BTP ITALIA, tutte le emissioni, caratteristiche, pregi e difetti Vol.12
Musica e finanza: fan in delirio, i BTS sbarcano in Borsa a Seoul con Ipo record ultimi tre anni
I fan sono già in delirio: poter accapparrarsi anche solo un titolo di Big Hit Entertainment, significa per loro avere un pezzo della loro adorata band BTS, avvicinarsi in qualche …
Banche rinascono con sirene M&A da Francia, Banco BPM e Bper regine sul Ftse Mib
Piazza Affari archivia una seduta volatile che ha visto protagoniste in positivo le banche. Il Ftse Mib ha chiuso a -0,12% a 18.906 punti. Gli investitori continuano a guardare con …
Dossier Autostrade, CdP pronta a rompere trattative. Atlantia va avanti verso soluzione di mercato
E ora, dopo mesi di trattative, di discorsi sulla nazionalizzazione di ASPI auspicata dai vari Alessandro Di Battista & Co con tanto di polemiche, dopo gli annunci trionfalistici del M5S …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di Encadenado
    Data Registrazione
    May 2006
    Messaggi
    19,744
    Mentioned
    55 Post(s)
    Quoted
    4052 Post(s)
    Potenza rep
    42949687

    BTP ITALIA, tutte le emissioni, caratteristiche, pregi e difetti Vol.12

    Si prosegue da qua:
    BTP ITALIA, tutte le emissioni, caratteristiche, pregi e difetti Vol.11

    Il primo Titolo di Stato indicizzato all'inflazione italiana

    MEF - Ministero dell'Economia e delle Finanze - Dipartimento del Tesoro - Comunicazioni Emissioni BTP Italia

    Coefficienti di indicizzazione BTP Italia - Dipartimento del Tesoro

    I valori del numero indice FOI nell'ultimo anno.
    Tabella ISTAT pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana

    FAQ BTP ITALIA

    Cos’è il BTP Italia?
    E' un titolo di stato italiano che fornisce all’investitore una protezione contro l’aumento del livello dei prezzi italiani.
    Il BTP Italia garantisce un interesse costante in termini reali, ovvero in termini di potere di acquisto, fissato al momento dell’emissione (il cosiddetto tasso cedolare reale annuo).
    Sia le cedole, pagate semestralmente, che il capitale, la cui rivalutazione viene anch’essa corrisposta semestralmente, sono rivalutati in base all’inflazione italiana, misurata dall’Istat attraverso l’indice nazionale dei prezzi al consumo per famiglie di operai ed impiegati (FOI) con esclusione dei tabacchi.

    Come funziona il meccanismo d'indicizzazione?
    Ogni 6 mesi è riconosciuto al detentore il recupero della perdita del potere di acquisto realizzatasi in quel periodo, attraverso il pagamento della rivalutazione semestrale del capitale sottoscritto. Inoltre, le cedole, anch’esse pagate semestralmente, garantiscono un rendimento minimo costante in termini reali. Infatti, l’ammontare di ciascuna cedola è calcolato moltiplicando la metà del tasso di interesse reale cedolare annuale fisso, stabilito all’emissione, per il capitale sottoscritto rivalutato sulla base dell’inflazione verificatasi su base semestrale. Alla scadenza finale, il BTP Italia garantisce la restituzione del valore nominale sottoscritto.
    Il meccanismo di indicizzazione si basa sul Coefficiente d'Indicizzazione.

