Sviluppo Del Mediterraneo,prossima Banca Con Giancarlo Elia Valori,alerion,genarali - Pagina 8
Tassateci ora: “Patriotic Millionaires” protestano a Davos contro il World Economic Forum
Un gruppo di milionari si è unito per protestare contro il World Economic Forum, raduno dell’élite economica e politica a Davos, in Svizzera, chiedendo ai governi “tassateci ora” per affrontare …
Prezzo gas giù in Europa (minimi da scoppio guerra), mentre balza negli Usa. Ecco il perché di questa dicotomia
Ieri si è assistito a un andamento dicotomico dei prezzi del gas naturale, con quello USA che continua a a salire (ieri è balzato di oltre l’8%), mentre quello TTF …
Kairos prudente su mercati, ma vede opportunità da ritorno a Piazza Affari del ‘primario’. Plenitude (Eni) e l’idrogeno di De Nora (con Snam), le Ipo 2022 più attese
Trabattoni resta cauto sul mercato secondario, mentre si potrebbero aprire nuove opportunità dal ritorno a Piazza Affari del mercato primario
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #71

    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    2,502
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Oltre il 50% degli italiani considera importante il risparmio energetico e le rinnovabili
    Le donne, gli adulti e i laureati sono coloro che maggiormente adottano misure di risparmio energetico, sei italiani su dieci utilizzano elettrodomestici a basso consumo, il solare termico è la fonte rinnovabile più conosciuta, mentre l’alto costo delle tecnologie è il fattore che più ostacola gli investimenti. È quanto emerge, in sintesi, da uno studio presentato la scorsa settimana dal Gestore dei servizi elettrici (Gse) e realizzato in collaborazione con le Associazioni dei Consumatori (Cittadinanzattiva, Movimento Consumatori/Movimento Difesa del Cittadino, Federconsumatori) sui comportamenti degli italiani nei confronti delle fonti rinnovabili.
    Più della metà degli intervistati ha affermato di attribuire molta importanza alla questione dell’energia, mentre solo il 12% si dichiara disinteressato. Inoltre, il 41% del campione ritiene che sia molto importante ridurre i consumi energetici. Più di tre intervistati su quattro hanno detto di adottare misure di risparmio energetico, con una diffusione maggiore dei comportamenti di risparmio fra le donne, le persone adulte (35-54 anni), coloro che dispongono di un più elevato titolo di studio (l’81% dei laureati e il 77% dei diplomati) e di un maggior reddito disponibile.
    Tra i comportamenti di risparmio più diffusi oltre il 70% degli intervistati ha detto di fare attenzione a spegnere le luci quando esce da una stanza e di usare lampade a basso consumo. Sei intervistati su dieci utilizzano elettrodomestici a basso consumo.
    Considerando le azioni di politica energetica indicate come priorità nazionale dai consumatori italiani, gli autori dell’indagine sottolineano come “coloro i quali adottano comportamenti per ridurre il consumo d’energia individuano principalmente obiettivi di lungo periodo e di interesse collettivo, quali la riduzione della dipendenza dalle importazioni di petrolio e gas (otto su dieci intervistati), la riduzione del consumo di energia (79%) e il contenimento del riscaldamento globale (76%)”.
    Per quanto riguarda il livello informativo, i consumatori si dimostrano abbastanza informati sulla tematica energetica. Più di 8 intervistati su 10 hanno sentito parlare di energia solare termica, di quella eolica e dell’idroelettrica. La percentuale scende sotto il 70% per il solare fotovoltaico, i biocarburanti e il geotermico. In termini di disponibilità all’investimento nelle fonti rinnovabili, i consumatori manifestano un differente apprezzamento rispetto alle varie fonti energetiche: più dell’80% si dice favorevole alle energie rinnovabili quali il solare, l’eolico e l’idroelettrico. La percentuale scende al 30% per le fonti tradizionali quali petrolio, nucleare e carbone.
    Infine lo studio rileva che per i consumatori (per quasi il 60% degli intervistati) il principale ostacolo all’investimento nelle fonti rinnovabili è il costo eccessivo, seguito da una insufficiente informazione tecnica sull’effettiva efficacia energetica (il 25%), ma anche da un’eccessiva complessità burocratica per ottenere incentivi.



