Excel e costruzione di monitor: Ultimo, ask, bid, midrange, MPI - Pagina 4
ETF a costi sempre più bassi, Vanguard alimenta la price war
Nuovo round della guerra dei costi sul fronte ETF.  A sferrare l’attacco è ancora una volta Vanguard, secondo maggiore emittente di ETF al mondo, che preme ulteriormente sull’acceleratore per implementare …
Bio-on: cade il ‘castello di carte’ di Astorri, quale futuro adesso?
Titoli di coda in arrivo per Bio-on, o meglio ?Bio-OFF? come ha scritto prontamente questa mattina il fondo Quintessential Capital Management (QCM) dopo gli sviluppi del caso sulla società di …
UBI Banca sposa ideale, Bper pronta a inserirsi con la benedizione di Unipol
Tra smentite e conferme, Ubi Banca appare la grande protagonista nel risiko bancario tutto made in Italy. Nelle scorse settimane difatti si è paventata più volte una fusione con Banco …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #31
    L'avatar di P.A.T.
    Data Registrazione
    May 2001
    Messaggi
    23,075
    Blog Entries
    4
    Mentioned
    25 Post(s)
    Quoted
    7709 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Citazione Originariamente Scritto da Gapak Visualizza Messaggio
    Ma secondo te, se uno come me che all'università ha studiato sostanzialmente storia economica e macroeconomia, nella vita si occupa di volgare commercio e di oggetti d'arte, ha un passato da sportivo professionista, arriva a discutere di curve di regressione, di irs, di copertura sui cambi, etc., etc... significa che qualcosa se la sarà pure dovuta studiare no? Se cerco negli sbiaditi ricordi di studente non vado oltre qualche studio di funzione...

    Ti ringrazio ancora della spiegazione del Microprice. Lo hai descritto così bene che persino un uomo primitivo come me ne ha afferrato la buona rappresentatività.

    Adesso scappo che devo andare ad uccidere un mammut per la cena di questa sera. Ho ospiti.


    Alcuni Folisti durante lo studio della KeyRate
    Duration


    Comunque per discussioni tra eletti, ci sono sempre le conferenze ad invito, i congressi e altre cose del genere.
    Un forum, è solitamente di manica più ampia, essendo per sua natura pubblico. Altrimenti ti suggerisco di crearti una tua sezione ad invito, dove accedere dopo attenta e rigida selezione per titoli.
    Grazie degli apprezzamenti

    P.S. L'analisi Key Rate suggerita da Kondorcap non e' una misura di duration, ma serve a valutare semplicemente i rischi di un portafoglio

  2. #32
    L'avatar di icecube
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Messaggi
    3,229
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    233 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da P.A.T. Visualizza Messaggio
    ...a prescindere, molte delle discussioni che si fanno tra i Folisti trovano gia' delle risposte in letteratura. Basterebbe leggere di piu', come facciamo sempre Cren ed io quando dobbiamo affrontare argomenti complicati.
    Hai ragione PAT, il fatto è che la "letteratura", visto che si presenta in un consesso formale e rigoroso, molte volte risulta di difficile lettura...

    Nel caso in questione, ad esempio, mi pare di poter esprimere la definizione di MidPrice-MPI come "la media aritmetica tra i prezzi ponderati denaro/lettera che ci consentono di acquistare/vendere una size K del titolo".

    E' una definizione informale, ma penso relativamente chiara e comprensibile, per lo meno per chi si occupa di queste cose e sa leggere un book.

    La corrispondente definizione formale data in letteratura è la seguente, dove il MidPrice-MPI è la parte evidenziata in giallo, e i "prezzi che consentono di acquistare/vendere una size K del titolo" è.... TUTTO quello che segue !!!

  3. #33
    L'avatar di P.A.T.
    Data Registrazione
    May 2001
    Messaggi
    23,075
    Blog Entries
    4
    Mentioned
    25 Post(s)
    Quoted
    7709 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Mi sembra una formula banalissima basata su una moltiplicazione, piu' una somma di un'altra moltiplicazione e poi la divisione.
    Direi che non serve scomodare uno che abbia fatto la quinta liceo scientifico che ce la spieghi, perché e' comprensibile al mio livello (massimo) di studi: quinta geometri

  4. #34
    L'avatar di Gapak
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    7,141
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    1294 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da icecube Visualizza Messaggio
    Hai ragione PAT, il fatto è che la "letteratura", visto che si presenta in un consesso formale e rigoroso, molte volte risulta di difficile lettura...

    Nel caso in questione, ad esempio, mi pare di poter esprimere la definizione di MidPrice-MPI come "la media aritmetica tra i prezzi ponderati denaro/lettera che ci consentono di acquistare/vendere una size K del titolo".