    Cos'è il Coefficiente d'Indicizzazione?
    La rivalutazione del capitale nominale sottoscritto e delle cedole avviene attraverso il Coefficiente di Indicizzazione (CI). In particolare, CI è calcolato sulla base dell’inflazione rilevata dall’indice FOI, con esclusione del tabacco, elaborato e pubblicato mensilmente dall’Istat. Tale coefficiente permette di conoscere ad una generica data (giorno “d” del mese “m”), il valore del capitale nominale rivalutato sulla base dell’andamento dei prezzi.
    Il CI è calcolato mediante la seguente formula: CId,m = numero indiced,m/numero indice based,m
    dove il numero indice si intente al giorno d del mese m di pagamento della cedola, mentre per il numero indice base, si intende il numero indice alla data di pagamento della cedola precedente (6 mesi prima). Il valore del Coefficiente di Indicizzazione così ottenuto è troncato alla sesta cifra decimale e arrotondato alla quinta. Nel caso di pagamento della prima cedola, quando la data di godimento della cedola coincide con la data di godimento del titolo, allora si prende come numero indice base del CI quello alla data di godimento del titolo.
    I valori valori giornalieri dei Coefficienti di Indicizzazione sono pubblicati mensilmente sul sito Internet del Debito Pubblico (MEF Dipartimento del Tesoro), nella sezione BTP Italia.

    Come si calcola il numero indice di riferimento?
    Poiché l’indice dei prezzi FOI ex tabacchi viene pubblicato dall’Istat nella seconda metà del mese successivo a quello di riferimento, per calcolare il numero indice dei prezzi ad una generica data (giorno d del mese m) si procede con la seguente modalità di calcolo per interpolazione: Numero Indiced,m = NIfoim-3 + (d-1)/gg * (NIfoim-2 - NIfoim-3)
    dove:
    il numero indice è riferito del giorno d del mese m;
    NIfoim-3 è l’indice FOI ex tabacchi che precede di 3 mesi quello per il quale viene effettuato il calcolo;
    NIfoim-2 è l’indice FOI ex tabacchi che precede di 2 mesi quello per il quale viene effettuato il calcolo;
    d è il giorno del mese per cui si sta effettuando il calcolo;
    gg è il numero di giorni effettivi del mese m.
    Il numero indice alla data di pagamento della cedola è quindi calcolato a partire dagli Indici Istat FOI ex tabacchi relativi a tre mesi e due mesi precedenti il mese per cui si effettua il calcolo. Il valore così ottenuto è troncato alla sesta cifra decimale e arrotondato alla quinta.
    Qualora l’indice dei prezzi dovesse subire revisioni successivamente alla sua iniziale pubblicazione, per i calcoli si continuerà ad utilizzare l’indice pubblicato prima della revisione.
    Qualora l’indice dei prezzi per il mese “m” non dovesse essere pubblicato in tempo utile, si utilizzerà il numero indice sostitutivo (NIS), calcolato mediante la seguente formula:
    NISm = NIfoim-1 * (NIfoim-1 / NIfoim-13)^1/12
    Il Numero Indice Sostitutivo è applicato per la determinazione dei pagamenti per interessi e per il calcolo della rivalutazione del capitale effettuati precedentemente alla pubblicazione dell’indice definitivo. Eventuali pagamenti effettuati sulla base dell’indice sostitutivo non sono rettificati.

