Ucg isp sp500 dj nsdq stm ecc.. - Pagina 26
L’ETF Ufo e Race for Space di Oval, ecco come ‘andare sulla Luna’ investendo sulle spedizioni spaziali
Ricorre oggi il 50° anniversario dell?allunaggio, ossia da quando il primo uomo, Neil Armstrong, metteva piede sulla Luna.  L’occasione giusta per puntare i riflettori sull’industria aerospaziale che risulta una delle più …
Popolare Bari: rischio salto nel buio dopo l’assemblea, nessuno vuole la banca come sposa
I soci della Popolare di Bari aspettano con ansia l’esito dell?assemblea di domenica chiamata ad approvare una maxi-perdita di 420 milioni e che probabilmente sancirà l?uscita di scena della famiglia …
Tutto e subito: Fed e Bce ora sono obbligate a saziare i mercati. Ecco l’agenda fitta di Draghi per giovedì 25
Il ritorno alla politica monetaria super-espansiva da parte delle banche centrali è quello che attendono i mercati. La Federal Reserve da una parte potrebbe ridurre i tassi di interesse anche …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione

  1. #251
    L'avatar di BudM69
    Data Registrazione
    Jul 2003
    Messaggi
    9,176
    Blog Entries
    3
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    A forza di aspettare, esitare e nicchiare, la Grecia è praticamente in default: a meno che qualcuno creda possa pagare il 20% sui BOT a due anni, e l’11% su quelli a dieci. Ma ormai non è più solo la Grecia. Come ampiamente previsto e come era possibile evitare, il Portogallo è contagiato: con un debito pubblico pari all’84% del PIL (incredibilmente virtuoso, in confronto all’Italia), gli interessi che deve pagare sui BOT a dieci anni sono saltati a 5,67 (più 0,48 in poche ore).

    Il debito pubblico italiano ci costa di più (più 0,6 punti d’interesse nelle stesse ore), e il Tesoro ha fatto fatica a piazzare 13,5 miliardi di euro di obbligazioni ad interesse rialzato.

    Ma il peggio capita adesso alla Spagna: declassato da Standard & Poors il suo debito pubblico, gli interessi che deve pagare sui suoi titoli sono saliti di 0,27. Va da sè che ogni rincaro degli interessi avvicina il momento in cui il servizio del debito, per questi Stati, diverrà insostenibile.

    Dov’è Prodi? Dove sono Ciampi ed Amato, che ci assicuravano che con l’entrata nell’euro i nostri problemi erano finiti, che finalmente potevamo indebitarci a tassi bassi, che ci dava «stabilità», che ci «proteggeva» dalle svalutazioni (ossia dal rimedio tradizionale con cui noi latini uscivamo dai guai?). La responsabilità di questo disastro è proprio l’euro. L’euro-marco, voluta dalla Germania.

    Il caso della Spagna è esemplare. Non era una cicala come l’Italia, col debito pubblico superiore al 110 del PIL. Il debito spagnolo era solo il 40%, il Paese vantava attivi di bilancio e un’economia dinamica. Entrata nell’euro, la Spagna è stata devastata dai tassi, troppo bassi per la sua economia vispa. I tassi imposti uguali per tutti dalla Banca Centrale Europea, 4% nei primi anni 2000, rendevano il denaro troppo a buon mercato per il Paese, la cui crescita economica era prossima al 4% annuo e l’inflazione al 3%: la crescita nominale del prodotto interno lordo del 7% eccedeva di troppo il costo del denaro al 4%. Da qui l’immane bolla, specie immobiliare: dovuta alla corsa ai mutui a basso prezzo. Adesso è esplosa, e la Spagna è in recessione e per di più in lista per il default sovrano. Una crisi che avrebbe evitato facilmente, se avesse avuto ancora la sua moneta nazionale: bastava aumentare il costo del denaro aumentando i tassi, cosa vietata dalla ferrea zon-euro.

    Stesso discorso per l’Italia, fatte le debite differenze. Prima, con le svalutazioni competitive, portavamo via quote di mercato ai tedeschi. Poi i tedeschi ci hanno legato all’euro, ed abbiamo cominciato a perdere quella che i Ciampi e i Giavazzi chiamano «la stagnazione», la «perdita di competitività».

