Excel e costruzione di monitor: Ultimo, ask, bid, midrange, MPI - Pagina 2
Deutsche Bank non si smuove dai minimi, robot al posto di 18mila dipendenti per vincere la sfida ‘lacrime e sangue’ di Sewing
E? ancora crisi profonda per Deutsche Bank. In borsa il titolo della banca tedesca non si smuove dai minimi storici e al momento viaggia in flessione dello 0,43% a 6,60 …
Manovra ottiene ok Ue, ma ora a far paura è il Mes. BTP, banche italiane pronte a spezzare doom loop?
Europa al centro dei riflettori in queste ultime ore, con la polemica politica infuriata sul Mes e la decisione della Commissione europea di promuovere la manovra italiana varata dal M5S-PD, …
Gli ETF di Goldman Sachs planano in Italia, c’è anche il clone multifattoriale più grande al mondo
Goldman Sachs chiude il cerchio dei grandi arrivi sul mercato italiano degli ETF in questo 2019. A fare da apripista era stato il colosso Vanguard, arrivato in Italia con i …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #11
    L'avatar di P.A.T.
    Data Registrazione
    May 2001
    Messaggi
    23,084
    Blog Entries
    4
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    7764 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Citazione Originariamente Scritto da Cren Visualizza Messaggio
    Ok, ma nell'immagine sotto la serie storica blu... che cos'è?

    Di fatto non sono i prezzi legati agli scambi, visto che lo scambio è proprio la cosa più rara che accade in book e sono il denaro e la lettera a cambiare.
    Onestamente non ho capito la domanda, anche perché un uccellino di bosco mi ha confidato che su argomenti affini a questi qualcuno ci ha costruito sopra la propria tesi di dottorato e per la mia abitudinaria diffidenza sono portato a ritenere che sotto la sua apparente scorza invitante la domanda sia in realta' molto piu' difficile di quanto abbia inteso alla prima lettura.



    Se la domanda me l'avesse fatta Icebook, gli avrei risposto cosi':

    Nell'immagine sotto la serie storica blu i pallini sono costruiti sulla formula

    Microprice = Pb*(Qa/Qa+Qb)+Pa*(Qb/Qa+Qb)

    dove i prezzi Pa e Pb sono pesati in proporzione delle quantita' sul lato opposto del book, Qa e Qb, e viceversa.

    Ovviamente i pallini non sono scambi.

  2. #12
    L'avatar di icecube
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Messaggi
    3,255
    Mentioned
    16 Post(s)
    Quoted
    260 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da Gapak Visualizza Messaggio
    ...Se non l'ha gia' visto, faro' notare il 3d a ice
    Leggo, leggo...

    PAT è una miniera di spunti, ma non faccio in tempo a leggere qualcosa sul MPI:
    http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&...ankSdatgrEAugg

    ...che già si parla di altro, MicroPrice, ecc... !

    Citazione Originariamente Scritto da P.A.T. Visualizza Messaggio
    ...Potrebbero essere il modello askness & bidness, del 2006, piuttosto semplice, oppure il modello MPI, che pero' credo non possa essere implementato facilmente in Excel se non attraverso il VBE, che sappiamo essere lento e non adeguato a compiere dei veloci screening di massa in tempi rapidi sull'universalita' dei titoli quotati.
    In realtà la velocità del VBA è più che sufficiente per l'MPI (inteso come calcolo spot in real-time del midprice MPI, non parliamo di MPI-average durante l'intera seduta, VERO ? ;-), il problema è lo scarico dal web dei book, che richiede un tempo notevolmente più elevato (diciamo mezzo secondo per titolo, tanto per farsi un'idea...), a meno di avere un collegamento DDE (ma anche così, lo vorrei proprio vedere alle prese con migliaia di titoli !).

    Citazione Originariamente Scritto da Gapak Visualizza Messaggio
    ...ultimo dubbio nella formula riguarda l'aspetto meramento quantitativo da somma delle varie offerte nel book. Non mi sembra che vi sarebbe alcuna differenza tra, per esempio, un ordine 1000k primo in bid e quinto in bid, oppure, altro esempio, tra un ordine da 100k da singola offerta o risultsnte dalla somma di piu' offerte piccole.
    quindi qualche inceppamento nel microprice puo' accadere imho.
    Ovviamente la profondita' del book condiziona leggermente il microprice.
    ...vediamo di fare qualche prova...

