ISP variabile con cap
Spread vola ai massimi dal 2020 con tassi Btp al 4,6%, parole Lagarde e report S&P non aiutano
Forti vendite sui Btp stamattina con spread in allargamento ai massimi a oltre due anni. Gli investitori mostrano cautela sui titoli di Stato italiani dopo la vittoria elettorale della coalizione di destra.Lo spread BTP-Bund ha toccato stamattina un picco a 250 pb, livello che non toccava da maggio 2020 (dati Bloomberg). Il rendimento del Btp
S&P avverte l’Italia di Meloni: ‘scelte difficili’. Il monito sul PNRR di Draghi. Scudo salva BTP: cosa ha detto Lagarde
"Scelte difficili" per il nuovo governo italiano, in un contesto di recessione in Europa e sulla scia di un debito pubblico dell'Italia elevato. E' quanto
Strategia d?investimento e asset allocation: focus sui fattori che influenzano le decisioni dei family office
Le forze di mercato non sono gli unici fattori che influenzano le decisioni di investimento dei family office. Così emerge dall’ultimo sondagg
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    May 2015
    Messaggi
    183
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    100 Post(s)
    Potenza rep
    2576988

    ISP variabile con cap

    Ciao a tutti,

    una mia amica è andata in ISP ( tramite mutuionline ) per avere informazioni sul mutuo.

    il fisso attualmente sta a 2,65% e per 200k in 30 anni gli viene una rata di 805€

    In filiale gli hanno proposto il variabile classico a 0,75% con una rata di 620€ e il variabile con CAP ( tasso massimo 2,5% ) all'1,5% per soli 3€ in più al mese, quindi 623€

    Stessi risultati vedo su mutui online.
    Ovviamente a queste condizioni il CAP tutta la vita, spende meno del fisso e la rata non potrà salire oltre il tasso attuale del fisso.

    La domanda sorge spontanea, comè possibile che il CAP ( che è il doppio come tasso del classico, 1,5% contro 0,75% ) venga appena 3€ in più al mese? Dovrebbe venire invece fuori una rata di quasi 690€, difatti sempre su mutuionline con credit agricole con tasso 1,43% viene 683€ e mi sembra anche corretto.

    Possibile che sia mutuionline che in filiale hanno un calcolo errato?
    Sbaglio io? Non riesco davvero a capire.

    Grazie.

  2. #2

    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    176
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    103 Post(s)
    Potenza rep
    7
    Citazione Originariamente Scritto da MrHouse.86 Visualizza Messaggio
    Ciao a tutti,

    una mia amica è andata in ISP ( tramite mutuionline ) per avere informazioni sul mutuo.

    il fisso attualmente sta a 2,65% e per 200k in 30 anni gli viene una rata di 805€

    In filiale gli hanno proposto il variabile classico a 0,75% con una rata di 620€ e il variabile con CAP ( tasso massimo 2,5% ) all'1,5% per soli 3€ in più al mese, quindi 623€

    Stessi risultati vedo su mutui online.
    Ovviamente a queste condizioni il CAP tutta la vita, spende meno del fisso e la rata non potrà salire oltre il tasso attuale del fisso.

    La domanda sorge spontanea, comè possibile che il CAP ( che è il doppio come tasso del classico, 1,5% contro 0,75% ) venga appena 3€ in più al mese? Dovrebbe venire invece fuori una rata di quasi 690€, difatti sempre su mutuionline con credit agricole con tasso 1,43% viene 683€ e mi sembra anche corretto.

    Possibile che sia mutuionline che in filiale hanno un calcolo errato?
    Sbaglio io? Non riesco davvero a capire.

    Grazie.
    I variabili con cap non seguono il piano di ammortamento classico, infatti se guardi su mutuionline il piano di ammortamento vedrai che la prima rata magari è solo 3 euro più alta, ma più passano i mesi e più la rata sale (anche il tasso variabile resta fermo)

    Questa tipologia di mutuo, infatti, presenta anche un piano di ammortamento a quote capitale prefissate al momento della stipula. In altre parole, la parte della rata che subisce il ricalcolo al variare del tasso d' interesse non è la quota capitale, come avviene per tutti i mutui a tasso variabile, ma la quota interessi. L' importo delle quote capitale è predeterminato, alla stipula del contratto di mutuo variabile con cap, infatti, viene fornito, allegato al contratto stesso, il piano di ammortamento con le quote capitale già fissate.
    (Mutuo variabile con Cap: come si calcola realmente la rata massima)

  3. #3

    Data Registrazione
    May 2015
    Messaggi
    183
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    100 Post(s)
    Potenza rep
    2576988
    Citazione Originariamente Scritto da manu89ftt Visualizza Messaggio
    I variabili con cap non seguono il piano di ammortamento classico, infatti se guardi su mutuionline il piano di ammortamento vedrai che la prima rata magari è solo 3 euro più alta, ma più passano i mesi e più la rata sale (anche il tasso variabile resta fermo)

    Questa tipologia di mutuo, infatti, presenta anche un piano di ammortamento a quote capitale prefissate al momento della stipula. In altre parole, la parte della rata che subisce il ricalcolo al variare del tasso d' interesse non è la quota capitale, come avviene per tutti i mutui a tasso variabile, ma la quota interessi. L' importo delle quote capitale è predeterminato, alla stipula del contratto di mutuo variabile con cap, infatti, viene fornito, allegato al contratto stesso, il piano di ammortamento con le quote capitale già fissate.
    (Mutuo variabile con Cap: come si calcola realmente la rata massima)
    Non ne avevo proprio idea, grazie!
    Se guardo però credit agricole sembra abbia il classico piano di ammortamento o sbaglio?