    Mostro una tabella inviatami da un lettore: si vede precisamente che la nostra produzione industriale ha smesso di crescere proprio dal 2000 (entrata nell’euro), per poi scendere a precipizio dal 2005; mentre scendeva in sincrono anche la Borsa di Milano in confronto a quelle del mondo.


    --------------------------------------------------------------------------------



    CLICCARE PER INGRANDIRE


    --------------------------------------------------------------------------------

    La Grecia, d’accordo, avrà truccato i conti per entrare nell’euro. Ma chi ha prestato tanto ad Atene ai bassi tassi tedeschi per anni, come se Grecia e Germania fossero la stessa realtà, solo perchè avevano la stessa moneta? Le banche tedesche e francesi: e l’avrebbero fatto con tanta insensata larghezza, se la Grecia avesse avuto la dracma, soggetta a svalutazione?

    E’ stato una specie di sub-prime all’europea. Ora apprendiamo che per il salvataggio della Grecia non basteranno i 30 miliardi più o meno di malavoglia promessi dagli europei, più i 15 promessi del Fondo Monetario.

    «La Grecia ha bisogno di dieci volte tanto: 150 miliardi di euro da qui al 2015 come principale del debito, più altri 90 miliardi per gli interessi; e ciò senza contare il debito aggiuntivo che sta contraendo finchè la Merkel, il 10 maggio, non accetta d’intervenire» (c’è il fondato rischio che la Merkel perda le elezioni in Westfalia, e l’aiutino germanico non arrivi più), dice Nicolas Barrè sul periodico economico francese Les Echo: «Ci sono ancora i mezzi?».

    E questi 2-300 miliardi, solo per la Grecia. Immaginate se avrà bisogno d’aiuto la Spagna, cinque volte più grossa. E l’Italia...

    Non è più questione di Grecia, nè di Prtogallo, nè di Spagna e Italia. E’ in questione la struttura fondamentale della zona euro, che è stata basata su assurdità burocratico-ideologiche: una zona monetaria unica senza una fiscalità unica, senza una direzione politica, con il divieto per la Banca Cenbtrale di acquistare i BOT dei Paesi membri, creando moneta dal nulla in pagamento. Così, ora che la Merkel sta cominciando a dire ai tedeschi che devono fare ancora sacrifici non per salvare la Grecia, ma l’euro, perchè è l’euro ad essere sull’orlo del precipizio, sarebbe ora di rispondere: ebbene, facciamo un passo avanti!

    Uscire dall’euro. I Prodi e i Giavazzi dicano pure: impossibile, il nostro debito resterebbe in euro, impagabile con le neo-lirette svalutatissime. Errore doppio.

    Anzitutto, se l’Italia uscisse dall’euro, la terza economia dell’eurozona, l’euro non ci sarebbe più. E poi, si capisce, il debito verrebbe ripudiato, come farà comunque la Grecia (già si parla, con eufemismo, di «ristrutturazione»: la Grecia non ripagherà che il 50, o anche solo il 30%); il nostro debito è al 60% in mano a stranieri, che hanno avuto già anche troppo da noi italiani.

    Default sovrani uno dopo l’altro (tanto, è inevitabile). Tempi durissimi ci attendono. Ma anche tempi in cui si potrà finalmente rimettere in discussione il «pensiero unico» economico, e concepire una finanza sana, su altre basi.

    Sulla rivista Marianne, un economista gaullista, Laurent Pinsolle, fornisce alcune indicazioni per rimettere la finanza al servizio della collettività, strappandola alla predazione e al saccheggio.

    Restituire la creazione di moneta alla stato – «Non è normale che le banche possano oggi prendere a prestito dalle Banche Centrali all’1%, per poi prestare quel denaro agli stati al 3% o al 7 %. Lo Stato deve riprendere il controllo della creazione monetaria».

