Intesa San Paolo Vol.4 - Pagina 126
Investimenti fattoriali utili contro la volatilità. La view di Invesco
Gli investimenti fattoriali sono utili contro la volatilità dei mercati finanziari e continuano sul loro trend di crescita costante. Lo rileva il report ?Invesco Global Factor Investing Study?, appuntamento annuale giunto alla sua settima edizione. Lo studio si basa sulle interviste di 151 investitori fattoriali istituzionali e retail che nel complesso gestiscono asset per oltre
Ai mercati Giorgia Meloni fa meno paura di Liz Truss, ecco perché
Il caso UK, con il governo di Liz Truss che ha annunciato il taglio delle tasse nel paese più ambizioso dagli anni '80 e l'immediato capitombolo del
Ocse taglia le stime di crescita globale, Italia crescerà dello 0,4% nel ’23. Politica ‘Zero Covid’ rischio principale per la Cina
La crescita dell?economia globale ha perso slancio sulla scia della guerra di aggressione della Russia in Ucraina, che sta rallentando la crescita e sta esercitando ulteriori pressioni al rialzo sull?inflazione in tutto il mondo. E? quanto afferma l?ultimo Interim Economic Outlook dell?OCSE.L?Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha rivisto le stime di crescita
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1251

    Data Registrazione
    Feb 2014
    Messaggi
    886
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    171 Post(s)
    Potenza rep
    23451524
    Secondo Warren Buffett l’investitore/azionista deve guardare con favore i programmi di Buy back se le azioni sono acquistate ad un prezzo inferiore al proprio valore intrinseco.
    Se effettuato ad un prezzo inferiore al valore intrinseco, l’acquisto di azioni proprie realizza un ottimo investimento per l’investitore, traducendosi in un apprezzamento del valore societario.
    L’azionista/investitore vedrà, quindi, aumentare il valore della propria quota di spettanza.

    Diversamente, se il Buy back viene effettuato a un prezzo superiore al valore intrinseco, la società avrà utilizzato male le risorse societarie e l’azionista si vedrà diminuire il valore della propria quota di spettanza nella società.

    Effettuando un Buy back quando la società è quotata ben al di sotto del proprio valore, il management dimostra chiaramente di agire nell’interesse degli azionisti.

    In questo caso il valore della partecipazione risulterà accresciuto all’esito dell’acquisto di azioni proprie, piuttosto che seguire il proprio d’interesse attraverso -ad esempio- acquisizioni esterne, che certamente accrescono il prestigio della società e la remunerazione di chi la gestisce, ma che spesso non comportano un sostanziale valore aggiunto per l’azionista.

    Un Buy Back eseguito a tali condizioni sia per l’azionista che per il potenziale investitore, i quali potranno fare un maggiore affidamento sull’andamento del business e del proprio investimento perché sanno che il management è shareholder friendly, ovvero agisce nell’interesse degli azionisti.

    Un management non shareholders friendly può essere molto deleterio per l’azionista di minoranza (l’investitore privato), avendo il primo a disposizione svariati escamotage per trarre profitto a scapito del secondo.

    Potrebbe, ad esempio, utilizzare furbescamente proprio lo strumento del Buy back a proprio esclusivo vantaggio, con grave pregiudizio per l’ignaro azionista.

    Facciamo l’ipotesi, piuttosto ricorrente peraltro negli USA, in cui sia previsto che una parte significativa della remunerazione del management societario sia corrisposta in stock option e che uno dei target economico-finanziari prefissati per l’esercizio delle opzioni sia il conseguimento di un dato livello di EPS (earnings per share, ovvero utili per azione).

    Il management potrebbe, quindi, determinarsi a eseguire un piano di acquisto di azioni proprie al solo fine di conseguire il predeterminato target di EPS, acquistando azioni a un prezzo anche superiore al loro valore, pur di accrescere la quantità di utili per azione.

    E’ intuitivo, infatti, che a parità di utili, la riduzione del numero di azioni in circolazione, a seguito del Buy back, accrescerà l’EPS (utile per azione), in quanto ricordiamo che le azioni “riacquistate” dalla società non partecipano alla distribuzione degli utili.

    Per concludere, possiamo affermare che l’acquisto di azioni proprie è uno strumento d’investimento utile ma di per sé neutro per l’investitore.

    Cosi parlò

  2. #1252

    Data Registrazione
    Feb 2006
    Messaggi
    6,520
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    3270 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da Robotik Visualizza Messaggio
    Da brivido è pensare di metterci anche solo un euro nella fase che sta attraversando
    La comprerò dopo a.d.c. o alla vigilia.

  3. #1253
    L'avatar di momoto
    Data Registrazione
    Jun 2015
    Messaggi
    4,193
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    1688 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da Guaro Visualizza Messaggio
    Secondo Warren Buffett l’investitore/azionista deve guardare con favore i programmi di Buy back se le azioni sono acquistate ad un prezzo inferiore al proprio valore intrinseco.
    Se effettuato ad un prezzo inferiore al valore intrinseco, l’acquisto di azioni proprie realizza un ottimo investimento per l’investitore, traducendosi in un apprezzamento del valore societario.
    L’azionista/investitore vedrà, quindi, aumentare il valore della propria quota di spettanza.

    Diversamente, se il Buy back viene effettuato a un prezzo superiore al valore intrinseco, la società avrà utilizzato male le risorse societarie e l’azionista si vedrà diminuire il valore della propria quota di spettanza nella società.

