Vivere di rendita, posso (Vol. XV)? - Pagina 56
Fuga dal progetto Libra, buona o cattiva notizia per il Bitcoin?
Prima PayPal e poi a seguire a ruota Visa, Mastercard, eBay, Stripe, Mercado Pago e da ultimo Booking.com. Sta collezionando una defezione dietro l?altra il progetto Libra, la moneta virtuale …
Carrellata bilanci dal colossi di Wall Street: JP Morgan vince prima battaglia contro virata dovish Fed
Il margine di interesse netto di JP Morgan ce la fa, e cresce a dispetto della virata dovish della Federal Reserve: è in questo parametro (sigla NNI: net interest income) …
Umiliazione per l’ex star dei gestori: fine dei giochi per il fondo flagship di Neil Woodford
All'apice della sua storia, il fondo Woodford Equity Income Fund contava asset per un valore superiore a 10 miliardi di sterline. Ora vale appena 3,1 miliardi di sterline, e gli …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #551

    Data Registrazione
    Apr 2018
    Messaggi
    491
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    322 Post(s)
    Potenza rep
    20125447
    Citazione Originariamente Scritto da Mirtosardo Visualizza Messaggio
    Guarda probabilmente voi che scrivete in questo topic siete tutti nordici
    Avete delle idee strane su come sia l'italia fuori dalla circonvallazione
    Mi fate pensare quando dite ad utenti che vogliono provare un downshifting che sia impossibile, forse perchè le vostre idee sono molto distanti dalle mie.
    Io onestamente non so quanto guadagnate, se lo facciate onestamente o meno, se avete avuto attività già avviate, se siete dei super professionisti in ciò che fate. Ovviamente qua sopra non ci scrive la casalinga di voghera od il fabbro di pizzo calabro, quindi ovviamente già il tenore economico penso sia sopra la media.
    Cosa vuol dire chi è povero? Essere povero si basa sullo stipendio? Da cosa lo giudichi? Mia madre era insegnante, era povera quindi? Forse sì, lavorava ma di famiglia era ricca

    Concludo dicendo che voi da bravi milanesi rabbrividite se sentite parlare di ral sotto i 32k, vivere con 800 euro al mese, oppure smettere di lavorare ( onta da lavare con il sangue della prossima gènia)
    Io dove vivo, provincia di pistoia, località montecatini terme il reddito medio è di 13.356 eur (anno 2016), e mi sembra che qua nessuno muoia di fame. Siamo tutti poveri a Pistoia? Sentendo voi sì, viviamo con poco più di 1000 al mese, cui detrarre il mutuo oppure l'affitto e togliere le spese legate al lavoro.

    Io non prendo ad esempio chi è povero!! Io vivo in un contesto che forse è povero, quindi mi adeguo a quello, il mio riferimento diventano i 1300 al mese, e baso la quotidianità su quello. So che se avessi lavorato in questa provincia, anche il mio reddito sarebbe stato più o meno quello, forse un pochino di più, ma niente di eccelso.
    Quindi provate a pensare a latere, non stiamo tutti a milano, non tutti abbiamo i super lavori appaganti che svolgete voi, non tutti prendiamo la metro con le palle sudate alle 18, non tutti facciamo mutui da 30 anni per bilocali in palazzoni, non tutti siamo ingegneri, non tutti amiamo il nostro lavoro
    doverosamente bollato!

  2. #552
    L'avatar di bigmad
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    25,790
    Mentioned
    143 Post(s)
    Quoted
    6784 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da wolfbalck Visualizza Messaggio
    uno che vuole vivere di rendita non vuole migliorare lavorativamente parlando non ne sente l'esigenza.
    Ma si… ripeto, le mie osservazioni non erano rivolte a Bob… semmai a tutti quelli che pensano/consigliano di poter "ridurre il lavoro" a piacere.
    Come se si trattasse di una "punizione" da poter prendere a piacere e in piccole dosi… purtroppo non è così e il lavoro si prende normalmente in dosi giornaliere non inferiori a 8 ore.
    A meno di casi rari che io non conosco, da imprenditore è infatti un'utopia pensare di ridurre la quantità, generalmente perché entri in un ingranaggio per cui sei portato ad aumentare sempre di più (anche per paura che all'improvviso manchi) e da dipendente pure, se fai un lavoro con un minimo di responsabilità e non lavori in una multinazionale dove ti concedono il part time o il telelavoro.
    Tutto qui...

  3. #553
    L'avatar di ghibli_70
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Messaggi
    2,943
    Mentioned
    10 Post(s)
    Quoted
    800 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da Mirtosardo Visualizza Messaggio
    So che se avessi lavorato in questa provincia, anche il mio reddito sarebbe stato più o meno quello, forse un pochino di più, ma niente di eccelso.
    ...
    Invece, se non sono indiscreto, dove lavori?
    (sto in Centro Italia e qui vedo una situazione anche peggiore di quella che descrivi te: con l'aggiunta che il lavoro non c'è e son più le aziende che chiudono che quelle che assumono).

