggio
    E' illogico che un paese accetti di bloccare la prescrizione solo se almeno il 75% siano favorevoli al blocco della prescrizione.
    Supponiamo che solo il 10% vuole bloccare la prescrizione.
    Per il VNZ sarebbe un affare perchè per il 90% dei bondholder le cedole sarebbero prescritte.
    Ma il VNZ siccome solo il 10% desidera bloccare la prescrizione, inopinatamente non accetta il blocco della prescrizione.
    Allora c'è qualcosa che non quadra.
    Tutto quadra invece se il VNZ riprende a pagarci solo se almeno il 75% del nominale accetta la prescrizione delle cedole fin qui maturate e i bondholder che hanno intrapreso un'azione legale la sospendino. Questa interpretazione dell'accordo è più logica.
    Ma non è quello che c'è scritto

  3. #1933

    Data Registrazione
    Mar 2012
    Messaggi
    1,863
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    1131 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da bigsharktrader66 Visualizza Messaggio
    Ma scusa c'è scritto nel comunicato di 4 pagine


    Big in effetti hai ragione tu. Sono disponibili a interrompere la prescrizione in cambio noi dobbiamo accettare delle condizioni che ancora non conosciamo.....

  4. #1934
    L'avatar di Gioxx
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Messaggi
    8,238
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    3910 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da Luisd Visualizza Messaggio
    E' illogico che un paese accetti di bloccare la prescrizione solo se almeno il 75% siano favorevoli al blocco della prescrizione.
    Supponiamo che solo il 10% vuole bloccare la prescrizione.
    Per il VNZ sarebbe un affare perchè per il 90% dei bondholder le cedole sarebbero prescritte.
    Ma il VNZ siccome solo il 10% desidera bloccare la prescrizione, inopinatamente non accetta il blocco della prescrizione.
    Allora c'è qualcosa che non quadra.
    Tutto quadra invece se il VNZ riprende a pagarci solo se almeno il 75% del nominale accetta la prescrizione delle cedole fin qui maturate e i bondholder che hanno intrapreso un'azione legale la sospendino. Questa interpretazione dell'accordo è più logica.
    a loro interessa che non si intraprendano azioni legali
    in cambio non fanno prescrivere le cedole, questo credo sia il succo del discorso.

    peccato che non vanno oltre,
    come ci si può fidare ?
    io metto nero su bianco che non procederò MAI per vie legali, ma le cedole quando le rivedrò? e il capitale?
    non c'è un accenno a come, quando, dove, perchè...
    poi vogliono che almeno il 75% accetti con nemmeno un mese di tempo per chiarire, capire ecc ecc
    e che non è ancora chiaro se sono effettivamente 3 anni o come penso io 6..
    sa tanto di fanfaronata improvvisata..


    senza considerare che il regime non è riconosciuto come governo legittimo,
    che hanno una taglia sulla testa e tutto il reso che sappiamo


  5. #1935
    L'avatar di Gioxx
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Messaggi
    8,238
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    3910 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Claves de la propuesta de Maduro a los tenedores de bonos

    10. Cosa cercherebbe il governo con l'offerta agli obbligazionisti?

    Fonti finanziarie stimano che la mossa di Delcy Rodríguez avrebbe diverse ragioni. Uno di questi è fare rumore di fronte al processo che il team di Guaidó sta conducendo contro gli obbligazionisti PDVSA 2020, cercherebbe di dimostrare che il governo di Maduro ha la volontà di negoziare. Un altro motivo è cercare di convincere alcuni investitori a influenzare la revisione delle sanzioni, perché l'amministrazione Maduro starebbe definendo le modalità per adempiere agli obblighi.

  6. #1936
    L'avatar di Gioxx
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Messaggi
    8,238
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    3910 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    VENEZUELA: Ven inviable oferta condicional del gobierno a tenedores de bonos de Pdvsa y Electricidad de Caracas


    Secondo l'economista Luis Crespo, la proposta di ristrutturazione del debito estero basata sull'offerta condizionale di PDVSA ed Electricidad de Caracas, annunciata dal Vice Presidente e Ministro delle Finanze, Delcy, è "impraticabile" nelle attuali condizioni economiche e politiche. Rodriguez.

    Lo afferma durante un'intervista per Unión Radio, dove ha sottolineato che è necessario che questa proposta sia accompagnata da un programma economico "che renda credibile che questa proposta ai creditori con nuovi termini, periodi di grazia, pagamenti che generano fiducia e nuove condizioni per garantire il contesto economico che rende praticabile questa ristrutturazione e adeguamento ”.

    Ha aggiunto che “oltre ai problemi dovuti al mancato pagamento del debito da parte della Repubblica ai suoi creditori internazionali, c'è anche il conflitto politico che sta vivendo l'Assemblea Nazionale -AN-, la cui mancanza di istituzionalità ha impedito la gestione dei prestiti per cercare di estinguere il debito. ".