    Cosi parlò
    madonna santa. geniale warren. se compro a 50 una casa il cui prezzo reale e' 100 faccio un affare. genio.

  4. #1254
    L'avatar di s-moderato
    Data Registrazione
    Nov 2011
    Messaggi
    35,237
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    18092 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da momoto Visualizza Messaggio
    madonna santa. geniale warren. se compro a 50 una casa il cui prezzo reale e' 100 faccio un affare. genio.
    Tu che sai tutto, valore intrinseco di Isp?

  5. #1255

    Data Registrazione
    Feb 2014
    Messaggi
    886
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    171 Post(s)
    Potenza rep
    23451524
    Citazione Originariamente Scritto da s-moderato Visualizza Messaggio
    Valore intrinseco di isp?
    Boh
    esatto...ahahah

  6. #1256
    L'avatar di s-moderato
    Data Registrazione
    Nov 2011
    Messaggi
    35,237
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    18092 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da Guaro Visualizza Messaggio
    esatto...ahahah
    🤣😅🤟
    Momoto forse lo sa, aspetta

  7. #1257

    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    6,446
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    2605 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da Guaro Visualizza Messaggio
    Secondo Warren Buffett l’investitore/azionista deve guardare con favore i programmi di Buy back se le azioni sono acquistate ad un prezzo inferiore al proprio valore intrinseco.
    Se effettuato ad un prezzo inferiore al valore intrinseco, l’acquisto di azioni proprie realizza un ottimo investimento per l’investitore, traducendosi in un apprezzamento del valore societario.
    L’azionista/investitore vedrà, quindi, aumentare il valore della propria quota di spettanza.

    Diversamente, se il Buy back viene effettuato a un prezzo superiore al valore intrinseco, la società avrà utilizzato male le risorse societarie e l’azionista si vedrà diminuire il valore della propria quota di spettanza nella società.

    Effettuando un Buy back quando la società è quotata ben al di sotto del proprio valore, il management dimostra chiaramente di agire nell’interesse degli azionisti.

    In questo caso il valore della partecipazione risulterà accresciuto all’esito dell’acquisto di azioni proprie, piuttosto che seguire il proprio d’interesse attraverso -ad esempio- acquisizioni esterne, che certamente accrescono il prestigio della società e la remunerazione di chi la gestisce, ma che spesso non comportano un sostanziale valore aggiunto per l’azionista.

    Un Buy Back eseguito a tali condizioni sia per l’azionista che per il potenziale investitore, i quali potranno fare un maggiore affidamento sull’andamento del business e del proprio investimento perché sanno che il management è shareholder friendly, ovvero agisce nell’interesse degli azionisti.

    Un management non shareholders friendly può essere molto deleterio per l’azionista di minoranza (l’investitore privato), avendo il primo a disposizione svariati escamotage per trarre profitto a scapito del secondo.

    Potrebbe, ad esempio, utilizzare furbescamente proprio lo strumento del Buy back a proprio esclusivo vantaggio, con grave pregiudizio per l’ignaro azionista.

    Facciamo l’ipotesi, piuttosto ricorrente peraltro negli USA, in cui sia previsto che una parte significativa della remunerazione del management societario sia corrisposta in stock option e che uno dei target economico-finanziari prefissati per l’esercizio delle opzioni sia il conseguimento di un dato livello di EPS (earnings per share, ovvero utili per azione).

    Il management potrebbe, quindi, determinarsi a eseguire un piano di acquisto di azioni proprie al solo fine di conseguire il predeterminato target di EPS, acquistando azioni a un prezzo anche superiore al loro valore, pur di accrescere la quantità di utili per azione.

    E’ intuitivo, infatti, che a parità di utili, la riduzione del numero di azioni in circolazione, a seguito del Buy back, accrescerà l’EPS (utile per azione), in quanto ricordiamo che le azioni “riacquistate” dalla società non partecipano alla distribuzione degli utili.

    Per concludere, possiamo affermare che l’acquisto di azioni proprie è uno strumento d’investimento utile ma di per sé neutro per l’investitore.

    Cosi parlò
    Ha scoperto l'acqua calda?

  8. #1258
    L'avatar di momoto
    Data Registrazione
    Jun 2015
    Messaggi
    4,193
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    1688 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da s-moderato Visualizza Messaggio
    Tu che sai tutto, valore intrinseco di Isp?
    ciao Smod, per quanto vale il mio pensiero. Il BB a questi valori e' assolutamente conveniente.
    Il valore intrinseco di ISP e' oltre 2,5 con il metodo degli utili e dei multipli di settore che secondo me e' uno dei pochi metodi sensati (misurare il valore di un titolo in funzione della sua capacita' a fare utili).
    prox post scrivo meglio. sono in piena gara da 7 mio...

  9. #1259

  10. #1260

    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    6,446
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    2605 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da s-moderato Visualizza Messaggio
    Quindi tu hai capito cosa vuol dire?
    Nel nostro caso qual'è il valore intrinseco di Isp?
    Comunque ha scoperto l' acqua calda.
    Qualunque sia il valore intrinseco di isp.
    Insomma una baggianata.
    Mi chiedi quale sia ecc. ecc.
    Probabilmente il mercato lo ipotizza e se ancora non siamo sprofondati non dovremmo essere molto lontani.
    Sai però che al sottoscritto interessa ben poco.
    Mi interessa invece sapere che isp in passato ha raggiunto quotazioni doppie dell'attuale

Accedi