  3. #13
    L'avatar di P.A.T.
    Data Registrazione
    May 2001
    Messaggi
    23,084
    Blog Entries
    4
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    7764 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Citazione Originariamente Scritto da icecube Visualizza Messaggio
    In realtà la velocità del VBA è più che sufficiente per l'MPI (inteso come calcolo spot in real-time del midprice MPI, non parliamo di MPI-average durante l'intera seduta, VERO ? ;-)...
    Il MPI-average sul continuo serve solo per l'uso nei trading system di terza generazione.

    Recentemente si e' svolta in una importante citta' italiana una fiera nazionale del trading automatico, nella quale sono convenuti i piu' accreditati oratori e conferenzieri di tutta Italia, TUTTI espertissimi sul trading automatico.

    I contenuti sono stati certamente stimolanti, di alto livello, e le prospettive illustrate apparivano come sbalorditive: chi di noi non vorrebbe approcciarsi al trading con questi strumenti informatici, stando in poltrona a guardare il calcio alla TV o andando a giocare a tennis mentre l'algoritmo lavora per noi, ad esempio calcolando il MPI average sul continuo, immettendo ordini, controllando gli eseguiti parziali, posizionandosi sull'altro lato del book in un intervallo definito e dopo aver chiuso il trade ricominciare daccapo?

    In realta' cio' che manca a queste manifestazioni e' l'inquadramento iniziale, per far capire a tutti, compresi i neofiti di informatica, cos'e' un algoritmo di trading e per quali scopi va utilizzato.

    L'inquadramento iniziale non avviene perché le esigenze di coloro che frequentano le kermesse del trading come Expo, Rimini (manifestazione a cui non ho mai partecipato e mai partecipero' nemmeno sotto tortura) e che ambirebbero avvicinarsi a tecniche di trading automatico come l'MPI, il Microprice, etc,. lo fanno per ricevere piu' che altro un servizio di consulenza di qualita' per la generazione di segnali di trading system, piu' che per capire come un determinato algoritmo possa essere utilizzabile per inviare a mercato le loro strategie, possibilmente originali, e gia' ben backtestate.

    Quindi in Italia siamo ancora all'anno Zero (0) dell'algoritmica.

    Manca soprattutto in Italia una epistemologia di corredo all'informatica del trading, che possa permettere a tutti di capire, ad esempio, cos'e'_

    - un algoritmo di trading di prima generazione
    - un algorimto di trading di seconda generazione
    - un algorimto di trading di terza generazione
    - un algorimto di trading di quarta generazione (che sono gli HFT)

    E veniamo dopo questo cappello a cio' che tu chiedi.
    Se io dico che una cosa non si puo' fare, e tu dici che e' possibile, occorrerebbe intendersi l'ambito di applicazione.

    Per un algoritmo di trading di prima generazione un modulo che prevede l'MPI si puo' fare in VBA, ma per un algoritmo di terza generazione e' impossibile, perché gli altri algoritmi non possono attendere che il modulo MPI finisca il suo ciclo addirittura in mezzo secondo, tempo troppo lungo.

    In conclusione: chi organizza convegni di algoritmi per il trading dovrebbe ingaggiare - prima ancora che dei relatori - un semplice professore di scuola come moderatore del convegno, il quale dovrebbe precisare inizialmente cosa si intende esattamente per la classificazione in generazioni degli algoritmi e produrre degli esempi, comprensibili a tutti.

    Cosi' tutti capirebbero.... ma probabilmente poi i relatori delle varie software house che interfacciano i segnali si accorgerebbero che la loro produzione intellettuale verrebbe implacamabilmente classificata ed inquadrata, con possibile grave detrimento per l'appeal commerciale delle loro proposte.

