Salini Impregilo S.p.A. 1.75% 2024 isin XS1707063589 - Pagina 104
Borsa di Milano aggiorna massimi 2019, volano le banche, Nexi e Ferrari
Le banche trascinano anche oggi Piazza Affari a una chiusura positiva. Il Ftse Mib è andato a chiudere a 22.428 punti (+0,28%) sui nuovi massimi anni. Ieri il balzo di …
Bill Gross: addio bond, meglio le azioni ad alto dividendo. Ecco le italiane con cedole più generose
Meglio investire in bond o in azioni? Coi tassi d?interesse vicini allo zero, i rendimenti obbligazionari ?investment grade? e dei titoli di stato si sono assottigliati a tal punto che …
Moncler si mette alle spalle il rischio Cina, coro di Buy dagli analisti in attesa della trimestrale 
Moncler cerca di mettersi alle spalle le difficoltà in Borsa negli ultimi mesi dettate principalmente dai timori per le ripercussioni delle tensioni a Hong Kong. Le quotazioni hanno recuperato i …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1031

    Data Registrazione
    Jun 2016
    Messaggi
    10,459
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    5962 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da CharlieRoma Visualizza Messaggio
    @andrea: grazie mille! Complimenti per il pmc.

    @Prudens: no non ci sto sopra, ma è una delle poche che monitoro con reale interesse, come anche: incremento Ifis, Cattolica, UnipolSai, Banco BPM 27, Matusalemme 67, Generali 48, Salini 24 (la 21 mi interessa meno invece).
    Che collezione Charlie
    Saluti anche a Bergman

  2. #1032
    L'avatar di alveare
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    2,547
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    783 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    FINALMENTE stornano le salini, la 2021 in area 101 rende il 3,15%, non male ...duration bassa; la 2024 oggi in area 90 rende il 4% (era arrivata a 92,5 circa se ben ricordo due-tre settimane fa') ...entrambe da seguire....

  3. #1033
    L'avatar di Bergman75
    Data Registrazione
    May 2010
    Messaggi
    1,668
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1033 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da alveare Visualizza Messaggio
    FINALMENTE stornano le salini, la 2021 in area 101 rende il 3,15%, non male ...duration bassa; la 2024 oggi in area 90 rende il 4% (era arrivata a 92,5 circa se ben ricordo due-tre settimane fa') ...entrambe da seguire....
    Il mio lotto da trading l'avevo venduto ieri a 91,03 (briciolando 800€ ...oramai di sti tempi bisogna accontentarsi) ho provato a ricomprare oggi senza esito.
    La 24 è scesa nel pomeriggio con due scarichi da 7 e 6 lotti.

  4. #1034
    L'avatar di Kartman
    Data Registrazione
    Feb 2000
    Messaggi
    4,179
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    1275 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    la 21 ora è ottima, difensiva ...21 mesi al 3,15% ...non dovrebbe avere molte oscillazioni... se non salta Salini.

  5. #1035

    Data Registrazione
    Jun 2016
    Messaggi
    10,459
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    5962 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da Kartman Visualizza Messaggio
    la 21 ora è ottima, difensiva ...21 mesi al 3,15% ...non dovrebbe avere molte oscillazioni... se non salta Salini.
    dai Kartman, non gufare

  6. #1036
    L'avatar di Kartman
    Data Registrazione
    Feb 2000
    Messaggi
    4,179
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    1275 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Citazione Originariamente Scritto da Prudens Visualizza Messaggio
    dai Kartman, non gufare
    Dopo tutto quello che è successo mi sembra un tantinello difficile che salti

  7. #1037
    L'avatar di jackbond
    Data Registrazione
    Nov 2015
    Messaggi
    554
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    179 Post(s)
    Potenza rep
    17782783
    Confindustria demolisce il salvataggio di Salini Impregilo e Astaldi

    Ecco come Confindustria demolisce il salvataggio di Salini Impregilo e Astaldi
    di Manola Piras

    Salini Impregilo
    Le ultime novità e le ultime polemiche su Salini Impregilo, Astaldi e Progetto Italia. Con la replica di Buffagni, viceministro M5s allo Sviluppo economico



    C’è tensione fra i costruttori italiani, riuniti nella confindustriale Ance, e Salini Impregilo, il gruppo industriale leader nazionale nelle grandi opere alle prese con un delicato passaggio e annesso salvataggio pubblico.

