ERG trimestrale sopra le attese e maggior beneficiario del Recovery Fund
MeglioQuesto, martedì in Live streaming su FinanzaOnline
Sarà il Gruppo MeglioQuesto, tra i principali operatori italiani del settore della customer experience multicanale, protagonista del nuovo ?Live streaming? di FinanzaOnline previsto per martedì 22 giugno. L’appuntamento in diretta …
Le criptovalute non convincono Danske Bank che conferma divieto al trading. Nuovo rinvio SEC a ETF su bitcoin
Il bitcoin e le criptovalute in generale continuano a non convincere la Danske Bank che reitera il suo no al trading di cripto nonostante la crescente richiesta da parte dei …
Webinars UniCredit: I settori e i megatrend candidati a primeggiare nel post-Covid
Torna l?appuntamento mensile con i Webinars Trading & Investimenti di UniCredit, giovedì 24 giugno ore 17.00. Ospiti del webinar Enrico Malverti, trader professionista membro del Comitato Direttivo di SIAT (Società …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di resilience
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    19,557
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2382 Post(s)
    Potenza rep
    42949686

    ERG trimestrale sopra le attese e maggior beneficiario del Recovery Fund

    Milano Finanza

    Investimenti per 2,1 mld e cedola fissa a 0,75 euro nel piano di Erg al 2025
    Il cda ha approvato il piano industriale che prevede 1,9 mld di investimenti nelle rinnovabili e un indebitamento a 2 mld a fine 2025. La crescita avverrà attraverso sviluppo greenfield, co-development, repowering degli impianti eolici e M&A. Il progetto esg si articolerà su 4 pilastri. L'utile netto nel primo trimestre sale a 63 mln, alzata la guidance 2021


    14/05/2021 14:05



    Via libera al piano industriale di Erg 2021-2025. Il consiglio di amministrazione della società genovese, riunitosi ieri, ha infatti esaminato e approvato il piano industriale e il piano esg, i quali detteranno le linee guida per il business del colosso energetico nei prossimi cinque anni. Un progetto alquanto ambizioso, che vedrà gli investimenti relativi alla strategia delineata ammontare complessivamente a circa 2,1 miliardi di euro, di cui 1,9 miliardi saranno destinati alla crescita nelle rinnovabili, segmento in cui Erg gioca un ruolo da assoluto protagonista. Gli investimenti di mantenimento sono stati stimati pari a 0,1 miliardi, mentre il 70% del totale degli investimenti servirà a rafforzare la diversificazione geografica.

    La strategia di Erg continuerà, dunque, ad essere focalizzata principalmente sulla crescita nelle rinnovabili attraverso una politica di diversificazione geografica e tecnologica e la progressiva securitizzazione dei ricavi. Una nuova organizzazione e una mirata attività di re-skilling supporteranno il nuovo piano, che sarà caratterizzato da una stretta integrazione tra strategia di business e obiettivi esg e garantito da una solida posizione finanziaria, spiega la nota pubblicata direttamente sul sito della società. Il piano prevede, inoltre, un indebitamento a fine 2025 pari a 2 miliardi di euro, in netto aumento rispetto agli 1,4 miliardi di euro a fine 2020.

    Secondo quanto spiegato da Erg, la crescita avverrà soprattutto attraverso sviluppo greenfield, co-development, repowering degli impianti eolici e operazioni di M&A.
    L'obiettivo a fine piano è di raggiungere una potenza installata di 4,7 gigawatt con un incremento di 1,5 gigawatt attraverso progetti in costruzione in Uk, Polonia, Francia e Svezia (+0,4 gigawatt), progetti di repowering nell'eolico in Italia (+0,2 gigawatt), progetti greenfield nell'eolico e nel solare (+0,3 gigawatt) e operazioni di M&A (+0,6 gigawatt). Per quanto riguarda i progetti in costruzione, si tratta di 400 megawatt che includono, oltre a Uk, Francia e Polonia, la recente acquisizione di un progetto ready to build in Svezia da 62 megawatt.