    La situazione e' cosi' complicata, confusa, inestricabile che senza un inquadramento degli algoritmi nella loro generazione storica di effettiva appartenenza nessuno piu' capisce cosa valga davvero un trading system automatico tra gli innumerevoli che sono stati proposti durante la manifestazione.

    Ciao
    Ultima modifica di P.A.T.; 30-09-14 alle 14:20 Motivo: Aggiunto il tempo MPI: mezzo secondo

  4. #14
    L'avatar di P.A.T.
    Data Registrazione
    May 2001
    Messaggi
    23,084
    Blog Entries
    4
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    7764 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Solo una precisazione, dopo una rilettura.

    Citazione Originariamente Scritto da P.A.T. Visualizza Messaggio
    Quindi in Italia siamo ancora all'anno Zero (0) dell'algoritmica.

    Manca soprattutto in Italia una epistemologia di corredo all'informatica del trading, che possa permettere a tutti di capire, ad esempio, cos'e'_

    - un algoritmo di trading di prima generazione
    - un algorimto di trading di seconda generazione
    - un algorimto di trading di terza generazione
    - un algorimto di trading di quarta generazione (che sono gli HFT)
    Confesso di non avere assolutamente la minima idea su come vengono progettati realmente gli algoritmi di terza e quarta generazione: della quarta generazione ne conosco, come voi, solo l'aneddottica, che circola nelle discussioni del web, ovvero i numerosi 3d scritti sul FOL sul trading ad alta frequenza ed il libro di successo "Flash trading".

    Sulla terza generazione si sa qualcosa (o molto..) di piu'.

    Probabilmente, ma e' un'impressione personale che forse non fa testo, si riesce a distinguere un algoritmo in azione direttamente sul book e dal suo comportamento classificarlo in seconda o terza generazione.

    Sicuramente qualche Folista usa gia' algoritmi di terza generazione, poi vi racconto come un amico se ne e' accorto un giorno e di come mi ha riferito il fatto.

  5. #15
    L'avatar di BoyNet
    Data Registrazione
    Feb 2005
    Messaggi
    1,475
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    200 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da P.A.T. Visualizza Messaggio
    Se il book dalla parte della domanda e' molto piu' pesante del book dal lato della offerta, su un breve orizzonte temporale e' piu' probabile che il prezzo si muovera' all'insu', per la presenza di una forte componente di pressione sul lato del buy.

    La vostra piattaforma possiede l'imbalance ?
    Considerando la facilità e la velocità con cui si immettono ordini e li si revoca, direi che osservare quanto e da che parte è carico il book, finisce col farti fare l'ordine che fa comodo agli altri...

    alla fine, forse, solo proprio il primo ordine del primo livello del book conta qualcosa...

  6. #16
    L'avatar di matteooooo
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    2,237
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    2 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da Gapak Visualizza Messaggio
    Ovviamente la profondita' del book condiziona leggermente il microprice.
    personalmente, nella costruzione del proprio cruscotto di analisi bond, preferisco l'approccio usato da Icecube, ovvero l'attingere da risorse free pubbliche in modo da non essere mai legati ad una specifica piattaforma (se ogni che cambio dovessi ripartire con tutto 'sto lavoro....). Se non l'ha gia' visto, faro' notare il 3d a icebond
    Non mi risulta che vi sia online un servizio free che offra piu' dei 5 livelli.
    Se a qualcuno risultasse, gli sarei grato di farcelo sapere.
    Risorse free -> 15/20 minuti di ritardo.
    Se si vogliono utilizzare i dati per delle analisi può anche andare bene ma se vuoi costruire un monitor che ti aiuti nel trading il delay è assolutamente inaccettabile.