    Oggetto del contendere è Progetto Italia, il futuro maxi polo delle costruzioni – questo l’obiettivo di Salini e non solo – che parte dal salvataggio di Astaldi per allargarsi a grandi imprese del settore in difficoltà.

    Il tutto insieme a Cassa depositi e prestiti, che supporta l’operazione attraverso Cdp Equity, società controllata dalla Cassa (posseduta da Tesoro e fondazioni bancarie).

    Per annettere Astaldi, Salini Impregilo deve procedere a un aumento di capitale da 600 milioni che sarà varato dall’assemblea degli azionisti, in programma venerdì 4 ottobre.

    L’allarme dell’Ance risuona da tempo: Progetto Italia – sostiene l’associazione di Confindustria – rischia di destabilizzare il settore in un Paese come il nostro, in cui non esiste un mercato adeguato.

    Grande perplessità, inoltre, desta la presenza di Cdp che renderebbe difficile la concorrenza. “L’Ance – ha chiarito il presidente Gabriele Buia in un’intervista all’Adnkronos – ha il diritto-dovere di tutelare tutte le imprese”.

    COS’HA DETTO IL VICEMINISTRO BUFFAGNI E COSA HA RISPOSTO L’ANCE

    L’ultima sortita sul tema, in ordine di tempo, è arrivata pochi giorni fa con l’Ance che ha risposto al viceministro dello Sviluppo economico, in quota Movimento Cinque Stelle, Stefano Buffagni.

    Nel corso del suo intervento al 65esimo convegno di studi amministrativi a Varenna, in provincia di Lecco, Buffagni aveva affermato: “Non siamo molto entusiasti di Progetto Italia ma se serve per cercare di fare ripartire un sistema che non funziona, evidentemente siamo costretti a farlo”. Buffagni aveva poi definito “poco trasparente e lineare” la posizione dell’Ance a riguardo.

    “E’ falso che l’Ance abbia espresso in incontri istituzionali con la Presidenza del Consiglio e i vertici di Cdp posizioni diverse da quelle che, in modo compatto, ha assunto da mesi di netta contrarietà alla creazione di un grande polo delle costruzioni a vantaggio di pochi e senza alcuna garanzia per chi sul mercato ci sta con le proprie forze e senza l’aiuto di nessuno” ha risposto il presidente Giuseppe Buia che poi ha rincarato la dose sul maxi polo delle costruzioni in via di definizione. “Credo sia ora che vengano rese pubbliche le condizioni dell’intervento di Cassa depositi e prestiti in Progetto Italia” ha chiarito Buia che si è detto ancora una volta “preoccupato per gli effetti distorsivi della concorrenza che questa operazione può comportare con l’ingresso di capitale pubblico. Anche Bruxelles – ha aggiunto – sta attendendo un chiaro segnale in tal senso’.

    Nella nota l’Ance è poi intervenuta su alcune mosse attese da parte di Palazzo Chigi. “Ci attendiamo che il Governo metta subito mano ai decreti attuativi delle due misure previste dal decreto crescita, Fondo salva opere e Fondo di garanzia per le Pmi, che per essere veramente efficaci hanno bisogno di regole chiare e di risorse certe, altrimenti rimangono lettera morta”. Inoltre “dobbiamo fare in fretta con la nomina dei commissari, sul modello della Napoli-Bari, e sul regolamento del Codice appalti, altrimenti si rischia il vuoto normativo”.

    A CHE PUNTO E’ PROGETTO ITALIA

    Intanto Progetto Italia va avanti. Ai primi di agosto Salini Impregilo ha firmato due accordi di investimento, uno con l’azionista di controllo Salini Costruttori e con Cdp Equity (Cdp) e l’altro con le tre banche finanziatrici (UniCredit, Intesa Sanpaolo e Banco Bpm). In precedenza si erano sfilate dal progetto Montepaschi e Bnl-Bnp. Lo schema prevede un aumento di capitale di Salini Impregilo da 600 milioni offerto in sottoscrizione a investitori istituzionali tra i quali Salini Costruttori, Cdp Equity e gli istituti di credito. Secondo gli accordi, gli impegni di sottoscrizione sono pari rispettivamente a 50 milioni, 250 milioni e 150 milioni. Sui 150 milioni restanti è stato stipulato un pre-accordo di sottoscrizione – in caso di eventuale inoptato – con gli istituti di credito che cureranno l’aumento di capitale che sarà varato dall’assemblea del 4 ottobre prossimo.