    Crespo ritiene che “un'altra lettura che possiamo dare a questo annuncio è che si tratta di una mossa politica per fare pressione sul dibattito sulle sanzioni e poiché sono certo che molti creditori vogliano recuperare i propri investimenti ed entrare in trattativa, la questione sono le sanzioni e perché il L'OFAC (Office of Foreign Assets Control degli Stati Uniti) non permetterà loro di sedersi e parlare, ma c'è anche la fattibilità economica che potrebbe sostenere questa ristrutturazione ”.

    L'offerta
    Il vicepresidente, Delcy Rodríguez, ha riferito questo martedì che il governo ratifica la sua piena volontà di onorare gli impegni validamente assunti con i possessori di titoli emessi da Repubblica, PDVSA ed Electricidad de Caracas.

    Rodríguez ha ricordato che nel novembre 2017 il Venezuela ha espresso l'intenzione di ristrutturare il proprio debito e ha chiesto un dialogo con i detentori nazionali e internazionali, per cercare formule che superassero i limiti imposti dalle sanzioni.

    Tuttavia, il ministro dell'Economia e delle Finanze ha anche indicato che l'emissione di nuove sanzioni statunitensi contro il Venezuela "ha ostacolato lo sviluppo del dialogo per raggiungere l'obiettivo di ristrutturazione annunciato, nel frattempo sono iniziati i termini di prescrizione per le rivendicazioni di diritti. correre ", ha detto.

    Così "la Repubblica, PDVSA ed Electricidad de Caracas hanno annunciato la loro offerta condizionale congiunta di interrompere tali entità per garantire che gli investitori non siano influenzati dalle azioni illegali di coloro che detengono il potere negli Stati Uniti".

    L'offerta condizionale di rinegoziazione del debito in obbligazioni della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Petróleos de Venezuela e Electricidad de Caracas si impegna ad accettare l'interruzione del periodo di prescrizione, se gli investitori che accettano accettano di sospendere le richieste legali che hanno per raccogliere il capitale e gli interessi di mora o se sono obbligati a non provare alcuna azione legale.

    Richiede inoltre che i titolari che accettano l'offerta, che scade il 13 ottobre, ottengano le licenze necessarie dalle autorità di regolamentazione per poter accettare l'accordo con il governo venezuelano sanzionato dagli Stati Uniti.

    Gli investitori devono possedere o rappresentare il 75% o più del capitale circolante della serie di obbligazioni incluse nell'offerta.

    Dovrebbe essere chiaro che gli investitori che non accettano l'offerta corrono il rischio che i loro crediti, pendenti o meno, scadano, in conformità con i termini di prescrizione.

  7. #1937

    Data Registrazione
    Aug 2015
    Messaggi
    274
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    201 Post(s)
    Potenza rep
    25737691
    Senza calcolare che se l'America non toglie le sanzioni, è tutta aria fritta

  8. #1938

    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    3,297
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    553 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da Luisd Visualizza Messaggio
    Big in effetti hai ragione tu. Sono disponibili a interrompere la prescrizione in cambio noi dobbiamo accettare delle condizioni che ancora non conosciamo.....
    La condizione è che non intraprendiamo azioni legali e se le abbiamo già fatte di non procedere...è chiarissimo.

  9. #1939

    Data Registrazione
    Mar 2016
    Messaggi
    73
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    65 Post(s)
    Potenza rep
    7444069
    Citazione Originariamente Scritto da bigsharktrader66 Visualizza Messaggio
    La condizione è che non intraprendiamo azioni legali e se le abbiamo già fatte di non procedere...è chiarissimo.
    Prima bisogna chiarire se, in caso di fallimento dell’accordo per mancato raggiungimento del quorum, i creditori che hanno aderito all’accordo tornano nella facoltà di avviare l’azione di interruzione della prescrizione, altrimenti ti privi delle azioni legali indipendentemente dall’esito della trattativa. La teoria avanzata da Luisd del 25% dei titoli detenuti da investitori vicini al regime, per far saltare il deal, non mi sembra campata per aria

  10. #1940
    L'avatar di Dormalora
    Data Registrazione
    Mar 2012
    Messaggi
    1,897
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    481 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Biden: Encabezare los esfuerzos internacionales para presionar por unas elecciones libres y justas en Venezuela

    Biden: Condurrò gli sforzi internazionali per promuovere elezioni libere ed eque in Venezuela
    Il candidato democratico alla presidenza degli Stati Uniti ha promesso che se raggiungerà la Casa Bianca, concederà immediatamente TPS ai venezuelani nel suo paese

Accedi