    Come vengono calcolate le cedole semestrali e la rivalutazione del capitale su base semestrale?
    L’importo variabile delle cedole semestrali è calcolato moltiplicando il tasso annuo di interesse cedolare reale, diviso due, per il capitale nominale rivalutato alla data di pagamento della cedola (pari al capitale nominale sottoscritto moltiplicato per il Coefficiente di Indicizzazione modificato alla data di pagamento della cedola).
    Cedolat= Tasso cedolare reale annuo /2 * Capitale nominale * Max(CIt, 1)
    dove CIt rappresenta il Coefficiente di Indicizzazione riferito alla data di stacco cedolare, mentre Max(CIt, 1) rappresenta il Coefficiente di Indicizzazione modificato a 1 nel caso in cui il Coefficiente di Indicizzazione semestrale risultasse inferiore all’unità, ovvero nel caso in cui si verifica una riduzione dei prezzi su base semestrale, a cui corrisponderebbe in teoria una svalutazione del capitale, si assume che il numero indice dei prezzi sia uguale a quello del periodo precedente (meccanismo cosiddetto del floor sulla cedola). Di conseguenza, il Coefficiente di Indicizzazione diventa uguale a uno (Coefficiente di Indicizzazione modificato), e quindi viene corrisposto il tasso cedolare reale, che costituisce il rendimento minimo garantito. Nel periodo successivo, qualora il Coefficiente di Indicizzazione su base semestrale ritorni superiore all’unità, si prende come base il numero indice dei prezzi del semestre precedente, purché quest’ultimo sia superiore all’ultimo valore massimo rilevato nei semestri precedenti. Altrimenti la base continuerà ad essere costituita dall’ultimo valore massimo.
    Oltre al pagamento della cedola semestrale, è prevista anche la corresponsione della quota di rivalutazione del capitale nominale sottoscritto, maturata nel semestre di riferimento:
    Rivalutazione Capitaler= Capitale Nominale * Max(CIt-1, 0)
    Nel caso in cui il Coefficiente di Indicizzazione semestrale sia inferiore all’unità, non viene corrisposta alcuna rivalutazione (meccanismo cosiddetto del floor sul capitale). Nel periodo successivo, qualora il Coefficiente di Indicizzazione su base semestrale ritorni superiore all’unità, si prende come base il numero indice dei prezzi del semestre precedente, purché quest’ultimo sia superiore all’ultimo valore massimo rilevato nei semestri precedenti. Altrimenti la base continuerà ad essere costituita dall’ultimo valore massimo.
    Ai fini del pagamento, il risultato ottenuto da ciascuna delle predette operazioni (calcolo cedola e calcolo rivalutazione del capitale), comprensivo di un numero di cifre decimali non inferiore a dieci, è arrotondato al secondo decimale.
    La remunerazione totale semestrale è data quindi dalla somma della cedola più la quota di rivalutazione del capitale del periodo di riferimento:
    Remunerazione semestralet=Cedolat+ Rivalutazione capitalet

    Come vengono calcolati i ratei di compravendita?
    La quotazione dei prezzi dei BTP Italia sul mercato secondario è effettuata in termini “reali”: il prezzo di quotazione, e quindi potenzialmente di scambio, non tiene conto della componente di indicizzazione. Il controvalore a cui lo scambio viene regolato è invece ottenuto moltiplicando il prezzo di quotazione/scambio per il Coefficiente di Indicizzazione relativo alla data di regolamento della transazione a cui vanno aggiunti i dietimi di interesse anch’essi rivalutati per il Coefficiente di Indicizzazione (senza modifiche per tenere conto di una potenziale deflazione nel semestre). La somma del controvalore indicizzato e dei dietimi rivalutati corrisponde alla somma del prezzo “reale” (clean real price) e dei ratei di rivalutazione del capitale (valutato al prezzo “reale” di quotazione sul mercato) e degli interessi cedolari, che vengono illustrati qui di seguito. Per il calcolo dei ratei negoziati sul mercato secondario si segue la convenzione di mercato giorni effettivi/giorni effettivi.
    Il calcolo del rateo cedolare è effettuato in due passi successivi:
    1. Si calcola la quota percentuale della cedola maturata fino alla data di regolamento (AC%):
    AC%=Tasso cedolare reale annuo/2 * giorni competenza/giorni del semestre di godimento
    dove per giorni di competenza si intende il numero di giorni tra la data di pagamento dell’ultima cedola e il giorno di regolamento dell’operazione (giorno “d” del mese “m”).
    2. Si moltiplica il valore ottenuto per il capitale nominale sottoscritto rivalutato alla data di regolamento (pari al Capitale Nominale Sottoscritto moltiplicato per il Coefficiente di Indicizzazione):
    RCd,m = AC% * Capitale nominale * CId,m
    Il rateo della rivalutazione del capitale nel giorno di regolamento dell’operazione (giorno “d” del mese “m”) si calcola nel seguente modo:
    RRCd,m= Capitale Nominale * Pr/100 * (CId,m -1)
    dove Pr indica il prezzo di quotazione sul mercato al momento dello scambio.

