STELLANTIS-CNHI-RACE notizie, dati, bilanci (e commenti relativi) - 6th - Pagina 107
Impennata rendimenti Btp si farà sentire su debito, ma non subito. Mazziero: prossime emissioni saranno sempre più impegnative
Il debito a luglio ha segnato un nuovo record dal quale solo ora inizierà a scendere, mentre rendimenti dei Btp sono sempre più elevati.
Abbiamo gas (russo) da vendere. La spiegazione del paradosso Italia in attesa del tanto temuto inverno al freddo
In attesa della possibile stangata autunnale delle bollette, una parziale buona notizia arriva dalle quotazioni italiane del gas. Negli ultimi due giorni, il prezzo del gas sul mercato italiano è di quasi due terzi inferiore alle quotazioni sul mercato europeo. Mentre difatti il prezzo TTF, quotato alla Borsa di Amsterdam e punto di riferimento per
Governo Meloni e debito: ‘rischio Italia pesa su UniCredit e Intesa SanPaolo. Bce e legge bilancio fattori chiave’
Non solo Mps: la fiammata dei tassi dei BTP e dello spread che torna sopra la soglia pericolo della Bce mette gli investitori sull'attenti anche di fronte
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1061
    L'avatar di groviglio
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    44,362
    Mentioned
    113 Post(s)
    Quoted
    7538 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    il dividendo viene proposto alla prima trimestrale dell'anno (dove ci sono i risultati del 2021) nei giorni a cavallo tra fine gennaio e inizio febbraio)

    la corresponsione avviene solitamente tra fine aprile e i primi di maggio

  2. #1062
    L'avatar di groviglio
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    44,362
    Mentioned
    113 Post(s)
    Quoted
    7538 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    comunicato stampa

    19 gennaio 2022

    Stellantis festeggia il primo anniversario e accelera la sua trasformazione in un’azienda tecnologica per la mobilità sostenibile Stellantis First Anniversary Feature

    Un anno affrontato a gran velocità da un’azienda moderna, pronta a cogliere le opportunità della nuova era della mobilità attraverso soluzioni innovative, agili ed efficienti, che cambieranno il modo in cui il mondo si muove

    Dopo aver costruito fondamenta solide, sono stati ottenuti eccellenti risultati finanziari H1 e sono state create partnership strategiche

    Un futuro luminoso davanti a noi: il Piano strategico a lungo termine sarà annunciato il 1° marzo 2022

    AMSTERDAM – Nata dallo spirito audace e innovatore delle sue aziende fondatrici, Stellantis N.V. è stata creata per definire il futuro della mobilità offrendo soluzioni moderne e sostenibili. Oggi il Gruppo celebra il suo primo anniversario presentando una sintesi degli eventi più importanti che hanno contraddistinto gli ultimi 12 mesi.

    “Il nostro settore sta entrando in una nuova ed entusiasmante era, contraddistinta da stili di vita digitali sempre più diffusi”, ha detto Carlos Tavares, CEO di Stellantis. “Non è una coincidenza che Stellantis sia nata proprio quando il mondo richiede un nuovo tipo di approccio, che sospinga questo imperativo umano fornendo una libertà di mobilità pulita, connessa, accessibile e sicura per tutti. Sono grato ad ogni dipendente di Stellantis per il suo contributo quotidiano alla costruzione della nostra comunità e al raggiungimento della grandezza mentre apriamo la strada ad un futuro luminoso”.

    Nel corso di questo primo anno, Stellantis ha iniziato un viaggio per guidare il modo in cui il mondo si muove, costruendo le sue fondamenta oltre a raggiungere traguardi importanti.

    Ha definito l’obiettivo dell’azienda - “Grazie alla diversità che ci alimenta, guidiamo il modo in cui il mondo si muove” - e i valori, impegnandosi a prendersi cura del pianeta, dei suoi dipendenti e delle comunità in cui opera

    Ha implementato rapidamente la governance operativa e il team di leadership che ha già dimostrato la sua efficacia

    Ha lanciato con successo più di 10 nuovi prodotti nel 2021 tra cui: Citroën C4, Fiat Pulse, DS 4, DS 9, Jeep® Commander, Grand Cherokee, Grand Cherokee L, Wagoneer, Grand Wagoneer, Maserati MC20, Opel Mokka, Rocks-e e Peugeot 308

    Ha pianificato investimenti per più di 30 miliardi di euro fino al 2025 volti a implementare le strategie di elettrificazione e software per sostenere i 14 marchi iconici e i 2 marchi di mobilità, mentre proseguono il processo di trasformazione in un’azienda tecnologica per la mobilità sostenibile e la costruzione di un ecosistema innovativo attraverso partnership strategiche

    Ha svelato un’ambiziosa strategia di elettrificazione con 33 veicoli elettrificati attualmente disponibili, compresi i furgoni a celle a combustibile, e altri otto veicoli elettrici a batteria in arrivo nei prossimi 18 mesi, e partnership con Automotive Cells Company, Factorial Energy, LG Energy Solution, Samsung SDI e Vulcan Energy

    Ha accelerato la trasformazione del software attraverso collaborazioni rivoluzionarie con Amazon, BMW, Foxconn e Waymo

    Ha rafforzato le operazioni di finanziamento globale negli Stati Uniti, acquisendo First Investors Financial Services e sviluppando partnership in Europa con BNP Paribas Personal Finance, Crédit Agricole Consumer Finance e Santander Consumer Finance

    Ha preparato il piano strategico a lungo termine che sarà presentato il 1° marzo


    Un futuro entusiasmante all’orizzonte

    “Abbiamo ancora molto da fare per continuare a migliorare la nostra nuova azienda, ma siamo sulla buona strada” ha dichiarato Tavares. “La corsa è iniziata e Stellantis riuscirà a fare la differenza nel difficile settore in cui opera. Sapremo cogliere le opportunità lungo la strada, facendo in modo che le nostre stelle continuino a brillare.”