  4. #4

    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    176
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    103 Post(s)
    Potenza rep
    7
    Citazione Originariamente Scritto da MrHouse.86 Visualizza Messaggio
    Non ne avevo proprio idea, grazie!
    Se guardo però credit agricole sembra abbia il classico piano di ammortamento o sbaglio?
    si infatti quella rata è notevolmente più alta già da subito.. comunque se leggi qui sul forum i mutui con CAP sono sempre sconsigliati perchè generalmente sul lungo più costosi.

    O si rischia con un variabile, anche se a 30 anni è davvero un rischio enorme, oppure si prende il fisso migliore del mercato e se poi la situazione migliora si surroga

  5. #5

    Data Registrazione
    Apr 2018
    Messaggi
    17
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    11 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da manu89ftt Visualizza Messaggio
    si infatti quella rata è notevolmente più alta già da subito.. comunque se leggi qui sul forum i mutui con CAP sono sempre sconsigliati perchè generalmente sul lungo più costosi.

    O si rischia con un variabile, anche se a 30 anni è davvero un rischio enorme, oppure si prende il fisso migliore del mercato e se poi la situazione migliora si surroga
    Capisco che i mutui con CAP siano considerati più costosi avendo sempre uno spread più alto rispetto al variabile puro. Ma prendiamo il caso di ISP. Non conosco il prodotto di ISP ma se il CAP si riferisce al tasso finito ed è effettivamente più basso di un fisso, quale sarebbe il motivo per preferire il fisso? È vero che su alcuni mutui con CAP la quota capitale non è ricalcolata, quindi si rischia di pagare una rata più alta, ma questo si traduce nel pagare meno interessi alla fine del finanziamento, perché la quota interessi diminuisce più velocemente. Quindi supponiamo per esempio di avere un mutuo con CAP sul tasso finito a 2,5% e un mutuo con fisso a 2,6%, a prescindere del tipo di piano di ammortamento (se a quota capitale ricalcolata o meno) pagherò sicuramente meno interessi sul mutuo col CAP rispetto al fisso. Perché quindi preferire un fisso? C'è qualcosa di sbagliato nel mio ragionamento?

  6. #6

    Data Registrazione
    May 2016
    Messaggi
    3
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Mi accodo alla discussione perchè anche a me è stato proposto fisso a 2,65% e variabile con CAP a 1,55 ora con CAP massimo 2,55%.
    Ho chiesto più volte esplicitamente se il CAP fosse riferito solo all'euribor o fosse tutto compreso cioè euribor+spread= 2,55 e mi è stato risposto che è proprio così.
    Nonostante ciò, mi sembra troppo bello per essere vero anche confrontandolo con altre banche che propongono CAP finiti di 3,5/4,5% per cui chiedo se per caso qualcuno lo ha già fatto e se si se è veramente come mi è stato spiegato.

  7. #7

    Data Registrazione
    Dec 2015
    Messaggi
    345
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    153 Post(s)
    Potenza rep
    4946256
    Citazione Originariamente Scritto da manu89ftt Visualizza Messaggio
    O si rischia con un variabile, anche se a 30 anni è davvero un rischio enorme, oppure si prende il fisso migliore del mercato e se poi la situazione migliora si surroga
    Condivido pienamente, negli anni molte cose possono cambiare. Grazie ai preziosi contributi del forum sono partito nel 2011 con variabile + cap Webank, non male perché le quote prefissate abbattono più capitale. Dopo qualche anno sono passato ad un variabile 1,15%, con Iwbank. Poi, quando i fissi si sono abbassati, sono passato ad un 1% tasso fisso Unicredit per concludere, un paio d'anni fa, ad un ottimo ISP tasso fisso 0,55%. La surroga per chi ha voglia di dedicarci un po' di attenzione e sbattimento, negli anni, offre sempre delle opportunità.

  8. #8

    Data Registrazione
    Apr 2018
    Messaggi
    17
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    11 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da teocartu Visualizza Messaggio
    Mi accodo alla discussione perchè anche a me è stato proposto fisso a 2,65% e variabile con CAP a 1,55 ora con CAP massimo 2,55%.
    Ho chiesto più volte esplicitamente se il CAP fosse riferito solo all'euribor o fosse tutto compreso cioè euribor+spread= 2,55 e mi è stato risposto che è proprio così.
    Nonostante ciò, mi sembra troppo bello per essere vero anche confrontandolo con altre banche che propongono CAP finiti di 3,5/4,5% per cui chiedo se per caso qualcuno lo ha già fatto e se si se è veramente come mi è stato spiegato.
    A mio avviso, se effettivamente il cap è sul tasso finito, non vedrei motivo per preferire il fisso alle condizioni da te descritte. Sicuramente per loro un prodotto con CAP ha un maggiore guadagno visto lo spread molto alto rispetto a quello del fisso. La convenienza della banca finirebbe nel caso in cui il tasso di riferimento dovesse aumentare molto, secondo me però le banche hanno strumenti per coprirsi da questo tipo di rischio.

Accedi