    Che cos'è il premio fedeltà CUM?
    Agli investitori non istituzionali che hanno sottoscritto il BtpItalia al collocamento conservandolo fino a scadenza, viene riconosciuto un premio a scadenza pari allo 0,4% lordo del capitale nominale.
    Il BtpItalia dotato di premio fedeltà CUM viene identificato con un codice isin differente dal codice isin standard del medesimo Btp Italia non dotato di premio fedeltà CUM.
    Al collocamento i privati ottengono l'assegnazione automatica del titolo dotato di premio fedeltà CUM. Se il sottoscrittore decide di vendere, totalmente o parzialmente, sul mercato secondario, la quantità nominale che viene venduta subisce la perdita del premio fedeltà e la riassegnazione del codice isin standard.

    Quali sono i BtpItalia attualmente in circolazione?
    Ecco l'elenco in ordine di scadenza. Tra parentesi l'isin del CUM ossia del titolo dotato di bonus a scadenza.
    BTP ITALIA 2014/2020 23/04 1,65% IND IT0005012783 (CUM IT0005012775)
    BTP ITALIA 2014/2020 27/10 1,25% IND IT0005058919 (CUM IT0005058901)
    BTP ITALIA 2018/2022 26/11 1,45% IND IT0005351678 (CUM IT0005351660)
    BTP ITALIA 2015/2023 20/04 0,5% IND IT0005105843 (CUM IT0005105835)
    BTP ITALIA 2017/2023 22/05 0,45% IND IT0005253676 (CUM IT0005253668)
    BTP ITALIA 2017/2023 20/11 0,25% IND IT0005312142 (CUM IT0005312134)
    BTP ITALIA 2016/2024 11/04 0,4% IND IT0005174906 (CUM IT0005174898)
    BTP ITALIA 2016/2024 24/10 0,35% IND IT0005217770 (CUM IT0005217762)
    BTP ITALIA 2018/2026 21/05 0,55% IND IT0005332835 (CUM IT0005332827)
    BTP ITALIA 2019/2027 28/10 0,65% IND IT0005388175 (CUM IT0005388167)
    Ultima modifica di Encadenado; 20-04-20 alle 09:35

  2. #2
    L'avatar di plum
    Data Registrazione
    Sep 2013
    Messaggi
    6,519
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    30 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da Encadenado Visualizza Messaggio
    Ci siamo, per chi intende vendere il mag-26 oggi potrebbe esserci l'occasione. La quotazione è a 101,28 e il mio FV si è mosso pochissimo, è a 101,33.
    Dopodichè, a chi intende rimanere investito nei BtpItalia, consiglio il mag-23 che quota a 101,52 ma, a mia opinione, oggi sarebbe conveniente da comprare fino a 101,72.
    Grazie della disponibilità..

    Questa è classe

  3. #3

    Data Registrazione
    Nov 2015
    Messaggi
    344
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    203 Post(s)
    Potenza rep
    25288871
    Citazione Originariamente Scritto da Encadenado Visualizza Messaggio
    Ci siamo, per chi intende vendere il mag-26 oggi potrebbe esserci l'occasione. La quotazione è a 101,28 e il mio FV si è mosso pochissimo, è a 101,33.
    Dopodichè, a chi intende rimanere investito nei BtpItalia, consiglio il mag-23 che quota a 101,52 ma, a mia opinione, oggi sarebbe conveniente da comprare fino a 101,72.
    grazie anche da parte mia a ENCADENADO per le info date

  4. #4
    L'avatar di fras04
    Data Registrazione
    Sep 2004
    Messaggi
    21,249
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    8523 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da Encadenado Visualizza Messaggio
    Si prosegue da qua:
    BTP ITALIA, tutte le emissioni, caratteristiche, pregi e difetti Vol.11

    Il primo Titolo di Stato indicizzato all'inflazione italiana

    MEF - Ministero dell'Economia e delle Finanze - Dipartimento del Tesoro - Comunicazioni Emissioni BTP Italia

