Preventivo e PIES con diverso TAEG
Vietnam e Arabia alla guida dei VARPS. Focus su cinque paesi decorrelati dai mercati emergenti principali
Di seguito pubblichiamo il commento a cura di Tim Love, Investment Director responsabile delle strategie azionarie dei paesi emergenti di GAM Nel 2016 abbiamo identificato cinque mercati chiave all’interno dell’universo …
Dividendo Intesa Sanpaolo fa gola a tanti, titolo gongola e vede i top dal 2018 con +35% Ytd
Intesa Sanpaolo sugli scudi in attesa del corposo dividendo che verrà staccato lunedì 18 ottobre. Il titolo ha veleggiato oggi nelle posizioni di testa del Ftse Mib (close a +2,05% …
E’ frenesia da Bitcoin, +35% a ottobre con conto alla rovescia per lancio primo ETF ad hoc negli States. Occhio a trappola sell on news
Nuovo scatto del Bitcoin che si porta nei pressi dei 60.000 dollari per la prima volta in sei mesi avvicinandosi al suo massimo storico, mentre i trader esprimono fiducia sul …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Aug 2009
    Messaggi
    190
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    28 Post(s)
    Potenza rep
    1718000

    Preventivo e PIES con diverso TAEG

    A luglio/primi di agosto ho fatto un preventivo presso unicredit per un mutuo prima casa. I valori TAN e TAEG erano i seguenti:
    TAEG = 1,08% , TAN = 0,95%
    Ad agosto ho avviato la procedura di richiesta mutuo ed oggi mi è arrivato il PIES con i seguenti valori
    TAEG = 1,18% , TAN = 0,95%
    Ovviamente non capisco questo aumento del TAEG: ma è normale richiedere un mutuo con determinati valori e trovarsi un PIES con valori differenti?

  2. #2
    L'avatar di gigios59
    Data Registrazione
    May 2012
    Messaggi
    726
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    245 Post(s)
    Potenza rep
    9843099
    Citazione Originariamente Scritto da idkfa Visualizza Messaggio
    A luglio/primi di agosto ho fatto un preventivo presso unicredit per un mutuo prima casa. I valori TAN e TAEG erano i seguenti:
    TAEG = 1,08% , TAN = 0,95%
    Ad agosto ho avviato la procedura di richiesta mutuo ed oggi mi è arrivato il PIES con i seguenti valori
    TAEG = 1,18% , TAN = 0,95%
    Ovviamente non capisco questo aumento del TAEG: ma è normale richiedere un mutuo con determinati valori e trovarsi un PIES con valori differenti?
    Per avere un pò più di certezza avresti dovuto prendere un tasso finito. Oppure potevi chiedere il dettaglio delle spese accessorie e fare la differenza, ma tanto ti avrebbero aumentato il TAN. Sono dei prestigiatori....... per non dargli altri titoli

  3. #3

    Data Registrazione
    Mar 2017
    Messaggi
    1,908
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    1506 Post(s)
    Potenza rep
    23724161
    Ti hanno aumentato i costi fissi, come fecero a me.

    Io avevo il tasso FINITO.

    Nello specifico, mi fece pagare la perizia di più rispetto al preventivato affermando che era più completa, la base era per altri mutui.....bla bla bla.
    Alla fine si trattava di un paio di centoni in più. Amen.

  4. #4
    L'avatar di Ster6
    Data Registrazione
    Sep 2002
    Messaggi
    1,763
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    255 Post(s)
    Potenza rep
    39921349
    il tasso è finito quando hai stipulato, la banca prima può aumentare i tassi quanto vuole. Solo dopo che ha emesso il pies vincolante, quindi a 7gg dalla stipula, non può modificare le condizioni (spese, spread, ecc)

    Nel tuo caso se il tan è pari allora hanno aumentato le spese, oppure banalmente per fare un esempio, hai deciso di comprare senza le agevolazioni prima casa mentre il preventivo l'avevi fatto con.
    L'imposta sostitutiva deve essere inserita nel calcolo del taeg quindi a parità di condizioni mutuo se io compro come seconda casa e tu come prima avrai un taeg minore.