    Monetizzare il debito – Una volta che lo Stato crea la propria moneta, può anche monetizzare il suo debito (come già fanno USA e Gran Bretagna), ossia stampare denaro per pagare i debiti. Oggi, questo è un tabù, perchè – secondo il pensiero unico – provoca iper-inflazione. Ma la condizione attuale in Europa è deflazione: cala la massa monetraria (perchè le banche hanno ristretto il credito, ossia creano meno moneta. La «cura» consigliata, per esempio alla Grecia, ossia un taglio drastico delle spese pubbliche ed un aumento delle imposte (per pagare i creditori coi risparmi) non farano che creare recessione, dunque riduzione dell’introito fiscale, dunque lo strangolamento di qualunque speranza di ripresa, la sola cosa che possa davvero rendere in grado di pagare i creditori. In questa situazione, la «monetizzazione» non è inflazionistica, ma necessaria sia a diluire il debito, sia ad innescare la ripresa.

    Imporre la tobin tax – Una tassa (dallo 0,1% all’1%) su tutte le transazioni finanziarie ridurrebbe la speculazione a brevissimo (specialmente le speculazioni ad alta velocità computerizzate, con milioni di «scambi» all’ora), farebbe contribuire la finanza agli sforzi della collettività, alleviando il peso dei debiti che gli Stati si sono accollati appunto per salvare le grandi banche e la finanza dall’implosione.

    Tassare le fusioni-acquisizioni – Perchè sono occasione per gli azionisti di estrarre valore per sè a forza di licenziamenti, smantellamenti, delocalizzazioni.
    Metter fine alla corsa folle alla redditività finanziaria – Ieri i capitali investiti pretendevano frutti del 5%, oggi vogliono il 15%, domani il 25%. Così gli azionisti (i capitalisti) vampirizzano la crescita economica a loro esclusivo profitto. L’economista Frédéric Lordon ha proposto di decretare un limite di redditività (SLAM, Shareholder Limited Authorized Margin), al di là del quale lo Stato imporrebbe una supertassa confiscatrice (90%) sulla remunerazione supplementare del capitale. Vi pare troppo «socialista», utopisticamente irrealizzabile? E’ quel che fece negli anni ‘30 Franklin D. Roosevelt nella liberista America.

    (Ri)creare un grande polo pubblico bancario – Oggi il sistema bancario è di fatto un insieme di oligopoli privati, che si sono dimostrati cattivi investitori (per esempio prestando troppo alla Grecia), ormai incapaci di dare credito oculato all’economia reale (alla ricerca della redditività assurdamente alta), e che vivono di fatto come parassiti-sanguisughe dei contribuenti. Ciò che viene proposto è un polo pubblico che faccia concorrenza ai privati fornendo servizi a prezzi ragionevoli. Naturalmente, sarà difficile tenere «la politica» e le sue mani fuori da questo polo, almeno in Italia.

    Restaurare la separazione per legge fra banche d’affari speculative e banche commerciali – La legge americana introdotta negli anni ‘30 (Glass-Steagall Act) proprio per limitare gli eccessi dei «mercati» è stata eliminata da Bill Clinton nel 2000: il risultato si vede oggi.

    Reinstaurare il controllo sui movimenti di capitali – La crisi asiatica degli anni ‘90 ha insegnato che proprio i Paesi che hanno limitato la «libera circolazione» di capitali sono stati meno vulnerabili alla crisi. La Malaysia (ma anche il Cile) «hanno dovuto i loro successi a misure di controllo dei capitali»(Joseph Stiglitz). Il liberismo globale senza limiti, esemplifica Jacques Sapir, equivale ad aver fabbricato una nave senza compartimenti stagni: si guadagna in spazio per le merci e leggerezza, ma in caso di tempesta o collisione la nave cola a picco. Come appunto avviene oggi nell’economia globale: «Gli ingegneri navali sanno da secoli che conviene sacrificare l’ottimo teorico alla sicurezza e robustezza».

    Rivedere le norme di contabilità «mark to market» – Basilea 2 ha voluto questo metodo, che consiste nell’obbligo per imprese e banche di contabilizzare gli attivi ai valori di mercato del momento, anzichè ai valori di acquisto. Ciò crea un doppio circolo vizioso. In periodi di boom, moltiplica in modo arrificioso le capacità di finanziamento, e di conseguenza favorisce le bolle speculative. In periodi di crisi, la caduta dei corsi obbliga a vendere gli attivi mentre si deprezzano (per restaurare il rapporto fra attivi e debiti), provocando un’accelerazione maligna della caduta dei valori azionari.

