A spasso col CANE (6) - Pagina 171
Intesa Sanpaolo sforna il dividendo d’autunno, rendimento da prima della classe e a novembre concederà il bis
Intesa Sanpaolo si appresta a distribuire un generoso dividendo ai propri azionisti. Lunedì 18 ottobre ci sarà infatti lo stacco della corposa cedola di 0,0996 euro per azione. La distribuzione avrà …
Carne coltivata prossima frontiera degli investimenti sostenibili. Le realtà più promettenti finite nel mirino di DiCaprio e Kutcher
Per ora la carne coltivata è disponibile solo a Singapore, ma in futuro i consumatori di tutto il mondo avranno la possibilità di addentare hamburger, costolette e filetti che non …
Vietnam e Arabia alla guida dei VARPS. Focus su cinque paesi decorrelati dai mercati emergenti principali
Di seguito pubblichiamo il commento a cura di Tim Love, Investment Director responsabile delle strategie azionarie dei paesi emergenti di GAM Nel 2016 abbiamo identificato cinque mercati chiave all’interno dell’universo …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1701
    L'avatar di marcobrasich
    Data Registrazione
    Jan 2001
    Messaggi
    5,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1464 Post(s)
    Potenza rep
    42949693
    Citazione Originariamente Scritto da rocki12 Visualizza Messaggio
    Mettiti short se sei convinto... Farai tanti soldini...domani in particolare
    A proposito....

    Ma se uno domani si mette short (a fine giornata) per sfruttare la riduzione di prezzo dovuto allo stacco del dividendo di lunedì... ...che dite rischia di far soldi se ben studia i livelli di entrata e uscita????

  2. #1702
    L'avatar di rocki12
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    778
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    264 Post(s)
    Potenza rep
    5567126
    Citazione Originariamente Scritto da marcobrasich Visualizza Messaggio
    A proposito....

    Ma se uno domani si mette short (a fine giornata) per sfruttare la riduzione di prezzo dovuto allo stacco del dividendo di lunedì... ...che dite rischia di far soldi se ben studia i livelli di entrata e uscita????
    Se rimanesse dentro venerdì allo stacco paghi il prezzo del dividendo

  3. #1703
    L'avatar di marcobrasich
    Data Registrazione
    Jan 2001
    Messaggi
    5,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1464 Post(s)
    Potenza rep
    42949693
    Citazione Originariamente Scritto da rocki12 Visualizza Messaggio
    Se rimanesse dentro venerdì allo stacco paghi il prezzo del dividendo
    Hahahaha...


    verissimo!
    L'idea flash che mi era arrivata... ...è cannata alla base!

  4. #1704
    L'avatar di rocki12
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    778
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    264 Post(s)
    Potenza rep
    5567126
    Citazione Originariamente Scritto da marcobrasich Visualizza Messaggio
    A proposito....

    Ma se uno domani si mette short (a fine giornata) per sfruttare la riduzione di prezzo dovuto allo stacco del dividendo di lunedì... ...che dite rischia di far soldi se ben studia i livelli di entrata e uscita????

    Cosa succede alle posizioni short in caso di stacco del dividendo?

    Fatte le dovute premesse e precisazioni, ponendo di voler aprire una posizione short su Unicredit, va considerato che questa azienda staccherà un dividendo in contanti da 300 milioni durante il 2021. Considerando che Unicredit ha 2.237,26 milioni di azioni, quindi un dividendo da 300 milioni di euro, diviso per il numero di azioni, equivale a uno stacco di 0,1341 euro per azione.

    Il prezzo attuale di Unicredit si aggira intorno a 8,50 euro; poniamo il caso che la nostra valutazione dica che l’azienda è sopravvalutata e quindi ci aspettiamo un calo del valore delle azioni. Poniamo che, dopo aver analizzato i fondamentali e averla messa a paragone con la principale competitor, Intesa Sanpaolo, decidiate di andare in short perché pensate che il vero valore di Unicredit sia (per esempio) 7 euro.

