velocità di abbattimento del capitale residuo in un mutuo a tasso variabile
Manovra ottiene ok Ue, ma ora a far paura è il Mes. BTP, banche italiane pronte a spezzare doom loop?
Europa al centro dei riflettori in queste ultime ore, con la polemica politica infuriata sul Mes e la decisione della Commissione europea di promuovere la manovra italiana varata dal M5S-PD, …
Gli ETF di Goldman Sachs planano in Italia, c’è anche il clone multifattoriale più grande al mondo
Goldman Sachs chiude il cerchio dei grandi arrivi sul mercato italiano degli ETF in questo 2019. A fare da apripista era stato il colosso Vanguard, arrivato in Italia con i …
Verso un decennio di trasformazioni, Ubs indica tre investimenti vincenti nel lungo periodo
Outlook 2020 e non solo. UBS guarda ai prossimi 12 mesi ritenendo appetibili i titoli di qualità caratterizzati dal pagamento di dividendi. Nel report Year Ahead di UBS Global Wealth …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Aug 2012
    Messaggi
    488
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    145 Post(s)
    Potenza rep
    2311193

    velocità di abbattimento del capitale residuo in un mutuo a tasso variabile

    Ho letto diverse volte che la differenza tra un mutuo a tasso variabile e uno a tasso fisso è anche che il primo abbatte il capitale residuo più velocemente.

    Tuttavia confrontando i piani di ammortamento ho potuto constatare che a parità di tasso e durata il tasso variabile e il tasso fisso hanno lo stesso identico abbattimento del capitale residuo!
    In altre parole a parità di durata e tasso, dopo "x" anni il capitale residuo con il mutuo variabile è identico a quello mutuo con il tasso fisso.

  2. #2
    L'avatar di Pred_01
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    13,658
    Mentioned
    15 Post(s)
    Quoted
    4370 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    il punto è che non trovi un fisso con un tasso pari a quello variabile (a parità di durata e LTV), viceversa a che pro sottoscrivere un variabile?

  3. #3

    Data Registrazione
    Nov 2014
    Messaggi
    178
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    24 Post(s)
    Potenza rep
    875628
    Citazione Originariamente Scritto da miguelx74 Visualizza Messaggio
    Ho letto diverse volte che la differenza tra un mutuo a tasso variabile e uno a tasso fisso è anche che il primo abbatte il capitale residuo più velocemente.

    Tuttavia confrontando i piani di ammortamento ho potuto constatare che a parità di tasso e durata il tasso variabile e il tasso fisso hanno lo stesso identico abbattimento del capitale residuo!
    In altre parole a parità di durata e tasso, dopo "x" anni il capitale residuo con il mutuo variabile è identico a quello mutuo con il tasso fisso.
    Mi sembra ovvio, visto che per entrambi è previsto in genere un piano di ammortamento alla francese.
    Quindi a parità di tasso, il piano di ammortamento sarà identico.
    Il punto è che i calcoli, con un variabile, non è possibile farli a priori ma solamente dopo che avrai estinto il debito.
    Solo alla fine, mettendo in conto eventuali ribassi (e rialzi) del tasso, sarai in grado di capire quanti interessi hai lasciato alla banca e quanti ne hai risparmiati.

  4. #4
    L'avatar di Ster6
    Data Registrazione
    Sep 2002
    Messaggi
    1,606
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    168 Post(s)
    Potenza rep
    35114823
    è un discorso matematico, il piano di ammortamento alla francese è calcolato in base al tasso d'ingresso. Il fatto che sia fisso o variabile ovviamente è ininfluente in quanto è comunque un tasso!

    Si dice che col variabile si rimborsa piu capitale perchè di norma il tasso è inferiore quindi l'interesse minore e la quota capitale maggiore.


    ciao

  5. #5
    L'avatar di tank81
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    225
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    13 Post(s)
    Potenza rep
    2992270
    Citazione Originariamente Scritto da miguelx74 Visualizza Messaggio
    Ho letto diverse volte che la differenza tra un mutuo a tasso variabile e uno a tasso fisso è anche che il primo abbatte il capitale residuo più velocemente.

    Tuttavia confrontando i piani di ammortamento ho potuto constatare che a parità di tasso e durata il tasso variabile e il tasso fisso hanno lo stesso identico abbattimento del capitale residuo!
    In altre parole a parità di durata e tasso, dopo "x" anni il capitale residuo con il mutuo variabile è identico a quello mutuo con il tasso fisso.
    il nocciolo è che se fai un variabile puoi tranquillamente ridurre di 5 anni la durata del mutuo con un risparmio di diverse miglia di euro, poi come sempre sono scelte personali

  6. #6

    Data Registrazione
    Apr 2019
    Messaggi
    294
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    164 Post(s)
    Potenza rep
    1789006
    Citazione Originariamente Scritto da tank81 Visualizza Messaggio
    il nocciolo è che se fai un variabile puoi tranquillamente ridurre di 5 anni la durata del mutuo con un risparmio di diverse miglia di euro, poi come sempre sono scelte personali
    Ma bisogna fare attenzione al fatto che stiamo vivendo in un periodo in cui i tassi di interesse sono mantenuti artificialmente bassi dalle banche centrali.
    Cambiasse ad esempio la politica monetaria Usa a seguito delle prossime elezioni Presidenziali potrebbe adeguarsi a cascata la politica della BCE ed alzarsi i tassi. A quel punto il variabile vorrebbe dire andare a pagare molto di più di interessi.
    La differenza fra tasso fisso e variabile è tutta sulla propensione di rischio e possibilità di far fronte a un rapido e pesante incremento dei tassi o estinguendo il mutuo o pagando una rata molto più pesante.
    Personalmente, considerata anche la possibilità di surroga ho optato per un tasso fisso (con il variabile avrei pagato lo 0,8% di interesse in meno) e poi dopo 18 mesi ho proceduto ad una surroga mantenendo più o meno la stessa differenza. Sostanzialmente ho investito alcune migliaia di euro pagati in interessi nella tranquillità e sicurezza di non avere sorprese. Se poi nei prossimi anni si dovessero alzare i tassi di interesse facile che ci vada pure a guadagnare visti i bassi tassi ai quali si sta surrogando nell'ultimo anno.

Accedi