Da Carl Zeiss al Biotech - Pagina 127
Avviso ai trader: attenzione, la Balena del Nasdaq è tornata. Boom opzioni su questi titoli
La Balena del Nasdaq ci riprova e raddoppia la sua scommessa sui titoli tecnologici: dopo le puntate accumulate entro la metà di agosto nelle grandi Big Tech quotate a Wall …
Netflix da comprare anche per il 2021? Scende entusiasmo sul titolo, ma Jim Cramer lo mette tra i suoi ‘magnifici 7’
Netflix è indubbiamente tra i grandi vincitori in questo 2020 stravolto dalla pandemia che ha indotto milioni di persone a disertare i cinema anche una volta finiti i lockdown. Il …
Conto corrente Enel X Pay: caratteristiche, costi e opzione under 18 del nuovo conto via App
Enel X debutta nel settore dei servizi per i pagamenti digitali e di mobile banking. La società, dopo la recente partnership siglata con SIA, ha presentato il conto corrente online …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1261

    Data Registrazione
    Feb 2005
    Messaggi
    1,607
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    422 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Citazione Originariamente Scritto da P.A.T. Visualizza Messaggio
    Domanda: Si puo' fare l'intervento chirurgico per buttare via gli occhiali a qualsiasi eta' ?
    Ciao PAT,
    per la risposta alla tua domanda esistono le ricerche mediche e poi esiste il buon senso pratico.

    Sotto questo profilo, ed avendo per l'appunto esaminato la questione come potenziale paziente “anziano”, direi che se superi i 40 anni, l’operazione non ha molto senso per un motivo pratico: molto probabilmente sta per arrivare la presbiopia, per cui gli occhiali li devi comunque portare ( è soggettivo, c’è chi inizia prima chi dopo, ma arriva praticamente a tutti perché la presbiopia non è una malattia, è un invecchiamento, ed in genere inizia appunto tra i 40 ed i 50 anni).

    Quanto sopra - da paziente - l'ho dovuto capire "leggendo tra le righe" dei vari oculisti che ho interpellato, perchè nessuno ti dirà mai, "no, non ha senso che io le faccia l'operazione, soprattutto se sopporta bene le lenti a contatto multifocali".

    Entri in un vortice in cui ti dicono di tutto e il contrario di tutto, i più seri si limitano a "col suo occhio possiamo fare tutto, ma sappia che dovrà portare gli occhiali da presbite", qualcun altro ti promette" per molti anni vedrà bene da lontano e da vicino senza nessun occhiale" (che è al limite della stregoneria..), ad altri che ti propongono sottocorrezioni "volute" (cioè cerchi un compromesso, così non vedrai perfettamente né da lontano nè da vicino) alla cosiddetta "blended vision" o monovisione (che io ho simulato con lenti e per il mio gusto è abbastanza una follia).

    Ma la verità è una sola: oltre una certa età, la correzione laser non ha senso, semmai aspetti quando avrai bisogno di sostituire il cristallino per la cataratta ed userai una lente intraoculare. Anche su questo, ho provato ad indagare se avesse senso intervenire prima dell'opacizzazione dl cristallino, ma sempre leggendo tra le righe delle varie risposte mediche, ho capito che no, IMHO, è meglio non farla prima del necessario.

    Per quanto ne so le lenti intraoculari attuali, anche le top di gamma, non sono (erano?) perfette, e così trovi medici oculisti che ti chiedono "ma per lei è più importante leggere/stare al pc o guidare di notte?"

    Ma che azz di domanda è... per me sono entrambe importanti se devo spendere diverse migliaia di Euro per fare una operazione che comunque è più invasiva del laser, col dubbio di non poter poi guidare bene di notte, lascio perdere....

    DISCLAIMER: quanto sopra non ha valenza medica, io non sono medico, alcuni anni fa (non moltissimi) sono stato un potenziale paziente ed esprimo solo una opinione soggettiva, che però mi è costata abbastanza cara (sapete tutti i prezzi delle visite private con gli esami propedeutici all'intervento...), per cui forse potrebbe essere utile se qualcuno sta pensando di intraprendere la stessa strada.


    Per tornare invece in tema, e quindi parlare di investimenti in aziende del biomedicale, a me sembra ormai chiaro che la vera rivoluzione non è tanto la SMILE, per la quale appunto si discute ancora se sia molto meglio della FEMTO-LASIK (confrontarla alla PRK non ha senso...), non è tanto inventare nuovi tipi di lenti, ma sarebbe appunto un LASER che ti cura nello stesso intervento sia miopia sia presbiopia ....(da profano è solo un desiderio, non so neppure se sia tecnicamente possibile), questo si che avrebbe un impatto enorme e l'azione dell'azienda che la propone non potrebbe che averne grande beneficio.....