    Ridurre l’effetto-leva della finanza – Oggi, la speculazione può puntare 100 avendo di suo solo un capitale pari a 1. Basilea 2, con l’obbligo dell’8% di capitali propri, è insufficiente. Occorre il 15%, ed anche più quanto più i prodotti derivati lanciati sul mercato sono complessi.

    Finirla con le cartolarizzazioni – Le banche d’affari e non hanno trasformato dei crediti contro i quali avrebbero dovuto conservare dei capitali propri, in «titoli ad interesse» che hanno rifilato a terzi, liberandosi dei crediti (dubbi) e così potendo prestare ancora di più. Questa pratica irresponsabile, causa prima delle crisi dei subprime, va vietata. E così vanno vietati i «fuori bilancio», utilizzati per eludere le norme della prudenza.

    Vietare gli acquisti allo scoperto, che consentono di speculare al ribasso sui titoli, ed aggravano il calo dei corsi – In vari Paesi fra cui la Grecia, durante la crisi, tali vendite sono state vietate: dunque si può. E si può rendere perenne questo divieto.

    Vietare la speculazione sulle materie prime – Il rincaro delle materie prime fino a metà 2008 è stato provocate dalle grandi banche (Goldman Sachs & Co.) che si sono buttate a speculare in questo settore perchè il crollo dell’immobiliare e della borsa non lasciava loro altro spazio per speculare. Basta vietare l’acquisto di derivati sulle materie prime (tipo futures sul grano) agli operatori che dimostrino di avere i silos e i magazzini per ritirare i prodotti fisici, insomma che non comprano per finta.

    Vietare i dark pools – Questi «fondi oscuri» hanno lo scopo deliberato di assicurare l’opacità delle compravendite speculative, ciò che aumenta ulteriormente l’instabilità del sistema. Sono il contrario esatto della «trasparenza» promossa a parole dagli ideologi della deregulation.

    Contrastare le agenzie di rating – Standard & Poors, la stessa che ha aggravato la crisi greca degradandone a «spazzatura» i titoli (il che vieta alla BCE di accettare titoli greci come collaterale), è la stessa che assegnava il voto massimo AAA a Lehman Brothers due giorni prima della sua bancarotta, e alla Enron quattro giorni prima. Le tre primarie agenzie di rating sono americane, e per le loro valutazioni vengono pagate dagli emettitori: Goldman Sachs, quando emette un suo titolo tossico, paga S&P e Moodys perchè glielo valuti. Ovvio il risultato: titoli ottimi e abbondanti, comprate signori!

    E tuttavia non solo la finanza speculativa, ma gli Stati europei e il Fondo Monetario fanno rifermento a tali «valutazioni» come fossero oro colato. Per l’Europa, ciò equivale a mettersi nelle mani degli interessi anglo-americani (dopotutto l’hanno creata per questo), e in questo momento l’interesse primario americano è di screditare l’euro come moneta di riserva alternativa al dollaro, per togliere al grande creditore – la Cina – la tentazione di diversificare. Gli Stati Uniti non sono messi poi messi tanto bene, eppure Moody’s, Fitch e S&P non gli fanno mancare il loro AAA. Quanto ai giganti della finanza USA, hanno tutto l’interesse a punire negli europei ogni tentazione di regolamentazione dei mercati.

    Patetica, quindi, l’implorazione di Michel Barnier, il commissario UE per il mercato interno, a questi lupi e pescecani: «Ci aspettiamo che le agenzie di rating, come gli altri attori finanziari, specie in questo periodo difficile e delicato, si comportino in modo responsabile e rigoroso».

    Patetica preghiera da subalterno a degli squali che stanno guadagnando miliardi dalla speculazione contro Grecia, Spagna e Portogallo, e contano di guadagnare ancor più dalla loro caduta.

