SNAM: l'altro superbot n.4 - Pagina 21
Trading alla portata di tutti: ETF o azioni frazionate a partire da 1 euro, Bitpanda Stocks aggiunge centinaia di big di Wall Street e Piazza Affari
Una singola azione Amazon costa più di 3.000 dollari, Tesla oltre 1.000 $. Nessun problema. Con la possibilità di acquistare azioni frazionate si riesce a mettere in portafoglio titoli come …
Hacker in azione, attacco a crypto.com e furto di Ether per 15 mln $. Ecco cosa è successo
Il tema della sicurezza continua a tormentare il mondo cripto. A turno realtà quali Coinbase, Binance e Kraken hanno avuto a che fare con disservizi e interruzioni delle loro piattaforme …
Fed sotto assedio su inflazione, Bill Ackman: ‘adotti una strategia shock and awe’. Dimon (JP Morgan): necessari fino a sette rialzi dei tassi
La Fed deve ricorrere alla strategia ‘shock and awe’, ovvero deve ‘scioccare e terrorizzare’ i mercati finanziari al fine di “ripristinare la propria credibilità”,chiedendosi se davvero quattro strette monetarie, nel …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #201

    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    5,333
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1103 Post(s)
    Potenza rep
    32353328
    Citazione Originariamente Scritto da Superspazzola Visualizza Messaggio
    Accordo Eni e Snam, analisti vedono impatto su utile e transizione energetica

    Gli analisti giudicano positivamente l'acquisito da parte di Snam del 49,9% di società che gestiscono i gasdotti fra Algeria e Italia da Eni. Bene il potenziale interesse di Macquarie per una quota in Stogit, come riportato da Bloomberg


    di Rossella Savojardo 29/11/2021 12:10

    Equita Sim conferma la raccomandazione buy e il prezzo obiettivo a 15 euro su Eni (+2,1% a 11,772 euro) dopo che il gruppo ha firmato un accordo per la cessione a Snam del 49,9% (rating hold e target price a 5,1 euro) delle partecipazioni nei gasdotti internazionali che collegano l'Algeria all'Italia. L'operazione prevede la costituzione di una newco italiana, di cui Eni continuerà a detenere il 50,1%, mentre il restante 49,9% verrà ceduto a Snam per un importo di 385 milioni di euro.

    "L'accordo consente di valorizzare in maniera sinergica le rispettive competenze di Eni e Snam su una rotta strategica per la sicurezza degli approvvigionamenti di gas naturale in Italia, favorendo potenziali iniziative di sviluppo nella catena del valore dell'idrogeno dal Nord Africa", evidenzia Equita Sim, che sottolinea che l'accordo prevede anche un meccanismo di earn-in ed earn-out sulla base dei ricavi delle società target.

    "Nel 2020 le società in oggetto avevano generato un utile di 90 milioni. L'operazione dovrebbe chiudersi entro il terzo trimestre 2022", commenta, spiegando che per Eni la cessione consente di liberare ulteriori risorse da dedicare al percorso di energy transition. I volumi di gas importati dall'Algeria rappresentavano in media il 10% dei volumi approvvigionati all'estero. Eni possiede anche i gasdotti Greenstream (dalla Libia) e Blue Stream in joint venture (dalla Russia via Turchia) per una capacità complessiva delle due infrastrutture di 24 miliardi. "La nostra valutazione degli asset Ggp è pari a 1 miliardo di euro, mentre la valutazione implicita del deal per i soli gasdotti Eni è di circa 1,1 miliardo", concludono gli analisti.

    Sulle due società anche Intesa Sanpaolo conferma il rating hold su Snam e add su Eni con un prezzo obiettivo, rispettivamente, a 5,4 e a 14,50 euro. "Crediamo che questa transazione possa supportare il finanziamento di Eni per gli investimenti legati alla transizione energetica. Snam potrebbe continuare a gestire asset infrastrutturali consolidati come equity associates, che riteniamo possano avere un impatto sull'utile netto nei prossimi decenni", commenta la banca.