  2. #1262
    L'avatar di P.A.T.
    Data Registrazione
    May 2001
    Messaggi
    24,416
    Blog Entries
    4
    Mentioned
    30 Post(s)
    Quoted
    8570 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Citazione Originariamente Scritto da Imar Visualizza Messaggio

    Ma che azz di domanda è... per me sono entrambe importanti se devo spendere diverse migliaia di Euro per fare una operazione che comunque è più invasiva del laser, col dubbio di non poter poi guidare bene di notte, lascio perdere....

    .....
    Per guidare bene di notte le lenti Zeiss sono insuperabili.
    In un breve video viene spiegato il motivo

    Autorefraction with the i.Profiler plus

    Come scrivevo tempo addietro la lente viene costruita da Zeiss su indicazioni del computer, non in base dall'intervento umano dello specialista, secondo le prescrizioni di un macchinario che e' nello stesso tempo un aberrometro, un autorefrattometro, un topografo ed un keratometro.

    Il messaggio chiaro è che Zeiss non e' solo laser per operare l'occhio, ma è un'eccellenza assoluta in tutti gli strumenti che produce: microscopi, lenti, binocoli, telescopi, laser chirurgici e se costruisse mazze da baseball sarebbero ottime pure quelle.

    In ogni branca dove si mettono a costruire un prodotto tecnologico si collocano sempre nell'assoluta eccellenza di prima fascia.

    La contropartita e' ovviamente il prezzo, per cui non tutti gli ottici-oculisti-chirurghi-ospedali possono permettersi di comprare macchinari e prodotti Zeiss.

    Soprattutto se questi non lavorano con un bacino di clienti che possa permettere l'ammortamento dei macchinari in tempo utile ad evitare l'obsolescenza tecnologica.

    Leggevo che un analista americano (di cui non posso fare il nome perche' lavora in una grande banca americana ed ho ricevuto il suo "papero" su Carl Zeiss di agosto in forma riservata e confidenziale) sottolineava che il vero passo in avanti di Zeiss sara' quello di poter contare in futuro su un maggior afflusso di ricavi ricorrenti (affitti, leasing, etc.), perche' vendere prodotti con ricavi una tantum - soprattutto se molto costosi, un laser puo' arrivare anche a 500.000 Euro) puo' non essere la migliore politica commerciale.

  3. #1263
    L'avatar di P.A.T.
    Data Registrazione
    May 2001
    Messaggi
    24,416
    Blog Entries
    4
    Mentioned
    30 Post(s)
    Quoted
    8570 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Citazione Originariamente Scritto da Imar Visualizza Messaggio
    alla cosiddetta "blended vision" o monovisione (che io ho simulato con lenti e per il mio gusto è abbastanza una follia).
    ...
    Leggendo i poster, sembra che Dan Ramstein, l'oculista del London Clinic Center e considerato tra i migliori chirurghi oculisti al mondo, stia proprio sperimentando il metodo Zeiss della blended vision. C'e' anche un oculista torinese che sta proponendo questi tipi di interventi, ma siamo davvero in tempi di pionieri.
    Ovviamente non si possono avere risposte premature: lo Smile ha gia' una base di 3 milioni di interventi al mondo, mentre la blended vision pochissimi ...

  4. #1264
    L'avatar di P.A.T.
    Data Registrazione
    May 2001
    Messaggi
    24,416
    Blog Entries
    4
    Mentioned
    30 Post(s)
    Quoted
    8570 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    La lente intraoculare di Carl Zeiss e' la Lucia

    Gamma CT LUCIA: IOL idrofobe di ZEISS - Medical Technology | ZEISS Italia

  5. #1265
    L'avatar di Alexm
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    1,561
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    666 Post(s)
    Potenza rep
    26731312
    Oggi in un report che ricevo periodicamente da J Lamark...trovo quest'azienda indiana piazzata direttamente alla posizione numero 5 del loro investimenro "pharma" e mai apparsa prima .
    Trattasi di Dr. Reddy's Laboratories che avrebbe accordi per condurre le prove finali del vaccino russo contro il Covid-19 Sputnik V in India. Sono previste circa 100 milioni di dosi qualora le prove diano risultati positivi e vengano ottenute le autorizzazioni necessarie..
    Qualcuno ne ha sentito parlare...?

Accedi