    E comunque, ripeto, la banca durante l'istruttoria può anche raddoppiarti il tasso. Tu stai chiedendo un credito, non stai fissando un prezzo che è cosa ben diversa. D'altronde come la banca può dirti no, tu puoi dire di no alla banca

    ciao

  5. #5
    L'avatar di gigios59
    Data Registrazione
    May 2012
    Messaggi
    726
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    245 Post(s)
    Potenza rep
    9843099
    Citazione Originariamente Scritto da Ster6 Visualizza Messaggio
    il tasso è finito quando hai stipulato, la banca prima può aumentare i tassi quanto vuole. Solo dopo che ha emesso il pies vincolante, quindi a 7gg dalla stipula, non può modificare le condizioni (spese, spread, ecc)

    Nel tuo caso se il tan è pari allora hanno aumentato le spese, oppure banalmente per fare un esempio, hai deciso di comprare senza le agevolazioni prima casa mentre il preventivo l'avevi fatto con.
    L'imposta sostitutiva deve essere inserita nel calcolo del taeg quindi a parità di condizioni mutuo se io compro come seconda casa e tu come prima avrai un taeg minore.

    E comunque, ripeto, la banca durante l'istruttoria può anche raddoppiarti il tasso. Tu stai chiedendo un credito, non stai fissando un prezzo che è cosa ben diversa. D'altronde come la banca può dirti no, tu puoi dire di no alla banca

    ciao
    Il tasso finito è leggermente più costoso in quanto la banca si accolla un rischio, quello che mi devono spiegare è perchè se un tasso è finito devono aumentarlo a loro piacimento, allora chiamatelo semi-finito,mah. La realtà è che le banche spadroneggiano e non c'è trasparenza con il cliente, fanno leva sul fatto che il povero cristo ha voglia di concludere la compravendita immobiliare e se si impuntasse salterebbe l'intera operazione con le conseguenze di dover cercare un altro finanziatore e dover sostenere le spese di perizia e istruttoria due volte. Tu banca vuoi raddoppiarmi il tasso o anche alzarlo solo dello 0,10 allora me lo devi motivare, sennò siamo alla supremazia contrattuale. Tanto se ne fregano anche quando gli danno multe milionarie, tanto si rifanno sui poveri cristi.

    La Banca può essere dichiarata responsabile per la mancata erogazione di un finanziamento o di un mutuo fondiario per violazione degli obblighi di correttezza e di buona fede nella fase delle trattative pre negoziali. L’art. 1337 Cod. Civ., infatti, prescrive che “le parti, nello svolgimento delle trattative e nella formazione del contratto, devono comportarsi secondo buona fede”. Come precisato dalla Giurisprudenza di legittimità, (ex multis Cass. Sentenza n. 7768/2007) per potersi affermare la responsabilità della Banca devono, però, ricorrere determinati presupposti: 1) al momento del recesso dell’Istituto di Credito le trattative devono essere in una fase avanzata tale da giustificare nel soggetto richiedente il sorgere di un ragionevole affidamento a che il contratto di mutuo venga concluso; 2) l’Istituto di credito non deve avere alcun valido motivo per interrompere le trattative;
    3) non devono sussistere fatti idonei ad escludere il sorgere di un ragionevole affidamento in capo al richiedente alla conclusione del contratto.