    Banca Akros (su Eni ha una raccomandazione buy e un target price a 14,50 euro) ritiene che l'accordo consentirà alla società del Cane a sei zampe di liberare nuove risorse e di creare sinergie e per questo la giudica una buona notizia. Su quest'ultimo punto concorda Bestinver, che su Eni ha un rating hold. "Quest'operazione supporta la strategia della società per ottimizzare il proprio portafoglio e liberare nuove risorse per accelerare la crescita nei settori legati alla transizione energetica", spiega il broker, "in termini di multipli di valutazione, tuttavia, non vediamo impatti significativi, in quanto il prezzo di vendita del 49,9% della newco corrisponde a un p/e di 8,6 volte sugli utili del 2020, che è molto vicino al p/e di Eni sulle aspettative per il 2022 (8,9 volta il consenso).

    Il titolo Snam tratta intanto al rialzo dell'1,01% a 5 euro, mentre Equita riporta anche che i rumor ripresi da Bloomberg secondo i quali Macquarie Infrastructure sarebbe interessata a una quota di minoranza negli stoccaggi gas di Snam. Secondo le fonti, i contatti sarebbero in fase iniziale e non è detto che si arrivi a un'offerta. Snam starebbe verificando la possibilità di utilizzare i propri stoccaggi per l'idrogeno, opzione che renderebbe Stogit interessante anche in relazione alla transizione energetica.

    "Stogit è completamente regolata con un capitale investito regolatorio di 4 miliardi ed è un core-assets per il gruppo" spiega la sim che ritiene che Snam possa valutare l'apertura del capitale di Stogit per accelerare opportunità di investimento nella transizione energetica a idrogeno, con progetti che assicurino un tasso interno di rendimento ponderato superiore a quello regolato. Intesa stima che il capitale investito di stoccaggio sia di circa 4 miliardi di euro alla fine dell'anno. "Probabilmente riceveremo maggiori chiarimenti sulla logica strategica durante la presentazione del piano strategico di questo pomeriggio", conclude.
    @snam 13eur tgt.ora appena a 5.03eur Snam vede 23 mld di investimenti al 2030 su reti, stoccaggio e progetti green 23 miliardi di euro di investimenti, dividendi stabili, leader in europa rete gas con inserimento in nord africa. adatti a h2green sia i siti stoccaggio e le pipelines del gas. 13euro tgt.

  2. #202
    L'avatar di Superspazzola
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    30,540
    Mentioned
    23 Post(s)
    Quoted
    2456 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    SNAM: ALVERA', STOGIT PUO' DIVENTARE LEADER MONDIALE STOCCAGGI, NO AD IPO

    Il Ceo: "Interessati a parte industriale, non finanziaria" (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

    - Milano, 29 nov - 'Non commentiamo rumors. Sicuramente c'e' un interesse da parte del mercato per i piani che abbiamo per il nostro business degli stoccaggi gas, ma a noi interessa la parte industriale e non quella finanziaria. Oggi abbiamo la possibilita' di far diventare Stogit un leader mondiale'. Cosi' Marco Alvera', interpellato in conference call con i giornalisti per commentare il piano al 2025, ha risposto a chi gli chiedeva del possibile interesse di Macquarie per una quota negli stoccaggi Snam. Esclusa anche una Ipo di Stogit: 'Non e' all'ordine del giorno. Oggi abbiamo risorse sufficienti per implementare il nostro piano industriale'.
    che
    (RADIOCOR) 29-11-21 14:13:1

  3. #203

    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    5,333
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1103 Post(s)
    Potenza rep
    32353328
    Citazione Originariamente Scritto da Superspazzola Visualizza Messaggio
    SNAM: ALVERA', STOGIT PUO' DIVENTARE LEADER MONDIALE STOCCAGGI, NO AD IPO

    Il Ceo: "Interessati a parte industriale, non finanziaria" (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