    Per il repowering, Erg ha attualmente circa 350 megawatt in fase avanzata di sviluppo (200 megawatt su base differenziale), di cui 142 megawatt completamente autorizzati e pronti a prendere parte alle prossime aste del 2021 e i rimanenti in fase autorizzativa avanzata. La pipeline di progetti repowering complessivamente in sviluppo è di oltre 800 megawatt (oltre 400 megawatt su base differenziale). I progetti greenfield, invece, includono progetti eolici e solari in fase avanzata di sviluppo per 300 megawatt all'interno di una pipeline greenfield di circa 1.800 megawatt in Italia e all'estero.

    La società energetica prevede, inoltre, 600 megawatt di crescita attraverso un mix di operazioni di M&A e di ulteriori sviluppi dalle pipeline, anche attraverso gli accordi di co-sviluppo recentemente siglati. Nel M&A, si legge nella nota, Erg potrà far leva sulla “consolidata esperienza e sulla reputazione guadagnata per cogliere opportunità nei paesi target, seguendo un approccio selettivo”. Grazie alle partnership con operatori leader nel settore della produzione di aerogeneratori, realizzate in linea con la strategia di Sustainable Procurement, Erg sarà in grado di garantire la copertura di una parte importante del piano di sviluppo a condizioni competitive e con tecnologie di ultima generazione.

    Per quanto riguarda la strategia esg, la società ha individuato quattro pilastri portanti intorno ai quali si articolerà un progetto ambizioso e ben definito: Planet, ovvero la lotta al climate change, Engagement, quindi l'impegno a favore dei territori, People, con l'attenzione alla crescita e al benessere delle persone, e Governance, ovvero i principi ed organi di gestione ispirati alle best practice. Infine, per ciò che concerne l’aspetto prettamente contabile e finanziario, il piano 2021-2025 prevede che l’ebitda sia per l’80% quasi-regolato attraverso la partecipazione ad aste competitive per l’aggiudicazione di Cfd o contratti di vendita dell’energia di lungo periodo a prezzi prefissati. Per tutto l’arco del piano, infine, Erg prevede una politica dei dividendi stabile, con una cedola annuale a 0,75 euro per azione.


    La crescita del gruppo nelle rinnovabili, spiega Erg, continuerà a svilupparsi secondo una logica di diversificazione geografica attraverso una selezione dei paesi target guidata dalle prospettive di crescita del mercato e dalle politiche governative adottate, pur mantenendo un approccio flessibile e aperto ad ogni buona opportunità che si dovesse presentare. Questo, a sua volta, consentirà ad Erg di rafforzare la presenza in Europa attraverso l’ingresso in nuovi mercati, come recentemente avvenuto per la Spagna e la Svezia, ma anche di valutare altre geografie. La società ambisce, inoltre, a diversificare tecnologicamente il proprio portafoglio rinnovabili, “puntando ad una quota sempre maggiore di fotovoltaico, facendo leva sulle interessanti prospettive di sviluppo di questo mercato in Europa", si legge nella nota.


    "I 3 gigawatt di capacità installata e i 3 gigawatt di progetti in sviluppo sono la base su cui avviare una nuova fase di crescita e trasformazione", ha esordito Paolo Luigi Merli, amministratore delegato di Erg. “Il nuovo piano industriale darà una ulteriore accelerata sulle rinnovabili e integrerà in maniera stretta ed efficace la strategia di business e gli obiettivi esg”, ha proseguito il ceo della società genovese.

    "Una crescita della capacità installata di 1,5 gigawatt, sfidante ma solida con oltre il 60% dell’obiettivo garantito da progetti in costruzione e in fase avanzata di sviluppo. Un ebitda atteso di circa 550 milioni di euro nel 2025, nonostante il progressivo scadere degli incentivi nel periodo di piano. È anche un piano di riconversione delle modalità di vendita dell'energia su base “quasi-regolata”, attraverso partecipazione ad Aste o Ppa, che garantiranno maggiore stabilità dei nostri flussi e maggiore capacità di indebitamento a sostegno della crescita, nel rispetto del Rating Finanziario", ha aggiunto Merli, secondo cui, pur non fattorizzata nei numeri del piano, non potendosi al momento effettuare alcuna previsione al riguardo, “l’asset rotation degli impianti idro e termoelettrico, qualora si concretizzasse effettivamente, rappresenterebbe un’opportunità per un’ulteriore accelerazione nella crescita ed evoluzione verso un modello rinnovabile puro nel Wind & Solar", ha concluso.