    Pur avendo cominciato il proprio viaggio solo 12 mesi fa, Stellantis può già vantare una presenza consolidata in tre regioni (Europa, America del Nord e America Latina), oltre a un significativo potenziale in mercati importanti quali Cina, Africa, Medio Oriente, Oceania e India. Con operazioni industriali in oltre 30 Paesi, l’azienda ha la capacità di soddisfare i clienti e superare le aspettative, garantendo veicoli e servizi di alta qualità in oltre 130 mercati.

  3. #1063
    L'avatar di forevers
    Data Registrazione
    Aug 2003
    Messaggi
    2,161
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    331 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    I timori di Diess sono di tanti Ceo automotive compreso Tavares, sull'obbligare l'Europa ad un processo di elettrificazione così forzato.

    Volkswagen, Diess: “In Europa sara quasi impossibile dire addio alle endotermiche” - Quattroruote.it
    Ultima modifica di forevers; 19-01-22 alle 19:19

  4. #1064
    L'avatar di groviglio
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    44,362
    Mentioned
    113 Post(s)
    Quoted
    7538 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    ...prima o poi le istituzioni UE capiranno che inseguire i gretini è da cre-ti-ni

    è una questione ovvia e di buon senso


    discorso identico per l'energia (gas e nuke)

  5. #1065
    L'avatar di groviglio
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    44,362
    Mentioned
    113 Post(s)
    Quoted
    7538 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    The Worst Is Yet To Come For UK Households As Energy Prices Soar | OilPrice.com


    bene ,bene in UK sono sempre più nella mer---da...che è poi una anticipazione a stretto giro di quello che succederà (sta già succedendo, ma ancora non in piena estrinsecazione) in italia


    quando non si vuole comprendere che la transizione energetica è moooolto lunga (svariati decenni) e che non premi un bottone e si va a rinnovabili

  6. #1066
    L'avatar di addisino
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Messaggi
    6,780
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    649 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Chi mi spiega in parole semplici, in modo che possa capirle anche io, il perché addirittura non mi paghino per cambiarmi la macchina vecchia e inquinante, a similitudine di quanto fatto per la ristrutturazione degli immobili (110%)? 16 mld di incentivi per quel settore, e un inezia, non prorogata, per il settore auto. Perché? Non credete che anche questo sia un indotto meritevole di "pompaggio", sempre nella direzione di ridurre l'inquinamento con la massiccia sostituzione dei motori a combustione interna con quelli elettrici, almeno quanto quello dell'edilizia?
    Grazie

  7. #1067
    L'avatar di groviglio
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    44,362
    Mentioned
    113 Post(s)
    Quoted
    7538 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    il settore dell'edilizia è molto più impattante delle auto, ma nettamente (le case e gli uffici non coibentati sono un buco nero di perdita energetica)...peraltro l'incentivo del 110 così come è , è una follia(distorsiva)...al massimo l'80% , tempo limitato e pedalare

  8. #1068

  9. #1069

    Data Registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    17,682
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    2327 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    A metà febbraio dovrebbe essere firmato l'accordo per la Gigafactory di Termoli. Oppure l'accordo con il governo italiano salta e con esso la gigafactory che andrebbe in Spagna.

  10. #1070
    L'avatar di rossi+
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    33 Post(s)
    Quoted
    4091 Post(s)
    Potenza rep
    42949682

    siamo alla frutta , fra un pò toccherà a noi capitolare

    io mi auguro che salti , il nostro paese non deve lavorare con strozzini che hanno bisogno del nostro sudore per far lavorare la gente , noi dovremmo sviluppare il turismo , costruire grandi alberghi come hanno in Spagna , abbiamo una grande fonte di lavoro , il sole,il clima ,il mare ,la montagna , i musei ,la storia , il cibo ,la cultura occidentale , i monumenti , prodotti biologici e mille altre cose che nessuno ci può portare via e delocalizzare .
    invece stiamo li intestarditi a farci ricattare da un'azienda che ormai ha meno dipendenti del comune di Roma e ci chiede di metterci i soldi su ogni cosa che intende fare ,mentre gli utili se li prendono loro e se va male tutti a casa pagati dallo stato
    non so se sia vero ma si parla in generale di un miliardo di aiuti per assemblare delle batterie , 416 000 euri a dipendente di aiuti , 20 anni di stipendio anticipato per ogni dipendente tutti a debito che dovremmo restituire noi con le tasse del nostro lavoro .
    stiamo perdendo la ragione , 110% / 90% sull'edilizia , incentivi esagerati sulle auto , e non basta ,anche contributi esagerati ai costruttori stessi che vogliono lavorare senza rischiare nulla , il rischio di impresa non esiste più .
    ma allora diamoli direttamente ai dipendenti che si aprono un'attività e contribuiscono al pil italiano pagando anche le tasse senza essere schiavi a vita di sti signori

Accedi