    - Milano, 29 nov - 'Non commentiamo rumors. Sicuramente c'e' un interesse da parte del mercato per i piani che abbiamo per il nostro business degli stoccaggi gas, ma a noi interessa la parte industriale e non quella finanziaria. Oggi abbiamo la possibilita' di far diventare Stogit un leader mondiale'. Cosi' Marco Alvera', interpellato in conference call con i giornalisti per commentare il piano al 2025, ha risposto a chi gli chiedeva del possibile interesse di Macquarie per una quota negli stoccaggi Snam. Esclusa anche una Ipo di Stogit: 'Non e' all'ordine del giorno. Oggi abbiamo risorse sufficienti per implementare il nostro piano industriale'.
    che
    (RADIOCOR) 29-11-21 14:13:1
    Importante chiarimento.
    Il Valore nascosto è in
    ITMPOWER ns partecipata
    in IPO DE NORA a marzo 2022
    in RENOVIT E SNAMR4ENVIRONMENT che potrebberoe ssere spin offate e quotate....una su superbonus ed eff energetica ed altra su biometano.

  4. #204

    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    5,333
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1103 Post(s)
    Potenza rep
    32353328
    mamma miaaa
    Immagini Allegate Immagini Allegate SNAM: l'altro superbot n.4-h2nordafrica.jpg SNAM: l'altro superbot n.4-storage-snam.jpg SNAM: l'altro superbot n.4-snam-pipelines.jpg 

  5. #205
    L'avatar di Superspazzola
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    30,540
    Mentioned
    23 Post(s)
    Quoted
    2456 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Alverà (Snam): piano industriale importante. Crescita del dividendo fra le più alte del settore

    Il ceo ha riconosciuto la valenza strategica dell’accordo con Eni, che si inserisce in una visione più ampia per la creazione della prima rete per il trasporto di idrogeno dal Nord Africa al Nord Europa. Ipo per De Nora, non per Stogit. A Piazza Affari titolo Snam è in rialzo


    di Roberto Italia 29/11/2021 16:47

    Marco Alverà, ceo di Snam, è ben consapevole delle sfide che attendono l’utility italiana in quella che ha definito una "corsa verso il net zero". Alverà ha presentato in conferenza stampa il nuovo piano industriale di Snam per gli anni 2021-2025 e che guarda alle opportunità di business nel prossimo decennio. Tanta la carne messa a fuoco dalla società: dalla politica del dividendo alla prima rete di trasporto a idrogeno, fino alla possibile ipo di De Nora.

    Snam prevede un incremento al 5% del dividendo per azione fino al 2022 e al 2,5% negli anni successivi, per un arco temporale prolungato al 2025. Alverà ha sottolineato l’estensione della politica della crescita del dividendo di un altro anno rispetto al 2024 del precedente piano. "È nella fascia alta se non la più alta del nostro settore".

    "Glasgow è stato un punto di svolta strategico", ha dichiarato Alverà. Reti di energia, stoccaggio e nuovi progetti green. Sono queste le aree specifiche in cui Snam ha identificato opportunità di investimento di tipo regolato o contrattualizzato fino a 23 miliardi di euro entro il 2030. "La nostra rete è una piattaforma fondamentale per la trasformazione energetica. Anche le nostre attività di stoccaggio sono al centro di questo processo, un asset che servirà per il futuro", ha dichiarato il ceo. Alverà ha commentato anche l’accordo siglato con Eni per l'acquisizione di una quota pari al 49,9% in cinque gasdotti provenienti dall'Algeria. "È un investimento che oggi si valorizza sulla base dei flussi di gas che arrivano dal Nord Africa e un domani sarà valorizzato con l'idrogeno. È un accordo strategico che ci porta anche a collaborare con Eni in un'area, quella del Mediterraneo, che vedrà degli investimenti e degli sviluppi molto positivi". Il progetto, infatti, si inserisce in una visione più ampia per la creazione di una dorsale dell'idrogeno, che da Mazzara del Vallo sino a Tarvisio collegherà il Nord Africa ai punti di maggiore domanda in Europa, attraverso il Mediterraneo, facendo dell'Italia un vero e proprio hub dell'idrogeno. "Sono 2.500 chilometri. Se pensate a 3 miliardi di euro per l'energia che potrà essere trasportata, sono investimenti molto contenuti e molto relativi. Questa sarà una delle primissime se non la prima dorsale europea. Gli investimenti partono dal 2025 e dovrebbero completarsi, anzi si completeranno, entro il 2030, quindi saranno molto concentrati soprattutto negli anni 2026-28".

