Venezuela e PDVSA (vol.152) Quota "Aran2" .... il sogno renitente! - Pagina 52
Titoli FAANG e i tanti rischi non riflessi nei prezzi, solo uno è ‘invincibile’ nel lungo periodo
Amazon questa settimana è entrata nel gotha dei titoli da 1,5 trilioni di dollari e non si è fermata con il balzo ieri fino a 1,6 trilioni, tallonando Apple (1,66 …
Programma Biden incombe su Wall Street, rischio listini giù fino a -20%. Gli scenari con lui alla Casa Bianca
Entra nel vivo la campagna elettorale per le presidenziali 2020 negli Stati Uniti con l?annuncio da parte del candidato democratico, l’ex vicepresidente Joe Biden, delle misure da adottare per far …
BTP Futura troppo avaro e complesso per essere amato dagli italiani bramosi di rendimenti. I motivi del mancato boom del bond anti-MES
Gli italiani non hanno fatto la fila per accaparrarsi il nuovo BTP Futura, destinato ai soli risparmiatori retail e che sarà interamente destinato a finanziare misure quali il rafforzamento del …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #511

    Data Registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    3,181
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1523 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da alby$ Visualizza Messaggio
    Contromossa del Cremlino per aggirare le sanzioni a Rosneft! E' una partita a scacchi.
    Si è una partita a scacchi , ma stavolta pare proprio che il re cade .

  2. #512

    Data Registrazione
    Mar 2013
    Messaggi
    29
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    21 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Comunque i titoli venezuela sono trasferibili da banca a banca. Fatto in questa settimana visto che la vecchia mi vuole chiudere conto unilateralmente. Anzi se qualcuno mi può dare delle spiegazioni...la banca non me ne dà..

  3. #513

    Data Registrazione
    Feb 2018
    Messaggi
    853
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    402 Post(s)
    Potenza rep
    0

    Riassuntino

    Nicolás Maduro non si preoccupa del dilemma che rivela il mondo libero: economia o morti per coronavirus. Una falsa dicotomia in cui sembra che il primo sia disumano ed escluda il secondo. Nessun sistema sanitario, indipendentemente dallo sviluppo del Paese, potrebbe tollerare un costante tsunami di pazienti. Semplicemente perché lo scenario attuale non è mai stato immaginato. Tuttavia, ciò non esonera dalla responsabilità coloro che hanno persino dedicato un budget per il benessere della loro popolazione o ridotto al minimo l'epidemia che incombe su COVID-19 da gennaio.

    Al pandemonio di Maduro - collasso economico, sanitario e morale nel mezzo del devastante scoppio - è stato aggiunto il brutale assalto che il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti gli ha dato lo scorso giovedì, quando lo ha accusato formalmente di far parte del Cartello dei soli, un'organizzazione criminale narcoterrorista con legami storici con la Sinaloa messicana. "L'usurpatore ha realizzato il sogno di Pablo Emilio Escobar Gaviria ... di essere contemporaneamente presidente e capo della droga", ha dichiarato rigorosamente un noto intellettuale venezuelano dall'esilio.

    Al di là del confronto, Maduro vede quanto all'improvviso si chiude la sua recinzione. Insieme a lui, furono segnalati altri quattordici papi Chavista, tra cui: Diosdado Cabello, capo dell'Assemblea costituente nazionale; Il generale Hugo Carvajal, ex direttore dell'intelligence militare del Venezuela (DGCIM); Clíver Alcalá, sindaco generale e Tareck El Aissami, ministro dell'industria e della produzione nazionale. Per loro, il mercato azionario che Washington distribuisce per i dati sulle sue attività ammonta a 55 milioni di dollari.

    Curioso. Due ex sospettati di aver cospirato quasi un anno fa contro il Palazzo Miraflores non hanno prezzo, ma sarebbero parte dell'orbita solare descritta dal procuratore generale William Barr. Vladimir Padrino López, il generalissimo che avrebbe inciampato nel dittatore, e Maikel Moreno, la guardia del corpo che inciampò nella presidenza della Corte suprema di giustizia e che poteva dare un'uscita legale a qualsiasi inizio della divisa.

    La preoccupazione dell'erede di Hugo Chávez è sempre più tangibile. A poche ore dalle accuse alla stampa da parte del Dipartimento di Giustizia e della Drug Enforcement Agency (DEA) degli Stati Uniti durante una conferenza stampa, un primo ufficiale militare si offrì rapidamente di collaborare. Lo ha fatto tra teorie cospirative e accuse incrociate. Cliver Alcalá Cordones, questo è lui, ha attraversato il confine colombiano e si è consegnato. Ore dopo, fu messo su un aereo diretto a New York. Il Maggiore Generale ha una memoria prodigiosa e tutto è scritto.