    A guidare Progetto Italia ci sarà un board con 15 consigliere, di cui 5 espressi da Cdp cui spetta pure la nomina del presidente. Alla Cassa, inoltre, andrà la maggioranza del Comitato strategico con 3 membri su cinque.

    Nella nota di Salini Impregilo si evidenzia come il gruppo punti a un maxi polo che “rappresenterà un’opportunità di rafforzamento per il settore costruzioni in Italia (strategico per il Paese, circa l’8% del Pil) e per la sua filiera, riavviando progetti bloccati (circa 36 miliardi)”. All’interno, oltre ad Astaldi, anche Cossi, Glf e Seli Oversea, per arrivare a commesse da 40 a 62 miliardi per il 2021 e a un fatturato compreso tra i 9 e i 14 miliardi.

  8. #1038
    L'avatar di Kartman
    Data Registrazione
    Feb 2000
    Messaggi
    4,179
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    1275 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Citazione Originariamente Scritto da jackbond Visualizza Messaggio
    Confindustria demolisce il salvataggio di Salini Impregilo e Astaldi

    Ecco come Confindustria demolisce il salvataggio di Salini Impregilo e Astaldi
    di Manola Piras

    Salini Impregilo
    Le ultime novità e le ultime polemiche su Salini Impregilo, Astaldi e Progetto Italia. Con la replica di Buffagni, viceministro M5s allo Sviluppo economico



    C’è tensione fra i costruttori italiani, riuniti nella confindustriale Ance, e Salini Impregilo, il gruppo industriale leader nazionale nelle grandi opere alle prese con un delicato passaggio e annesso salvataggio pubblico.

    Oggetto del contendere è Progetto Italia, il futuro maxi polo delle costruzioni – questo l’obiettivo di Salini e non solo – che parte dal salvataggio di Astaldi per allargarsi a grandi imprese del settore in difficoltà.

    Il tutto insieme a Cassa depositi e prestiti, che supporta l’operazione attraverso Cdp Equity, società controllata dalla Cassa (posseduta da Tesoro e fondazioni bancarie).

    Per annettere Astaldi, Salini Impregilo deve procedere a un aumento di capitale da 600 milioni che sarà varato dall’assemblea degli azionisti, in programma venerdì 4 ottobre.

    L’allarme dell’Ance risuona da tempo: Progetto Italia – sostiene l’associazione di Confindustria – rischia di destabilizzare il settore in un Paese come il nostro, in cui non esiste un mercato adeguato.

    Grande perplessità, inoltre, desta la presenza di Cdp che renderebbe difficile la concorrenza. “L’Ance – ha chiarito il presidente Gabriele Buia in un’intervista all’Adnkronos – ha il diritto-dovere di tutelare tutte le imprese”.

    COS’HA DETTO IL VICEMINISTRO BUFFAGNI E COSA HA RISPOSTO L’ANCE

    L’ultima sortita sul tema, in ordine di tempo, è arrivata pochi giorni fa con l’Ance che ha risposto al viceministro dello Sviluppo economico, in quota Movimento Cinque Stelle, Stefano Buffagni.

    Nel corso del suo intervento al 65esimo convegno di studi amministrativi a Varenna, in provincia di Lecco, Buffagni aveva affermato: “Non siamo molto entusiasti di Progetto Italia ma se serve per cercare di fare ripartire un sistema che non funziona, evidentemente siamo costretti a farlo”. Buffagni aveva poi definito “poco trasparente e lineare” la posizione dell’Ance a riguardo.