  4. #554

    Data Registrazione
    Jan 2018
    Messaggi
    1,295
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    883 Post(s)
    Potenza rep
    37748652
    Citazione Originariamente Scritto da Braid Visualizza Messaggio
    Io risparmio circa l'80% delle mie entrate e la mia ragazza, con la quale convivo, non ha nulla da ridire. Penso sia sufficiente avere uno stile di vita comodo indipendentemente da quanto poi avanza.
    Braid, te pigli un bel po' di grana!! E inoltre non puoi spendere perchè lavori tutto il dì!!!

    Scherzi a parte mi riferivo ad una possibile situazione dove (salari netti) parliamo di divari importanti (butto un esempio: 5-10000 + 1200).
    Quando si forma la famiglia si trovano le prime situazioni che andranno a inficiare l'equilibrio:
    - casa: sarà dura far accettare un acquisto di una casa/elettrodomestico/ecc. di fascia economica di fronte a quei redditi
    - figli: scuole di pregio, corsi vari, esperienze, sport, università.. quanti riuscirebbero a resistere?
    - singoli casi specifici: hobbies, vacanze, automobile, vestiario, ecc. ecc. diventa problematico da gestire.

    Se l'ultimo caso è quello più semplice da gestire, gli altri lo sono meno.
    Sia chiaro che non dico che non sia legittimo risparmiare per uscire dal lavoro (anzi!) dico solo che è molto semplice SOLO se tutto il nucleo familiare è allineato per l'obbiettivo.
    Ultima modifica di cecc88; 15-05-19 alle 22:54

  5. #555
    L'avatar di Mirtosardo
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    331
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    264 Post(s)
    Potenza rep
    21425394
    Citazione Originariamente Scritto da ghibli_70 Visualizza Messaggio
    Invece, se non sono indiscreto, dove lavori?
    (sto in Centro Italia e qui vedo una situazione anche peggiore di quella che descrivi te: con l'aggiunta che il lavoro non c'è e son più le aziende che chiudono che quelle che assumono).
    Ciao ghibli, io non lavoro nel senso canonico del termine, la sorte mi ha permesso di ereditare un discreto patrimonio precocemente, però l'ho pagata duramente in termini affettivi.
    Le mie entrate quindi non si basano sul lavoro, in realtà ho conservato una piccola attività ( 50k annui) di mio padre, di base a Genova, basata sull'import di carta&semilavorati dal Bangladesh, ma ormai l'attività è assolutamente avviata, quindi totalmente autonoma, in più è rimasto l'ex socio che si occupa del grosso, e che quindi ovviamente si prende la fetta più grossa.

    Detto ciò, ho conservato anche una casa in sardegna, che d'estate affitto pressochè continuamente, e verso fine maggio mi trasferisco sull'isola in barca a vela, offrendo servizio skipper e gite in barca, ormai mi sono fatto il mio giro e sento la sardegna come una seconda casa.

    La mia compagna invece lavora nel turismo ad "alto" livello, solo incoming, in particolare gruppi ovviamente esteri

    Centro italia la situazione è dura, anche qua da me, in città termale vocata al turismo si sta tirando parecchio la cinghia, non decolla davvero niente. Tentare la libera professione è dura, se non hai le spalle davvero larghe o qualcuno che ti introduca. Più che altro, si respira davvero tanto pessimismo, l'altro giorno a cena con grosso notaio locale, amico di famiglia, mi confidava che tirano avanti solo grazie alle aste immobiliari. Stesso discorso fattomi pochi giorni prima da padre del mio migliore amico, ing. edile, ridotto ormai a setacciare le aste fallimentari per comprare, ristrutturare e detrarre

  6. #556

    Data Registrazione
    Apr 2019
    Messaggi
    3,979
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2159 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da OrsoYogi Visualizza Messaggio
    Buonasera signori.

    È sempre un piacere leggervi.

    Buona serata.

  7. #557

    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    2,534
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    603 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Un giovane avvocato che lavora partime ho forti dubbi che qualcuno possa prenderlo in seria considerazione ! Mentre per un professionista rinomato e stimato con una lunga carriera , credo che sia fattibilissimo .
    Il partime lo possono fare i dipendenti , non chi lavora in proprio

  8. #558

    Data Registrazione
    Mar 2019
    Messaggi
    273
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    126 Post(s)
    Potenza rep
    0
    La butto lì, visto il toto professione di @bobsinclair : avvocato su tematiche brevettuali ?

    Ne ho incontrati due nella mia vita professionale, per una causa tra aziende: uno era più l'avvocato legalese, l'altro che analizzava gli aspetti tecnici alla caccia dei cavilli (le famose rivendicazioni, tecnica nota, ecc. ecc.) , e lavoravano in tandem..... e mi sembrarono veramente caz.zuti.

