Unipol - Unipolsai : uniti per il gain vol.3 - Pagina 41
Ftse Mib chiude a un soffio dai 27.000 punti. Interpump, ENI, Poste e Banca Generali tra i protagonisti di oggi
Nuovo allungo per Piazza Affari sulla scia ai nuovi record di Wall Street e all?ottimismo dettato dalla tornata positiva di trimestrali. In Europa bene oggi i numeri di UBS. Il …
Preview trimestrali Piazza Affari: Telecom Italia cerca sponda nei conti, ecco cosa dice consensus per 3° trimestre e sull’intero 2021
Entra nel vivo la stagione delle trimestrali anche a Piazza Affari e da domani si inizierà a fare sul serio con i cda per l’approvazione dei conti del 3° trimestre …
Certificate Academy 2021: torna l’iniziativa educational di Unicredit per fare conoscere il mondo dei certificati
Dopo il successo riscontrato l?anno scorso, UniCredit ha deciso di lanciare l?iniziativa formativa ?Certificate Academy 2021?, dedicata agli investitori e ai consulenti finanziari italiani con l?obiettivo di accrescere la conoscenza …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #401
    L'avatar di bpm forever
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    2,159
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    273 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da 4€verDepecheMode Visualizza Messaggio
    La maggior parte delle coop verosimilmente venderebbe le proprie azioni, a quel punto Mediobanca prenderebbe in mano la situazione e "deciderebbe" a quale cavaliere bianco affidare la società.
    E se tutto questo facesse parte di una strategia comune tra i due amichetti?? Quando cimbrino e nagelino stanno assieme sono tremendi...e se Mediobanca pappasse tutto alla facciaccia delle coop?? Lavoro sporco a unipol tramite pizzetto, alla fine dopo fusione e gestione banche ( bper+b sondrio+ bami)...Mediobanca interviene e prende unipol...può succedere per stare a potere dopo le mosse di isp e ug?
    Pensateci a me era il sogno di stanotte

  2. #402

    Data Registrazione
    Sep 2018
    Messaggi
    84
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    38 Post(s)
    Potenza rep
    6012959
    Citazione Originariamente Scritto da bpm forever Visualizza Messaggio
    E se tutto questo facesse parte di una strategia comune tra i due amichetti?? Quando cimbrino e nagelino stanno assieme sono tremendi...e se Mediobanca pappasse tutto alla facciaccia delle coop?? Lavoro sporco a unipol tramite pizzetto, alla fine dopo fusione e gestione banche ( bper+b sondrio+ bami)...Mediobanca interviene e prende unipol...può succedere per stare a potere dopo le mosse di isp e ug?
    Pensateci a me era il sogno di stanotte
    Tutto può succedere, anche che mediobanca riduca sua quota generali per unipol. La vera chiave di volta è capire il ruolo vero di Cimbri. Bravo ed astuto, ma vive di luce propria o no. Cioè quali sono i rapporti di forza veri, chi comanda davvero Cimbri o le coop? Io sinceramente non l'ho capito. Formalmente è tutto chiaro ma nella sostanza mica tanto. È li che progetta ed agisce come fosse il padrone. È li da tanti anni e sembra lui il vero dominus, ha lavorato molto bene, niente da dire, ma se è lui o non è lui, cambia radicalmente la prospettiva.

  3. #403
    L'avatar di 4€verDepecheMode
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    3,588
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    748 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Buona domenica a tutti.
    A Mediobanca nulla è impossibile: a suo tempo il vecchio Cuccia provò a togliere la Fiat agli Agnelli e per poco non ci riuscì. La banca milanese ha due difficoltà: non può compare in prima persona, per evidenti motivi di incroci azionari con Generali, e la seconda è la scalata "in casa" di Del Vecchio e Caltagirone.
    Cimbri è fedele alle coop, ma, in caso di loro estromissione, potrebbe tranquillamente rimanere con nuovi padroni, viste le sue capacità.
    Sarebbe tutta da ridere se un bel giorno arrivasse un cavaliere bianco e con un'opa ostile offrisse 7/8 euro ad azione.