  6. #6
    L'avatar di Ster6
    Data Registrazione
    Sep 2002
    Messaggi
    1,763
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    255 Post(s)
    Potenza rep
    39921349
    Citazione Originariamente Scritto da gigios59 Visualizza Messaggio
    Il tasso finito è leggermente più costoso in quanto la banca si accolla un rischio, quello che mi devono spiegare è perchè se un tasso è finito devono aumentarlo a loro piacimento, allora chiamatelo semi-finito,mah. La realtà è che le banche spadroneggiano e non c'è trasparenza con il cliente, fanno leva sul fatto che il povero cristo ha voglia di concludere la compravendita immobiliare e se si impuntasse salterebbe l'intera operazione con le conseguenze di dover cercare un altro finanziatore e dover sostenere le spese di perizia e istruttoria due volte. Tu banca vuoi raddoppiarmi il tasso o anche alzarlo solo dello 0,10 allora me lo devi motivare, sennò siamo alla supremazia contrattuale. Tanto se ne fregano anche quando gli danno multe milionarie, tanto si rifanno sui poveri cristi.

    La Banca può essere dichiarata responsabile per la mancata erogazione di un finanziamento o di un mutuo fondiario per violazione degli obblighi di correttezza e di buona fede nella fase delle trattative pre negoziali. L’art. 1337 Cod. Civ., infatti, prescrive che “le parti, nello svolgimento delle trattative e nella formazione del contratto, devono comportarsi secondo buona fede”. Come precisato dalla Giurisprudenza di legittimità, (ex multis Cass. Sentenza n. 7768/2007) per potersi affermare la responsabilità della Banca devono, però, ricorrere determinati presupposti: 1) al momento del recesso dell’Istituto di Credito le trattative devono essere in una fase avanzata tale da giustificare nel soggetto richiedente il sorgere di un ragionevole affidamento a che il contratto di mutuo venga concluso; 2) l’Istituto di credito non deve avere alcun valido motivo per interrompere le trattative;
    3) non devono sussistere fatti idonei ad escludere il sorgere di un ragionevole affidamento in capo al richiedente alla conclusione del contratto.

    Ciao, scusa se te lo dico ma stai vaneggiando. Quello che citi non ha alcun senso e alcuna applicazione in questo. Quando chiedi un mutuo tu non stipuli un contratto di 'fornitura' a quel tasso, non stai contraendo uno swap su tassi (sempre che tu sappia cos'e'), tant'e' magari che magari il mutuo lo declina la banca o semplicemente il cliente potrebbe anche non volerlo più per xxx motivi (non compro piu, ho vinto all'enalotto, ecc)
    Una banca è una istituzione privata che può fare quello che gli pare non esiste il giustificato motivo, così come lo puoi fare tu. Non capisci che quando tu chiedi un mutuo, chiedi un credito e non fissi un prezzo (se poi la banca ti vuole garantire le condizioni fino al xx/xx bontà sua).
    I tassi di mercato oscillano in base alle quotazioni, all'appetito della banca in quel momento ecc. Sta scritto anche sulle note informative
    Ci mancherebbe anche che una banca venga ritenuta responsabile perchè poverino aveva promesso il tasso all'1% e ora è 1,50%. E' come tornare al benzinaio e siccome l'hai pagata 1€ al litro la settimana scorsa allora anche oggi deve costare così.

    Se l'1,50% non ti sta bene, usa i tuoi. Oppure vai da un'altra parte. Nessuno obbliga nessuno,

    Un mutuo non è un prestito che lo cominci oggi e lo eroghi domani, un mutuo ha una gestione medio lunga (anche non per colpa della banca. Deliberi poi manca la sanatoria, il notaio è in vacanza, il cliente è in vacanza, ecc) e stipuli chissà quando. E' normale che il tasso applicato possa cambiare (nel bene e nel male).