    Coefficienti di indicizzazione BTP Italia - Dipartimento del Tesoro

    I valori del numero indice FOI nell'ultimo anno.
    Tabella ISTAT pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana

    FAQ BTP ITALIA

    Cos’è il BTP Italia?
    E' un titolo di stato italiano che fornisce all’investitore una protezione contro l’aumento del livello dei prezzi italiani.
    Il BTP Italia garantisce un interesse costante in termini reali, ovvero in termini di potere di acquisto, fissato al momento dell’emissione (il cosiddetto tasso cedolare reale annuo).
    Sia le cedole, pagate semestralmente, che il capitale, la cui rivalutazione viene anch’essa corrisposta semestralmente, sono rivalutati in base all’inflazione italiana, misurata dall’Istat attraverso l’indice nazionale dei prezzi al consumo per famiglie di operai ed impiegati (FOI) con esclusione dei tabacchi.

    Come funziona il meccanismo d'indicizzazione?
    Ogni 6 mesi è riconosciuto al detentore il recupero della perdita del potere di acquisto realizzatasi in quel periodo, attraverso il pagamento della rivalutazione semestrale del capitale sottoscritto. Inoltre, le cedole, anch’esse pagate semestralmente, garantiscono un rendimento minimo costante in termini reali. Infatti, l’ammontare di ciascuna cedola è calcolato moltiplicando la metà del tasso di interesse reale cedolare annuale fisso, stabilito all’emissione, per il capitale sottoscritto rivalutato sulla base dell’inflazione verificatasi su base semestrale. Alla scadenza finale, il BTP Italia garantisce la restituzione del valore nominale sottoscritto.
    Il meccanismo di indicizzazione si basa sul Coefficiente d'Indicizzazione.

    Cos'è il Coefficiente d'Indicizzazione?
    La rivalutazione del capitale nominale sottoscritto e delle cedole avviene attraverso il Coefficiente di Indicizzazione (CI). In particolare, CI è calcolato sulla base dell’inflazione rilevata dall’indice FOI, con esclusione del tabacco, elaborato e pubblicato mensilmente dall’Istat. Tale coefficiente permette di conoscere ad una generica data (giorno “d” del mese “m”), il valore del capitale nominale rivalutato sulla base dell’andamento dei prezzi.
    Il CI è calcolato mediante la seguente formula: CId,m = numero indiced,m/numero indice based,m
    dove il numero indice si intente al giorno d del mese m di pagamento della cedola, mentre per il numero indice base, si intende il numero indice alla data di pagamento della cedola precedente (6 mesi prima). Il valore del Coefficiente di Indicizzazione così ottenuto è troncato alla sesta cifra decimale e arrotondato alla quinta. Nel caso di pagamento della prima cedola, quando la data di godimento della cedola coincide con la data di godimento del titolo, allora si prende come numero indice base del CI quello alla data di godimento del titolo.
    I valori valori giornalieri dei Coefficienti di Indicizzazione sono pubblicati mensilmente sul sito Internet del Debito Pubblico (MEF Dipartimento del Tesoro), nella sezione BTP Italia.