  4. #404

    Data Registrazione
    Sep 2018
    Messaggi
    84
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    38 Post(s)
    Potenza rep
    6012959
    Citazione Originariamente Scritto da 4€verDepecheMode Visualizza Messaggio
    Buona domenica a tutti.
    A Mediobanca nulla è impossibile: a suo tempo il vecchio Cuccia provò a togliere la Fiat agli Agnelli e per poco non ci riuscì. La banca milanese ha due difficoltà: non può compare in prima persona, per evidenti motivi di incroci azionari con Generali, e la seconda è la scalata "in casa" di Del Vecchio e Caltagirone.
    Cimbri è fedele alle coop, ma, in caso di loro estromissione, potrebbe tranquillamente rimanere con nuovi padroni, viste le sue capacità.
    Sarebbe tutta da ridere se un bel giorno arrivasse un cavaliere bianco e con un'opa ostile offrisse 7/8 euro ad azione.
    La questione è allora con il management attuale o no. Un po' di fortuna avrà influito, ma la "scommessa" vinta di integrare sai, la cessione della banca, l' eccellenza tecnica nel danni ecc., porta ad una domanda: quanto vale ugf senza Cimbri ed una visione strategica. Si tratta di aziende "delicate" non parliamo di un marchio del lusso. Ci vorrebbe una assicurazione che conosca il mestiere.In Italia non vedo spazi a meno di una mossa di Intesa che coinvolga Cimbri stesso. Antitrust permettendo..

  5. #405
    L'avatar di 4€verDepecheMode
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    3,588
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    748 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    In Italia non vedo nessuno nemmeno io, forse Intesa, ma molto forse; più verosimilmente l'attacco potrebbe venire da qualche società estera, che vuole entrare in grande stile a casa nostra. Anche in questo secondo caso non vedo nessuno all'orizzonte.
    L'unico che avrebbe avuto qualche anno fa la possibilità e la forza d'urto sarebbe stato Buffett, ma è stato così cogl.ione da farsi infinocchiare con quel rottame di Cattolica.

  6. #406
    L'avatar di bpm forever
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    2,159
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    273 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da buonse Visualizza Messaggio
    Tutto può succedere, anche che mediobanca riduca sua quota generali per unipol. La vera chiave di volta è capire il ruolo vero di Cimbri. Bravo ed astuto, ma vive di luce propria o no. Cioè quali sono i rapporti di forza veri, chi comanda davvero Cimbri o le coop? Io sinceramente non l'ho capito. Formalmente è tutto chiaro ma nella sostanza mica tanto. È li che progetta ed agisce come fosse il padrone. È li da tanti anni e sembra lui il vero dominus, ha lavorato molto bene, niente da dire, ma se è lui o non è lui, cambia radicalmente la prospettiva.
    Seguo pizzetto dai tempi fusione a 4!! Fondiaria, unipol, Milano assicurazione e premafin....ti garantisco che non si avvertiva la presenza delle coop...bensì Mediobanca, o meglio Nagel. Se non ricordo male entrambi figliocci del vecchio cuccia
    Per me, inizialmente il rapporto è iniziato con interessamento separato, Mediobanca doveva rientrare da capitali dati in prestito a fondiaria mentre, unipol doveva aggiustare i suoi debiti pappandosi con scuse del casso fondiaria...che faceva e continua a fare utili con la pala!!!
    Il potere fa venire strani pensieri, ti senti intoccabile, ecco perché oggi le coop non contano più un casso ma comanda cimbrino, e se ha fatto team con nagel..si pappano tutto...fidati!!
    La somanda è..nagel, con pizzetto ti senti a sicuro???

  7. #407

    Data Registrazione
    Sep 2018
    Messaggi
    84
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    38 Post(s)
    Potenza rep
    6012959
    Intesa è affascinante, forse basterebbe cedere arca vita, insomma lasciare la banca assicurazione di bper ecc, ma anche le partecipazioni bancarie. Poi c'è qualcosa in Francia e Germania, ma già sono presenti. Vedo più la costruzione di un polo autonomo, con il nostro AD. È per questo che non vedo opa ne concordate ne ostili ma piuttosto una crescita del perimetro di ugf. Sinceramente spero più nel dividendo che nella vincita al superenalotto. Questo però è un desiderio non un' analisi. Buona domenica a tutti!

