CARIGE. finalmente l assemblea. Per chi vota!
Carrellata bilanci dal colossi di Wall Street: JP Morgan vince prima battaglia contro virata dovish Fed
Il margine di interesse netto di JP Morgan ce la fa, e cresce a dispetto della virata dovish della Federal Reserve: è in questo parametro (sigla NNI: net interest income) …
Umiliazione per l’ex star dei gestori: fine dei giochi per il fondo flagship di Neil Woodford
All'apice della sua storia, il fondo Woodford Equity Income Fund contava asset per un valore superiore a 10 miliardi di sterline. Ora vale appena 3,1 miliardi di sterline, e gli …
Investment Idea di Vontobel: Telecom Italia tenta la riscossa a Piazza Affari
Vontobel ha pubblicato la rubrica Investment Idea con un nuovo approfondimento su Telecom Italia. La maggior tlc italiana presenta un saldo positivo da inizio anno (+9%), inferiore rispetto al Ftse …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di emavia
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    15,464
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    5839 Post(s)
    Potenza rep
    42949684

    CARIGE. finalmente l assemblea. Per chi vota!

    Finalmente si vota!

    È game over... quindi voto no x elimimare il bubbone... che nom costerà nulla o quasi al sistema..qualcuno dice..

  2. #2
    L'avatar di spatrango
    Data Registrazione
    Jan 2004
    Messaggi
    27,335
    Mentioned
    10 Post(s)
    Quoted
    11595 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Io invece voto No perchè le alternative ci sono, da sole oppure in compartecipazione:

    1) Istituzione Bridge bank

    2) Modifica del piano proposto senza azzeramento degli NPL con conseguente perdita colossale preventivata in bilancio

    3) Riduzione dei parametri minimi imposti dalla BCE (come successo a Deutsche Bank che così ha risparmiato ben 2 miliardi di euro di adc)

    4) Riporto dei crediti fiscali in Cet1, come permesso alla Popolare di Bari (da notare che pure Carige ha molte filiali in area1, quella più in crisi e soggetta ad aiuti UE)

    5) Concessione dei Modelli Interni da parte della BCE (con i quali di colpo sparirebbe la necessità dell'adc da 700 milioni).

    6) Ricapitalizzazione stile MPS (con l'intervento dello Stato diventerebbe chiaro questo esproprio collettivo mettendo finalmente in luce l'enorme patrimonio di Carige, la consistenza del tesoretto e l'inutilità della svendita frettolosa e in perdita degli NPL. Da notare che gli azionisti MPS non sono stati azzerati e che la situazione di MPS era molto più critica, tra l'altro MPS ha i famosi modelli interni)

    7) Varie ed eventuali, come il miglioramento dell'offerta per i piccoli azionisti, l'individuazione di altri compratori o il lancio di un'Opa da parte dei Malacalza (piuttosto di perdere 430 milioni presumo che preferiscano lanciare un'opa a prezzo ridotto, magari a 0,0020 ad azione, e preventivando una spesa totale di soli 80 milioni di euro. A quel punto se CCB è veramente interessata rilancerà).

  3. #3
    L'avatar di emavia
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    15,464
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    5839 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da spatrango Visualizza Messaggio
    Io invece voto No perchè le alternative ci sono, da sole oppure in compartecipazione:

    1) Istituzione Bridge bank

    2) Modifica del piano proposto senza azzeramento degli NPL con conseguente perdita colossale preventivata in bilancio

    3) Riduzione dei parametri minimi imposti dalla BCE (come successo a Deutsche Bank che così ha risparmiato ben 2 miliardi di euro di adc)

    4) Riporto dei crediti fiscali in Cet1, come permesso alla Popolare di Bari (da notare che pure Carige ha molte filiali in area1, quella più in crisi e soggetta ad aiuti UE)

    5) Concessione dei Modelli Interni da parte della BCE (con i quali di colpo sparirebbe la necessità dell'adc da 700 milioni).