    Eppure varie soluzioni esistono, e sono state avanzate: creazione di un’agenzia di rating europeo sotto l’autorità della BCE; mettere le tre agenzie americane in concorrenza con nuovi entranti, come l’assicuratore di credito Coface, che offre già questo servizio (e si fa pagare tre volte meno di Moody’s). Ancor meglio, una norma che obblighi le agenzie a coprire di tasca propria una parte dei rischi che coprono (mettiamo il 5%), in modo da renderle responsabili: se sbagliano, ci perdono anche loro.

    Naturalmente, nessuna di queste soluzioni sarà decisa. Tutto quel che abbiamo scritto qui sopra, configurando lo stroncamento della finanza speculativa terminale, la fine della globalizzazione e l’emarginazione dell’euro (che potrebbe tornare ad essere una «moneta comune» di conto fra Stati, restituendo ad ogni Stato la possibilità di svalutare la propria moneta nazionale) è un libro dei sogni: per attuarlo, occorrono Stati, governi ancora capaci di decisione politica, e una dottrina dello Stato e dei suoi compiti che da vari decenni non s’insegna più nelle università. E tuttavia, queste sono le soluzioni.

    Un giorno ci si arriverà, dopo aver esaurito tutte le altre mezze misure peggiori. Aspettiamo: il gruzzolo che europei e FMI hanno messo insieme di malavoglia per la Grecia sarà divorato in poche ore, e servirà solo a far arricchire ancora di più gli squali; poi bisognerà metterne insieme un altro per Portogallo, Irlanda, Cipro; e poi un altro tre volte più grosso per la Spagna. E infine un altro cinque o sette volte più grosso per l’Italia...

    Allora qualcuno comincerà a intuire che le soluzioni radicali sono quelle che costano meno.
    Immagini Allegate Immagini Allegate Ucg isp sp500 dj nsdq stm ecc..-anonimo.jpg Ucg isp sp500 dj nsdq stm ecc..-anonimo1.jpg 
    Ultima modifica di BudM69; 30-04-10 alle 07:32

  2. #252
    L'avatar di Giupe76
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    177
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    4020477
    Citazione Originariamente Scritto da BudM69 Visualizza Messaggio
    A forza di aspettare, esitare e nicchiare, la Grecia ..

    ....Allora qualcuno comincerà a intuire che le soluzioni radicali sono quelle che costano meno.
    Buongiorno Bud,
    volevo sapere cosa pensavi del fatto che l'indice italiano, portoghese e spagnolo a differenza del dax (ad esempio) hanno fatto registrare sedute con massimi decrescenti non seguendo l'andamento del Dow Jones che invece ha fatto massimi crescenti.

    Potrebbe essere un brutto segnale per gli investimenti in borsa?

    Buona Giornata
    Ultima modifica di Giupe76; 30-04-10 alle 07:50

  3. #253
    L'avatar di BudM69
    Data Registrazione
    Jul 2003
    Messaggi
    9,176
    Blog Entries
    3
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    «E’ come vendere auto con freni difettosi, e poi comprare un’assicurazione sulla vita dei compratori di quelle auto»: così un politico americano ha definito la frode per cui Goldman Sachs è sotto inchiesta della SEC.

    La cosa è un po’ più complicata di così. Coinvolge John Paulson, capo di un fondo speculativo specializzato in scommesse sul crollo del mercato immobiliare (su cui, solo nel 2007, ha fatto 15 miliardi di profitti). Questo signor Paulson ha comprato da Goldman un titolo fatto di mutui subprime (CDO, Collateralized Debt Obligation) chiamato ABACUS 2007; ma, prima, ha chiesto ed ottenuto di essere lui a decidere quali crediti e mutui infilare nel titolo. Ed ha scelto accuratamente i più discutibili e tossici. Dopodichè, mentre Goldman rifilava ABACUS ad ignari clienti, il suo fondo Paulson & Co. ha scommesso che questo ABACUS sarebbe crollato, comprando dei CDS (assicurazioni contro il crollo). Naturalmente, la scommessa s’è avverata, ed ha fruttato a Paulson un altro miliardo di dollari, e a Goldman qualche dozzina di milioni di commissioni. Ai clienti, miliardi di dollari di perdite.

    Già questa descrizione permette di capire che Goldman Sachs (un suo vicepresidente, il solo accusato) uscirà indenne dalla causa – causa solo civile, non penale – intentata dalla SEC dopo ventisette mesi di riflessione.