    Infine, "De Nora ha annunciato l'intenzione di quotarsi in borsa nel 2022, a seconda delle condizioni del mercato. Questo pensiamo sia un'ottima occasione per cristallizzare il valore di questa azienda, che è ancora sottostimato e ha davvero un'enorme potenzialità di sviluppo e di crescita". Se per De Nora si profila la quotazione il prossimo anno, Alverà ha dichiarato che non si tratta di una soluzione all’ordine del giorno per Stogit, che Snam punta a far diventare un leader internazionale nel settore dello stoccaggio di gas.

    A Piazza Affari il titolo Snam viaggia a quota 5,008 euro in rialzo dell’1,27%.

  6. #206
    L'avatar di U m b y
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Messaggi
    1,346
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    507 Post(s)
    Potenza rep
    27637190

    Bank Of America

    BofA ha alzato il prezzo obiettivo su Snam (-0,96% a 4,949 euro in un contesto di mercato negativo) da 5,8 a 5,85 euro, confermando la raccomandazione buy. Gli esperti sottolineano come il piano al 2025 non abbia evidenziato particolari cambiamenti, ma citano "il nuovo scenario su spese per investimenti e crescita per il 2026-2030".

  7. #207

    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    5,333
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1103 Post(s)
    Potenza rep
    32353328
    Citazione Originariamente Scritto da U m b y Visualizza Messaggio
    BofA ha alzato il prezzo obiettivo su Snam (-0,96% a 4,949 euro in un contesto di mercato negativo) da 5,8 a 5,85 euro, confermando la raccomandazione buy. Gli esperti sottolineano come il piano al 2025 non abbia evidenziato particolari cambiamenti, ma citano "il nuovo scenario su spese per investimenti e crescita per il 2026-2030".
    equita, barclays, bofa e a breve mediobanca, di certo non valorizzano la plusvalenza nascosta in DE NORA ( almeno 400/500 mil euro di plusvalenza) sia di ITMPOWER UK e sia di RENOVIT E SNAM4ENVIRONMENT queste 2 gia dal 2022 danno ricavi ed ebitda. Nel Pinao, il CEO non ne ha parlato...MA IL VALORE NASCOSTO C'E E poi il p/e di SNAM è 13 non 16

  8. #208
    L'avatar di Superspazzola
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    30,540
    Mentioned
    23 Post(s)
    Quoted
    2456 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Energia: nasce Hydrogen Jrp, universita' e aziende insieme per ricerca