  7. #17

    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    9,530
    Blog Entries
    61
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    586 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da P.A.T. Visualizza Messaggio
    Onestamente non ho capito la domanda, anche perché un uccellino di bosco mi ha confidato che su argomenti affini a questi qualcuno ci ha costruito sopra la propria tesi di dottorato e per la mia abitudinaria diffidenza sono portato a ritenere che sotto la sua apparente scorza invitante la domanda sia in realta' molto piu' difficile di quanto abbia inteso alla prima lettura. [...] Ovviamente i pallini non sono scambi.
    Ma il problema è che la serie storica blu rischia di non esistere, ovvero rischia di non essere fatta di scambi e di avere quel bel profilo continuo mostrato nel paper: su molte obbligazioni appetibili ci sono relativamente pochi scambi nell'arco della giornata, e il fatto che un titolo salga o scenda non è misurato sull'ultimo prezzo battuto ma sull'abbondanza del denaro e della lettera attorno ad un dato livello di prezzo in un dato momento (io ad esempio - ma non credo di essere il solo - misuro la performance a mark to market del mio portafoglio prendendo in considerazione il denaro in caso di dover uscire rapidamente, mentre la maggior parte delle schermate di rendicontazione delle varie piattaforme si ostina ad usare l'ultimo prezzo battuto).

    Ovvero se volessi applicare quell'algoritmo ad un book qualsiasi di un titolo non proprio liquido mi ritroverei a poter rappresentare molto facilmente i "pallini"... ma al posto di una bella continua blu come quella raffigurata avrei una tragica spezzata fatta a scalini assolutamente inadatta a essere presa a riferimento come effetto dello sbilancio tra domanda & offerta.

    Questa era la domanda

  8. #18
    L'avatar di Gapak
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    7,152
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    1303 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da matteooooo Visualizza Messaggio
    Risorse free -> 15/20 minuti di ritardo.
    Se si vogliono utilizzare i dati per delle analisi può anche andare bene ma se vuoi costruire un monitor che ti aiuti nel trading il delay è assolutamente inaccettabile.
    E già...
    Temo che l'unica implementazione ragionevole sarebbe via DDE.

    Lo scarico titolo per titolo da TLX o Borsaitaliana sommerebbe il ritardo del sito di origine, più il tempo di scaricamento e elaborazione (non brevissimo nel caso di monitor di qualche centinaio di titoli).

    C'è da dire però che, anche nell'ottica non di trading stretto, imho, è comunque sempre meglio un prezzo midrange o questo microprice che l'ultimo eseguito, prezzo che magari, una volta scaricati i dati, è già fuori book.

    L'unico caso nel quale preferirei avere l'ultimo eseguito è nel caso ci sia il "grosso" di turno con la milionata che assorbe tutto per tutto il giorno (e in questo caso il microprice dovrebbe essere però meglio del midrange).

    Citazione Originariamente Scritto da Cren Visualizza Messaggio
    Ovvero se volessi applicare quell'algoritmo ad un book qualsiasi di un titolo non proprio liquido mi ritroverei a poter rappresentare molto facilmente i "pallini"... ma al posto di una bella continua blu come quella raffigurata avrei una tragica spezzata fatta a scalini assolutamente inadatta a essere presa a riferimento come effetto dello sbilancio tra domanda & offerta.
    Sella fa i grafici proprio così. Sono orrendi!!!

  9. #19
    L'avatar di icecube
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Messaggi
    3,255
    Mentioned
    16 Post(s)
    Quoted
    260 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da Gapak Visualizza Messaggio
    ...C'è da dire però che, anche nell'ottica non di trading stretto, imho, è comunque sempre meglio un prezzo midrange o questo microprice che l'ultimo eseguito, prezzo che magari, una volta scaricati i dati, è già fuori book.
    Non penso la discussione abbia avuto origine al fine di costruire trading system automatici o algoritmi particolarmente evoluti, io ho inteso la cosa in termini più semplici (ma magari sbaglio), provo con la tecnica "ripeti e condividi" per vedere se dico delle càcchiate...

    "Visto che, quale che sia il metodo di valutazione di un titolo (rendimento effettivo, ASW, I/Z-Spread, CDS Basis...), questo è sempre una funzione del prezzo, quale è il prezzo più corretto da considerare ai fini della valutazione ?"

    Abbiamo visto che il prezzo dell'ultimo scambio, pur avendo il pregio di essere un prezzo reale, effettivo, non è già più rappresentativo del mercato nel momento stesso in cui viene battuto. Inoltre potrebbe essere furviante in caso di eseguiti di quantità modeste (magari anche solo 1k).