    6) Ricapitalizzazione stile MPS (con l'intervento dello Stato diventerebbe chiaro questo esproprio collettivo mettendo finalmente in luce l'enorme patrimonio di Carige, la consistenza del tesoretto e l'inutilità della svendita frettolosa e in perdita degli NPL. Da notare che gli azionisti MPS non sono stati azzerati e che la situazione di MPS era molto più critica, tra l'altro MPS ha i famosi modelli interni)

    7) Varie ed eventuali, come il miglioramento dell'offerta per i piccoli azionisti, l'individuazione di altri compratori o il lancio di un'Opa da parte dei Malacalza (piuttosto di perdere 430 milioni presumo che preferiscano lanciare un'opa a prezzo ridotto, magari a 0,0020 ad azione, e preventivando una spesa totale di soli 80 milioni di euro. A quel punto se CCB è veramente interessata rilancerà).
    La mia è 1 cavolata, come 1 cavolata è dire che non avrà impatto sul settore banche italia.


    Conviene a tutti migliorare l.offerta... certo se lo attuano con il regalo di 2 spiccioli.... cho glielo fa fare di migliorare l.offerta?

  4. #4

    Data Registrazione
    Feb 2018
    Messaggi
    5,174
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    3098 Post(s)
    Potenza rep
    42949674
    Citazione Originariamente Scritto da emavia Visualizza Messaggio
    La mia è 1 cavolata, come 1 cavolata è dire che non avrà impatto sul settore banche italia.


    Conviene a tutti migliorare l.offerta... certo se lo attuano con il regalo di 2 spiccioli.... cho glielo fa fare di migliorare l.offerta?
    In ogni caso x quel che dicano che non ha impatti voglio vedere quando passa un NO cosa succede ai conti correnti in carige.
    Il precedente c'è già stato a dicembre 2018 e lo stato ha messo alcuni mld.
    Quindi terrore finanziario prima di mettere la. "Toppa" ci sarà.

  5. #5
    L'avatar di umbisam
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Messaggi
    26,407
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    10419 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Carige - I dettagli dei chiarimenti chiesti dalla Consob in vista dell' assemblea 19/09/2019 13:24 - MKI

    La Consob ha chiesto si commissari di Carige alcuni chiarimenti riguardo gli impatti e le condizioni relative all' operazione di rafforzamento patrimoniale che l' assemblea straordinaria della banca genovese sara' chiamata ad approvare il prossimo 20 aprile.
    La Consob, lo scorso 12 settembre, ha chiesto a Banca Carige di pubblicare alcune informazioni integrative relative all' operazione di rafforzamento patrimoniale che dovra' essere approvata dai soci il prossimo 20 settembre.
    Nel dettaglio i quesiti dell' organo di vigilanza in primo luogo si rivolgono direttamente ai commissari straordinari per chiedere le loro considerazioni congruita' della manovra di rafforzamento patrimoniale anche alla luce dell' andamento della gestione del Gruppo Carige registrato successivamente al 30 giugno 2019.
    Il secondo quesito riguarda la redazione di prospetti pro-forma per valutare l' impatto delle operazioni allo studio. Da una parte l' aumento di capitale e l' emissione delle obbligazioni T2, dall' altra la manovra di de-risking.
    Inoltre la Consob ha chiesto un' analisi dettagliata di eventuali clausole relative agli accordi straordinari con il gruppo Apollo per la vicenda Amissima, con Credito Fondiario per il contratto di servicing e con la Sga per la prestazione di garanzie.
    Infine la Consob ha richiesto le condizioni relative all' impegno del Fidt.

    La congruita' della manovra secondo i commissari

    Tale manovra di rafforzamento patrimoniale, di cui ad oggi si conferma il contenuto, rappresenta elemento fondamentale della valutazione dei commissari in merito all' esistenza del presupposto della continuita' aziendale' .
    Fatta questa premessa in cui si ribadisce l' essenzialita' dell' operazione per la sopravvivenza di Carige, i commissari sottolineano come ' il dimensionamento dell' aumento di capitale e' stato determinato in funzione del ripristino dei requisiti patrimoniali, imposti dall' Autorita' di Vigilanza, tenuto conto anche del piano di de-risking”.
    I commissari confermano la congruita' dell' ammontare anche alla luce degli eventi successivi al 30 giugno.