    ROMA (MF-DJ)--Una piattaforma di ricerca congiunta tra universita' e aziende per studiare lo sviluppo del vettore energetico che potra' dare un contributo decisivo al raggiungimento degli obiettivi climatici globali: l'idrogeno. Nasce Hydrogen Joint Research Platform (Hydrogen Jrp), creato dalla Fondazione Politecnico di Milano, insieme al Politecnico di Milano e a tre aziende fondatrici Edison, Eni e Snam. Hydrogen Jrp, si legge in un comunicato, ha l'obiettivo di promuovere studi e ricerche innovative su produzione dell'idrogeno pulito, che comprende l'idrogeno verde e "low carbon"; soluzioni per il suo trasporto e relativi sistemi di accumulo avanzati; impieghi innovativi di tipo elettrochimico e termico in applicazioni residenziali, industriali e di trasporto; sviluppo di best practice per la progettazione e realizzazione delle infrastrutture per il trasporto e lo stoccaggio dell'idrogeno. L'intento e' dare impulso alla creazione di una filiera idrogeno in Italia, per favorire la competitivita' delle aziende e la crescita di imprese high tech; Hydrogen Jrp e' aperto a tutte le imprese che vogliono sperimentare, con il supporto della prima universita' tecnica italiana e dei suoi laboratori, la ricerca e lo sviluppo di prodotti e servizi sull'idrogeno. Per aumentarne l'impatto la piattaforma si avvarra' di un advisory board, organo di consulto strategico, che coinvolgera' i principali stakeholder istituzionali anche internazionali, per creare interesse e attrarre investimenti. Saranno confermate nei prossimi mesi le adesioni al JRP di altre aziende interessate allo sviluppo della filiera dell'idrogeno. La struttura della piattaforma prevede che i soci stessi, a seconda del loro livello di adesione, propongano temi di ricerca verticali che favoriscano la creazione di know-how per l'industria italiana del settore. "L'idrogeno e' un vettore energetico fondamentale per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione nel settore dei trasporti e dell'industria hard to abate - ha dichiarato Giovanni Brianza, Executive Vice President Energy & Environmental Services Market di Edison - La grande sfida oggi e' accelerarne lo sviluppo per renderlo economicamente sostenibile e per dare vita a una nuova filiera industriale che agisca da volano per l'economia italiana e affermi il valore delle nostre competenze a livello internazionale. Con la piattaforma di ricerca Hydrogen Jrp con Politecnico di Milano, Eni e Snam, poniamo le basi per un importante lavoro comune e confermiamo il ruolo fondamentale che Edison ha nel settore dell'idrogeno e il suo impegno nel supportarne la ricerca e sviluppo". Francesca Zarri, Direttore Technology, R&D e Digital di Eni, ha affermato che "la ricerca e sviluppo e' uno dei pilastri su cui poggia la strategia di Eni volta al completo abbattimento delle emissioni di processi industriali e prodotti, nonche' la chiave per una transizione energetica equa e di successo. Questo progetto si inserisce nella rete di collaborazioni con i migliori atenei e centri di ricerca nazionali e internazionali che Eni sta sviluppando con l'obiettivo di accelerare l'industrializzazione di tecnologie innovative in ambito decarbonizzazione e rinnovabili". "Con l'adesione a Hydrogen Jrp, Snam mira a contribuire alla crescita del sistema di ricerca e sviluppo per potenziare la filiera italiana dell'idrogeno con l'obiettivo di accelerarne la diffusione, anche grazie alle infrastrutture esistenti, e dare impulso alla transizione energetica - ha dichiarato Cosma Panzacchi, Executive Vice President Hydrogen di Snam - Questa iniziativa e' in linea con l'impegno di Snam a supportare le tecnologie piu' promettenti dell'ecosistema idrogeno, attraverso progetti quali l'Hydrogen Innovation Center avviato in collaborazione con alcuni dei piu' importanti atenei italiani, come il Politecnico di Milano, e HyAccelerator, primo programma di accelerazione per startup dell'idrogeno gestito da un'azienda a livello globale". com/rov (fine) MF-DJ NEWS

    30/11/2021 14:06

  9. #209

    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    5,333
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1103 Post(s)
    Potenza rep
    32353328
    Volume:
    18.563.743
    Denaro/Lettera:
    4,974
    /
    4,979
    Min-Max gg:
    4,898 - 4,997 snam volumi oggi 3 volte la media.. giocano..come sui mkt..

  10. #210

    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    5,333
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1103 Post(s)
    Potenza rep
    32353328
    ecco la pallottola d argento di Snam= 30/11/2021 L’Unione Europea ha un piano contro gli investimenti della Cina in Africa - Il Post
    "Le anticipazioni parlano per esempio di ingenti investimenti per la produzione di energie rinnovabili in Africa: pare che l’Unione Europea utilizzerà circa 2,4 miliardi di euro nell’Africa subsahariana e circa 1 miliardo di euro in Nord Africa per sostenere la produzione dell’idrogeno rinnovabile, l’idrogeno cioè prodotto da fonti rinnovabili e la cui produzione è priva di emissioni CO2, detto anche “idrogeno pulito” o “idrogeno verde”.

Accedi