    Come si calcola il numero indice di riferimento?
    Poiché l’indice dei prezzi FOI ex tabacchi viene pubblicato dall’Istat nella seconda metà del mese successivo a quello di riferimento, per calcolare il numero indice dei prezzi ad una generica data (giorno d del mese m) si procede con la seguente modalità di calcolo per interpolazione: Numero Indiced,m = NIfoim-3 + (d-1)/gg * (NIfoim-2 - NIfoim-3)
    dove:
    il numero indice è riferito del giorno d del mese m;
    NIfoim-3 è l’indice FOI ex tabacchi che precede di 3 mesi quello per il quale viene effettuato il calcolo;
    NIfoim-2 è l’indice FOI ex tabacchi che precede di 2 mesi quello per il quale viene effettuato il calcolo;
    d è il giorno del mese per cui si sta effettuando il calcolo;
    gg è il numero di giorni effettivi del mese m.
    Il numero indice alla data di pagamento della cedola è quindi calcolato a partire dagli Indici Istat FOI ex tabacchi relativi a tre mesi e due mesi precedenti il mese per cui si effettua il calcolo. Il valore così ottenuto è troncato alla sesta cifra decimale e arrotondato alla quinta.
    Qualora l’indice dei prezzi dovesse subire revisioni successivamente alla sua iniziale pubblicazione, per i calcoli si continuerà ad utilizzare l’indice pubblicato prima della revisione.
    Qualora l’indice dei prezzi per il mese “m” non dovesse essere pubblicato in tempo utile, si utilizzerà il numero indice sostitutivo (NIS), calcolato mediante la seguente formula:
    NISm = NIfoim-1 * (NIfoim-1 / NIfoim-13)^1/12
    Il Numero Indice Sostitutivo è applicato per la determinazione dei pagamenti per interessi e per il calcolo della rivalutazione del capitale effettuati precedentemente alla pubblicazione dell’indice definitivo. Eventuali pagamenti effettuati sulla base dell’indice sostitutivo non sono rettificati.

    Come vengono calcolate le cedole semestrali e la rivalutazione del capitale su base semestrale?
    L’importo variabile delle cedole semestrali è calcolato moltiplicando il tasso annuo di interesse cedolare reale, diviso due, per il capitale nominale rivalutato alla data di pagamento della cedola (pari al capitale nominale sottoscritto moltiplicato per il Coefficiente di Indicizzazione modificato alla data di pagamento della cedola).
    Cedolat= Tasso cedolare reale annuo /2 * Capitale nominale * Max(CIt, 1)
    dove CIt rappresenta il Coefficiente di Indicizzazione riferito alla data di stacco cedolare, mentre Max(CIt, 1) rappresenta il Coefficiente di Indicizzazione modificato a 1 nel caso in cui il Coefficiente di Indicizzazione semestrale risultasse inferiore all’unità, ovvero nel caso in cui si verifica una riduzione dei prezzi su base semestrale, a cui corrisponderebbe in teoria una svalutazione del capitale, si assume che il numero indice dei prezzi sia uguale a quello del periodo precedente (meccanismo cosiddetto del floor sulla cedola). Di conseguenza, il Coefficiente di Indicizzazione diventa uguale a uno (Coefficiente di Indicizzazione modificato), e quindi viene corrisposto il tasso cedolare reale, che costituisce il rendimento minimo garantito. Nel periodo successivo, qualora il Coefficiente di Indicizzazione su base semestrale ritorni superiore all’unità, si prende come base il numero indice dei prezzi del semestre precedente, purché quest’ultimo sia superiore all’ultimo valore massimo rilevato nei semestri precedenti. Altrimenti la base continuerà ad essere costituita dall’ultimo valore massimo.
    Oltre al pagamento della cedola semestrale, è prevista anche la corresponsione della quota di rivalutazione del capitale nominale sottoscritto, maturata nel semestre di riferimento:
    Rivalutazione Capitaler= Capitale Nominale * Max(CIt-1, 0)
    Nel caso in cui il Coefficiente di Indicizzazione semestrale sia inferiore all’unità, non viene corrisposta alcuna rivalutazione (meccanismo cosiddetto del floor sul capitale). Nel periodo successivo, qualora il Coefficiente di Indicizzazione su base semestrale ritorni superiore all’unità, si prende come base il numero indice dei prezzi del semestre precedente, purché quest’ultimo sia superiore all’ultimo valore massimo rilevato nei semestri precedenti. Altrimenti la base continuerà ad essere costituita dall’ultimo valore massimo.
    Ai fini del pagamento, il risultato ottenuto da ciascuna delle predette operazioni (calcolo cedola e calcolo rivalutazione del capitale), comprensivo di un numero di cifre decimali non inferiore a dieci, è arrotondato al secondo decimale.
    La remunerazione totale semestrale è data quindi dalla somma della cedola più la quota di rivalutazione del capitale del periodo di riferimento:
    Remunerazione semestralet=Cedolat+ Rivalutazione capitalet