    Come? Non capite? E’ la libertà, cari lettori: la libertà americana che è stata qui esercitata.

    Sarà o no libero un cliente di chiedere ad una ditta che questa crei per lui un prodotto secondo i suoi desideri? Certo: se avete i quattrini, potete ordinare alla Ferrari le modifiche che volete per la vostra Ferrari, o ordinare ad Armani un doppiopetto su misura di colore vomito o cacca, e lui ve lo farà, senza contestare il colore: contenti voi...


    John Paulson
    Paulson ha fatto la stessa cosa. Ha chiesto a Goldman un titolo su misura: fatto di crediti così dubbi, da rendere più probabile possibile l’insolvenza dei debitori. Poi il prezzo del titolo è caduto: ma forse che i titoli devono solo salire? Certo che no. Se poi il titolo è fatto su misura per cadere, non è forse razionale scommettere sul suo ribasso, comprando CDS (Credit Default Swaps) «nudi», ossia senza detenere il titolo pericolante (che è stato rifilato ad altri)? Ciò è perfettamente legale.

    Tutto è legale, è l’esercizio della libertà. E infatti la SEC non ha messo sotto inchiesta Paulson che ha agito nella piena libertà americana. Cerca di incastrare Goldman Sachs. Ma con quali argomenti? Forse per aver rifilato ad altri suoi clienti quel titolo subprime che sapeva marcio, un’auto coi freni guasti?


    Lloyd Blankfein
    Ma la risposta l’ha già data Lloyd Blankfein, il capintesta di Goldman Sachs: noi siamo orgogliosi di servire grandi clienti competenti (sofisticated), che si presume sappiano quello che comprano. Come la Royal Bank of Scotland, che ha comprato ABACUS e ci ha perso 841 milioni di dollari. E chi potrà mai dire che la Royal Bank of Scotland – che ha dovuto essere salvata dal contribuente inglese – non è un investitore avvertito e sofisticato? E’ quasi offensivo pensare il contrario (L’exercice délicat de la liberté).

    Come ha detto Blankfein: «Sì, abbiamo l’obbligo di rendere conto di quel che è uno strumento finanziario, ma non gestiamo il denaro di altri».

    La Royal Bank of Scotland era perfettamente libera di non comprare l’escremento confezionato da Goldman. E’ la libertà che trionfa. La famosa Freedom, la famosa Liberty. Le celebri stelle-e-strisce sventolanti.

    E chi accusare allora? Magari le agenzie di rating, Standard & Poors, Moody e Fitch, che danno la valutazione (rating) su tutti i titoli e le azioni, che giudicano cattivi i titoli greci e italiani, e buoni i titoli ABACUS che si rivelano invece pessimi?

    Ebbene, siete fuori strada. Forse avrete notato che le agenzie di rating non vengono mai chiamate a rispondere in giudizio di quelle loro valutazioni, siano essere erronee o anche fraudolente. I cassieri, i revisori dei conti, perfino i banchieri a volte devono subire qualche processo o azione di responsabilità; le agenzie di rating, mai. Vi siete chiesti perchè?

    Perchè Standard & Poors, Moodys’ e Fitch possono invocare il Primo Emendamento. Il più sacro articolo della divina Costituzione Americana, quello che garantisce la libertà di espressione, e la protegge contro tutti e qualunque censura. Ci crediate o no, per la legge americana le AAA o BBB che Moody o Standard & Poors assegnano ai titoli di tutto il mondo non sono altro che «libere opinioni», protette dal Primo Emendamento. Hanno lo stesso valore della pornografia: anch’essa protetta come libera espressione dal Primo Emendamento.

    Sono valutazioni arbitrarie? Ottenute da Goldman Sachs pagando le stesse agenzie? E sia pure: sono libere opinioni, e la libertà d’opinione è sacra in America. Liberi voi di non crederci, come non credete alla versione ufficiale dell’11 settembre (a quella no, la vostra libertà qui è di scriverlo su qualche blog) (Les agences de notation et la liberté d’expression, par Alain Gauvin).