    La prima alternativa è il MidRange, ovvero la media aritmetica semplice del miglior denaro e migliore lettera. Questo è un prezzo "teorico" che può soffrire delle stesse distorsioni quando in cima al book ci sono ordini per quantità modeste.

    Vengono proposti MicroPrice e MPI.

    Quest'ultimo è per la verità una misura dello scarto tra denaro/lettera, usato per valutare l'efficienza di diversi mercati (Market Performance Index).

    Quindi quello che ci interessa (sempre se ho capito bene...) dovrebbe essere la quantità a denominatore, che possiamo chiamare MPI-MidPrice (in sostanza la media aritmetica tra i prezzi ponderati denaro/lettera che ci consentono di acquistare/vendere una size prestabilita del titolo).
    http://www.google.it/url?url=http://...fnQgScs6Pmm5TQ

    Pro: elimina i problemi delle piccole quantità, e dei "vuoti" nel book.
    Contro: ...e quando non può essere calcolato ? (quantità nel book scarse)
    Quale può essere una size adeguata ? ...e NON ditemi "dipende" !


    Ancora domando a Voi: pro e contro del MicroPrice ?


    Magari si potrebbe fare un foglio con un book "di prova", e vedere sul campo se i vari prezzi sono una buona rappresentazione dei dati (mi rivolgo soprattutto a Gapak).
    Ultima modifica di icecube; 30-09-14 alle 22:50

  10. #20
    L'avatar di Ilmigliore
    Data Registrazione
    Nov 2001
    Messaggi
    17,036
    Blog Entries
    41
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    27 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Citazione Originariamente Scritto da icecube Visualizza Messaggio
    Non penso la discussione abbia avuto origine al fine di costruire trading system automatici o algoritmi particolarmente evoluti, io ho inteso la cosa in termini più semplici (ma magari sbaglio), provo con la tecnica "ripeti e condividi" per vedere se dico delle càcchiate...

    "Visto che, quale che sia il metodo di valutazione di un titolo (rendimento effettivo, ASW, I/Z-Spread, CDS Basis...), questo è sempre una funzione del prezzo, quale è il prezzo più corretto da considerare ai fini della valutazione ?"

    Abbiamo visto che il prezzo dell'ultimo scambio, pur avendo il pregio di essere un prezzo reale, effettivo, non è già più rappresentativo del mercato nel momento stesso in cui viene battuto. Inoltre potrebbe essere furviante in caso di eseguiti di quantità modeste (magari anche solo 1k).

    La prima alternativa è il MidRange, ovvero la media aritmetica semplice del miglior denaro e migliore lettera. Questo è un prezzo "teorico" che può soffrire delle stesse distorsioni quando in cima al book ci sono ordini per quantità modeste.

    Vengono proposti MicroPrice e MPI.

    Quest'ultimo è per la verità una misura dello scarto tra denaro/lettera, usato per valutare l'efficienza di diversi mercati (Market Performance Index).

    Quindi quello che ci interessa (sempre se ho capito bene...) dovrebbe essere la quantità a denominatore, che possiamo chiamare MPI-MidPrice (in sostanza la media aritmetica tra i prezzi ponderati denaro/lettera che ci consentono di acquistare/vendere una size prestabilita del titolo).
    http://www.google.it/url?url=http://...fnQgScs6Pmm5TQ

    Pro: elimina i problemi delle piccole quantità, e dei "vuoti" nel book.
    Contro: ...e quando non può essere calcolato ? (quantità nel book scarse)
    Quale può essere una size adeguata ? ...e NON ditemi "dipende" !


    Ancora domando a Voi: pro e contro del MicroPrice ?


    Magari si potrebbe fare un foglio con un book "di prova", e vedere sul campo se i vari prezzi sono una buona rappresentazione dei dati (mi rivolgo soprattutto a Gapak).
    sono anni che cerco un modo per avere IL prezzo delle 17:30 ma questo problema non lo risolverò mai. A me serve per valorizzare il NAV del mio portafoglio, ma per quanto possa affinare i ragionamenti su book e proposte, purtroppo il Prezzo con la P maiuscola è funzione della quantità che ne ho in portafoglio!

Accedi