    E' una definizione informale, ma penso relativamente chiara e comprensibile, per lo meno per chi si occupa di queste cose e sa leggere un book.

    La corrispondente definizione formale data in letteratura è la seguente, dove il MidPrice-MPI è la parte evidenziata in giallo, e i "prezzi che consentono di acquistare/vendere una size K del titolo" è.... TUTTO quello che segue !!!
    Tranquillo Pier,
    adesso mi ci metto io e risolvo



    Ti mando il foglio già pronto.

  5. #35
    L'avatar di icecube
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Messaggi
    3,229
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    233 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da P.A.T. Visualizza Messaggio
    Mi sembra una formula banalissima basata su una moltiplicazione, piu' una somma di un'altra moltiplicazione e poi la divisione.
    Direi che non serve scomodare uno che abbia fatto la quinta liceo scientifico che ce la spieghi, perché e' comprensibile al mio livello (massimo) di studi: quinta geometri
    Proprio io e te non ci capiamo, eh ?!

    E proprio questo il punto: è una cosa banalissima, ma una volta formalizzata in modo rigoroso risulta astrusa e incomprensibile a molti (sicuramente non invoglia nessuno ad interessarsi alla cosa).

    Ma probabilmente sotto sotto tu apprezzi questa "complicazione affari semplici"...

  6. #36
    L'avatar di P.A.T.
    Data Registrazione
    May 2001
    Messaggi
    23,075
    Blog Entries
    4
    Mentioned
    25 Post(s)
    Quoted
    7709 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Per aiutare a dare un senso del lavoro da fare e degli scopi

    Il Midprice ed il Microprice non servono tanto a misurare piu' precisamente gli spread e i rendimenti, quanto a misurare la liquidita' per poter fare del trading, scalping, ma magari anche dello scalping automatico.

    Cerco di spiegarmi con un esempio.

    Ho raccolto adesso tutti i bond del Banco di Desio, che sono 140.
    Di questi 140 bond ho misurato quanti sono i midprice che non vanno d'accordo con i midrange: solo 3 su 140 (uno pero' significativo, perché ci deve essere un piccolo furbacchione che e' appostato nel book con 1000 Euro e prende tutti per i fondelli falsificando il midrange)

    Se pero' invece utilizzo il midprice per sapere quanti sono i bond effettivamente tradabili ecco che allora scopro cose ben piu' interessanti.

    Ben 72 bond del banco di Desio sono dei bond farsa, cioe' totalmente illiquidi.
    Appena la meta' e' tradabile con piccoli quantitativi e sizing, appena 7 con quantitivi discreti (ometto la dimostrazione per evidente OT)

    Il midprice e il microprice servono non tanto per calcolare i rendimenti giusti (sono utili anche a questo, certo nessuno lo discute), quanto per sgammare tutti i perditempo, i fannulloni, insomma tutti coloro che non hanno niente da fare tutto il giorno che perdere tempo nell'acquattarsi nel book con 1.000 e 2.000 Euro nella speranza di catturare i daltonici, gli strabici, i presbiti, i retinopati maculati ed i miopi.

    E ben noto infatti dalla letteratura scientifica in materia di percettologia che ci si puo' sbagliare sovente nella lettura delle cifre.

    Se io ad esempio sono in book a

    94,43 e dall'altra parte c'e' uno a 98,00, molti smaliziati fannulloni, perditempo, si mettono a 95,44 nella speranza di vedere qualcuno che acquisti avendo difetti di vista e creda di comperare con 1 tick di spread.

    L'MPI serve principalmente proprio a questo: SGAMMARE smaliziati fannulloni e perditempo.

    L'MPI segnala infatti prezzo "0" anche in caso di presenza nel book di costoro, che cosi' possono venire tranquillamente ignorati.

    Tutto chiaro ?
    File Allegati File Allegati

  7. #37
    L'avatar di P.A.T.
    Data Registrazione
    May 2001
    Messaggi
    23,075
    Blog Entries
    4
    Mentioned
    25 Post(s)
    Quoted
    7709 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Citazione Originariamente Scritto da icecube Visualizza Messaggio
    Proprio io e te non ci capiamo, eh ?!
    ..
    vabbe', l'argomento e' tedioso, effettivamente un po' troppo tecnico nella formulazione analitica che hai riportato.

    Vi invito tutti, allora, a parlare di politica, senza inquinare questo 3d
    .
    Renzi e i suoi studi di Tversky e Kahnemann

    Per oggi me ne rimarro' in quella stanza.
    Happy trading.

  8. #38
    L'avatar di icecube
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Messaggi
    3,229
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    233 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Ciao, a tutti !

    Tanto per fare qualche esperimento in proposito, mi sono costruito questo "mini laboratorio del book" che allego.