    NEI PAESI BALCANICI ED IN QUELLI ARABI DEL MEDITERRANEO LA MODA RINNOVABILE STA ARRIVANDO


    www.medrep.info

  2. #72

    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    2,502
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    NOTIZIE DA

    www.sviluppodelmediterraneo.net

    ECCO CHI HA STILATO LO STATUTO E CHI APPORTERA' LE MODIFICHE RICHIESTE IN TEMPI BREVI.
    Piergaetano Marchetti

    Presidente di Rcs MediaGroup e di Rcs Quotidiani, la società editrice del “Corriere della Sera”dall’aprile del 2005
    Prorettore dell’Università Bocconi, professore ordinario di Diritto commerciale, Piergaetano Marchetti è nato a Milano il 30 novembre del 1939. Ricopre altri incarichi societari come in Mediobanca e Assicurazioni Generali. E’ uno dei maggiori esperti di Diritto societario e Diritto dei mercati mobiliari e dei mercati finanziari, ma tra le sue aree di interesse scientifico si trovano anche il Diritto comunitario, dell’informazione e della proprietà industriale e intellettuale. Ha fatto parte del Comitato per le privatizzazioni e del Comitato dei giuristi nominato dal ministero del Tesoro (97) per la preparazione del Testo Unico sui mercati finanziari e le società quotate in Borsa

  3. #73

    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    2,502
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    BANCA PER LO SVILUPPO DEL MEDITERRANEO con sede in Roma sarà una merchant bank che,attraverso gli strumenti finanziari tipici raccoglierà ed erogherà denaro per sviluppo di settori strategici del Mediterraneo e dei Balcani.

    Uno strumento di pace nel Mediterraneo voluto dalle sapienti idee lungimiranti e strategiche del fantastico Cavlier ELIA VALORI, Uomo sapiente,preparato e certamente interessato ad uo sviluppo equo e solidale.

    Alerion,è nel capitale, con il 45.5% attuale-

    Cari SOCI FORTI,
    la moda dei bancari è finita e le Borse hanno voglia e caccia d'occasioni.
    Ma come dimostra il prezzo del petrolio a 96$ al barile,lanciatissimo verso i 100$,e come dimostra il fatto che dei 96 $ ben 30$ (cioè il 30%)è legato alla speculazione , ne dobbiamo dedurre che:

    a)L'Attenzione di FEDE,POLITICA,FINANZA,SOCIETA' COMUNE INTERNAZIONALE, verso le energie rinnovabili è in crescente aumento; in Italia lo dimostra la Finanziaria 2008 con l'emendamento a sostegno delle Rinnovabili,postato da Perug65.
    b)E' meglio investire in small caps su energie rinnovabili perchè lontane da Hedge Funds,meccanismo dei covered warrants, call,put INSOMMA speculazione pura (a parte gli onnipresenti shorters e scalpers,,di cui c'è bisogno...)
    c)ALERION trarrà beneficio sia dalla quotazione di FRI EL GREEN sia dallo spin off di KME GREEN ENERGY,ma anche dal suospin off di ALERION ENERGIE RINNOVABILI,dove l'Ingegnere Luca Faedo sta facendo benissimo.
    d)ALEERION è in joint venture con ERG che sta diversificando su fonti rinnovabili per non lasciarsi sfuggire il Settore quando EDISON ENEL ENI sono già presenti.
    e)ALERION ed ENERTAD sono insieme con il 10% dell'attuale Eolico italiano e cresceranno per contrastare la forza di Fri el green.Cresceranno per linee verticali e orizzontali.
    f)Non è detto che ERG non acquisti una partecipazione in ALERION EN RINNOVABILI, e che non la prenda anche una piccola partecipazione BANCA PER LO SVILUPPO DEL MEDITERRANEO a cui verrebbe data una fettina di rappresentanza di ALERION ENERGIE RINNOVABILI.-

    Insomma:
    Se ALERION passo' da 0.77 a 1 .00 euro in Aprile 1994 con scambi totali mensili di 3.063.000 azioni; se Alerion di oggi 2007 è inconfrontabile con quella del 1994 ma anche con quella fino al 2005;se Alerion ha un patto di Sindacato fatto da Allianz,Mps,Fonsai MilanoPremafin Ligresti Garofano Colleoni Alfio marchini Sias Camomille Ltd;se Alerion ha un gruppo di Managers Motivati con warrants e recenti stock option, piano Phantom;se Alerion è blindata per il 71% e nessuno ancora la conosce(volutamente tenuta nascosta):se Alerion avrà benefici da autorizzazione di Banca per lo Sviluppo del Mediterraneo con Elia Valori,Genrali,Allianz,Engeneering,Toti ecc che è solo rimandata per modifiche statutarie che il Prof Dott Notaio Pier Marchini sta predispondendo:se Alerion non ha dato pressocchè nulla agli azionisti piccoli e grandi fedeli dal 1994/2000.

  4. #74

    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    2,502
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    hai 720 milioni di abitanti che se lo chiedono:

    dal sito sviluppo del mediterraneo.it

    prossima banca:
    The Euro-Mediterranean Region is one of expanding opportunity. Including the all EU, Euro-Med Region, with 720 millions inhabitants could become a common market by 2010. Such a large market – bigger by far than China – is one that businesses and investors must reckon with.

