E' una buona idea l'acquisto di bond non in euro per tutelarsi?
Space X, la nuova era dell’economia dello spazio ed Elon Musk aspirante dominatore del 21° secolo
SpaceX  di Elon Musk ci riprova questa questa sera per il secondo tentativo del lancio storico. Rimane l’incognita meteo che potrebbe far slittare ulteriormente il via all’era dei voli privati …
Multipli da bolla per Wall Street e azionario UE, il confronto con i precedenti grandi recuperi e i timori per giugno
E’ andato in archivio anche il mese di maggio sui mercati con Piazza Affari risalita ai livelli pre-lockdown, ossia si è riportata sui massimi dal 9 marzo. A ben vedere …
Investire nel green: l?emergenza coronavirus apre a prospettive migliori
Investire nel clima e nelle tecnologie green potrebbe avere prospettive interessanti, in grado di superare l’emergenza coronavirus grazie a basi più solide rispetto alla crisi finanziaria del 2008. Ne sono …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di vtt2
    Data Registrazione
    Jul 2019
    Messaggi
    707
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    477 Post(s)
    Potenza rep
    18561779

    E' una buona idea l'acquisto di bond non in euro per tutelarsi?

    Sappiamo tutti che aria tira in Europa, io spero si arrivi a degli accordi e non si spacchi la zona euro ma qualora sarà il caso, pensate possa essere una buona idea comprare titoli di stato di paesi forti ma extra euro ad esempio gli USA ma anche la Norvegia?

  2. #2
    L'avatar di Lukeblastxx
    Data Registrazione
    May 2011
    Messaggi
    2,659
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    980 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Io sto comprando paesi emergenti con rating minimo investment grade tramite ETF.
    I titoli sono emessi in Dollari Americani, pagamento cedole mensili.

    Dentro c'è un po di tutto, Russia, Qatar, Arabia Saudita, ecc.

    Così facendo spero proteggermi da una eventuale disgregazione Europea, pur mantenendo un rendimento decente e qualità del credito.

    Quality Breakdown
    AAA 0,13 %
    AA 9,34 %
    A 22,17 %
    BBB 67,47 %
    BB 0,00 %
    B 0,00 %
    B ed inferiori 0,00 %
    Senza Rating 0,89 %

  3. #3
    L'avatar di Nemor
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    20,761
    Mentioned
    71 Post(s)
    Quoted
    9327 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da vtt2 Visualizza Messaggio
    Sappiamo tutti che aria tira in Europa, io spero si arrivi a degli accordi e non si spacchi la zona euro ma qualora sarà il caso, pensate possa essere una buona idea comprare titoli di stato di paesi forti ma extra euro ad esempio gli USA ma anche la Norvegia?
    Se parli della patrimoniale non servirebbe a nulla. Se invece parli del rischio di cambio è un altro discorso.

  4. #4
    L'avatar di Eniforever
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    11,386
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    4819 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da vtt2 Visualizza Messaggio
    Sappiamo tutti che aria tira in Europa, io spero si arrivi a degli accordi e non si spacchi la zona euro ma qualora sarà il caso, pensate possa essere una buona idea comprare titoli di stato di paesi forti ma extra euro ad esempio gli USA ma anche la Norvegia?
    Da quello che si sta vedendo direi di no

  5. #5

    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    3,591
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    485 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da vtt2 Visualizza Messaggio
    Sappiamo tutti che aria tira in Europa, io spero si arrivi a degli accordi e non si spacchi la zona euro ma qualora sarà il caso, pensate possa essere una buona idea comprare titoli di stato di paesi forti ma extra euro ad esempio gli USA ma anche la Norvegia?

    Non sono un professionista quindi prendi con le molle quello che scrivo.

    Quando compri titoli in valuta straniera aggiungi al rischio del titolo anche il rischio del cambio.

    Rischi che si concatenano, in che modo ?

    Parti sempre dal "quasi teorema": se i tassi scendono le obbligazioni salgono se i tassi salgono le obbligazioni scendono.

    1. In genere un paese, per ragioni di competitività delle proprie merci, non vuole che la propria valuta si apprezzi troppo quindi cercherà di deprimere il proprio cambio abbassando i tassi d'interesse facendo salire la quotazione dei titoli obbligazionari denominati nella propria valuta.

    2. Se invece la valuta del paese si deprime un po' troppo allora questo paese cercherà di tirarla sù aumentando i tassi d'interesse e di conseguenza facendo scendere le quotazioni delle obbligazioni denominate nella propria valuta.

    Lo scenario 2 è tipico degli emergenti che li per lì vanno forte poi i margini di profitto si riducono, il debito estero scricchiola, la valuta vacilla, alzano i tassi e le obbligazioni precipitano seguiti poco dopo dalla moneta stessa giacchè gli effetti delle manovre sui tassi sono spesso di breve periodo.

    Comprando obbligazioni estere entri dentro questo meccanismo da me tratteggiato con estrema semplificazione.

    Quindi diversificare fa sempre bene ma fa attenzione a che "tavolo del poker" ti stai sedendo.

    Ciao

  6. #6

    Data Registrazione
    Dec 2019
    Messaggi
    11
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    4 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Grazie anche da parte mia.
    Ottima spiegazione

  7. #7
    L'avatar di Warren Buffetto
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    2,971
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    1155 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da Lukeblastxx Visualizza Messaggio
    Io sto comprando paesi emergenti con rating minimo investment grade tramite ETF.
    I titoli sono emessi in Dollari Americani, pagamento cedole mensili.

    Dentro c'è un po di tutto, Russia, Qatar, Arabia Saudita, ecc.

    Così facendo spero proteggermi da una eventuale disgregazione Europea, pur mantenendo un rendimento decente e qualità del credito.

    Quality Breakdown
    AAA 0,13 %
    AA 9,34 %
    A 22,17 %
    BBB 67,47 %
    BB 0,00 %
    B 0,00 %
    B ed inferiori 0,00 %
    Senza Rating 0,89 %
    Isin?

  8. #8
    L'avatar di sotomajor
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    1,273
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    454 Post(s)
    Potenza rep
    20594424
    Starei attento alla Norvegia, che con questi prezzi del petrolio il loro bengodi potrebbe scricchiolare...

  9. #9
    L'avatar di balcarlo
    Data Registrazione
    Jan 2002
    Messaggi
    18,064
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    1972 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Citazione Originariamente Scritto da vtt2 Visualizza Messaggio
    Sappiamo tutti che aria tira in Europa, io spero si arrivi a degli accordi e non si spacchi la zona euro ma qualora sarà il caso, pensate possa essere una buona idea comprare titoli di stato di paesi forti ma extra euro ad esempio gli USA ma anche la Norvegia?
    Nell'ambito della diversificazione, in un portafoglio equilibrato, dei titoli di "paesi forti" può sicuramente trovare spazio. Sicuramente non investirei tutto il patrimonio su questi strumenti solo per il timore che si spacchi la zona euro. Considera poi, come ti è stato già scritto, la variabile valutaria che potrebbe erodere se non annullare o peggio ancora, il rendimento già risicato di questi bonds.

  10. #10
    L'avatar di Lukeblastxx
    Data Registrazione
    May 2011
    Messaggi
    2,659
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    980 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da Warren Buffetto Visualizza Messaggio
    Isin?
    IE00BZ163L38

    Come ti sembra?

    Grazie.

Accedi