    Un'altra vecchia conoscenza dei pubblici ministeri nordamericani stava elaborando la formula per sedersi anche per parlare con garanzie: si tratta di chi ha gestito i fili dell'intelligence Chavista per quasi 10 anni. L'informazione è ciò che resta di "El Pollo" Carvajal, che rimane nascosto in Spagna in attesa di suggellare un accordo che gli permetta una nuova vita, anche se sicuramente dietro le sbarre. "El Pollo" è quasi caduto ad Aruba nel luglio 2014. Lì era console per Chavismo. La DEA lo ha intercettato e dopo un quadro legale che è durato pochi giorni, è riuscito a tornare a Caracas dove è stato ricevuto come eroe dal suo ex alleato Maduro. È stata una giornata gioiosa. Come i giorni di gloria di Escobar nella sua intima Medellín. Aveva solo bisogno di distribuire dollari ai presenti.

    Nel frattempo, Maduro sta mentendo alla sua popolazione (una mia aggiunta: Maduro alla popolazione, giorni scorsi, "il virus colpisce solo le persone ricche e benestanti) circa l'avanzata del virus minaccioso mentre cerca di impedire a chiunque di scendere in strada. È una missione assurda. Non perché la nascente classe operaia teme per il proprio lavoro, ma perché nessuno deve nutrirsi oltre ciò che segna un orologio. Tranne quelli collegati. Ecco perché il falso dilemma non pesa sull'uomo che afferma di parlare agli uccelli. Il suo sistema sanitario era già in rovina e degradato molto prima che il coronavirus sbarcasse in America Latina. Poco più di un anno fa, ha respinto gli aiuti umanitari internazionali che sarebbero serviti allora per i suoi ospedali emaciati. Ora, senza meta, lo stesso presidente accusa la prima morte confermata di avere il COVID-19 in Venezuela per essere stato colpevole del suo deterioramento mortale. Cinismo illimitato.

    Alla crisi sanitaria, alimentare, di sicurezza, monetaria ed economica, aggiungiamo l'energia che sta per rompersi. Decine di migliaia denunciano una limitazione crescente alla fornitura di benzina e gas propano. Il paese che ha saputo essere il portatore standard di energia nella regione e nel mondo non ruba più una goccia di petrolio greggio per la sua stessa gente. Ecco perché nella disperazione ha supplicato la Russia di assumere il controllo della sua industria: Rosneft ha annunciato la cessazione dell'attività in Venezuela. Non è un duro colpo contro Maduro, ma un bagnino molto pesante. Mosca subentrerà - ora formalmente - all'operazione e sarà quindi in grado di eludere le sanzioni del Tesoro USA e mantenere il massimoporzione del sottosuolo locale. La debolezza e la goffaggine del dittatore ipotecano il futuro del popolo.

    La Cina farà lo stesso: il suo contributo alla lotta contro il coronavirus non sarà gratuito. Ha promesso un ponte aereo con il paese latinoamericano in cambio di forniture per combattere lo sforzo nato a Wuhan, una delle città industriali più prospere del paese orientale. Fa parte del piano di lavaggio delle immagini realizzato dal regime. Quella città, con gran parte della provincia che la contiene e i suoi abitanti, furono i grandi dimenticati dalle autorità quando furono resi pubblici i primi segni di un pericoloso scoppio infettivo.

    La negligenza, l'abbandono e la responsabilità della guida cinese iniziano a essere rimproverati ad alta voce anche in Europa. Josep Borrell, capo della diplomazia dell'Unione, ha affermato che con la "politica di generosità" si deve fare attenzione che una narrazione di vittimizzazione e aiuti internazionali vuole imporre. "Armati di fatti, dobbiamo difendere l'Europa dai suoi detrattori", ha detto, riferendosi alle campagne diffamatorie che il meccanismo di comunicazione del regime ha promosso per mettere in discussione le azioni dell'Italia e della Spagna, per esempio. Si potrebbe aggiungere che basandosi sulle cifre che sono riportato e anche oggi comunicano da Wuhan potrebbe essere il meno ingenuo.

    In questo complesso contesto, Juan Guaidó - il presidente ad interim - ha una storica opportunità a portata di mano per diventare il leader assoluto dei venezuelani. Dovrà convocare tutte le istituzioni nazionali e internazionali per agire insieme e aprire i suoi confini al salvataggio umanitario che inevitabilmente verrebbe a proteggere la popolazione anche se il resto del pianeta sta chiudendo i propri confini per paura di un virus la cui tabella di marcia è ancora un mistero. Guaidó è l'unico che può in qualche modo stabilire una rotta e parlare al popolo venezuelano senza menzogne. "Maduro non ha potuto rifiutare quell'aiuto. È ora che dovresti agire in modo più aggressivo. Lo accompagnerebbero tutti ”, condivide Carlos Sánchez Berzaín, ex ministro boliviano dall'esilio.