    The Mediterranean region, among three continents, enjoyed its greatest prosperity when it was open to trade, ideas, innovation and private enterprise.

    Nowadays, between the two shores, the Mediterranean area holds the world record gap for GDP differential per capita: 1 to 10 between South and North, versus 1 to 7 between Mexico and USA.

    Southern MED countries generally blessed with primary natural resources and young population, need for strong growth as a transition versus a stable development status. In these countries, unemployment, limited basic services to the population, infrastructures, and social pressure represent both a waste of resources and a major risk to social/political stability and to business expansion.

    The last period of twenty years can be considered a period of missed opportunities for the Mediterranean area development.


    ALERION GENERALI ALLIANZ TOTI DEL GR LAMARO E QUALCHE ALTRO DI NOI...FORTI..PURE...


    ***************
    Sviluppo del mediterraneo S.p.A.

    Via Clitunno 5
    00198 – Roma

    fax +39 06 853744235
    e-mail: [email protected]
    TIME IS TIME

    --------------------------------------------------------------------------------
    TELEFONATE PER INFORMAZIONI SUI TEMPI DI AUTORIZZAZIONE

  5. #75

    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    2,502
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    chi è il fondo israeliano amico di elia valori, che è interessato ad Alitalia con la cordata Baldassarre?

    eccolo.

    http://finance.google.com/finance?q=TLV:MISH


    intanto la regione Lazio ed Israele firmano, grazie ad ELIA VALORI ,accordo per le tecnologie fotoniche.

  6. #76

    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    2,502
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    31/10/2007 - 09:49
    Il dossier Alitalia potrebbe finire nel mirino della Consob
    Santini, consigliere della Magliana, risulta presidente del consiglio di gestione di Sviluppo del Mediterraneo
    Messaggio promozionale


    Il dossier Alitalia potrebbe finire nel mirino della Consob per una "anomalia" nei rapporti tra la società guidata da Prato e il consorzio coordinato da Antonio Baldassarre. A lanciare l'allarme è Finanza & Mercati di oggi da cui si apprende che il consigliere della Magliana, Carlo Santini, oltre a ricoprire un posto nel board della società aerea, è anche presidente del consiglio di gestione di Sviluppo del Mediterraneo. Si tratterebbe di un conflitto di interessi, visto che Sviluppo del Mediterraneo, guidata da Giancarlo Elia Valori gioca un ruolo di primo piano nella cordata Baldassarre, scrive il quotidiano finanziario. Anzi, secondo quanto aveva dichiarato il 22 agosto l'ex presidente del consiglio di gestione Giuseppe Garofano, è "advisor economico" del consorzio. F&M aggiunge un altro tassello, la nomina di Santini è stata fatta il 24 luglio in sostituzione di Garofano. Da lì a poco la cordata si rivelava. Una "staffetta passata del tutto inosservata", scrive F&M. Inoltre la carica di Santini di consigliere Alitalia, non compare nel curriculum che è presente nel verbale redatto il giorno della nomina.
    La vicenda rischia di mettere fuori gioco la cordata Baldassarre.


    **************************************** *********************


    Per la cronaca.

    SVI DEL MED
    è solo advisor economico.

    non c entra nulla con ALITALIA.

  7. #77

    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    2,502
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da robinwood Visualizza Messaggio
    NOTIZIE DA

    www.sviluppodelmediterraneo.net

    ECCO CHI HA STILATO LO STATUTO E CHI APPORTERA' LE MODIFICHE RICHIESTE IN TEMPI BREVI.
    Piergaetano Marchetti

    Presidente di Rcs MediaGroup e di Rcs Quotidiani, la società editrice del “Corriere della Sera”dall’aprile del 2005
    Prorettore dell’Università Bocconi, professore ordinario di Diritto commerciale, Piergaetano Marchetti è nato a Milano il 30 novembre del 1939. Ricopre altri incarichi societari come in Mediobanca e Assicurazioni Generali. E’ uno dei maggiori esperti di Diritto societario e Diritto dei mercati mobiliari e dei mercati finanziari, ma tra le sue aree di interesse scientifico si trovano anche il Diritto comunitario, dell’informazione e della proprietà industriale e intellettuale. Ha fatto parte del Comitato per le privatizzazioni e del Comitato dei giuristi nominato dal ministero del Tesoro (97) per la preparazione del Testo Unico sui mercati finanziari e le società quotate in Borsa

    ASPETTIAMO NOTIZIE.

  8. #78

    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    4,086
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Notizie ?

  9. #79

    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    38,042
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1167 Post(s)
    Potenza rep
    0
    .

Accedi