    Gli impatti patrimoniali dell' aumento di capitale, dell' emissione dei T2 e del de—risking

    L' aumento di liquidita' derivante dall' aumento di capitale sara' di 386,8 milioni tenuto conto che l' aumento complessivo di 700 milioni, verra' sottoscritto per 313,2 milioni mediante compensazione con il credito derivante dalle obbligazioni subordinate denominate ' Banca Carige S.p.A. 2018-2028 Tasso Fisso Tier II' .
    L' effettivo aumento di liquidita' risulta solo pari a 382,9 milioni, tenuto conto di stimati oneri da sostenere per lo stesso in misura pari a circa 3,8 milioni.
    La conversione del citato bond comportera' una riduzione dei Titoli in Circolazione per un ammontare per 313,2 milioni e una riduzione degli interessi passivi maturati nel 1° semestre per 25 milioni con correlato effetto positivo sulla gestione economica e finanziaria.
    L' emissione delle obbligazioni Tier 2 comportera' un aumento dei Titoli in Circolazione per un ammontare di 200 milioni e un incremento degli interessi passivi sul prestito obbligazionario Tier 2 (pari al tasso fisso nominale dell' 8,25%), maturati nel 1° semestre per 8,2 milioni.
    Nella tabella seguente si riportano gli effetti sugli indicatori patrimoniali del rafforzamento patrimoniale.

    CARIGE. finalmente l assemblea. Per chi vota!-19-sett-2019-dati.jpg

    Le clausole che riguardano gli accordi commerciali e transattivi che influenzano il rafforzamento patrimoniale o le conseguenze di quest' ultimo sugli accordi stessi.

    Accordo Amissima. L' accordo tra il gruppo Carige e Apollo in riferimento alla vicenda Amissima non e' in realta' ancora stato sottoscritto in attesa delle decisioni dell' assemblea senza pero' che vi sia un vincolo alla firma legato alla realizzazione dell' operazione. Tale accordo, che ha anche natura transattiva sulle vicende giudiziarie tra i due gruppi, prevede che non vi sia piu' alcuna penale a carico di Carige per il mancato raggiungimento degli obiettivi di vendita di polizze per gli anni 2019 e 2020. Per cui non sono stati accantonati fondi nei conti della semestrale 2019. L' ammontare del fondo relativo ai rischi verso il gruppo Apollo ammonta a 23,6 milioni.

    Accordo Credito Fondiario. Il conto economico del primo semestre 2019 incorpora un accantonamento di 25 milioni, corrispondente all' importo dell' indennizzo indicato nel contratto di servicing stipulato nel maggio 2018 con il Credito Fondiario alla luce della prospettiva che i crediti ora in gestione al medesimo Credito Fondiario vengano ceduti alla Sga.

    Accordo High Risk Exposures. La Sga ha presentato a Banca Carige un' offerta vincolante per la copertura su una porzione di c.d. ' seconde perdite' , junior e mezzanine, derivanti da rettifiche di valore su un portafoglio di crediti in bonis c.d. high risk. L' offerta vincolante ha scadenza sino al 30 settembre 2019. Qualora entro tale data l' assemblea degli azionisti di Banca Carige non approvi l' operazione di aumento di capitale, l' offerta cessera' di avere effetti.
    La sottoscrizione dei tre accordi sopra menzionati nonche' dell' operazione di Derisking, rappresentano una condizione sospensiva rispetto all' obbligo del FITD, dello SVI e di CCB di sottoscrivere ed eseguire l' aumento di capitale.

    Le condizioni relative all' impegno del Fidt.

    Viene precisato che non vi sono condizioni connesse all' impegno assunto dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi di garantire la sottoscrizione della tranche riservata agli attuali azionisti di Banca Carige.