    Intendiamoci: non è nulla di "operativo", serve solo a vedere sul campo come si formano i vari tipi di prezzo proposti (MPI, Micro...), magari a qualcun altro può interessare...


    Descrivo in breve le funzioni principali del foglio:

    - in A3 su può inserire l'ISIN, e con [Aggiorna] si scarica il book da EuroTLX (il ricalcolo dei vari prezzi è automatico).

    - il book si può anche modificare manualmente, per vedere come variano i prezzi in funzione dei dati presenti.

    - il pulsante [Random] serve a generare un book "casuale", partendo dal prezzo precedente.

    - la "size" in A17 è la quantità utilizzata per il calcolo MPI, modificabile.

    - il pulsante [Trace] serve a minimizzare e lasciare in esecuzione il programma, mentre mantiene traccia dei prezzi durante la seduta di borsa (a mercati APERTI, eh ! ).
    L'intervallo di temporizzazione è in G22 (5 minuti, modificabile).

    - nel secondo foglio, ListaISIN, c'è semplicemente una piccola lista di ISIN e relativa denominazione. Con un doppio click sull'ISIN o sul nome si "trasporta" sul foglio principale, evitando di dover digitare l'ISIN a mano.


    Il MicroPrice1 è il calcolo basato sul solo 1^ livello del book, mentre MicroPrice è quello completo, che attribuisce pesi decrescenti (5,4,3,2,1) ai 5 livelli.

    Il codice VBA non è protetto, e ho scritto in modo "portabile" le funzioni per il calcolo del MidPrice-MPI e MicroPrice (almeno mi sembrano corrette...), così che possono essere facilmente importate in altri fogli Excel dotati di book.
    Le funzioni sono nel modulo 'MidPrice', si utilizzano come fossero normali funzioni Excel, come esempio v. le formule delle celle D17-D19.




    ........................................ .........edit:
    c'era un'inversione nei pesi del MicroPrice , ora (05/10/14 21:47) ho corretto l'allegato.
    Ultima modifica di icecube; 05-10-14 alle 21:48

  9. #39
    L'avatar di Gapak
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    7,141
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    1294 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da icecube Visualizza Messaggio
    Ciao, a tutti !

    Tanto per fare qualche esperimento in proposito, mi sono costruito questo "mini laboratorio del book" che allego.

    Intendiamoci: non è nulla di "operativo", serve solo a vedere sul campo come si formano i vari tipi di prezzo proposti (MPI, Micro...), magari a qualcun altro può interessare...


    Descrivo in breve le funzioni principali del foglio:

    - in A3 su può inserire l'ISIN, e con [Aggiorna] si scarica il book da EuroTLX (il ricalcolo dei vari prezzi è automatico).

    - il book si può anche modificare manualmente, per vedere come variano i prezzi in funzione dei dati presenti.

    - il pulsante [Random] serve a generare un book "casuale", partendo dal prezzo precedente.

    - la "size" in A17 è la quantità utilizzata per il calcolo MPI, modificabile.

    - il pulsante [Trace] serve a minimizzare e lasciare in esecuzione il programma, mentre mantiene traccia dei prezzi durante la seduta di borsa (a mercati APERTI, eh ! ).
    L'intervallo di temporizzazione è in G22 (5 minuti, modificabile).

    - nel secondo foglio, ListaISIN, c'è semplicemente una piccola lista di ISIN e relativa denominazione. Con un doppio click sull'ISIN o sul nome si "trasporta" sul foglio principale, evitando di dover digitare l'ISIN a mano.


    Il MicroPrice1 è il calcolo basato sul solo 1^ livello del book, mentre MicroPrice è quello completo, che attribuisce pesi decrescenti (5,4,3,2,1) ai 5 livelli.

    Il codice VBA non è protetto, e ho scritto in modo "portabile" le funzioni per il calcolo del MidPrice-MPI e MicroPrice (almeno mi sembrano corrette...), così che possono essere facilmente importate in altri fogli Excel dotati di book.
    Le funzioni sono nel modulo 'MidPrice', si utilizzano come fossero normali funzioni Excel, come esempio v. le formule delle celle D17-D19.

    Ciao Pier c'è posta per te...
    Vediamo se anche questa volta alla fine ne salta fuori qualcosa di buono

  10. #40
    L'avatar di Federauz
    Data Registrazione
    Nov 2000
    Messaggi
    4,174
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    146 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Discussione molto molto interessante.

    Il primo problema che mi pongo per risolvere il problema di gestire molti titoli in contemporanea è una relativa esplosione di fogli di calcolo con importati i relativi Book a meno di poter gestire tutto con moduli vba in automatico ma purtroppo le mie conoscenze in questo ambito sono troppo acerbe

Accedi