    Apriamo quindi, per esempio, una posizione in short da 1.000 azioni, equivalente a 8.500 euro.

    Ora, per il prossimo mese, l’azione continua a girare intorno a 8,5 euro, quindi teoricamente non c’è stato nessun guadagno e nessuna perdita potenziale, però, a distanza di un mese, viene staccato il dividendo di cui sopra e quindi l’azione, da 8,5 euro, passa a 8,366 euro. A questo punto voi avreste, sulla vostra posizione, un guadagno di 134 euro.



    Corriamo quindi a fare short su azioni che stanno per staccare un dividendo? No…

    Voi siete in grado di fare uno short su un’azione perché quelle azioni vi sono state prestate da qualcun altro. Quindi, chi vi presta le azioni, ha il pieno diritto di ricevere il suo dividendo, e chi lo paga tale dividendo? Voi…

    Quindi, ricapitolando, investitore X ha in portafoglio 1.000 azioni (non importa a quanto le ha acquistate) e ha diritto a 134 euro di dividendo (che poi verrà tassato); voi prendete in prestito tali azioni per fare lo short (i prestiti delle azioni vengono gestititi dal vostro broker) e quindi quelle azioni, teoricamente, vanno a qualcun altro (investitore Y) che nel mentre ha aperto una posizione long di 1.000 azioni (voi avete venduto a Y le 1.000 azioni).

  5. #1705
    L'avatar di rumba
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    5,430
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1179 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da rocki12 Visualizza Messaggio
    Mettiti short se sei convinto... Farai tanti soldini...domani in particolare
    Furbacchione

  6. #1706
    L'avatar di marcobrasich
    Data Registrazione
    Jan 2001
    Messaggi
    5,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1464 Post(s)
    Potenza rep
    42949693
    Citazione Originariamente Scritto da marcobrasich Visualizza Messaggio
    Comunque, domani, dal lavoro, farò il tifo x il break-out dell'11,008!!!!
    Un'altra bella candela verde ci sta!




    PS:
    Anche se a sentire alcuni trader famosi è normale che nei trend al rialzo con candele ben "sostenute" (= con alta volatilità) ci sta anche la possibilità che si formino candele rosse (ritracciamento -> perché il mercato si muove ad onde).

    E alcune di queste candele short, in un trend long, possono prendere la forma di veri e propri pattern di inversioni di trend, che però danno luogo (successivamente) ad altre candele long (cioè in sintonia con il trend di base).

    Pare che questi finti pattern di inversione sono fisiologici è stanno a dire che il trend di base (long) gode di buona salute.


    Vedremo!


    Mi auto cito.... ...era un mio post di qualche giorno fa!




    Oggi Eni mi sa che ha fatto una candela shooting star che dovrebbe essere un pattern di inversione.
    In realtà, le shooting star hanno bisogno anche di altre condizioni per essere dei sicuri (o quasi) pattern di inversione.

    Ma si sa che le candele shooting star, in trend long abbastanza sostenuti, sono normalissime e fisiologiche...

    Metto un vecchia immagine del Future Fts Mib ben infarcita di shooting star durante la fase di trend long (estratta da un video free di Webank che parlava di questa cosa)...
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate A spasso col CANE (6)-ftsmib.jpg  
    Ultima modifica di marcobrasich; 16-09-21 alle 21:49

  7. #1707

    Data Registrazione
    Mar 2020
    Messaggi
    1,374
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    888 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da Ezechiele25:17 Visualizza Messaggio
    Buongiorno.

    Se ci tieni ai motori tradizionali allora investi tutto quello che hai su ENI.
    Con i biocarburanti ci fanno volare gli aerei, non sarà certo un problema far girare a 9k giri il motore di una Ferrari.
    La ristrutturazione del settore Mid-Downstream | Eni

    Nel Refining & Marketing abbiamo altri 10mld di capitalizzazione nascosta quindi meno sospiri, meno gretinate e più cash sul titolo.
    Grazie.
    Non ne ho la possibilità né le risorse. Ormai ha 40 miliardi di capitalizzazione.
    Inoltre non posso investire in un titolo più del 3% dei miei risparmi. Posso solo attendere che arrivi a 50-55 miliardi di capitalizzazione per vendere, oppure, se non lo facesse nei prossimi mesi o anni, tenerla per i dividendi.