    L'unica minaccia che l'avversario ha in vista è l'ultima tentazione della dittatura: arrestarlo. Una valanga di accuse lo ha pesato nelle ultime ore, incoraggiato dalle dichiarazioni di Alcalá, il generale dedicato che dorme già negli Stati Uniti. Sarebbe l'ultima linea rossa di Maduro. Oserai attraversarlo?

    Alla cieca e senza un GPS per guidarli, i leader della regione si bloccarono nei loro confini e decisero di chiudere le loro economie. Come la maggior parte al mondo. Nessuno può rischiare di certo come si svilupperà il virus e se il colpo più duro sulla struttura sanitaria sarà tra una, due o tre settimane. O forse in più di un mese. Ciò che è chiaro è che la produttività sarà gravemente compromessa e che la recessione e la depressione in ciascuno dei settori subiranno il minor numero di volte nella storia. Il risultato di quest'ultimo è noto.
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Venezuela e PDVSA (vol.152) Quota "Aran2" .... il sogno renitente!-opera-snapshot_2020-03-29_110847_www.infobae.com.png  

  4. #514

    Data Registrazione
    Feb 2018
    Messaggi
    853
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    402 Post(s)
    Potenza rep
    0

    Infatti

    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Venezuela e PDVSA (vol.152) Quota "Aran2" .... il sogno renitente!-opera-snapshot_2020-03-29_111842_www.infobae.com.png  

  5. #515
    L'avatar di ninjazzurro
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    1,510
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    645 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da tegolino Visualizza Messaggio
    Comunque i titoli venezuela sono trasferibili da banca a banca. Fatto in questa settimana visto che la vecchia mi vuole chiudere conto unilateralmente. Anzi se qualcuno mi può dare delle spiegazioni...la banca non me ne dà..
    Ciao. Perché la banca vuole chiudere il conto unilateralmente?

    Sta fallendo? Si può sapere che banca è?Grazie

  6. #516

    Data Registrazione
    Mar 2013
    Messaggi
    29
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    21 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da ninjazzurro Visualizza Messaggio
    Ciao. Perché la banca vuole chiudere il conto unilateralmente?

    Sta fallendo? Si può sapere che banca è?Grazie
    Allora riassumo ; deposito titoli circa 500 k ....conto corrente circa 300 k elevata movimentazione acquisti vendite , a gennaio mi convoca il direttore di U e mi dice che la banca vuole recedere .....penso sia uno scherzo. Chiedo motivazioni ma non me ne vengono fornite ....premetto che sono un dipendente e tutto è tracciato....datemi voi una spiegazione.

  7. #517

    Data Registrazione
    Feb 2019
    Messaggi
    40
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    20 Post(s)
    Potenza rep
    3811972
    Citazione Originariamente Scritto da tegolino Visualizza Messaggio
    Allora riassumo ; deposito titoli circa 500 k ....conto corrente circa 300 k elevata movimentazione acquisti vendite , a gennaio mi convoca il direttore di U e mi dice che la banca vuole recedere .....penso sia uno scherzo. Chiedo motivazioni ma non me ne vengono fornite ....premetto che sono un dipendente e tutto è tracciato....datemi voi una spiegazione.
    "U" sta per Unicredit? Io non ho mai sentito nulla del genere. Quando traslocai in un altro comune a 15 km di distanza dal primo spostati anche il conto nella filiale più vicina, fermo restando che si trattava della stessa Banca ricevetti centinaia di telefonate dal direttore che voleva farmi cambiare idea e chiedermi la motivazione.
    Trovo assurdo che una banca decida, unilateralmente la chiusura del conto.
    Sia chiaro Tegolino che non sto mettendo in dubbio le tue parole.

  8. #518

    Data Registrazione
    Apr 2015
    Messaggi
    3,904
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2495 Post(s)
    Potenza rep
    42580219

  9. #519

    Data Registrazione
    Mar 2013
    Messaggi
    29
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    21 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Guarda...è 35 anni che sono cliente e non sono mai andato in scoperto e mai dato peoblemi....se non chiedere condizioni migliori x commissioni ecc ecc , ma sempre in maniera gentile ed educata. Il problema grosso è che non ti danno motivazioni...anche mia moglie che e ' avvocato e rimasta basita......comunque leggendo i contratti possono farlo tranquillamente senza spiegazioni

  10. #520

    Data Registrazione
    Mar 2020
    Messaggi
    76
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    52 Post(s)
    Potenza rep
    0
    E' indubbio che possano recedere, come puoi farlo tu possono farlo anche loro. Non lo chiesero a me che provocavo problemi quasi tutti i giorni. Mai sentita una cosa simile e se non te lo dicono loro non lo può sapere un utente del forum. Sicuramente troverai altre banche con migliori condizioni.

Accedi