    “E’ falso che l’Ance abbia espresso in incontri istituzionali con la Presidenza del Consiglio e i vertici di Cdp posizioni diverse da quelle che, in modo compatto, ha assunto da mesi di netta contrarietà alla creazione di un grande polo delle costruzioni a vantaggio di pochi e senza alcuna garanzia per chi sul mercato ci sta con le proprie forze e senza l’aiuto di nessuno” ha risposto il presidente Giuseppe Buia che poi ha rincarato la dose sul maxi polo delle costruzioni in via di definizione. “Credo sia ora che vengano rese pubbliche le condizioni dell’intervento di Cassa depositi e prestiti in Progetto Italia” ha chiarito Buia che si è detto ancora una volta “preoccupato per gli effetti distorsivi della concorrenza che questa operazione può comportare con l’ingresso di capitale pubblico. Anche Bruxelles – ha aggiunto – sta attendendo un chiaro segnale in tal senso’.

    Nella nota l’Ance è poi intervenuta su alcune mosse attese da parte di Palazzo Chigi. “Ci attendiamo che il Governo metta subito mano ai decreti attuativi delle due misure previste dal decreto crescita, Fondo salva opere e Fondo di garanzia per le Pmi, che per essere veramente efficaci hanno bisogno di regole chiare e di risorse certe, altrimenti rimangono lettera morta”. Inoltre “dobbiamo fare in fretta con la nomina dei commissari, sul modello della Napoli-Bari, e sul regolamento del Codice appalti, altrimenti si rischia il vuoto normativo”.

    A CHE PUNTO E’ PROGETTO ITALIA

    Intanto Progetto Italia va avanti. Ai primi di agosto Salini Impregilo ha firmato due accordi di investimento, uno con l’azionista di controllo Salini Costruttori e con Cdp Equity (Cdp) e l’altro con le tre banche finanziatrici (UniCredit, Intesa Sanpaolo e Banco Bpm). In precedenza si erano sfilate dal progetto Montepaschi e Bnl-Bnp. Lo schema prevede un aumento di capitale di Salini Impregilo da 600 milioni offerto in sottoscrizione a investitori istituzionali tra i quali Salini Costruttori, Cdp Equity e gli istituti di credito. Secondo gli accordi, gli impegni di sottoscrizione sono pari rispettivamente a 50 milioni, 250 milioni e 150 milioni. Sui 150 milioni restanti è stato stipulato un pre-accordo di sottoscrizione – in caso di eventuale inoptato – con gli istituti di credito che cureranno l’aumento di capitale che sarà varato dall’assemblea del 4 ottobre prossimo.

    A guidare Progetto Italia ci sarà un board con 15 consigliere, di cui 5 espressi da Cdp cui spetta pure la nomina del presidente. Alla Cassa, inoltre, andrà la maggioranza del Comitato strategico con 3 membri su cinque.

    Nella nota di Salini Impregilo si evidenzia come il gruppo punti a un maxi polo che “rappresenterà un’opportunità di rafforzamento per il settore costruzioni in Italia (strategico per il Paese, circa l’8% del Pil) e per la sua filiera, riavviando progetti bloccati (circa 36 miliardi)”. All’interno, oltre ad Astaldi, anche Cossi, Glf e Seli Oversea, per arrivare a commesse da 40 a 62 miliardi per il 2021 e a un fatturato compreso tra i 9 e i 14 miliardi.
    Titolo fuorviante .. ministro 5s si accoderà, non possono permettersi questo proprio nel momento nel quale serve la crescita in Italia... CDP garante, per me è ok, rischio contenuto di non rimborso (per la 21) ... potrebbero addirittura callare ... ma ci vorrà comunque un po' se succederà... ora stanno troppo incasinati

  9. #1039
    L'avatar di alveare
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    2,547
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    783 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    L’operazIone è stata già approvata, ora l’iter si snoderà secondo i tempi previsti./..stay long sui bond...lo avevo già indicato mesi fa’....

  10. #1040
    L'avatar di Kartman
    Data Registrazione
    Feb 2000
    Messaggi
    4,179
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    1275 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Citazione Originariamente Scritto da alveare Visualizza Messaggio
    L’operazIone è stata già approvata, ora l’iter si snoderà secondo i tempi previsti./..stay long sui bond...lo avevo già indicato mesi fa’....
    Io pensavo fossero addirittura a sconto, ma evidentemente non è così... 2,5 -- 2,8 % per la 21 pensavo fosse buono. Attendiamo i 101

Accedi