    Come vengono calcolati i ratei di compravendita?
    La quotazione dei prezzi dei BTP Italia sul mercato secondario è effettuata in termini “reali”: il prezzo di quotazione, e quindi potenzialmente di scambio, non tiene conto della componente di indicizzazione. Il controvalore a cui lo scambio viene regolato è invece ottenuto moltiplicando il prezzo di quotazione/scambio per il Coefficiente di Indicizzazione relativo alla data di regolamento della transazione a cui vanno aggiunti i dietimi di interesse anch’essi rivalutati per il Coefficiente di Indicizzazione (senza modifiche per tenere conto di una potenziale deflazione nel semestre). La somma del controvalore indicizzato e dei dietimi rivalutati corrisponde alla somma del prezzo “reale” (clean real price) e dei ratei di rivalutazione del capitale (valutato al prezzo “reale” di quotazione sul mercato) e degli interessi cedolari, che vengono illustrati qui di seguito. Per il calcolo dei ratei negoziati sul mercato secondario si segue la convenzione di mercato giorni effettivi/giorni effettivi.
    Il calcolo del rateo cedolare è effettuato in due passi successivi:
    1. Si calcola la quota percentuale della cedola maturata fino alla data di regolamento (AC%):
    AC%=Tasso cedolare reale annuo/2 * giorni competenza/giorni del semestre di godimento
    dove per giorni di competenza si intende il numero di giorni tra la data di pagamento dell’ultima cedola e il giorno di regolamento dell’operazione (giorno “d” del mese “m”).
    2. Si moltiplica il valore ottenuto per il capitale nominale sottoscritto rivalutato alla data di regolamento (pari al Capitale Nominale Sottoscritto moltiplicato per il Coefficiente di Indicizzazione):
    RCd,m = AC% * Capitale nominale * CId,m
    Il rateo della rivalutazione del capitale nel giorno di regolamento dell’operazione (giorno “d” del mese “m”) si calcola nel seguente modo:
    RRCd,m= Capitale Nominale * Pr/100 * (CId,m -1)
    dove Pr indica il prezzo di quotazione sul mercato al momento dello scambio.

    Che cos'è il premio fedeltà CUM?
    Agli investitori non istituzionali che hanno sottoscritto il BtpItalia al collocamento conservandolo fino a scadenza, viene riconosciuto un premio a scadenza pari allo 0,4% lordo del capitale nominale.
    Il BtpItalia dotato di premio fedeltà CUM viene identificato con un codice isin differente dal codice isin standard del medesimo Btp Italia non dotato di premio fedeltà CUM.
    Al collocamento i privati ottengono l'assegnazione automatica del titolo dotato di premio fedeltà CUM. Se il sottoscrittore decide di vendere, totalmente o parzialmente, sul mercato secondario, la quantità nominale che viene venduta subisce la perdita del premio fedeltà e la riassegnazione del codice isin standard.

    Quali sono i BtpItalia attualmente in circolazione?
    Ecco l'elenco in ordine di scadenza. Tra parentesi l'isin del CUM ossia del titolo dotato di bonus a scadenza.
    BTP ITALIA 2014/2020 23/04 1,65% IND IT0005012783 (CUM IT0005012775)
    BTP ITALIA 2014/2020 27/10 1,25% IND IT0005058919 (CUM IT0005058901)
    BTP ITALIA 2018/2022 26/11 1,45% IND IT0005351678 (CUM IT0005351660)
    BTP ITALIA 2015/2023 20/04 0,5% IND IT0005105843 (CUM IT0005105835)
    BTP ITALIA 2017/2023 22/05 0,45% IND IT0005253676 (CUM IT0005253668)
    BTP ITALIA 2017/2023 20/11 0,25% IND IT0005312142 (CUM IT0005312134)
    BTP ITALIA 2016/2024 11/04 0,4% IND IT0005174906 (CUM IT0005174898)
    BTP ITALIA 2016/2024 24/10 0,35% IND IT0005217770 (CUM IT0005217762)
    BTP ITALIA 2018/2026 21/05 0,55% IND IT0005332835 (CUM IT0005332827)
    sottoscrivo il nuovo 3d

