Spese totali acquisto prima casa e importo mutuo
Gli ETF di Goldman Sachs planano in Italia, c’è anche il clone multifattoriale più grande al mondo
Goldman Sachs chiude il cerchio dei grandi arrivi sul mercato italiano degli ETF in questo 2019. A fare da apripista era stato il colosso Vanguard, arrivato in Italia con i …
Verso un decennio di trasformazioni, Ubs indica tre investimenti vincenti nel lungo periodo
Outlook 2020 e non solo. UBS guarda ai prossimi 12 mesi ritenendo appetibili i titoli di qualità caratterizzati dal pagamento di dividendi. Nel report Year Ahead di UBS Global Wealth …
Carige, prospetto aumento capitale alla Consob. Ricapitalizzazione ‘natalizia’, a marzo ritorno titolo in Borsa
Una ricapitalizzazione entro il 18 dicembre, prima di Natale dunque: stando ad alcune indiscrezioni stampa, l’aumento di capitale da 700 milioni di Carige approvato nel mese di settembre dall’assemblea straordinaria …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    119
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    63 Post(s)
    Potenza rep
    5579083

    Spese totali acquisto prima casa e importo mutuo

    Buongiorno a tutti!

    Io e mio marito stiamo valutando l'acquisto della prima casa e ci stiamo chiedendo di quanto possano essere le spese totali da considerare per l'intera operazione.

    Viviamo in un paese in cui con circa 130k si può acquistare un appartamento della tipologia che ci interessa.
    Oltre al costo dell'immobile, quali altre spese bisogna considerare in fase di richiesta mutuo?

    Noi stiamo ipotizzando 10k per spese di agenzia e notaio e un cuscinetto di 15k per eventuali lavori di abbellimento (rifacimento bagno, imbiancatura ecc..).

    In questo modo il totale sarebbe 155k; ora avremmo da parte circa 80k e vorremmo fare un mutuo non più lungo di 15 anni.
    Per il momento non abbiamo ancora individuato uno specifico immobile, ma stiamo cercando qualcosa su cui non dover fare grossi interventi di manutenzione.

    Quanto conviene chiedere di mutuo? In genere ci sono altre spese che non abbiamo considerato?

    Grazie a tutti

  2. #2
    L'avatar di Pred_01
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    13,658
    Mentioned
    15 Post(s)
    Quoted
    4370 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    io mi orienterei con il chiedere un mutuo il cui importo sia compreso tra i 50, max 60% del valore della casa (a condizione che i prezzi delle case siano quelli che hai indicato : 130 - 150 K).
    insomma, visti i tassi applicati ai mutui decisamente bassi, mi terrei un po di soldini da parte, così se devo fare una spesa extra (non prevista), non sarei obbligato a chiedere un prestito che se l'otterrei, lo pagherei con un tasso decisamente superiore quello applicatomi dalla banca sul mutuo 1^casa; inoltre con il mutuo 1^casa ogni anno posso portare in detrazione il 19% degli interessi, sul prestito no.

  3. #3

    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    119
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    63 Post(s)
    Potenza rep
    5579083
    Grazie mille per la risposta.

    Quindi dici di chiedere un mutuo leggermente più alto perchè su importi bassi i tassi sul mutuo sono più alti?

    Certamente non vogliamo mettere tutta la liquidità nella casa con il rischio di non avere soldi per altre eventuali emergenze, però ci chiedevamo se ha senso tenere da parte soldi che comunque ora come ora non rendono molto e pagare interessi su soldi chiesti in prestito alla banca.

  4. #4

    Data Registrazione
    Jun 2018
    Messaggi
    198
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    91 Post(s)
    Potenza rep
    102052
    Sì, chiedi il massimo che puoi di mutuo a parità di tasso.
    A parità di tasso significa che se la banca applica un determinato tasso, ad esempio, fino al 65% di ltv, tu chiedi il 65%.
    Poi ad estinguere parzialmente o a trovare un conto deposito per parcheggiare la liquidità in eccesso si fa presto.
    I costi che hai stimato mi sembrano corretti.

  5. #5
    L'avatar di Pred_01
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    13,658
    Mentioned
    15 Post(s)
    Quoted
    4370 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    ed aggiungo che se intendi non andare oltre i 10/15 anni di durata (del mutuo), e visto che dovrebbero restarti dei soldi disponibili, prova a valutare un mutuo a tasso variabile (di sicuro mi sento di dire evita come la peste quelli a tasso misto : convengono solo alle banche), dicevo il variabile perché intanto nei primi anni abbatti più capitale di un tasso fisso (pari caratteristiche), ed in caso di "risveglio" dell'€BOR, puoi intervenire versando dei soldi come "estinzione parziale anticipata", così da ottenere una rata mensile più bassa ed, allo stesso tempo, una minor incidenza dell'aumento del tasso perché egli andrebbe ad incidere su un capitale ridotto rispetto all'iniziale.

  6. #6

    Data Registrazione
    Mar 2017
    Messaggi
    264
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    180 Post(s)
    Potenza rep
    2094347
    La cifra di 10K€ di spese accessorie è corretta considerando un 3% + iva dell'agenzia, un 1,5/2.5K€ spese registro PRIMA CASA , 1K€ atto mutuo, 1K€ atto rogito ed altri piccoli oneri accessori (registrazione compromesso, bolli vari ecc).

    Io ho seguito il tuo stesso ragionamento ovvero un mutuo di "breve" durata, non superare i 15 anni.
    Come anticipo dai il minimo possibile per ottenere il tasso migliore: ogni mese usciranno promozioni di banche per attirare nuovi clienti.
    Quando scelsi io, c'era Unicredit che dava il tasso più basso con un LTV addirittura minore o uguale al 70%.
    Prova a fare delle simulazioni e leggere le condizioni.
    A volte offrono tassi inferiori per durate minori di 10 anni ed LTV 50%, altre volte sono più di manica larga con LTV altre volte con la durata.

    Avendo liquidità, ti permetterà di trattare/non cedere sulle varie assicurazioni che proveranno ad includere nel mutuo.

Accedi