    Ciao

  7. #7
    L'avatar di gigios59
    Data Registrazione
    May 2012
    Messaggi
    726
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    245 Post(s)
    Potenza rep
    9843099
    Citazione Originariamente Scritto da Ster6 Visualizza Messaggio
    Ciao, scusa se te lo dico ma stai vaneggiando. Quello che citi non ha alcun senso e alcuna applicazione in questo. Quando chiedi un mutuo tu non stipuli un contratto di 'fornitura' a quel tasso, non stai contraendo uno swap su tassi (sempre che tu sappia cos'e'), tant'e' magari che magari il mutuo lo declina la banca o semplicemente il cliente potrebbe anche non volerlo più per xxx motivi (non compro piu, ho vinto all'enalotto, ecc)
    Una banca è una istituzione privata che può fare quello che gli pare non esiste il giustificato motivo, così come lo puoi fare tu. Non capisci che quando tu chiedi un mutuo, chiedi un credito e non fissi un prezzo (se poi la banca ti vuole garantire le condizioni fino al xx/xx bontà sua).
    I tassi di mercato oscillano in base alle quotazioni, all'appetito della banca in quel momento ecc. Sta scritto anche sulle note informative
    Ci mancherebbe anche che una banca venga ritenuta responsabile perchè poverino aveva promesso il tasso all'1% e ora è 1,50%. E' come tornare al benzinaio e siccome l'hai pagata 1€ al litro la settimana scorsa allora anche oggi deve costare così.

    Se l'1,50% non ti sta bene, usa i tuoi. Oppure vai da un'altra parte. Nessuno obbliga nessuno,

    Un mutuo non è un prestito che lo cominci oggi e lo eroghi domani, un mutuo ha una gestione medio lunga (anche non per colpa della banca. Deliberi poi manca la sanatoria, il notaio è in vacanza, il cliente è in vacanza, ecc) e stipuli chissà quando. E' normale che il tasso applicato possa cambiare (nel bene e nel male).

    Ciao
    Caso mai sei tu che stai vaneggiando, e quello che cito sono anche degli articoli di legge vedi tu, o vuoi saperne più del legislatore. Inoltre inutile che vuoi fare il maestro, piuttosto se io scrivo mela è inutile che mi obietti sulla pera, rispondimi se ne sei capace su quello che argomento. Ho forse scritto che un tasso fisso deve rimanere sempre uguale per tutta la durata dell'istruttoria(NON MI SEMBRA), ho forse scritto che le banche sono pubbliche e che non possono fare i loro interessi e truschini (NON MI SEMBRA)
    Infine, noi forse non sapremo come dici tu cos'è lo swap, ma tu non sai l'educazione dove stà di casa.
    Ultima modifica di gigios59; 16-09-21 alle 15:15

  8. #8
    L'avatar di Ster6
    Data Registrazione
    Sep 2002
    Messaggi
    1,763
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    255 Post(s)
    Potenza rep
    39921349
    Citazione Originariamente Scritto da gigios59 Visualizza Messaggio
    Caso mai sei tu che stai vaneggiando, e quello che cito sono anche degli articoli di legge vedi tu, o vuoi saperne più del legislatore. Inoltre inutile che vuoi fare il maestro, piuttosto se io scrivo mela è inutile che mi obietti sulla pera, rispondimi se ne sei capace su quello che argomento. Ho forse scritto che un tasso fisso deve rimanere sempre uguale per tutta la durata dell'istruttoria(NON MI SEMBRA), ho forse scritto che le banche sono pubbliche e che non possono fare i loro interessi e truschini (NON MI SEMBRA)
    Infine, noi forse non sapremo come dici tu cos'è lo swap, ma tu non sai l'educazione dove stà di casa.

    Meno male che te invece hai dato esempio di cosa è l'educazione. Inserisci citazioni giuridiche non c'entrano una beneamata m****a, salivando su questioni che non sai nemmeno.

    Un forum è tale se c'e' un accrescimento di conoscenza, non se si danno indicazioni fuorvianti o senza senso. Perchè quello che tu citi è senza senso

    'quello che mi devono spiegare è perchè se un tasso è finito devono aumentarlo a loro piacimento, allora chiamatelo semi-finito,mah'
    Mi son permesso di citare un tuo discorso, già da qui si capisce la cultura finanziaria.

    Cmq stammi bene ciao

Accedi