  5. #5
    L'avatar di Jumpy72
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Messaggi
    2,094
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    502 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    dopo che borghi / selfini si sono auto-tacitati e dimmaio è alle prese con le ripetizioni di inglese, dovrebbero riprendere regolarmente con le emissioni dei btp italia -- vista l'aria che tira ci starebbe bene un 8 anni con cedola super- mini allo 0,xx

    potrebbe essere un'opportunità di questi tempi - vedremo

  6. #6

    Data Registrazione
    Jan 2015
    Messaggi
    272
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    105 Post(s)
    Potenza rep
    858999
    Citazione Originariamente Scritto da Encadenado Visualizza Messaggio
    Ci siamo, per chi intende vendere il mag-26 oggi potrebbe esserci l'occasione. La quotazione è a 101,28 e il mio FV si è mosso pochissimo, è a 101,33.
    Dopodichè, a chi intende rimanere investito nei BtpItalia, consiglio il mag-23 che quota a 101,52 ma, a mia opinione, oggi sarebbe conveniente da comprare fino a 101,72.
    Ciao e quello di nov 22 che dici, oggi circa a 105
    Grazie se vorrai rispondere

  7. #7

    Data Registrazione
    Jun 2016
    Messaggi
    414
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    213 Post(s)
    Potenza rep
    20153942
    anche per me il nov 22 è in rampa di lancio.....ma il maestro Enca che dice....????

  8. #8
    L'avatar di mirkosalva
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    11,752
    Mentioned
    28 Post(s)
    Quoted
    5646 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Follower

  9. #9

    Data Registrazione
    Mar 2019
    Messaggi
    91
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    42 Post(s)
    Potenza rep
    794638
    Secondo voi il Mg 26 conviene venderlo per il prezzo raggiunto o continuare a tenere con la speranza di crescita inflazione anche se non nel breve periodo. Preciso che non ho necessità della somma investita. Ogni vostra analisi è ben gradita. Grazie a tutti e scusate se insisto con la stessa domanda.

  10. #10

    Data Registrazione
    Jan 2011
    Messaggi
    1,673
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    86 Post(s)
    Potenza rep
    30893974
    Citazione Originariamente Scritto da Gash 2 Visualizza Messaggio
    Secondo voi il Mg 26 conviene venderlo per il prezzo raggiunto o continuare a tenere con la speranza di crescita inflazione anche se non nel breve periodo. Preciso che non ho necessità della somma investita. Ogni vostra analisi è ben gradita. Grazie a tutti e scusate se insisto con la stessa domanda.
    Conviene vendere,almeno che tu credi possa salire di qualche altro tick.Considera che la cedola lorda è lo 0,55%,che ci paghi il 12,50% sulla cedola,e che paghi anche lo 0,2% di imposta di bollo annuale.In questo momento quota 101,25.L'inflazione,alla luce del nuovo Qe e delle proiezioni future,è ancora lontana dal target del 2%.Se con la plusvalenza maturata ti parcheggi su un contodeposito che ti dà l'1% lordo (netto 0,74%) comunque ottieni un ulteriore rendimento e ti preservi da un rischio (remoto attualmente) di eventuale selloff.Io l'avevo acquistato in asta e l'ho venduto sulle parole di Draghi a 100,66.E sono contento perchè comunque mi sono ritrovato ad avere quasi il 13% di perdita virtuale,e avere chiuso in guadagno dopo 1 anno e 4 mesi la posizione,è comunque per me un successo:tra cedole e gain da vendita ci ho fatto circa il 2,50% netto,che non è poco,visto che ne avevo parecchi in portafoglio.Ognuno poi valuta con la propria testa e col proprio take profit.Sicuramente nessuno scommetteva che in meno di 3 mesi saremmo usciti da un incastro durato più di un anno.Buon gain a tutti

Accedi