    Nonostante gli obiettivi ambiziosi e gli ottimi risultati del primo trimestre 2021, il titolo Erg, quotato a Piazza Affari, scambia attualmente in calo del 3,83% a 23,60 euro. Le vendite si sono infatti intensificate dopo che la società energetica ha reso noti i conti relativi ai primi tre mesi dell'anno, che hanno visto un utile netto di 63 milioni di euro, in aumento rispetto ai 52 milioni del primo trimestre 2020. I ricavi adjusted sono risultati pari a 280 milioni, in aumento di 3 milioni rispetto al primo trimestre 2020 (277 milioni) principalmente a seguito delle maggiori produzioni dell'idroelettrico e dell'incremento del valore unitario dell'incentivo in Italia. Questi effetti, ha spiegato la società, sono stati in gran parte compensati dalla riduzione della produzione dell'eolico all'estero e dal termine del primo decennio ad alta cogeneratività dell'impianto CCGT.

    Il margine operativo lordo adjusted, al netto delle poste eccezionali, si è attestato a 161 milioni, in aumento di 4 milioni rispetto ai 156 milioni registrati nel primo trimestre 2020. L'indebitamento finanziario netto adjusted è risultato pari a 1.316 milioni, in diminuzione (123 milioni) rispetto al 31 dicembre 2020 (1.439 milioni). La variazione riflette principalmente il positivo flusso di cassa del periodo (156 milioni), in parte compensato dagli investimenti del periodo (33 milioni).

    Erg ha alzato la guidance al 2021, rivedendo al rialzo di 10 milioni di euro la previsione del margine operativo lordo del 2021, in un intervallo ora compreso tra 490-510 milioni, e la stima degli investimenti di 50 milioni, nell'intervallo ora compreso tra 285-325 milioni al fine di includere la recente acquisizione in Svezia. Anche la stima sull'indebitamento finanziario netto è stata aumentata (+40 milioni) tra i 1.390 e i 1.490 milioni di euro.



  2. #2
    L'avatar di resilience
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    19,557
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2382 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Molto bene i risultati della trimestrale, decisamente superiori alle attese e con guidance rialzate sul 2021. Alzate le guidance per l’anno con Ebitda ora previsto a 490-510€mn. Considerando tuttavia l’andamento del trimestre, Equita ritiene che il gruppo sia oggi più nella parte alta della guidance che nel mid-range.
    Si tratta di indicazioni positive ad avviso di Equita Sim, sia sull’andamento di breve (2021) che sul medio periodo con target in linea con le attese (la società è tradizionalmente molto conservativa sui numeri).



    Erg: trimestrale sopra le attese con guidance rialzate per l'anno (analisti) - FinanzaOnline

  3. #3

  4. #4
    L'avatar di resilience
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    19,557
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2382 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Anche Eni vuole gli asset di Erg - MilanoFinanza.it




    PNRR di Draghi: i titoli su cui puntare: ERG
    TP 30 euro

  5. #5
    L'avatar di maniman2003
    Data Registrazione
    Mar 2003
    Messaggi
    2,423
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    59 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Già, quindi come mai perde quasi il 5%?

  6. #6
    L'avatar di resilience
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    19,557
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2382 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da maniman2003 Visualizza Messaggio
    Già, quindi come mai perde quasi il 5%?
    ** Un trader motiva il ribasso con il cosiddetto "catch up trade", "qualche grosso investitore ha immesso un ordine con volumi elevati per trarre profitto, nonostante i buoni risultati annunciati, e altri si sono accodati. Non c'è stato un errore negli ordini", ha spiegato.