    Credevate forse che Standard & Poors avessero una loro autorevolezza? Una reputazione di oggettività da difendere? Che i loro rating fossero il risultato di scientifiche misurazioni e sondaggi?

    Ma questa autorevolezza gliel’hanno attribuita i giornali, il Financial Times, il Sole 24 Ore, il Corriere; mica se la sono attribuita loro, le agenzie. Loro esprimevano un’opinione libera. Se l’avete creduta, beh, siete ingenui, e la legge non protegge l’ingenuità.

    Sono gli effetti collaterali della libertà americana, come gli iracheni e gli afghani sono vittime collaterali della democrazia che l’America gli porta. Ecco perchè Goldman Sachs se la caverà. Le accuse contro la megabanca sono deboli, e non reggeranno in giudizio. Non hanno fatto niente di illegale. Magari qualcosa di immorale – come la pornografia, appunto – ma la moralità non è una merce che Goldman ha mai preteso di vendere, nè gli investitori qualificati che ad essa si rivolgono, hanno mai voluto comprare. Nessuno li ha obbligati a sottostare a una frode. Non c’è dunque reato.

    Potete non crederci, ma questi sono proprio gli argomenti che vengono usati in questi giorni nei talk-show americani, da esperti ed «economisti» tutti tesi a difendere Goldman Sachs e la sua impunità, pardon libertà. Da noi, il noto economista Giavazzi con il suo noto compare Alesina ripetono le stesse cose, ovviamente.

    Alla peggio, finirà con una multa al vicepresidente sotto inchiesta: da 15 a 45 milioni di dollari, un nulla per una banca che quest’anno dichiarerà 4 miliardi di profitti, e ne distribuirà 3,5 in bonus ai suoi dipendenti. E non ci sarà alcuna riforma del sistema finanziario speculativo, come preconizzano Il Sole 24 Ore, il Corriere e il Financial Times. Sono libere opinioni anche quelle, senza fondamento.

    L’inchiesta della SEC è ciò che se siete sofisticati chiamerete un teatrino kabuki, l’opera buffa giapponese; o se siete romaneschi, una manfrina. E’ una delle manfrine cui lo Stato americano si dedica quando la finanza speculativa che possiede il suo governo urta troppo gli interessi stranieri.

    Non sempre è teatro kabuki, a volte è tragedia greca. Il salvataggio di Fannie Mae e Freddie Mac (le semistatali agenzie di garanzia dei mutui) fu apparentemente operato su imperiosa richiesta di Pechino, allarmata per i titoli americani che ha in cassaforte. Il salvataggio di AIG fu probabilmente effettuato su richiesta di Parigi (per puro caso, Socitté Generale ebbe un rimborso pieno). Adesso, la inchiesta SEC è probabilmente fatta per mostrare a Londra che «si fa qualcosa», visto che la sua Royal Bank of Scotland è di fatto nazionalizzata (cioè accollata ai contribuenti) ed ha perso quasi un miliardo di dollari a vantaggio di mister Paulson.

    «Voglio che la Financial Services Authority apra immediatamente un’inchiesta» sui soldi fatti sparire da Goldman Sachs, ha tuonato il premier britannico Gordon Brown: anche lui attore buffo volontario del kabuki (Gordon Brown calls for Goldman Sachs investigation).

    E poi ci sono i tedeschi, così sprovvisti di senso dell’umorismo. Il governo Merkel vuole «chiedere i documenti per vedere se aggiungersi all’azione legale» della SEC. Perchè la banca industriale tedesca IKB (Deutsche Industriebank AG) ha comprato a suo tempo una quantità di quei titoli emessi da Goldman su misura per Paulson, incassando perdite enormi; che insieme ad altre hanno obbligato lo Stato tedesco a salvare la IKB con un esborso di 3,5 miliardi di euro, per lo più versati dalla banca di Stato KfW, azionista di maggioranza della IKB, ossia come al solito i contribuenti. L’intero settore bancario tedesco, vacillante, dovette essere salvato dalla federazione.