  8. #408

    Data Registrazione
    Dec 2004
    Messaggi
    7,982
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    103 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Rimanendo alla situazione attuale rimane la forte sottovalutazione di Unipol pertanto se il mercato non gira dovrebbe continuare la salita almeno fino allo stacco del dividendo dove, con il ricavato, comprerò ancora un pò di azioni in attesa di Maggio

  9. #409

    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    1,454
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    486 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Mediobanca è stata sempre il registra del gruppo assicurativo dai tempi di fondiaria poi fonsai ed infine di unipol, ora però c'è una novità, Del Vecchio che ha comprato il 20% senza chiedere il permesso e questo ha spiazzato il capitalismo italiano, cosa impensabile entrare nell'Olimpo della finanza Italiana senza avere il nulla osta.
    Inoltre Del Vecchio non ha ancora dato una motivazione.
    Ora il secondo azionista di unipol, Holmo come normale che sia, ha incaricato Mediobanca di vendere il suo pacchetto di azioni, mi sembra strano che Mediobanca possa decidere di trovare un acquirente senza sentire se Del Vecchio possa essere interessato al 6,67%.
    E se fosse interessato certo non si limiterebbe al 6,67% in considerazione del fatto che il patto di sindacato scendendo sotto il 25%, si scioglierebbe ed ecco che i vecchi soci deliberano il voto maggioritario, che decorrerà il prossimo maggio e per paura di perdere il controllo acquistano un ulteriore 3,30%.
    Ultima modifica di Max15; 31-08-21 alle 08:10

  10. #410

    Data Registrazione
    Aug 2021
    Messaggi
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Max15 Visualizza Messaggio
    Mediobanca è stata sempre il registra del gruppo assicurativo dai tempi di fondiaria poi fonsai ed infine di unipol, ora però c'è una novità, Del Vecchio che ha comprato il 20% senza chiedere il permesso e questo ha spiazzato il capitalismo italiano, cosa impensabile entrare nell'Olimpo della finanza Italiana senza avere il nulla osta.
    Inoltre Del Vecchio non ha ancora dato una motivazione.
    Ora il secondo azionista di unipol, Holmo come normale che sia, ha incaricato Mediobanca di vendere il suo pacchetto di azioni, mi sembra strano che Mediobanca possa decidere di trovare un acquirente senza sentire se Del Vecchio possa essere interessato al 6,67%.
    E se fosse interessato certo non si limiterebbe al 6,67% in considerazione del fatto che il patto di sindacato scendendo sotto il 25%, si scioglierebbe ed ecco che i vecchi soci deliberano il voto maggioritario, che decorrerà il prossimo maggio e per paura di perdere il controllo acquistano un ulteriore 3,30%.
    potrebbe anche essere un caso, ma le azioni sindacate delle cooperative di consumo (Alleanza, Liguria, Novacoop, Lombardia e Tirreno, in pratica i supermercati) insieme a quelle di Cooperare Spa (controllata da Coopfond, quindi da legacoop) e a quelle di Koru, fanno il 25,47% del capitale sociale. Forse è un segno che si stiano preparando a mantenere in piedi il patto (o a farne uno nuovo) anche senza Holmo. inoltre le coop di consumo e cooperare spa hanno un altro 18% di azioni non sindacate.
    Comunque il capitale sociale di Koru non si sa bene a chi appartenga (Alleanza, Novacoop, Cooperare Spa e altre società controllate da cooperative sono nel capitale sociale ma non sono riuscito a trovare le quote di pertinenza).
    secondo me comunque sono vari segnali che, almeno per quanto riguarda le coop-supermercati, non ci sia l'intenzione di abbandonare la nave. diverso il discorso per i soci di holmo e le altre coop non di consumo che potrebbero vendere, magari controvoglia per fare cassa, ma gli altri stanno correndo ai ripari.

Accedi