    ** Un grosso broker italiano rileva che i risultati del primo trimestre sono sopra le attese, positivo il miglioramento della guidance, mentre per quanto riguarda gli obiettivi del piano, l'aumento della capacità è in linea con le aspettative.

    In pratica, il principale catalyst sul titolo è rappresentato dal processo di vendita, appena avviato, degli asset idroelettrici e Ccgt che vede l'interesse di numerose utility italiani e straniere e dei fondi di cui in primis ENI

  7. #7
    L'avatar di resilience
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    19,557
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2382 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Erg - Target di piano in linea con le attese. +1500 MW attesi al 2025. Trimestrale sopra le attese con guidance rialzate per l`anno
    14/05/2021 13:32 EQ
    Erg ha comunicato i target al 2025 che sono in linea con le nostre attese. Nell`arco di piano previsto:
    - Un incremento di capacità di 1500 MW (+50%) di cui 400 già in fase di costruzione (vs ns 1600 MW) che manterranno un`alta esposizione regolata attraverso incentivi e PPA (80%). PrevistI un incremento del solare e l`ingresso in Svezia e Spagna
    - Ebitda a circa € 550mn vs € 559mn atteso (consensus € 550mn - source Erg), con una Cagr del +3% annuo che riassorbe completamente 130€mn di expiry degli incentivi (cagr sottostante quindi del +7%). Il target è raggiunto con capacità leggermente inferiore alle ns stime
    - Dividendo confermato a 0.75€ps in arco piano (in linea)
    - Confermata la possibile cessione di Hydro e Ccgt (che per ora sono inclusi nei target)
    Molto bene i risultati della trimestrale, decisamente superiori alle attese e con guidance rialzate sul FY21. Nel trimestre:
    - Ebitda a € 161mn (+3 YoY) vs € 153mn atteso (consensus € 154mn)
    - Utile a €65mn (+22% YoY) vs € 51mn atteso (Consensus €54mn)
    - Debito a €-1316mn vs €-1400 atteso (consensus €-1429)
    Molto forte il contributo dell`Hydro che ha registrato un significativo beneficio sui volumi e sui prezzi di vendita compensando la comparison sfavorevole vs 1Q20 che aveva registrato dei load factor particolarmente alti in Europa sugli assets wind.
    Alzate le guidance per l`anno con Ebitda ora previsto a 490-510€mn ex- IFRS (vs 480-500 precedente) che si confronta con il ns €495mn ex IFRS (€506mn reported). Considerando tuttavia l`andamento del trimestre riteniamo che il gruppo sia oggi piu` nella parte alta della guidance che nel mid-range.
    Si tratta di indicazioni positive a nostro avviso sia sull`andamento di breve (2021) che sul medio periodo con target in linea con le ns attese (la società è tradizionalmente molto conservativa sui numeri). Conference call nel pomeriggio
    BUY con Target Price 28.5

  8. #8
    L'avatar di resilience
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    19,557
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2382 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    ERG - Business Plan

    è in diretta la conference call è iniziata 14:30

  9. #9
    L'avatar di resilience
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    19,557
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2382 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    http://87399.choruscall.eu/erg/erg21...esentation.pdf

    ma di che parliamo titolone da tenere in portafoglio !!!! Grazie Draghi

  10. #10
    L'avatar di resilience
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    19,557
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2382 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    **Erg ha selezionato 'preferred bidders' per vendita asset idroelettrici e Ccgt**
    14/05/2021 16:12
    14 maggio (Reuters) - Erg (ERG.MI), Ceo Paolo Merli in call su risultati:

    * ALLA RICERCA DI OPPORTUNITÀ IN STOCCAGGIO E IDROGENO
    * STA LAVORANDO A VARIE OPERAZIONI M&A, FOCUS SU EUROPA
    * HA SELEZIONATO OFFERENTI PREFERITI PER VENDITA ASSET IDROELETTRICI E CCGT

Accedi