    Ora i tedeschi minacciano di porre tutto il loro peso a favore di una durissima regolamentazione di questi titoli e dell’intero mercato dei derivati, almeno in Europa. Ingenui come al solito. Hanno già ricevuto una risposta arrogante dal capintesta di JP Morgan (un’altra banca che ha commesso le stesse libere azioni di Goldman), Jamie Dimon, che ha dichiarato alla Welt am Sonntag: «Quando i profitti cadono troppo, il capitale se ne va per spostarsi dove si fanno più soldi, ossia nei mercati non regolamentati. E’ questo che vogliono i regolatori europei?». Dimon s’è lamentato che in Europa, i politici non ascoltano abbastanza i banchieri... (JPMorgan chief warns of overregulation: report)

    Goldman Sachs è come Bin Laden: nessuno sta seriamente cercando di metterli in galera. Cosa non strana, dato che entrambi sono creazioni dello stesso sistema di menzogna.

    Conclusione suggerita da un lettore greco. E’ una favoletta sulla scia della «Fattoria degli animali» di George Orwell:

    «Un maiale dice all’altro: “Sai, ho sentito dire che il contadino ci ingrassa solo perchè poi vuole macellarci”. L’altro maiale, scuotendo il capo: “Un’altra delle tue stupide teorie complottiste. Ma non ti rendi conto che sei l’unico maiale a crederci?”».
    Immagini Allegate Immagini Allegate Ucg isp sp500 dj nsdq stm ecc..-anonimo.jpg Ucg isp sp500 dj nsdq stm ecc..-anonimo1.jpg Ucg isp sp500 dj nsdq stm ecc..-anonimo2.jpg 

  4. #254
    L'avatar di Big Push
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Messaggi
    4,401
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    [QUOTE=BudM69;25178643]«

    Goldman deve essere assolta, altrimenti altro che Lehman.......
    di sicuro una riforma che metta in regola lei,altre banche,hedge vari e che crei i presupposti affinche' non accadano altri disastri

  5. #255

    Data Registrazione
    Apr 2010
    Messaggi
    790
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    più longgggggg


    di così

  6. #256

    Data Registrazione
    Sep 2009
    Messaggi
    10,965
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3 Post(s)
    Potenza rep
    0
    ci credo 2,25-2,30

  7. #257
    L'avatar di Mercutio
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    17,657
    Blog Entries
    20
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    [QUOTE=Big Push;25179259]
    Citazione Originariamente Scritto da BudM69 Visualizza Messaggio
    «

    Goldman deve essere assolta, altrimenti altro che Lehman.......
    di sicuro una riforma che metta in regola lei,altre banche,hedge vari e che crei i presupposti affinche' non accadano altri disastri
    almeno una multa, ekkekkazz...

  8. #258
    L'avatar di Big Push
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Messaggi
    4,401
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Buona Settimana a Tutti

  9. #259
    L'avatar di Big Push
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Messaggi
    4,401
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Bud ti si e' rotto il pc

  10. #260
    L'avatar di BudM69
    Data Registrazione
    Jul 2003
    Messaggi
    9,176
    Blog Entries
    3
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da Big Push Visualizza Messaggio
    Bud ti si e' rotto il pc
    CIAO BIG...MI SON ROTTO IL KAZZ...DI GENTE KE NN CAPISCE 1 KAZZ..E SCRIVE TANTGO X FARLO...
    SOLO X TE..ED ALCUNI KE MI SCRIVON IN POSTA VI DICO KE LA SITUAZIO9NE E' ANCORA BUONA FINO ALLA ROTTURA LI SOTTO DELLO S&P 500...

    OKKIO KE QUI SE LA GIOCANO ...E SON FURBI...SPECULANO ALLA GRANDE...X KI HA NERVI SALDI CI SON DEI BEI SOLDINI DA FARE.....

    TRAETENE VOI LE CONCLUSIONI...NN PENSO SIA DIFFICILE ..SE TIENE LA TREND SI VA LONG AD OLTRANZA...SOTTO CI METTIAMO IN STANDBY..

    CIAO

    P.S NN VEDO LE STELLE NEI MIEI FOL..E NN MI PIACE...SCRIVETE AI MODERATORI E KIEDEGLI XKE' NN ESCON LE STELLE NONOSTANTE VENGA VOTATO IL FOL..
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Ucg isp sp500 dj nsdq stm ecc..-sp500.jpg  

Accedi