  8. #1708

    Data Registrazione
    Dec 2011
    Messaggi
    609
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    52 Post(s)
    Potenza rep
    11225025
    Citazione Originariamente Scritto da marcobrasich Visualizza Messaggio
    A proposito....

    Ma se uno domani si mette short (a fine giornata) per sfruttare la riduzione di prezzo dovuto allo stacco del dividendo di lunedì... ...che dite rischia di far soldi se ben studia i livelli di entrata e uscita????

    Ciao

    forse con l'acquisto di una PUT ATM o la vendita ATM di un CALL se hai gia le azioni....


    F.

  9. #1709
    L'avatar di marcobrasich
    Data Registrazione
    Jan 2001
    Messaggi
    5,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1464 Post(s)
    Potenza rep
    42949693
    Citazione Originariamente Scritto da sintesi2006 Visualizza Messaggio
    Ciao

    forse con l'acquisto di una PUT ATM o la vendita ATM di un CALL se hai gia le azioni....


    F.

    Sì, per fortuna ho delle azioni (visto il trend di questi giorni)...

    Ma, per adesso, le opzioni sono arabo per me!

  10. #1710

    Data Registrazione
    Mar 2020
    Messaggi
    1,374
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    888 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da Ezechiele25:17 Visualizza Messaggio
    La mia teoria è che le rinnovabili non riusciranno a coprire manco il 50% dell'incremento di energia di cui avrà bisogno il mondo nei prossimi 20 anni.


    L'approvvigionamento di materiali, materie prime e personale qualificato non centuplica per capriccio di qualche gretino in 10 anni.

    Noi qui siamo su ENI. Parliamo di ENI.
    I fatti attualmente dicono che ENI "oggi" ed una sua JV NON EU "domani", macineranno utili folli almeno per altri 20 anni grazie all'oil&gas.
    Questi utili folli poi saranno reinvestiti in USA&EU schiacciando margini e profitti dei concorrenti green. Pecunia non olet.

    Non bisogna dimenticare che questa quantità esagerata ed "aggratisse" di petroldollari, altri operatori puramente elettrici saranno costretti a chiederla alle banche ed andrà sommata ai finanziamenti che servono a rinnovare il debito altrettanto esagerato che i suddetti antesignani hanno già contratto per tecnologie green, una volta esageratamente costose e poco efficienti.

    PS: Adesso capisco che nei vostri eventi aziendali di Team Building vi stiano bombando il cervello di fantasie green, ma almeno dal mio punto di vista il vostro futuro più che green è grey.
    Tu hai ragione, ma non è così semplice.
    Parli di 20 anni, ma è più di due volte le riserve dell'Eni (e di altre società del settore). Vuol dire, quindi, che Eni dovrebbe impiegare capitali (enormi) sia per continuare a produrre oil, sia per investire nell'immaginato nuovo settore. A meno che tu non voglia ridurre il termine per la tua operazione a 7 anni.

    Due. Il nuovo settore ha operatori di più di 20 anni, con tecniche, competenze, organizzazioni, metodi sperimentati tra infiniti successi ed errori. Eni dovrebbe competere con questi gruppi. Se Enel volesse occuparsi di perforazioni petrolifere, secondo te, quante chances avrebbe?

    Tre. Le curve di offerta del greggio sono tra le più anelastiche di tutta la letteratura economica. Questo significa che lo stesso prodotto può essere quotato ora a 20 dollari, l'anno dopo a 150 dollari, solo grazie a spostamenti delle curve di domanda. Dall'altra parte, le utilities sono senza dubbie cariche di debiti ma, attenzione, hanno un conto economico totalmente opposto a quello di ENI: ricavi stabili e costanti. Per questo tipo di investimenti, in un mondo immerso dai capitali, il vantaggio è, così, delle seconde.

Accedi