  6. #6

    Data Registrazione
    Mar 2016
    Messaggi
    4,056
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3703 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    La definizione di "tesoretto" fu coniata dal signor Fabio Innocenzi, ex a.d. di Banca Carige, durante l'assemblea del 22.12.2019, dicendo che sarebbe emerso dopo un adc da 400 milioni.
    Successivamente il signor Fabio Innocenzi divenne commissario di Banca Carige, e di tesoretto non parlò più. Da denunciare uno così.

  7. #7

    Data Registrazione
    Mar 2016
    Messaggi
    4,056
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3703 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    E' molto bizzarro che nel biennio 2015-2016 lo Srep Bce nei confronti di Carige era per un Cet1 al 11,25% con 7,3 miliardi di crediti deteriorati e la banca presentava un Cet1 del 12,2% circa.
    Ora andiamo verso una prospettiva 2020-2021, in cui non sappiamo ancora le richieste Srep, ma sappiamo(ce lo dicono i commissari) che avrà un Cet1 del 15% con 0,6 miliardi di crediti deteriorati.
    Per la serie piu ti pulisci e piu ti chiedo capitale.
    Di questo in assemblea se ne parlerà sicuramente, e penso anche nei Tribunali, se ci saranno cause legali.

  8. #8

    Data Registrazione
    Apr 2008
    Messaggi
    4,964
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    3223 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da diegoforever Visualizza Messaggio
    La definizione di "tesoretto" fu coniata dal signor Fabio Innocenzi, ex a.d. di Banca Carige, durante l'assemblea del 22.12.2019, dicendo che sarebbe emerso dopo un adc da 400 milioni.
    Successivamente il signor Fabio Innocenzi divenne commissario di Banca Carige, e di tesoretto non parlò più. Da denunciare uno così.
    deve fare marketing, è come dire che se compri debito di una società fallita a 10 cent hai un capital gain del 90%,ma poi devi risanarla eh.
    Carige in questi 2 anni è morta, ha perso clienti, -50% DI MARGINE, ha un brand patetico, immobili sopravvalutati, prodotti obsoleti, personale in esubero,commissioni in calo, molti npe, ma quale tesoretto?
    l'unica proposta giusta era quella di mincione che, legittimamente, vm ha combattuto e in assemblea ha vinto.
    Ha vinto lui?ora ne paga le conseguenze.

  9. #9

    Data Registrazione
    Apr 2008
    Messaggi
    4,964
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    3223 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da diegoforever Visualizza Messaggio
    E' molto bizzarro che nel biennio 2015-2016 lo Srep Bce nei confronti di Carige era per un Cet1 al 11,25% con 7,3 miliardi di crediti deteriorati e la banca presentava un Cet1 del 12,2% circa.
    Ora andiamo verso una prospettiva 2020-2021, in cui non sappiamo ancora le richieste Srep, ma sappiamo(ce lo dicono i commissari) che avrà un Cet1 del 15% con 0,6 miliardi di crediti deteriorati.
    Per la serie piu ti pulisci e piu ti chiedo capitale.
    Di questo in assemblea se ne parlerà sicuramente, e penso anche nei Tribunali, se ci saranno cause legali.
    si, perchè non fa utili, ma anche con un cet1 del10% non cambia diego, il mercato ti valuta sugli utili, equindi zero

  10. #10

    Data Registrazione
    Mar 2016
    Messaggi
    4,056
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3703 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da autunno Visualizza Messaggio
    deve fare marketing, è come dire che se compri debito di una società fallita a 10 cent hai un capital gain del 90%,ma poi devi risanarla eh.
    Carige in questi 2 anni è morta, ha perso clienti, -50% DI MARGINE, ha un brand patetico, immobili sopravvalutati, prodotti obsoleti, personale in esubero,commissioni in calo, molti npe, ma quale tesoretto?
    l'unica proposta giusta era quella di mincione che, legittimamente, vm ha combattuto e in assemblea ha vinto.
    Ha vinto lui?ora ne paga le conseguenze.
    Panetta di Bankitalia ha detto le stesse cose, un mese dopo, lui non doveva fare marketing
    Panetta: Carige ha punti di forza, partner avrebbe vantaggi - Reuters

Accedi