  9. #559

    Data Registrazione
    Mar 2019
    Messaggi
    273
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    126 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Il lavoro dipendente è una medicina amara da assumere con moderazione, sopratutto vicino ai 50 anni. Il libero professionista si spera sia veramente libero
    Ultima modifica di psicopompo; 15-05-19 alle 18:50

  10. #560

    Data Registrazione
    Jan 2018
    Messaggi
    519
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    453 Post(s)
    Potenza rep
    35905841
    Citazione Originariamente Scritto da smw85 Visualizza Messaggio
    Adesso mi imbestialisco. Vivere di rendita dovrebbe corrispondere all'indipendenza finanziaria e quindi al vivere senza condizionamenti.
    Invece per molti qui dentro vivere di rendita è concepito come un vivere all'insegna del condizionamento, lavo i pannolini perchè costa meno, vado a comprare la carne in scadenza al discount, non viaggio perchè costa, vado a piedi perchè l'assicurazione auto costa...e via dicendo. Un pensiero continuo su come arrabattare la giornata. Secondo me chi la pensa cosi ha travisato parecchie cose oppure accelera i tempi, vuole semplicemente non lavorare e campicchiare con un capitale insufficiente.

    Fesserie sul fatto che vivere con due soldi o vivere comodi è lo stesso. Io ho un problema cronico con la schiena e 4 anni di guida della Punto non mi hanno aiutato tant'è che sono dal fisioterapista ogni settimana da quasi 2 anni (vi lascio immaginare i costi). Avrei sicuramente risparmiato i costi del fisioterapista e non avrei aggravato il problema guidando un auto più comoda, auto che acquisterò a breve ma che ovviamente non costa come la Punto, ed un motivo c'è: che la qualità costa, si paga e migliora la qualità della vita. Questo mettetevelo bene in mente e non autoingannatevi dicendo il contrario. Qualcuno saggiamente diceva, più spendi e meno spendi. Gli imprevisti sembra non facciano parte della vita dei nostri amici che pretendono di vivere di rendita con due soldi. L'anno scorso il garage di un mio condomino ha preso fuoco danneggiando sia le parti comuni che anche il garage mio e degli altri condomini. Il soggetto ovviamente si dichiara quasi nullatenente e piange miseria, risultato: ho sborsato 11k in un colpo per la riparazione del mio garage e per le parti comuni in solido con gli altri condomini. Chi me li restituisce? Forse il soggetto responsabile con cui però siamo in causa. Causa che ovviamente durerà ennemila anni, nel frattempo io ho sborsato 11k.

    Ma nella vita dei nostri amici "si vive benissimo con 800€/mese" gli imprevisti ovviamente non esistono e i costi sono da riassumersi solo in poche voci, acqua, luce, gas, cibo. Cosi come le ristrutturazioni e i rinnovi dell'abitazione non si fanno, si può benissimo mettere scotch e stucchi e vivere in una grotta. Perchè vivere in 100mq se bastano 40mq e un letto per dormire? Nessuno probabilmente scorge una differenza abissale nella qualità della vita di una persona che vive un un buco e un'altra che vive in 100mq...spazi meglio organizzati, più luce, maggiore funzionalità, maggiore libertà. Io ho vissuto in entrambi e non c'è paragone e lo dico da assoluto minimalista, non accumulo oggetti, vivo con quattro cose essenziali ma la differenza di qualità della vita è evidente. I viaggi non si fanno! Costano e c'è il rischio di acculturarsi troppo e magari vedere che c'è qualcuno che vive meglio di noi.

    Perdonameti ma vivere come dite voi oltre che offensivo del proprio intelletto e autolesionista e anche poco rispettoso della vita stessa, mi sembra un trascinarsi avanti in una vita gretta fatta di conticini al risparmio. E poi sempre a dare contro il lavorare come se fosse un male assoluto, molti di voi semplicemente non vogliono lavorare e gli basta arrabattare due soldi per tirare a campare. Qui di esempi di persone che vivono di rendita ci sono, uno su tutti @waltermasoni , @OrsoYogi e altri che sicuramente non hanno impostato il suo discorso sul "tirare a campare senza lavorare" che poi dovrebbe essere il vero titolo di questo thread.
    E' uno dei miei divertimenti preferiti, dopo camminare a piedi o usare la bici, andare a caccia di alimenti super scontati vicinissimi alla data di scadenza. Quest'anno conto di spendere meno dei canonici 16k (esclusa retta asilo nido) per le spese ordinarie con casa di proprietà. Punto di stare sotto ai 15k. Non si tratta di risparmio forzato visto che non riesco a trovare nulla (che costi economicamente) che vorrei in più di quello che ho già.

Accedi